Free State Stadium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Free State Stadium
Toyota Stadium
Vodacom Park
Free State Stadium1.jpg
Vista esterna dello stadio
Informazioni
StatoSudafrica Sudafrica
UbicazioneAtt Horak Avenue, ZA-9320 Bloemfontein
Inizio lavori1952
Inaugurazione1955
StrutturaRettangolare con due lati aperti alle estremità della tribuna principale
CoperturaTotale
Ristrutturazione1995, 2009
Mat. del terrenotappeto erboso
Dim. del terreno100 × 70 m
Area totale220 000 m²
Proprietariomunicipalità metropolitana di Mangaung
GestoreFree State Rugby Union
Uso e beneficiari
Rugby a 15F.S. Cheetahs
Cheetahs
CalcioBloemfontein Celtic
Capienza
Posti a sedere45 158
Mappa di localizzazione

Coordinate: 29°07′02″S 26°12′32″E / 29.117222°S 26.208889°E-29.117222; 26.208889

Free State Stadium (in afrikaans Vrystaatstadion) è un impianto sportivo polivalente — benché prevalentemente destinato al rugby a 15 — di Bloemfontein, capitale giudiziaria del Sudafrica e capoluogo della provincia dello Stato libero. Inaugurato nel 1955, l'impianto, capace di più di 45000 posti, è di proprietà della municipalità metropolitana di Mangaung, di cui Bloemfontein è parte, ed è gestito dalla Free State Rugby Union, il sottocomitato provinciale della South Africa Rugby Union che ha giurisdizione sulla franchise professionistica dei Cheetahs, una delle due rappresentanti sudafricane in Pro14, e sulla formazione dei Free State, che milita in Currie Cup.

A livello internazionale ospitò incontri di due campionati mondiali, quello di rugby nel 1995 e di calcio nel 2010; ancora, in ambito calcistico, fu sede di un girone e di un quarto di finale della Coppa d'Africa 1996 e della semifinale della Confederations Cup 2009.

Oltre al rugby di club, ospita anche saltuariamente gli incontri calcistici del Bloemfontein Celtic.

L'impianto è chiamato anche Toyota Stadium in seguito a un accordo di sponsorizzazione tra la F.S. Rugby Union e la casa automobilistica giapponese Toyota.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio fu iniziato nel 1952 e le cronache dell'epoca narrano che le fasi di costruzione furono rallentate da numerosi scioperi nel settore edile[1]. Inaugurato nel 1955, nacque come velodromo e stadio d'atletica e di rugby[2] con una capacità di 12000 spettatori, e in tale periodo ospitò anche incontri internazionali di rugby tra il Sudafrica e i visitatori in tour, inclusi i British and Irish Lions nel 1980.

Nel 1995 fu sottoposto a una profonda ristrutturazione con soppressione delle piste d'atletica e di ciclismo e ampliamento a 35000 posti[2]; in tale veste ospitò la Coppa del Mondo di rugby 1995 come sede di tre incontri della fase a gironi e, in uno di questi, registrò il punteggio con il maggior scarto della storia della competizione, un 145-17 della Nuova Zelanda al Giappone[3], al 2020 tuttora l'incontro di Coppa del Mondo con il maggior numero di punti segnati[4].

Poco meno di un anno più tardi fu una delle quattro sedi che ospitarono la Coppa d'Africa 1996 di calcio, nel frangente ospitando gli incontri di un girone e uno dei successivi quarti di finale, quello tra Egitto e Zambia.

Nel decennio successivo, ancora, fu designato quale sede di alcune delle gare del mondiale di calcio 2010 affidato al Sudafrica, in occasione del quale affrontò una ristrutturazione, con installazione di tabelloni segnapunti elettronici e ampliamento a più di 40000 posti a sedere, terminata in tempo per la Confederations Cup 2009 della quale ospitò due incontri di prima fase e la semifinale tra Spagna e Stati Uniti[5]; durante la rassegna mondiale fu, tra gli altri incontri, sede dell'ottavo di finale tra Germania e Inghilterra che vide i primi vincere 4-1 con l'arbitro uruguaiano Jorge Larrionda protagonista di un grossolano errore, la mancata convalida di un goal inglese (che avrebbe portato le squadre sul 2-2) nonostante la palla avesse oltrepassato di circa mezzo metro la linea di porta tedesca[6].

Lo stadio, passato dall'amministrazione comunale di Bloemfontein a quella della municipalità metropolitana di Mangaung, è gestito con un contratto di servizio a lungo termine dalla Free State Rugby Union[2], cui afferiscono la franchise professionistica dei Cheetahs che militava nel Super Rugby e, dal 2017, nel Pro14, e la formazione provinciale dello Stato libero, i F.S. Cheetahs, militante in Currie Cup.

Il Free State Stadium ha ospitato per lungo tempo, e saltuariamente continua a ospitarli anche dopo il trasferimento al Petrus Molemela Stadium, gli incontri interni della formazione calcistica del Bloemfontein Celtic che milita in prima divisione nazionale.

Da febbraio 2016, in occasione degli incontri rugbistici dei Cheetahs e dei Free State Cheetahs, lo stadio si presenta con il nome commerciale di Toyota Stadium dopo un accordo con la casa automobilistica giapponese Toyota, già nel triennio precedente sponsor di entrambe le formazioni[7]; in precedenza ebbe anche il nome commerciale di Vodacom Park, dal nome dell'operatore telefonico sudafricano Vodacom, società sussidiaria della britannica Vodafone.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto è di forma rettangolare con tutti i settori coperti; sorge su un'area che comprende anche strutture di atletica leggera[1], tennis, cricket e nuoto[1] dalla superficie complessiva di circa 220000 [8]; come detto, all'inizio era provvisto di pista d'atletica e di ciclismo, poi rimosse.

Dotato di 45158 posti[8], ha un campo in loglio naturale[8] e, per gli incontri in notturna, l'impianto di illuminazione garantisce un'intensità luminosa di 2000 lux[8].

Incontri internazionali di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Bloemfontein
27 gennaio 1996
Coppa d'Africa 1996, quarti di finale
Zambia Zambia3 – 1Egitto EgittoFree State Stadium (8500 spett.)
Arbitro: Uganda Charles Masembe

Bloemfontein
24 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Confederations Cup 2009, semifinale
Spagna Spagna0 – 2
referto
Stati Uniti Stati UnitiFree State Stadium (35369 spett.)
Arbitro: Uruguay Jorge Larrionda

Bloemfontein
27 giugno 2010, ore 16 UTC+2
Campionato mondiale 2010, ottavi di finale
Germania Germania4 – 1
referto
Inghilterra InghilterraFree State Stadium (40510 spett.)
Arbitro: Uruguay Jorge Larrionda

Rugby a 15[modifica | modifica wikitesto]

Bloemfontein
4 giugno 1995, ore 15 UTC+2
Coppa del Mondo 1995, girone C
Giappone Giappone17 – 145
referto
Nuova Zelanda Nuova ZelandaFree State Stadium (25 000 spett.)
Arbitro: Canada George Gadjovich

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Nick Bidwell, Free State Stadium, in ESPN, 10 novembre 2009. URL consultato il 29 maggio 2020.
  2. ^ a b c (EN) Stadium History, su fscheetahs.co.za, Free State Cheetahs. URL consultato il 30 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2020).
  3. ^ (EN) John Kennedy, Culhane leads assault on record books, in The Independent, 5 giugno 1995. URL consultato il 30 maggio 2020.
  4. ^ (EN) What Is the Highest Ever Score in A Rugby World Cup Match?, in Rugby World, 12 ottobre 2019. URL consultato il 30 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2020).
  5. ^ (EN) Saj Chowdhury, Spain 0-2 United States, in BBC, 25 giugno 2009. URL consultato il 30 maggio 2020.
  6. ^ Phil McNutty, Germany 4-1 England, in BBC, 27 giugno 2010. URL consultato il 30 maggio 2020.
  7. ^ (EN) New name for Free State Stadium, in Sport24, Città del Capo, 22 febbraio 2016. URL consultato il 30 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2016).
  8. ^ a b c d (EN) Stadium Facts, su fscheetahs.co.za, Free State Cheetahs. URL consultato il 30 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2020).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]