Martino Mira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Martino Mira
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Cefalù (1607-1619)
 
Nato1562 a Vicari
Nominato vescovo29 gennaio 1607 da papa Paolo V
Consacrato vescovo4 febbraio 1607 dal cardinale Roberto Bellarmino, S.J.
Deceduto15 agosto 1619 (57 anni)
 

Martino Mira (Vicari, 156215 agosto 1619) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Vicari, nell'arcidiocesi di Palermo, arcidiocesi di cui fu anche vicario generale.[1]

Presentato dal re Filippo II nella sua qualità di re di Sicilia,[1] il 29 gennaio 1607 papa Paolo V lo nominò vescovo di Cefalù; ricevette l'ordinazione episcopale nella Cappella Sistina a Roma il 4 febbraio seguente dal cardinale Roberto Bellarmino.

Nel 1618 celebrò il terzo sinodo diocesano, i cui atti furono stampati nel 1619.[1]

Morì il 15 agosto 1619; fu sepolto nella cattedrale di Cefalù.[1]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Giuseppe Misuraca (a cura di), Serie dei vescovi di Cefalù con dati cronologici e cenni biografici, Roma, Tipografia Italo-orientale «S. Nilo», 1960, pp. 46-47.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David M. Cheney, Martino Mira, in Catholic Hierarchy. Modifica su Wikidata