de Havilland DH.103 Hornet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
de Havilland DH.103 Hornet
de Havilland Sea Hornet
de Havilland DH.103 F.1 Hornet in volo
de Havilland DH.103 F.1 Hornet in volo
Descrizione
Tipo aereo da caccia
caccia imbarcato
Equipaggio 1
Costruttore de Havilland Aircraft Company
Data primo volo 28 luglio 1944
Data entrata in servizio 1946
Esemplari 383
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 11,18 m (36 ft 8 in)
Apertura alare 13,72 m (45 ft 0 in)
Altezza 4,3 m (14 ft 2 in)
Superficie alare 33,54 (361 ft²)
Peso carico 8 886 kg (19 550 lb)
Peso max al decollo 9 480 kg (20 900 lb)
Propulsione
Motore 2 Rolls-Royce Merlin 130/131
Potenza 2 080 hp (1 551 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 760 km/h a 6 706 m (472 mph a 22 000 ft)
Velocità di salita 20,3 m/s (4 000 ft/min)
Autonomia 4 828 km (3 000 mi)
Tangenza 10 668 m (35 000 ft)
Armamento
Cannoni 4 Hispano Mk. V da 20 mm nel muso
Bombe 2 da 1 000 lb (454 kg) sotto le ali
Missili 8 razzi RP-3 non guidati da 60 lb (27 kg)
Note Dati relativi alla versione F.3

Dati tratti da "Jane’s Fighting Aircraft of World War II" [1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il de Havilland DH.103 Hornet era un bimotore a pistoni da caccia prodotto dall'azienda britannica de Havilland Aircraft Company dalla metà degli anni quaranta.

Ulteriore evoluzione del precedente DH.98 Mosquito, l'Hornet conservava la particolare tecnica costruttiva del suo predecessore, una struttura completamente lignea, e fu l'ultimo velivolo con motore a pistoni progettato per l'uso militare costruito dall'azienda britannica. Entrato in servizio alla fine della seconda guerra mondiale, equipaggiò le unità da caccia diurne del RAF Fighter Command britannico e successivamente fu utilizzato con successo come caccia intercettore nella Malesia britannica.

Dall'Hornet fu sviluppata una versione imbarcata denominata Sea Hornet, destinata alle portaerei della Royal Navy e utilizzata dalla Fleet Air Arm.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il DH.103 Hornet fu progettato su iniziativa privata per proporre un velivolo da combattimento adatto al teatro asiatico della guerra del Pacifico durante le fasi finali della seconda guerra mondiale. A confermare l'interessamento da parte de governo per un simile aereo, nel 1943 l'Air Ministry britannico emise espressamente la specifica F.12/43 per la fornitura di un caccia a lungo raggio.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

Hornet F 1
versione monoposto da caccia a medio raggio dotata di cannoni da 20 mm, predisposta per essere equipaggiata con 2 bombe da 1 000 lb (454 kg) o due serbatoi supplementari da 100 Imp gal (455 L) posizionati sotto le ali; prodotta in 60 esemplari.
Hornet PR 2
Versione da fotoricognizione a lungo raggio non armata prodotta in 5 esemplari.
Hornet F 3
versione da caccia a lungo raggio dotata dei serbatoi combustibile del PR 2 e prodotta in 132 esemplari.
Hornet FR 4
versione da fotoricognizione, dotata di armamento e di un apparecchio fotografico montato verticalmente e prodotta in 12 esemplari.
Sea Hornet F 20
versione imbarcata destinata al servizio sulle portaerei della Royal Navy, prodotta in 79 esemplari.
Sea Hornet NF 21
versione caccia notturno imbarcata in forze alla Fleet Air Arm, motorizzata con i Rolls-Royce Merlin 130/131 e prodotta in 72 esemplari.
Sea Hornet PR 22
Versione imbarcata da fotoricognizione prodotta in 23 esemplari.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Australia Australia
un esemplare utilizzato per valutazioni di volo in ambiente tropicale.
Canada Canada
un Sea Hornet ex-Royal Navy operò per breve tempo nella RCAF per prove di valutazione e gestito assieme ad un Hawker Sea Fury dalla CEPE Canadian Experimental and Proving Establishment, presso la RCAF Namao, Edmonton, Alberta. Quando fu messo a terra fu acquistato dalla Spartan Air Services, rimanendo operativo fino al malfunzionamento di uno dei due motori, quindi demolito negli anni cinquanta.
Regno Unito Regno Unito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bridgman 1946, pag. 114.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Birtles, Philip J. The De Havilland Hornet (Profile Publications No. 174). Leatherhead, Surrey, UK: Profile Publications Ltd., 1967.
  • (EN) Bowman, Martin W. "Sting of the Hornet." Air Classics Vol. 33, no. 6, June 1997.
  • (EN) Bridgman, Leonard, ed. "The D.H. 103 Hornet" Jane’s Fighting Aircraft of World War II. London: Studio, 1946. ISBN 1-85170-493-0.
  • (EN) Brown, Eric (Captain, CBE DSC AFC RN). "Viewed from the Cockpit: Sea Hornet Supreme". Air International Vol 23, No 4, October 1982. pp 192-199.
  • (EN) Buttler, Tony. de Havilland Hornet and Sea Hornet (Warpaint Series no. 19). Hall Park Books, 2000.
  • (EN) Buttler, Tony. "de Havilland Hornet & Sea Hornet" Aeroplane Monthly Vol. 33, No. 6, June 2005.
  • (EN) Caruana, Richard. "The De Havilland Hornet" Scale Aviation Modeller International October 2002, pp.943–951.
  • (EN) Clark, J.H. "Forties Favorites 5 - de Havilland D.H 103". Aeroplane Monthly (Article first appeared in The Aeroplane, 25 January 1946.) Vol. 15, No. 9, September 1987.
  • (EN) Cooper, Lewis G. The Hornet File. Tonbridge, Kent, UK: Air-Britain (Historians) Publications, 1992. ISBN 0-85130-202-5.
  • (EN) Hall, Alan W. "Aircraft In Detail: de Havilland DH.103 Hornet". Scale Aircraft Modelling Vol. 12 No. 8, 8 May 1990.
  • (EN) Jackson, A.J. De Havilland Aircraft since 1909. London:Putnam, Third edition 1987. ISBN 0-85177-802-X.
  • (EN) Mondey, David. British Aircraft of World War II (Hamlyn Concise Guide). London: Bounty Books, 1982. ISBN 0-753714-62-0.
  • (EN) Wixey, Ken. "Ahhhh! Hornet!" FlyPast No. 156, July 1994.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Video[modifica | modifica sorgente]