Andrea di Grecia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principe Andrea
Ritratto di Philip Alexius de László del 1913
Ritratto di Philip Alexius de László del 1913
Nascita Atene, Grecia, 2 febbraio 1882
O.S.: 20 gennaio 1882
Morte Monte Carlo, Principato di Monaco, 3 dicembre 1944
Luogo di sepoltura Cimitero Reale, Palazzo di Tatoi, Grecia
Dinastia Casato di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Padre Giorgio I di Grecia
Madre Olga Konstantinovna di Russia
Consorte Principessa Alice di Battemberg
Figli Margherita, Principessa di Hohenlohe-Langenburg
Teodora, Margravina di Baden
Cecilia, Granduchessa Ereditaria d'Assia
Principessa Sofia
Principe Filippo, duca di Edimburgo
Religione greca ortodossa

Principe Andrea di Grecia e Danimarca (Atene, 20 gennaio 1882Monte Carlo, 3 dicembre 1944) del Casato di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg, era il settimo figlio e quarto figlio maschio di Re Giorgio I di Grecia ed Olga Konstantinovna di Russia. Fu un nipote di Cristiano IX di Danimarca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Principe Andrea nacque ad Atene nel 1882. Gli fu insegnata la lingua inglese dai suoi tutori, ma nelle conversazioni con i genitori si rifiutava di parlare lingue diverse dal greco.[1] Parlava anche tedesco, danese, russo e francese.[2]

Cominciò l'addestramento militare in tenera età. Frequentò la scuola per cadetti e la scuola militare ad Atene,[3] e ricevette ulteriori lezioni private in materie militari da Panagiotis Danglis.[4] Nonostante la sua miopia,[5], Andrea si arruolò nell'esercito come ufficiale di cavalleria nel maggio 1901.[6] e fu incaricato in qualità di ufficiale dell'esercito greco. Le sue posizioni di comando furono veri e propri incarichi piuttosto che onorari, e prese servizio nelle guerre balcaniche. Durante la Guerra balcanica (1912), Andrea è stato reintegrato nell'esercito come un tenente colonnello nel 3 ° Reggimento di Cavalleria.

Nel 1913 suo padre fu assassinato e diventò re Costantino, fratello maggiore di Andrea. L'insoddisfazione nella politica di neutralità del fratello durante la prima guerra mondiale portò alla abdicazione di suo fratello, e all'esilio della maggior parte della famiglia reale, tra cui Andrea. Al loro ritorno, qualche anno dopo, Andrea prese servizio nella Guerra greco-turca (1919-1922), ma il conflitto andò male per la Grecia, e Andrea fu accusato, in parte, per la perdita di territorio greco. Fu esiliato per la seconda volta nel 1922, e trascorse la maggior parte del resto della sua vita in Francia.

Dal 1930, si estraniò da sua moglie, la Principessa Alice di Battemberg. Il suo unico figlio maschio, il Principe Filippo, duca di Edimburgo, prestò servizio nella marina britannica durante la seconda guerra mondiale, mentre tutte e quattro le sue figlie femmine erano sposate con reali tedeschi (tre di esse ebbero rapporti con il nazismo). Separato dalla moglie e dal figlio per effetto della guerra, Andrea morì a Monte Carlo nel 1944. Non vedeva nessuno di loro dal 1939.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1902, il Principe Andrea conobbe la Principessa Alice di Battenberg all'incoronazione del suo prozio e marito di sua zia, Re Edoardo VII, a Londra. La Principessa Alice era una figlia di Principe Luigi di Battenberg e di Principessa Vittoria d'Assia e del Reno. I due si innamorarono, e l'anno successivo, il 6 ottobre 1903, Andrea sposò Alice in una cerimonia civile a Darmstadt.[7] Il giorno seguente furono celebrate due cerimonie nuziali religiose: una luterana nella chiesa evangelica del castello, ed un'altra in greca ortodossa nella cappella russa Chapel a Mathildenhöhe.[8]

Il Principe Andrea e la Principessa Alice ebbero cinque figli, ognuno dei quali in seguito ebbe figli propri.

Nome Nascita Morte Note
Principessa Margherita 18 aprile 1905 24 aprile 1981 Sposò nel 1931, Goffredo, Principe di Hohenlohe-Langenburg
Principessa Teodora 30 maggio 1906 16 ottobre 1969 Sposò nel 1931, il Principe Berthold, Margravio di Baden
Principessa Cecilia 22 giugno 1911 16 novembre 1937 Sposò nel 1931, Giorgio Donato, Granduca Ereditario d'Assia
Principessa Sofia 26 giugno 1914 24 novembre 2001 Sposò prima nel 1930, il Principe Cristoforo d'Assia; secondariamente nel 1946, il Principe Giorgio Guglielmo di Hannover
Principe Filippo 10 giugno 1921 Sposò nel 1947, la Principessa Elisabetta, che sarebbe diventata Elisabetta II del Regno Unito

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Andrea di Grecia Padre:
Giorgio I di Grecia
Nonno paterno:
Cristiano IX di Danimarca
Bisnonno paterno:
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Trisnonno paterno:
Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck
Trisnonna paterna:
Federica Amalia di Schlieben
Bisnonna paterna:
Luisa Carolina d'Assia-Kassel
Trisnonno paterno:
Carlo d'Assia-Kassel
Trisnonna paterna:
Luisa di Danimarca
Nonna paterna:
Luisa d'Assia-Kassel
Bisnonno paterno:
Guglielmo d'Assia-Kassel
Trisnonno paterno:
Federico d'Assia-Kassel
Trisnonna paterna:
Caterina Polissena di Nassau-Usingen
Bisnonna paterna:
Luisa Carlotta di Danimarca
Trisnonno paterno:
Cristiano VIII di Danimarca
Trisnonna paterna:
Carlotta Federica di Meclemburgo-Schwerin
Madre:
Ol'ga Konstantinovna Romanova
Nonno materno:
Konstantin Nikolaevič Romanov
Bisnonno materno:
Nicola I di Russia
Trisnonno materno:
Paolo I di Russia
Trisnonna materna:
Sofia Dorotea di Württemberg
Bisnonna materna:
Aleksandra Fёdorovna
Trisnonno materno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Trisnonna materna:
Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Nonna materna:
Alessandra di Sassonia-Altenburg
Bisnonno materno:
Giuseppe di Sassonia-Altenburg
Trisnonno materno:
Federico di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonna materna:
Carlotta Georgina di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna materna:
Amalia di Württemberg
Trisnonno materno:
Ludovico Federico Alessandro di Württemberg
Trisnonna materna:
Enrichetta di Nassau-Weilburg

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 1907
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1907
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 1907

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vickers, p. 309
  2. ^ Brandreth, p. 49
  3. ^ The Times (London), Monday 4 December 1922, p. 17
  4. ^ Heald, p. 18
  5. ^ Brandreth, p. 48
  6. ^ Heald, pp. 18–19
  7. ^ Brandreth, p. 49 and Vickers, p. 52
  8. ^ The Times (London), Thursday 8 October 1903, p. 3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 120602247 LCCN: no/2010/70220

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie