Epyx

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Epyx
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo azienda privata
Fondazione 1978 a San Francisco, California (USA)
Fondata da Jim Connelley, Jon Freeman
Chiusura 1993
Settore videogiochi

Epyx (in precedenza Automated Simulations) è stata una azienda di sviluppo e pubblicazione di videogiochi, attiva dalla fine degli anni settanta fino all'inizio degli anni novanta.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'azienda è stata fondata da Jim Connelley e Jon Freeman nel 1978 come Automated Simulations; il nome Epyx veniva utilizzato come etichetta per i soli videogiochi d'azione, mentre nel 1983 venne deciso di sostituirlo al nome originale.

Nel corso degli anni, Epyx ha pubblicato molti titoli popolari: il primo titolo di un certo spessore è stato Temple of Apshai, datato 1979; uno dei primi grandi successi Jumpman. Tuttavia Epyx viene particolarmente ricordata per le serie sportive multievento California Games, Winter Games e World Games, oltre che per l'innovativo Impossible Mission. Nel 1986 Epyx conosce il suo momento migliore, ed è dotata di circa 200 impiegati.

Nel 1989 Epyx, dopo una serie di "decisioni errate" deve dichiarare bancarotta[1]; l'azienda tuttavia, nel frattempo ridotta a soli otto impiegati, rimane aperta come sviluppatore (senza pubblicare più autonomamente i suoi titoli); nel 1993 viene chiusa definitivamente, e i diritti venduti ad un'altra azienda.
Quest'ultimi nel 2006 vengono acquistati da System 3, con lo scopo di realizzare nuove versioni dei titoli Epyx per PlayStation Portable, Nintendo DS e Nintendo Wii.

Hardware[modifica | modifica sorgente]

Epyx ha commercializzato anche dell'hardware: fra tutti l'Epyx FastLoad, una espansione per Commodore 64 in grado di aumentare la velocità di caricamento dei videogiochi. Nel 1986 ha cominciato lo sviluppo di una console portatile chiamata "Handy", progetto poi ceduto all'Atari per mancanza di fondi che lo ha portato a termine come Atari Lynx.

Lista di videogiochi prodotti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Interview with Stephn Landrum from The Unofficial Epyx & SummerGames Homepage, with a timeline of Epyx's history

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]