Alessandra di Grecia (1870-1891)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Grecia
Casata di Oldenburg (ramo Glücksburg)
Royal Coat of Arms of Greece.svg

Giorgio I
Costantino I
Alessandro I
Giorgio II
Paolo I
Costantino II
La granduchessa di Russia Alessandra, nata principessa di Grecia

La principessa Alessandra di Grecia, (nome completo Alexandra zu Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg, Prinzessin von Griechenland und Dänemark[1]) (Corfù, 18 agosto 1870Mosca, 18 settembre 1891), nata principessa di Grecia e Danimarca[1], divenne granduchessa di Russia per matrimonio.

Famiglia d'origine[modifica | modifica sorgente]

Alessandra era figlia secondogenita del re Giorgio I di Grecia[1] e della regina Ol'ga Konstantinovna Romanova[1], nata granduchessa di Russia.
Suo padre era figlio secondogenito del re Cristiano IX di Danimarca e della regina Luisa d'Assia-Kassel; mentre la madre era figlia del granduca Konstantin Nikolaevič Romanov, figlio a sua volta dello zar Nicola I di Russia e fratello di Alessandro II di Russia, e della principessa Alessandra di Sassonia-Altenburg.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Alessandra con il marito Pavel

Il 17 giugno 1889[1], a 19 anni, sposò a San Pietroburgo il granduca Pavel Aleksandrovič Romanov, ultimogenito dello zar Alessandro II di Russia e della zarina Marija Aleksandrovna.

Dal matrimonio nacquero due figli:[1]

Morte[modifica | modifica sorgente]

Durante il settimo mese della sua seconda gravidanza, Alessandra fece una passeggiata con i suoi amici sulla riva del fiume Moscova e si gettò direttamente in una barca che era permanentemente ormeggiata lì. Il giorno dopo, accusò dei violenti dolori causati dalla attività del giorno precedente. Alessandra morì ad appena 21 anni, sei giorni dopo aver dato alla luce il figlio Dmitrij a Ilyinskoe proprietà dei Romanov nei pressi di Mosca. La grande duchessa fu sepolto nella Cattedrale di Pietro e Paolo a San Pietroburgo. Suo marito distrutto dal dolore, volle gettarsi nella tomba con lei, ma gli fu impedito. I figli rimasti orfani vennero adottati e cresciuti dagli zii Elizaveta Fëdorovna e Sergej Aleksandrovič Romanov. Nel 1939 quando il nipote di Alessandra, Giorgio II di Grecia regnava, il governo greco ha ottenuto un permesso dal governo sovietico sotto Stalin per riseppellire la Principessa Alessandra in Grecia. Il suo corpo è stato rimosso dalla volta a Leningrado e trasferiti da una nave greca ad Atene. È sepolta nei pressi del Palazzo Tatoi. Un lapide in marmo su una tomba vuota è ancora al suo posto nella Cattedrale di Pietro e Paolo.

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

Alessandra di Grecia Padre:
Giorgio I di Grecia
Nonno paterno:
Cristiano IX di Danimarca
Bisnonno paterno:
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Trisnonno paterno:
Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck
Trisnonna paterna:
Federica Amalia di Schlieben
Bisnonna paterna:
Luisa Carolina d'Assia-Kassel
Trisnonno paterno:
Carlo d'Assia-Kassel
Trisnonna paterna:
Luisa di Danimarca
Nonna paterna:
Luisa d'Assia-Kassel
Bisnonno paterno:
Guglielmo d'Assia-Kassel
Trisnonno paterno:
Federico d'Assia-Kassel
Trisnonna paterna:
Caterina Polissena di Nassau-Usingen
Bisnonna paterna:
Luisa Carlotta di Danimarca
Trisnonno paterno:
Cristiano VIII di Danimarca
Trisnonna paterna:
Carlotta Federica di Meclemburgo-Schwerin
Madre:
Ol'ga Konstantinovna Romanova
Nonno materno:
Konstantin Nikolaevič Romanov
Bisnonno materno:
Nicola I di Russia
Trisnonno materno:
Paolo I di Russia
Trisnonna materna:
Sofia Dorotea di Württemberg
Bisnonna materna:
Aleksandra Fёdorovna
Trisnonno materno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Trisnonna materna:
Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Nonna materna:
Alessandra di Sassonia-Altenburg
Bisnonno materno:
Giuseppe di Sassonia-Altenburg
Trisnonno materno:
Federico di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonna materna:
Carlotta Georgina di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna materna:
Amalia di Württemberg
Trisnonno materno:
Ludovico Federico Alessandro di Württemberg
Trisnonna materna:
Enrichetta di Nassau-Weilburg

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Darryl Lundy, Genealogia della principessa Alessandra di Grecia, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 2 febbraio 2011.