Sant'Angelo Muxaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Angelo Muxaro
comune
Sant'Angelo Muxaro – Stemma
Sant'Angelo Muxaro – Veduta
Panorama di Sant'Angelo Muxaro
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Agrigento-Stemma.png Agrigento
Amministrazione
Sindaco Lorenzo Alfano (lista civica) dal 10-6-2013
Territorio
Coordinate 37°28′51″N 13°32′47″E / 37.480833°N 13.546389°E37.480833; 13.546389 (Sant'Angelo Muxaro)Coordinate: 37°28′51″N 13°32′47″E / 37.480833°N 13.546389°E37.480833; 13.546389 (Sant'Angelo Muxaro)
Altitudine 335 m s.l.m.
Superficie 64,52 km²
Abitanti 1 395[1] (31-12-2014)
Densità 21,62 ab./km²
Comuni confinanti Agrigento, Alessandria della Rocca, Aragona, Casteltermini, Cattolica Eraclea, Cianciana, Raffadali, San Biagio Platani, Santa Elisabetta
Altre informazioni
Cod. postale 92020
Prefisso 0922
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 084039
Cod. catastale I290
Targa AG
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti santangelesi
Patrono sant'Angelo da Gerusalemme
Giorno festivo 5 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Angelo Muxaro
Sant'Angelo Muxaro
Sant'Angelo Muxaro – Mappa
Posizione del comune di Sant'Angelo Muxaro nella provincia di Agrigento
Sito istituzionale

Sant'Angelo Muxaro (Sant'Àngilu Musciaru in siciliano) è un comune italiano di 1 395 abitanti[1] della provincia di Agrigento in Sicilia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

È un piccolo centro abitato del comprensorio provinciale agrigentino, e si erge su una collina a 335 metri sul livello del mare, lungo la riva sinistra del fiume Platani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di questo paese rimangono indefinite. Un importante villaggio di età del ferro sorse nei pressi intorno al XIII secolo a.C. da popolazioni indigene, identificate con i Sicani. Tale villaggio costituisce in archeologia un valido fossile guida cronologico per la produzione locale dalla crisi della prima società autoctona (XIII secolo a.C.) al rapporto con i primi coloni greci durante la grande stagione delle apoikiai nel corso dell'VIII-VII secolo a.C., tale da costituire per determinati autori una facies a sé stante[2].

Nel 1511 venne costruito il centro abitato. Attorno al 1506 fu favorita la colonizzazione di profughi albanesi, che caratterizzò per diversi anni la vita del paese, emigrati in queste terre a seguito dell'invasione turca dei Balcani sul finire del XV secolo.

Nel 1600, la baronia venne acquisita dai Principi di Castelvetrano, D'Aragona e Tagliavia e infine passò sotto la giurisdizione del Pignatelli, Duchi di Monteleone, che la conservarono sino al 1812, quando in Sicilia la feudalità venne soppressa.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 luglio 1985 28 maggio 1990 Ignazio Alessi Democrazia Cristiana Sindaco [4]
28 maggio 1990 15 aprile 1992 Marcantonio Spoto Democrazia Cristiana Sindaco [4]
15 aprile 1992 10 febbraio 1994 Giuseppe Alfano Democrazia Cristiana Sindaco [4]
28 giugno 1994 25 maggio 1998 Giuseppe Tirrito Partito Democratico della Sinistra Sindaco [4]
25 maggio 1998 27 maggio 2003 Giuseppe Tirrito sinistra Sindaco [4]
27 maggio 2003 17 giugno 2008 Giuseppe Aurelio Leto centro-destra Sindaco [4]
17 giugno 2008 11 giugno 2013 Giuseppe Aurelio Leto lista civica Sindaco [4]
11 giugno 2013 in carica Lorenzo Alfano Sindaco [4]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Sant'Angelo Muxaro fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.3 (Colline del Platani)[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  2. ^ Cfr. per esempio Vincenzo La Rosa, «Le popolazioni della Sicilia: Sicani, Siculi, Elimi», in AA. VV., Italia, Libri Scheiwiller Milano 1989, pp. 40 e sgg.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/
  5. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008, gurs.regione.sicilia.it. URL consultato l'08-07-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN136140656 · LCCN: (ENn87899067 · GND: (DE4479433-2
Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia