Coordinate: 26°14′05.3″S 27°58′56.56″E

Soccer City Stadium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Soccer City Stadium
First National Bank Stadium (1989-)
Il Soccer City durante la partita dei Mondiali di calcio del 2010 tra Uruguay e Ghana.
Informazioni generali
StatoBandiera del Sudafrica Sudafrica
UbicazioneStadium Ave., Nasrec, Johannesburg 2147, ZA
Inizio lavori1989
Inaugurazione1989
Ristrutturazione2009
Proprietariomunicipalità di Johannesburg
ProgettoBoogertman e Populous
Prog. strutturaleSchlaich Bergermann Partner
Informazioni tecniche
Posti a sedere94 736
Coperturatotale
Mat. del terrenotappeto erboso
Dim. del terreno105 × 68 m
Uso e beneficiari
CalcioKaizer Chiefs
Mappa di localizzazione
Map

Soccer City Stadium (in afrikaans Sokkerstad) è un impianto sportivo multifunzione sudafricano che si trova a Soweto, sobborgo di Johannesburg. Costruito nel 1987 e inaugurato nel 1989, fu ristrutturato nel 2009 in vista del campionato mondiale di calcio 2010 e ampliato a una capienza di 94736 posti, la maggiore d'Africa[1], anche se la FIFA ne ammise solo un massimo di 84490 riservandone circa 10000 per stampa e ospiti speciali[1][2].

L'impianto ospita gli incontri interni di calcio del Kaizer Chiefs e sovente della nazionale sudafricana; talora ospita anche gli Springbok, nome con cui è nota la nazionale di rugby. Ha il soprannome di Calabash, tipica pentola africana[3][4].

Si tratta dello stadio dove Nelson Mandela tenne, nel 1990, il suo primo discorso dopo la liberazione dalla prigionia[5] e fece la sua ultima apparizione pubblica durante la cerimonia di chiusura dei Mondiali di calcio del 2010[6] e in cui nel 1993 si tennero i funerali di Chris Hani, attivista anti-apartheid ucciso da un oppositore politico[7]. Fu anche lo stadio dove il 10 dicembre 2013 si tenne la commemorazione del citato Mandela in sua morte[8].

A seguito di accordo di naming con l'istituto di credito sudafricano First National Bank, lo stadio è noto anche con il nome di First National Bank Stadium o FNB Stadium.

Lo stadio, sin dalla sua fondazione, porta il nome di FNB Stadium, in virtù del contratto di sponsorizzazione con la First National Bank[9][10][11]. Durante il campionato mondiale di calcio 2010 assunse il nome di Soccer City, poiché la FIFA non consente la sponsorizzazione nei nomi degli stadi all'interno dei suoi tornei[12].

Lo stadio fu sottoposto ad una profonda ristrutturazione per poter ospitare i Mondiali di calcio. I lavori furono eseguiti da Grinaker-LTA, facente parte di Aveng Group, assieme ad Interbeton bv, appartenente all'olandese Royal BAM Group[13], e furono ultimati il 21 ottobre 2009.[14] Il progetto fu realizzato da HOK Sport (rinominato Populous nel gennaio 2009) e da Boogertman & Partners. Tra le modifiche apportate vi sono l'estensione dell'anello superiore per aumentarne la capienza, la creazione di novantanove nuove stanze, un tetto avvolgente e nuovi spogliatoi e riflettori[7]. Lo stadio ammodernato mantiene in parte la struttura originaria della gradinata ovest superiore, anche se di fatto è stata ricostruita per migliorare la visibilità[4]. L'intera struttura è sostenuta da 1350 pilastri di fondazione ed il tetto poggia su dodici pilastri rettangolari e sedici colonne circolari[4].

I costi del processo di ristrutturazione dello stadio, completato nel 2009, sono stati di 3,3 miliardi ZAR, equivalenti a circa 440 milioni di dollari.[15]

La facciata esterna dello stadio è stata progettata appositamente per apparire come una pentola africana: i pannelli di rivestimento sulla parte esterna compongono un mosaico di colori caldi, con un anello di luci che percorrono il fondo della struttura, simulando nell'insieme un fuoco che riscalda la "pentola". La distanza massima tra gli spettatori ed il terreno di gioco è di 100 metri e non ci sono barriere visive[16].

Alcuni posti a sedere all'interno dello stadio, inoltre, formano dieci strisce verticali nere, di cui nove sono allineate in direzione degli altri nove stadi in cui si è disputato il Mondiale sudafricano, mentre la decima è rivolta verso l'Olympiastadion di Berlino, dove si è giocata la finale dell'edizione precedente[17].

Principali tornei ospitati

[modifica | modifica wikitesto]

Coppa delle Nazioni Africane 1996

[modifica | modifica wikitesto]

Il FNB Stadium venne impiegato come stadio principale di questo torneo, dato che ospitò la gara inaugurale, altre cinque partite della fase a gironi, un quarto di finale, una semifinale, la finale per il terzo posto e la finale per il primo posto.

Data Squadra #1 Ris. Squadra #2 Fase del torneo Spettatori
13 gennaio 1996 Bandiera del Sudafrica Sudafrica 3–0 Bandiera del Camerun Camerun Girone A (gara inaugurale) 80.000
15 gennaio 1996 Bandiera dell'Egitto Egitto 2–1 Bandiera dell'Angola Angola Girone A 6.000
18 gennaio 1996 Bandiera del Camerun Camerun 2–1 Bandiera dell'Egitto Egitto Girone A 4.000
20 gennaio 1996 Bandiera del Sudafrica Sudafrica 1–0 Bandiera dell'Angola Angola Girone A 30.000
24 gennaio 1996 Bandiera del Sudafrica Sudafrica 0–1 Bandiera dell'Egitto Egitto Girone A 20.000
25 gennaio 1996 Bandiera dello Zaire Zaire 2–0 Bandiera della Liberia Liberia Girone C 3.000
27 gennaio 1996 Bandiera del Sudafrica Sudafrica 2–1 Bandiera dell'Algeria Algeria Quarti di finale 80.000
31 gennaio 1996 Bandiera del Sudafrica Sudafrica 3–0 Bandiera del Ghana Ghana Semifinali 80.000
3 febbraio 1996 Bandiera del Ghana Ghana 0–1 Bandiera dello Zambia Zambia Finale 3º posto 80.000
3 febbraio 1996 Bandiera del Sudafrica Sudafrica 2–0 Bandiera della Tunisia Tunisia Finale 80.000

Coppa del mondo FIFA 2010

[modifica | modifica wikitesto]
Vista interna dello stadio durante la partita inaugurale dei Mondiali di calcio del 2010 tra Sudafrica e Messico

In questo stadio si sono disputati la gara inaugurale, altre quattro partite della fase a gironi, un ottavo di finale, un quarto di finale e la finale.

Data Ora (CET) Squadra #1 Ris. Squadra #2 Fase del torneo Spettatori
11 giugno 2010 16:00 Bandiera del Sudafrica Sudafrica 1-1 Bandiera del Messico Messico Girone A (gara inaugurale) 84.490
17 giugno 2010 13:30 Bandiera dell'Argentina Argentina 4-1 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud Girone B 82.174
23 giugno 2010 20:30 Bandiera del Ghana Ghana 0-1 Bandiera della Germania Germania Girone D 83.391
14 giugno 2010 13:30 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi 2-0 Bandiera della Danimarca Danimarca Girone E 83.465
20 giugno 2010 20:30 Bandiera del Brasile Brasile 3-1 Bandiera della Costa d'Avorio Costa d'Avorio Girone G 84.455
27 giugno 2010 20:30 Bandiera dell'Argentina Argentina 3-1 Bandiera del Messico Messico Ottavi di finale 84.377
2 luglio 2010 20:30 Bandiera dell'Uruguay Uruguay (1-1) 4-2 d.c.r. Bandiera del Ghana Ghana Quarti di finale 84.017
11 luglio 2010 20:30 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi 0-1 d.t.s. Bandiera della Spagna Spagna Finale 84.490

Coppa delle Nazioni Africane 2013

[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 lo stadio ha ospitato alcune partite della Coppa d'Africa assegnata al Sudafrica: la gara inaugurale, una partita della fase a gironi e la finale.

Data Ora (CET) Squadra #1 Ris. Squadra #2 Fase del torneo Spettatori
19 gennaio 2013 18:00 Bandiera del Sudafrica Sudafrica 0-0 Bandiera di Capo Verde Capo Verde Girone A (gara inaugurale) 50.000
19 gennaio 2013 21:00 Bandiera dell'Angola Angola 0-0 Bandiera del Marocco Marocco Girone A 25.000
10 febbraio 2013 20:30 Bandiera della Nigeria Nigeria 1-0 Bandiera del Burkina Faso Burkina Faso Finale 85.000

Il FNB Stadium è stato utilizzato dalla Nazionale di calcio del Sudafrica sia per amichevoli sia per partite di qualificazione. Ha inoltre ospitato alcuni incontri internazionali tra club calcistici, tra cui la finale d'andata della Coppa dei Campioni d'Africa 1995 tra Orlando Pirates e ASEC Abidjan, la Supercoppa CAF per 2 volte (nel 1994 tra Zamalek ed Al-Ahly e nel 1996 tra Orlando Pirates e JS Kabylie) e la finale di Vodacom Challenge del 2004 tra AS Vita Club e Kaizer Chiefs.

A livello locale, lo stadio è la sede degli incontri casalinghi del Kaizer Chiefs Football Club ed è stato l'impianto principale del Telkom Charity Cup dal 1990 al 2006 e nel 2010. Nell'impianto sportivo si è disputata, inoltre, la finale della Nedbank Cup del 2010 tra Bidvest Wits ed AmaZulu.

Nel FNB Stadium si tengono anche incontri di rugby a 15: la prima partita di questo sport nell'impianto è stata la sfida del Tri Nations 2010 tra Sudafrica e Nuova Zelanda, che ha registrato una presenza di 94.713 spettatori.[18]

  1. ^ a b (EN) FNB Stadium/Soccer city, su joburg.org.za, City of Johannesburg. URL consultato il 15 marzo 2022 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2021).
  2. ^ (EN) Soccer City Stadium, su fifa.com, FIFA, 28 maggio 2010. URL consultato il 5 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2010).
  3. ^ (EN) The African Pot Takes Shape, su archicentral.com. URL consultato il 5 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2010).
  4. ^ a b c La progettazione strutturale del Soccer City Stadium, su constructalia.com, Constructalia. URL consultato il 5 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2014).
  5. ^ Sette cose da sapere sui mondiali in Sudafrica, in il Post, 28 maggio 2010. URL consultato il 28 maggio 2010.
  6. ^ (EN) Nelson Mandela, South Africa's anti-apartheid icon, dies aged 95", The Telegraph, 10 dicembre 2013. URL consultato il 5 aprile 2014.
  7. ^ a b (EN) Soccer City Stadium, su fifa.com, FIFA, 15 giugno 2010. URL consultato il 5 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2010).
  8. ^ Mandela: stadio Soweto si riempie, in Ansa, 10 dicembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2013).
  9. ^ (EN) Soccer City to remain FNB stadium, Times Live, 11 agosto 2010. URL consultato il 6 aprile 2014.
  10. ^ (EN) FNB Stadium, not Soccer City!, Sport24, 22 novembre 2012. URL consultato il 6 aprile 2014.
  11. ^ (EN) Court hears FNB Stadium naming rights appeal, Mail & Guardian, 23 novembre 2010. URL consultato il 6 aprile 2014.
  12. ^ (EN) Stadium chief to keep Soccer City, BBC Sport, 2 dicembre 2010. URL consultato il 6 aprile 2014.
  13. ^ (EN) 2010 lead stadium work begins, su southafrica.info, 18 gennaio 2007. URL consultato il 5 aprile 2014.
  14. ^ (EN) Soccer City is ready for play, su joburg.org.za, 23 ottobre 2009. URL consultato il 5 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2010).
  15. ^ FNB Stadium (Soccer City) – StadiumDB.com, su stadiumdb.com. URL consultato il 6 dicembre 2022.
  16. ^ (EN) World Cup: One year to go, BBC News, 11 giugno 2009. URL consultato il 5 aprile 2014.
  17. ^ (EN) Take a seat at Soccer City, su shine2010.co.za. URL consultato il 5 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2010).
  18. ^ (EN) MATCH BREAKDOWN - South Africa vs New Zealand, su sarugby.co.za, SA Rugby. URL consultato il 5 aprile 2014.

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sede della finale della Coppa d'Africa Successore
Stade El Menzah 1996 Stade du-4-Août