Poggiodomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Poggiodomo
comune
Poggiodomo – Stemma Poggiodomo – Bandiera
Poggiodomo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Umbria-Stemma.svg Umbria
ProvinciaProvincia di Perugia-Stemma.png Perugia
Amministrazione
SindacoEgildo Spada (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate42°43′N 12°56′E / 42.716667°N 12.933333°E42.716667; 12.933333 (Poggiodomo)Coordinate: 42°43′N 12°56′E / 42.716667°N 12.933333°E42.716667; 12.933333 (Poggiodomo)
Altitudine974 m s.l.m.
Superficie40,09 km²
Abitanti106[1] (30-06-2017)
Densità2,64 ab./km²
FrazioniMucciafora, Roccatamburo, Usigni
Comuni confinantiCascia, Cerreto di Spoleto, Monteleone di Spoleto, Norcia, Preci, Sant'Anatolia di Narco, Scheggino, Vallo di Nera
Altre informazioni
Cod. postale06040
Prefisso0743
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT054042
Cod. catastaleG758
TargaPG
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantipojani
PatronoSant'Antonio di Padova, San Pietro, San Carlo Borromeo
Giorno festivoUltima settimana di agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Poggiodomo
Poggiodomo
Poggiodomo – Mappa
Posizione del comune di Poggiodomo all'interno della provincia di Perugia
Sito istituzionale

Poggiodomo è un comune italiano di 106 abitanti della provincia di Perugia.

Uno dei più piccoli comuni d'Italia (il più piccolo di tutta l'Umbria per numero di abitanti), si trova a 974 metri s.l.m. circondato dalle verdeggianti terre della Valnerina, nell'alta valle del torrente Tissino.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina è immersa in luoghi in cui la natura domina incontrastata; proprio per questa sua posizione isolata Poggiodomo è stata da sempre luogo di rifugio per monaci, eremiti, fuoriusciti del ghibellinismo medievale e partigiani, che nel corso della seconda guerra mondiale vi fondarono le brigate più operative. Nata nel XIII-XIV secolo attorno ad un castello situato su di uno sperone di roccia, Poggiodomo entrò ben presto a far parte del Ducato di Spoleto. Dopo l'anno 1000 essa appartenne alle città di Leonessa, Cascia e Spoleto. Come tutti i castelli circostanti, anche il castello di Poggiodomo fu coinvolto dalle vicende che colpirono le città di Cascia e di Spoleto. Divenuta Comune nel 1809 durante l'occupazione Napoleonica col distacco dei suoi territori da Cascia, Poggiodomo riuscì a mantenere il proprio assetto politico anche dopo la restaurazione pontificia e, nel 1860, entrò a fra parte dello Stato italiano.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Nella frazione di Roccatamburo sorge l'Eremo della Madonna della Stella la cui fondazione risale all'VIII secolo [3].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
8 giugno 2009 in carica Egildo Spada lista civica Sindaco

Enti associati[modifica | modifica wikitesto]

  • Comunità Montana Valnerina
  • Regione Agraria n. 4 - Montagna del Corno

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 09-08-2013.
  3. ^ Associazione Comuni della Valnerina http://www.lavalnerina.it/dett_luogo.php?id_item=63

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Umbria Portale Umbria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Umbria
Controllo di autoritàVIAF: (EN245427479