South African Broadcasting Corporation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sabc
[[File:. ]]
Data di lancio 1936
Editore Government of South Africa
Sito web http://www.sabc.co.za/
Diffusione
Terrestre
Analogico FM
Streaming web
Internet

La South African Broadcasting Corporation è la radio televisione pubblica del Sudafrica. Essa dispone di 18 stazioni radiofoniche (AM/FM) e di 3 canali televisivi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La SABC è nata nel 1936. Nel 1971 alla SABC è stato consentito di introdurre un servizio televisivo. Inizialmente, la proposta era di due canali televisivi, uno in inglese e afrikaans , volto a un pubblico di bianchi, e un altro, noto come TV Bantu, volti a spettatori neri. Ma quando la televisione è stata introdotta, c'era un solo canale. In comune con la maggior parte dell'Europa occidentale, il Sud Africa usato il PAL per il sistema di televisione a colori. Il Governo, consigliato da alcuni tecnici della SABC, ha ritenuto che la televisione a colori dovrebbe essere disponibile in modo da evitare una costosa transizione dalla televisione bianco e nero alla tecnologia a colori. Inizialmente, il servizio di TV è stata finanziata interamente attraverso un canone come in Gran Bretagna , ma la pubblicità è iniziata nel 1978. Nel 1981, è stato introdotto un secondo canale, per la trasmissione in lingue africane, come Zulu, Xhosa, Sotho e Tswana. Il canale principale, che allora si chiamava TV1, è stato diviso equamente tra inglese e afrikaans. I sottotitoli in TV erano quasi inesistenti, partendo dal presupposto che la gente non aveva voglia di guardare i programmi in lingue che non parlavano. Nel 1986, il monopolio della SABC è stata contestato dal lancio di un servizio su abbonamento conosciuto come M-Net , sostenuto da un consorzio di editori di giornali. Tuttavia, nell'ambito delle sue restrizioni di licenza, non poteva trasmettere programmi di notizie, che erano ancora appannaggio della SABC, anche se M-Net ha iniziato a trasmettere un programma di attualità "Carte Blanche" nel 1988. La SABC è stata accusata di parzialità nei confronti del regime dell'apartheid, dando solo una copertura limitata ai politici dell'opposizione.