Southeast Asia Treaty Organization

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
South East Asia Treaty Organization
Flag of SEATO.svg
Bandiera della SEATO
CongressBuilding SEATO.jpg
AbbreviazioneSEATO
TipoOIG
alleanza militare
Fondazione8 settembre 1954
Scioglimento30 giugno 1977
Sede centraleThailandia Bangkok
Area di azionesud-est asiatico
MembriAustralia,
Filippine,
Francia,
Nuova Zelanda,
Pakistan (incluso l'attuale Bangladesh)[si riferisce al Pakistan orientale?],
Regno Unito,
Stati Uniti d'America,
Thailandia
Map of SEATO member countries - de.svg
Il presidente delle Filippine Ferdinand Marcos presiede una riunione del SEATO nel 1966.

La Southeast Asia Treaty Organization (SEATO) era un'organizzazione di difesa per il sud-est asiatico nata con il trattato di Manila del 1954, e sottoscritta da Francia, Australia, Filippine, Nuova Zelanda, Pakistan, Regno Unito, Stati Uniti d'America e Thailandia, per fronteggiare la pressione politica e militare dei paesi comunisti dell'Asia, anche se la mancata adesione di nazioni quali l'India e l'Indonesia ne ha limitato di molto l'efficacia. I suoi limiti furono evidenti soprattutto durante la Guerra del Vietnam; nel 1965 la Francia fu la prima a ritirarsi, seguita, solo nel 1972, dal Pakistan. A seguito, oltre che di questi avvenimenti, anche delle posizioni individuali prese dai suoi membri, venne disciolta il 30 giugno 1977.

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Buszynski, Leszek. SEATO: The Failure of an Alliance Strategy. Singapore: Singapore University Press, 1983.
  • Michael Haas, The Asian Way to Peace: A Story of Regional Cooperation, Praeger, 1989, ISBN 0-275-93216-8.
  • (DE) Kai Dreisbach, USA und ASEAN. Amerikanische Aussenpolitik und regionale Kooperation in Südostasien vom Vietnamkrieg bis zur Asienkrise, Wissenschaftlicher Verlag, 2004, ISBN 3-88476-656-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN124937650 · ISNI (EN0000 0001 2151 2070 · LCCN (ENn50055997 · WorldCat Identities (ENlccn-n50055997