Commodore PET

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Commodore PET
PET2001.jpg
Un Commodore PET 2001
Classe di computer personal computer
Produttore Commodore
Inizio commercializzazione 1977
Fine commercializzazione 1982
CPU MOS 6502 a 1 MHz
RAM di serie 4 KB
RAM massima 96 KB
SO di serie Microsoft BASIC 1.0~4.0

Il Commodore PET, successivamente Commodore CBM, è stata una famiglia di personal computer a 8 bit della Commodore. Il primo modello commercializzato (primo personal computer della Commodore) è stato il PET 2001 risalente al 1977 e progettato da Chuck Peddle.

Si dice che PET (che in inglese significa piccolo animale domestico) sia l'acronimo di "Personal Electronic Transactor" (tutto-fare elettronico personale). Si trattava del primo computer di massa realizzato su di un blocco monolitico della storia (il primo computer all-in-one è stato lo Sphere 1 nel 1975). Nel case (involucro) erano infatti compresi l'unità centrale (CPU), la tastiera, il monitor ed anche l'unità a nastro (un registratore a cassette) come memoria di massa.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il PET, basato sul processore MOS 6502 a 1 MHz, aveva 4 KB (PET 2001-4) o 8 KB (PET 2001-8) di RAM e 14 KB di ROM, con BASIC e sistema operativo installati su ROM.

Il PET 2001 presentava un elementare interprete BASIC, il Commodore BASIC (progettato dalla Microsoft ed acquistato dalla Commodore) che, unitamente al KERNAL (insieme di routine di I/O) e all'editor dello schermo, costituiva il sistema operativo della macchina. La modalità grafica disponibile era la sola modalità testo, visualizzazione monocromatica. Lo schermo era da 9" in bianco e nero, o da 12" a fosfori verdi o sempre bianco nero.

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

Il PET subì nel corso degli anni diverse evoluzioni. Venne aumentata la memoria disponibile, vennero inseriti su ROM interpreti BASIC sempre migliori (il culmine venne raggiunto con il CBM BASIC 4.0). Si resero disponibili delle unità a disco esterne, tra le quali il Commodore 4040 ed il Commodore 2031.

L'evoluzione riguardò anche il nome: l'acronimo PET venne sostituito con CBM (sigla per Commodore Business Machines), in quanto la Philips rivendicò l'esclusività dell'acronimo PET che aveva utilizzato prima della Commodore.

Fra i modelli più suggestivi vi è senza dubbio il SuperPET, realizzato in collaborazione con l'università di Waterloo. Era dotato di linguaggi di alto livello (quali il Fortran e il Pascal) presenti su ROM. Era inoltre presente un processore ausiliario (il 6809) dedicato proprio all'esecuzione di questi linguaggi evoluti.

L'aggressiva politica commerciale portò nel tempo la casa madre a praticare alcuni espedienti considerati discutibili dagli utenti, come quello di perforare le schede madri di alcuni esemplari, ad esempio di CBM-4016, per impedire l'espansione della memoria RAM.

Gli 8-bit Commodore destinati al settore business raggiunsero la massima evoluzione con i modelli CBM-II, che potevano disporre fino ad 1 MB di memoria, erano dotati del SID ed avevano, oltretutto, un design molto accattivante per il quale venne assegnato un premio.

L'architettura PET originale, potenziata nelle capacità audio/video, e con l'aggiunta di uno slot per cartridge per una semplice distribuzione del software, fornì la base per gli home computer VIC 20 e Commodore 64.

La prima azienda europea che importò nel 1977 il PET 2001 fu la Harden S.p.A. di Sospiro (CR) nella persona del geometra Luigi Bonezzi (Presidente della Harden S.p.A.) a cui faceva da interprete il giovane figlio al tempo di 17 anni, Roberto, che si occupò della diffusione di questo splendido modello e dei successivi a livello nazionale. Da quest'ultimo furono costituiti da zero circa 600 concessionari presenti in tutta Italia (al tempo totalmente inesistenti ), grazie alla intelligente opera di Harden S.p.A. che produsse il software gestionale di cui aveva già grandissima esperienza con mini sistemi della Data General, azienda americana importata nel 1970 in Italia (contabilità generale e semplificata, fatturazione e gestione magazzini ) e la Commodore poté quindi iniziare la sua distribuzione nel resto dell'Europa con una filiale a Londra (Gran Bretagna) e a Francoforte (Germania), stabilendo poi la sede di gestione europea a Basilea (Svizzera).

Elenco dei modelli[modifica | modifica wikitesto]

  • Commodore PET 2001-2K
    • Commodore PET 2001-4K
    • Commodore PET 2001-8K
    • Commodore PET 2001-8C
    • Commodore PET 2001-8C
    • Commodore PET 2001-16K
    • Commodore PET 2001-32K
    • Commodore PET 2001B-8
    • Commodore PET 2001B-16
    • Commodore PET 2001B-32
    • Commodore PET 2001N-8
    • Commodore PET 2001N-16
    • Commodore PET 2001N-16
    • Commodore PET 2001N-32
    • Commodore PET 2001NT
    • Commodore MDS 6500
  • Commodore CBM 3000
    • Commodore CBM 3008
    • Commodore CBM 3016
    • Commodore CBM 3032
  • Commodore CBM 4000
    • Commodore CBM 4004
    • Commodore CBM 4008
    • Commodore CBM 4016
    • Commodore CBM 4032
    • Commodore CBM 4064
  • Commodore CBM 8000
    • Commodore CBM 8008
    • Commodore CBM 8016
    • Commodore CBM 8032
    • Commodore CBM 8032-32 B
    • Commodore CBM 8032 SK
    • Commodore CBM 8096
    • Commodore CBM 8096 SK
    • Commodore CBM 8096d
    • Commodore CBM 8296
    • Commodore CBM 8296d
  • Commodore CBM SP9000
  • Commodore CBM B128-80HP
    • Commodore CBM B128-80LP
    • Commodore CBM B256-80HP.
    • Commodore CBM B256-80LP
    • Commodore CBM B128-40
    • Commodore CBM B256-40
    • Commodore CBM B500
  • Commodore CBM 200
    • Commodore CBM 210
    • Commodore CBM 220
  • Commodore CBM 500
    • Commodore CBM 505
    • Commodore CBM 510
    • Commodore CBM P500
  • Commodore CBM 600
    • Commodore CBM 610
    • Commodore CBM 620
  • Commodore CBM 700
    • Commodore CBM 710
    • Commodore CBM 720
    • Commodore CBM 730

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica