Vincenzo Manzella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vincenzo Manzella
vescovo della Chiesa cattolica
Vincenzo-manzella.jpg
S.E. Mons. Vincenzo Manzella celebra una S. Messa nella Cattedrale di Caltagirone
Coat of arms of Vincenzo Manzella.svg
Visitare oves meas et pascere
 
TitoloCefalù
Incarichi attualiVescovo emerito di Cefalù (dal 2018)
Incarichi ricoperti
 
Nato16 novembre 1942 (76 anni) a Casteldaccia
Ordinato presbitero1º luglio 1967
Nominato vescovo30 aprile 1991 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo29 giugno 1991 dal cardinale Salvatore Pappalardo
 

Vincenzo Manzella (Casteldaccia, 16 novembre 1942) è un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricevuto la propria formazione teologica presso il seminario dell'arcidiocesi di Palermo; indi ha conseguito una specializzazione in Teologia pastorale oltre alla laurea in diritto canonico presso la Pontificia Università Lateranense; ha completato la propria formazione accademica conseguendo la laurea in Sacra Teologia presso la Pontificia Università San Tommaso d'Aquino meglio nota come Angelicum in Roma. È stato ordinato sacerdote il 1º luglio 1967.

Incarichi ricoperti[modifica | modifica wikitesto]

È stato segretario particolare del cardinale Francesco Carpino (1968-1970) e successivamente del cardinale Salvatore Pappalardo, entrambi arcivescovi di Palermo.

Tra il 1978 ed il 1986 è stato arciprete parroco della parrocchia matrice di Termini Imerese; dal gennaio 1986 ha ricoperto l'ufficio di rettore del seminario arcivescovile di Palermo. Per anni ha poi ricoperto l'incarico di difensore del vincolo del Tribunale Ecclesiastico Regionale. È stato, dal novembre 1986, presidente dell'Istituto diocesano per il sostentamento del clero.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

È stato eletto vescovo di Caltagirone il 30 aprile 1991.

Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 29 giugno 1991 dal cardinale Salvatore Pappalardo, arcivescovo metropolita di Palermo, coconsacranti gli arcivescovi Vittorio Luigi Mondello, suo predecessore a Caltagirone, e Giuseppe Costanzo, arcivescovo metropolita di Siracusa; ha preso possesso della diocesi il successivo 21 luglio.[1]

Il 17 settembre 2009 è stato trasferito alla diocesi di Cefalù, di cui ha preso possesso il successivo 14 novembre.[2]

Dal 19 gennaio 2016 al 21 settembre 2017 è stato vicepresidente della Conferenza Episcopale Siciliana;[3] è delegato per le problematiche sociali, del lavoro, della giustizia, della pace e per la salvaguardia del Creato.

È stato inoltre:

  • membro della Commissione episcopale per il Tribunale Ecclesiastico Regionale;
  • delegato della Conferenza Episcopale Siciliana per il sostegno economico alla Chiesa e per i beni culturali e l'edilizia di culto;
  • moderatore dell'Istituto Teologico San Paolo di Catania;
  • membro della Conferenza Episcopale Italiana per la pastorale del tempo libero, turismo e sport.

Il 16 febbraio 2018 papa Francesco ha accolto la sua rinuncia al governo pastorale della diocesi per raggiunti limiti di età; gli è succeduto Giuseppe Marciante.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ XXV Anniversario Consacrazione Episcopale del nostro vescovo Vincenzo .. l'insediamento a Caltagirone., su chiesadicefalu.it. URL consultato il 1º luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2016).
  2. ^ XXV Anniversario Consacrazione Episcopale del nostro Vescovo Vincenzo … ricordando la sua venuta tra noi …, su chiesadicefalu.it. URL consultato il 1º luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2016).
  3. ^ Conferenza Episcopale Siciliana, MONS. SALVATORE GRISTINA NUOVO PRESIDENTE DELLA CONFERENZA EPISCOPALE SICILIANA, 19 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]