MOS KIM-1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
MOS KIM-1
MOS KIM-1 IMG 4211 cropped scale.jpg
Il MOS KIM-1
Classe di computer microcomputer
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Produttore MOS Technology
Inizio commercializzazione 1975[1]
Prezzo di lancio $250
CPU MOS 6502
Frequenza 1 MHz
FPU non presente
MMU non presente
ROM 2kB
RAM di serie 1152 byte
Tastiera incorporata tastiera esadecimale a 29 tasti
Display incorporato display LED a segmenti

Il MOS KIM-1 ("KIM" è l'acronimo dell'inglese Keyboard Input Monitor) è un microcomputer basato sul microprocessore MOS 6502 progettato e messo in vendita a partire dal 1975 dalla statunitense MOS Technology. In seguito all'acquisizione della società da parte di Commodore International, avvenuta nel 1976, fu rinominato CBM KIM-1.

Tra i primi microcomputer della storia, il MOS KIM-1 ebbe un grande successo in ragione del suo basso prezzo (250 dollari al momento del lancio) e delle ampie possibilità di espansione.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo processore di MOS Technology, il MOS 6501, fu progettato per poter essere inserito nelle schede madri che montavano il Motorola 6800, permettendo agli utenti (come ingegneri e hobbisti) di avere un sistema di sviluppo con hardware già disponibile sul mercato. Questo indusse Motorola ad intraprendere un'azione legale contro MOS Tecnology, costringendola a togliere il MOS 6501 dal mercato. Uscì quindi il MOS 6502 il quale differiva dal precedente per una diversa disposizione dei pin: identico al MOS 6501, aveva quindi lo svantaggio di non poter essere montato in nessuna scheda madre basata sul Motorola 6800. Chuck Peddle, capo del gruppo che lavorava alla MOS Tecnology sulla famiglia di microprocessori MOS 65xx (nonché precedente membro della squadra che in Motorola aveva realizzato il 6800) progettò allora il MOS KIM-1 per soddisfare questo bisogno.

Il MOS KIM-1, destinato originariamente agli ingegneri, trovò invece grande riscontro tra gli hobbisti. Un sistema completo poteva essere costruito con meno di 500 dollari, compreso un terminale e un lettore a cassette. Erano disponibili molti libri contenenti piccoli programmi in assembly. Quando il MOS KIM-1 divenne popolare fu resa disponibile una variante del Tiny BASIC che richiedeva un'espansione RAM di 4 kB. L'interprete si caricava dalla cassetta in circa 15 minuti.

Modelli alternativi[modifica | modifica sorgente]

Nel 1976 Rockwell International (fabbricante del Rockwell 6502), assieme a Synertek, rilasciò il Rockwell AIM 65 che comprendeva una tastiera ASCII, uno display LED di 20 caratteri alfanumerici a 14 segmenti ed una piccola stampante da registratore di cassa. Era fornito di debugger per il codice macchina. Gli utenti potevano acquistare anche la ROM che includeva un assembler e l'interprete Microsoft BASIC.

C'era anche una variante di Synertek, il SYM-1, che era una via di mezzo tra il MOS KIM-1 e il Rockwell AIM 65: aveva lo schermo piccolo del KIM, una piccola tastiera a membrana di 29 tasti (numeri esadecimali e tasti di controllo), le interfacce di espansione dell'AIM e l'RS-232.

Poco tempo dopo l'introduzione del KIM-1 nel mercato, MOS Technology fu acquistata dalla Commodore e molto presto la produzione del KIM-1 fu terminata. Chuck Peddle iniziò a lavorare ad una versione migliorata, con una tastiera QWERTY, lettore di cassette e uno schermo monocromatico, gestito da un nuovo chip grafico. Il firmware nella ROM includeva il BASIC. Il risultato fu il Commodore PET, lanciato nel 1977, uno dei tre computer che apparvero sul mercato in quell'anno: gli altri furono l'Apple II (basato sul 6502) e il TRS-80 (con il chip Zilog Z80).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il MOS KIM-1

Il MOS KIM-1 consisteva in una piastra con tutti i circuiti su una faccia. Includeva i tre circuiti integrati principali, vale a dire il processore 6502 e due chip MOS 6530 contenenti ciascuno 1 kB di ROM, 64 byte di RAM, 2 porte bidirezionali ad 8 bit ed 1 timer. A questi chip si aggiungevano 8 chip di RAM 6102 da 128 byte l'uno (1024x1 bit). MOS Technology vendeva il microcomputer dichiarando la disponibilità di 1 kB di RAM ma in realtà il quantitativo totale era di 1.152 byte, dato dai 1024 byte dei chip 6102 più i 128 byte contenuti nella coppia di 6530. Altra RAM poteva essere aggiunta usando circuiti esterni.

Erano inclusi sei display a LED a 7 segmenti (come quelli delle calcolatrici dell'epoca) e una tastiera a 24 tasti. Molti pin della porzione I/O dei 6530 erano connessi ai due connettori della scheda madre che potevano essere usati come una porta seriale per comandare un terminale o un lettore di nastro perforato. Uno di questi connettori faceva anche da connettore di alimentazione e poteva essere anche collegato ad un registratore a cassette grazie alla presenza di alcune linee analogiche.

Il MOS KIM-1 comprendeva un firmware che veniva caricato all'avvio, chiamato TIM, acronimo di "Terminal Interface Monitor", memorizzato nella ROM contenuta nei 6530. Questo software monitor permetteva di utilizzare il registratore a cassette come unità di memorizzazione, comandare i display LED e gestire la tastiera. Inoltre, essendo il monitor caricato immediatamente all'accensione del computer, permetteva all'utente di poter interagire subito con il KIM-1, senza dover caricare prima un sistema operativo.

Il KIM-1 fu uno dei primi computer a singola scheda, avendo bisogno solamente di un alimentatore esterno per funzionare. Questo fatto, assieme al suo basso costo, lo rese popolare alla fine degli anni '70.

Interfaccia video[modifica | modifica sorgente]

Don Lancaster, l'inventore del TV Typewriter, un semplice terminali collegabile ad un comune televisore domestico, sviluppò il TVT-6, una scheda per poter collegare il KIM-1 ad un TV o ad un monitor. La scheda, composta da 10 integrati, permetteva di gestire fino ad un massimo di 4.000 caratteri: una risoluzione media era di 16 righe da 32 caratteri l'una, 512 caratteri, vista la scarsa memoria a disposizione del KIM-1 (il buffer video era infatti memorizzato sulla RAM del microcomputer).

Il TVT-6 fu presentato sul numero di luglio del 1977 della rivista Popular Electronics[2] mentre il kit completo fu messo in vendita tramite PAiA Electronics per 34,95 US$.

Lancaster migliorò questo progetto presentando sul suo libro The Cheap Video Cookbook una scheda capace di generare immagini a colori e gestire una grafica di base.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dati tecnici del MOS KIM-1, Old-computers.com. URL consultato l'8 aprile 2012.
  2. ^ Don Lancaster, Build the TVT-6: A Low-Cost Direct Video Display in Popular Electronics, vol. 12, nº 1, Ziff-Davis Publishing, luglio 1977, p. 47-52.
  3. ^ Don Lancaster, The Cheap Video Cookbook, Howard W Sams, 1978, ISBN 0-672-21524-1.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica