de Havilland DH.67

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
de Havilland DH.67
Descrizione
Tipo aereo da ricognizione fotografica
Costruttore Regno Unito de Havilland
Data ordine 1926
Esemplari nessuno
Sviluppato dal de Havilland DH.66 Hercules
Altre varianti Gloster Survey
Tavole prospettiche

[senza fonte]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il de Havilland DH.67 era un bimotore biplano da ricognizione fotografica sviluppato dall'azienda britannica de Havilland Aircraft Company nei tardi anni venti e rimasto allo stadio progettuale.

Il progetto venne in seguito ceduto alla Gloster Aircraft Company che lo sviluppò ulteriormente nel Gloster Survey.

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

Nel 1926 la Aircraft Operating Company, che era l'azienda fornitrice ufficiale dell'Ordnance Survey, l'ente incaricato della sorveglianza aerea nei territori d'oltremare britannici, emise una specifica per la fornitura di un velivolo per sostituire gli oramai superati Airco DH.9 convertiti all'uso civile che costituivano la maggior parte della sua flotta. L'azienda si rivolse alla de Havilland la quale progettò un modello, al quale venne assegnata la designazione DH.67, caratterizzato dalla costruzione metallica e dalla velatura biplano basandosi sul bimotore da trasporto DH.66 Hercules riproponendone l'aspetto generale ma con dimensioni più contenute.[1]

In quel periodo però Geoffrey de Havilland, proprietario dell'azienda che portava il suo nome, si ritrovava a dover onorare l'evasione delle commesse precedentemente acquisite e con la linea di produzione che era impegnata nella costruzione del DH.66 Hercules e del DH.60 Moth, per cui decise, nel novembre 1928, di cedere il nuovo progetto alla Gloster. Quest'ultima decise però di apportare delle modifiche al progetto originale adattandolo ai propri metodi di costruzione e ridesignandolo, al termine del suo sviluppo, Gloster AS.31 Survey.[2][3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jackson 1987, p.275.
  2. ^ Jackson 1987, p.276.
  3. ^ James 1971, p.190-191.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985). London: Orbis Publishing, 1985.
  • Jackson, A.J. British Civil Aircraft since 1919, Volume 2. London: Putnam, 1974. ISBN 0-370-10010-7.
  • Jackson, A.J. (1987). De Havilland Aircraft since 1909. London: Putnam. ISBN 0-85177-802-X.
  • James, Derek N. (1971). Gloster Aircraft since 1917. London: Putnam. ISBN 0-370-00084-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]