Scheggino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scheggino
comune
Scheggino – Stemma
Scheggino – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Umbria-Stemma.svg Umbria
ProvinciaProvincia di Perugia-Stemma.png Perugia
Amministrazione
SindacoPaola Agabiti in Urbani (lista civica di centro-destra) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate42°43′N 12°50′E / 42.716667°N 12.833333°E42.716667; 12.833333 (Scheggino)Coordinate: 42°43′N 12°50′E / 42.716667°N 12.833333°E42.716667; 12.833333 (Scheggino)
Altitudine282 m s.l.m.
Superficie35,85 km²
Abitanti484[1] (31-12-2010)
Densità13,5 ab./km²
FrazioniCeselli, Civitella, Collefabbri, Monte San Vito, Nevi, Pontuglia, San Valentino, Schioppo
Comuni confinantiFerentillo (TR), Monteleone di Spoleto, Sant'Anatolia di Narco, Spoleto
Altre informazioni
Cod. postale06040
Prefisso0743
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT054047
Cod. catastaleI523
TargaPG
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantischegginesi
Patronosan Nicola
Giorno festivo6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Scheggino
Scheggino
Scheggino – Mappa
Posizione del comune di Scheggino all'interno della provincia di Perugia
Sito istituzionale

Scheggino è un comune di 488 abitanti della provincia di Perugia ubicato in prossimità del fiume Nera.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Paese di origine medievale con resti di mura e di un torrione semidiroccato della stessa epoca. Sempre di epoca medievale è la Chiesa di San Nicola, ampiamente ristrutturata nella prima metà del XVI secolo. L'edificio contiene affreschi che si ispirano alle forme di Giovanni Di Pietro. Presenta un certo interesse anche la chiesa di Santa Felicita (XII secolo). Nel corso del terzo decennio del Cinquecento Scheggino fu cinta d'assedio da Picozzo Brancaleoni che tuttavia non riuscì ad impossessarsi del borgo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Nella notte tra il nove e il dieci dicembre si celebra la Festa della Venuta accendendo grandi falò[3].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Sant'Anatolia di Narco-Scheggino e Ferrovia Spoleto-Norcia.

Dal 1926 al 1968 Scheggino (insieme al comune di Sant'Anatolia di Narco) fu servita (tramite l'omonima stazione) dalla ferrovia Spoleto-Norcia, una linea a scartamento ridotto che collegava Spoleto con Norcia, che rimase in esercizio dal 1º novembre 1926 al 31 luglio 1968, quando fu soppressa. Le tracce della ferrovia sono quasi tutte conservate, il sedime è stato convertito in una pista ciclabile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ La Venuta in Umbria Archiviato il 27 dicembre 2014 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN245407069
Umbria Portale Umbria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Umbria