Azzo VI d'Este

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

Azzo VI d'Este, chiamato anche Arco o Azzolino (Ferrara, 1170Verona, novembre 1212), è stato un nobile e condottiero italiano.

Stemma della famiglia d'Este
Il sarcofago che conteneva i resti di Azzo VI d'Este e la moglie Alice di Chatillon sito nella piazza antistante l'Abbazia della Vangadizza a Badia Polesine.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Azzo V primo signore di Ferrara, nel 1196 fu eletto podestà. Il dominio estense su Rovigo fu ufficializzato dal Sacro Romano Imperatore Enrico VI nel 1194, che ne nominò conte Azzo VI.

Fu il capo di tutti i Guelfi della Venezia, e la sua rivalità con Salinguerra Torelli, capo dei Ghibellini di Ferrara, scatenò una guerra sanguinosa, che cominciò nel 1205 con l'assedio del castello della Fratta, che Azzo tolse ai Ghibellini.

Nel 1205 Arco conquistò e rovinò il castello della Fratta, abitato da Salinguerra. Questi domandò soccorso a Ezzelino II da Romano detto il Monaco, e con questa alleanza poté così scacciare il suo rivale. Dopo due vittorie riportate nel 1208 contro Salinguerra ed Ezzelino, fu riconosciuto signore delle due repubbliche, di Ferrara e di Verona e disputò in seguito la suprema autorità in Verona.

Quando venne in Italia Ottone IV, parente di Azzo, pacificò quest'ultimo con Salinguerra, il quale in seguito per ragioni politiche si staccò dall'Estense; quest'ultimo a sua volta entrò subito nella lega di Innocenzo III contro l'imperatore. Nel 1210 il Papa lo nominò con i suoi discendenti marchese della marca di Ancona e i Ferraresi lo elessero loro signore, con la facoltà di nominare il successore.

Nel 1212, per aderire con gli esuli Vicentini, entrò in guerra ancora una volta contro Ezzelino, ma fu sconfitto a Pontalto presso Vicenza. Si rifugiò a Verona ove morì nel mese di novembre del 1212.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Nel 1186 circa gli era stata promessa in sposa Marchesella Adelardi, unica erede della famiglia Adelardi, ma il matrimonio non si celebrò perché costei morì nello stesso anno, senza avere testato[1].

Azzo nel 1189 sposò Sofia Aldobrandini, dalla quale ebbe due figli:[2]

Sposò in seconde nozze Sofia, figlia di Umberto III di Savoia, dalla quale ebbe una figlia:

  • Beatrice (1192-1226)

Sposò in terze nozze nel 1204 Alice, figlia di Rinaldo di Chatillon ex principe consorte di Antiochia,[3] dalla quale ebbe una figlia:

  • Costanza

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Luciano Chiappini, Gli Estensi, pp. 29-30, Varese, 1988.
  2. ^ Luciano Chiappini, Gli Estensi, Tav. IV, Varese, 1988.
  3. ^ Azzo VI d'Este.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • G. Falletti. Genealogia dei principi Estensi. 1581, Francoforte;
  • Facchini Guido Angelo. La storia di Ferrara illustrata nei fatti e nei documenti. Istituto di Cultura Fascista, 1933, Ferrara
  • A. Antolini. Il dominio estense in Ferrara. L'acquisto. 1896, Ferrara.
  • Luciano Chiappini, Gli Estensi, Varese, 1988. ISBN non esistente
Predecessore Podestà di Ferrara Successore
 ? 1196 e 1205-1208  ?
Predecessore Podestà di Padova Successore
 ? 1199  ?
Predecessore Podestà di Verona Successore
 ? 12061207  ?
Predecessore Podestà di Mantova Successore
 ? 12071208 e 1210-1211 Aldobrandino I
Predecessore Marchese di Ferrara Successore
Azzo V 1209-1212 Azzo VII I
Azzo V Marchese d'Este

1209-1212

Aldobrandino I II
Predecessore Marchese di Ancona e Conte di Loreto Successore
 ? 1210  ?