Revival Tour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Revival Tour
Tour di Selena Gomez
Album Revival
Inizio Stati Uniti Las Vegas
6 maggio 2016
Fine Nuova Zelanda Auckland
13 agosto 2016
Tappe 3
Spettacoli
Cronologia dei tour di Selena Gomez
Stars Dance Tour
(2013-2014)
Revival Tour Logo.png

Il Revival Tour[1] è stato il secondo tour mondiale della cantautrice statunitense Selena Gomez come solista, senza i The Scene, a supporto del suo secondo album in studio, Revival (2015).

Il tour è iniziato a Las Vegas il 6 maggio 2016[2] ed è terminato a Auckland il 13 agosto dello stesso anno, per un totale di 55 spettacoli.

Annuncio e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º ottobre 2015, Selena Gomez ha annunciato il Revival Tour con un post su Instagram. Nel video pubblicato diceva:

«Ragazzi, ho un fantastico annuncio da farvi: sto lanciando il mio Revival World Tour. Sarò negli Stati Uniti e in Canada da maggio a luglio e più avanti, durante l'anno, andrò all'estero.»

La cantante ha inoltre specificato che sarebbe stato disponibile per i suoi concerti il pacchetto con ingresso anticipato. In un'intervista rilasciata a Entertainment Weekly, la Gomez ha dichiarato:

«Sono pronta a tornare in pista e vedere i miei fan di persona! Questo album segna un nuovo ed importante capitolo della mia vita. Non vedo l'ora di salire sul palco ed esibirmi con questo nuovo materiale.[3]»

Il 22 gennaio 2016, Selena Gomez ha aggiunto la data di Anaheim, dove Charlie Puth si esibirà all'apertura del concerto.
Il 23 febbraio 2016, Selena Gomez ha rivelato via Snapchat che i DNCE si sarebbero esibiti all'apertura di gran parte dei concerti in Nord America.[4]
Il 14 marzo 2016, Tyler Shaw ha annunciato che avrebbe aperto i concerti di Selena Gomez nelle date di Vancouver, Winnipeg e Ottawa.


Il 15 marzo 2016 è stato annunciato che Selena Gomez sarà al Quebec City Summer Festival, che avrà luogo l'11 luglio 2016.


Durante il mese di aprile, sono stati aggiunti al tour 7 date in Asia,[5][6] 3 in Messico[7] e 21 in Europa.[8]


Il 12 aprile 2016, il gruppo BΔHΔRI ha annunciato che avrebbe aperto uno dei concerti di Selena Gomez in Nord America.[9]
Il 20 aprile 2016, è stato annunciato che Bea Miller avrebbe aperto i concerti di Selena Gomez durante parte del tour in Nord America.[10]
Il 1º maggio 2016, i BΔHΔRI hanno annunciato su Twitter che si sarebbero esibiti come artisti di apertura del tour tra le date di Austin e Los Angeles.


Il 3 maggio 2016, è stata resa disponibile la linea ufficiale di prodotti del tour dal sito ufficiale della Gomez.
Il 24 maggio 2016, Selena Gomez ha annunciato che si sarebbe esibita in tour in Oceania per la prima volta.[11]

Nel mese di agosto, tuttavia, la Gomez ha dovuto annullare le due leg successive del tour, a causa del lupus, malattia da cui è affetta, che l'ha costretta a prendersi una pausa.

L' 8 Luglio 2016 a Los Angeles venne cantata per la prima volta We Don't Talk Anymore (Charlie Puth) dopo l'esibizione di Feel Me di Selena Gomez

Scaletta delle canzoni[modifica | modifica wikitesto]

La cantante ha annunciato che la scaletta non sarà uguale per ogni concerto e che in questo nuovo tour ha molta più libertà nel decidere con quali canzoni esibirsi serata per serata.
Questa è la scaletta rappresentativa dello show del 14 maggio 2016 a Vancouver, Columbia Britannica:

  1. Revival
  2. Same Old Love
  3. Come & Get It
  4. Sober
  5. Good for You
  6. Survivors
  7. Slow Down
  8. Love You Like a Love Song
  9. Hands to Myself
  10. Who Says
  11. Transfiguration (Hillsong Worship cover)
  12. Nobody
  13. Feel Me (nuovo brano)
  14. Me & My Girls
  15. Me & the Rhythm
  16. Body Heat
  17. Sweet Dreams (Are Made of This) (Eurythmics cover)
  18. Kill Em with Kindness
  19. I Want You to Know
  20. Revival (Remix)

Date[modifica | modifica wikitesto]

Data Città Paese Luogo Artista di apertura Biglietti disponibili / Biglietti venduti Incasso
Nord America
6 maggio 2016 Las Vegas Stati Uniti Stati Uniti Mandalay Bay Events Center DNCE
Bea Miller
9,061 / 9,173 $596,878
8 maggio 2016 Fresno Save Mart Center 9,987 / 10,141 $560,576
10 maggio 2016 Sacramento Sleep Train Arena N.D.
11 maggio 2016 San Jose SAP Center
13 maggio 2016 Seattle KeyArena
14 maggio 2016 Vancouver Canada Canada Rogers Arena Bea Miller
Tyler Shaw
16 maggio 2016 Edmonton Rexall Place DNCE
Bea Miller
17 maggio 2016 Calgary Scotiabank Saddledome
19 maggio 2016 Saskatoon SaskTel Centre
20 maggio 2016 Winnipeg MTS Centre Bea Miller
Tyler Shaw
22 maggio 2016 Ottawa Canadian Tire Centre
23 maggio 2016 London Budweiser Gardens DNCE
Bea Miller
8,548 / 8,635 $473,569
25 maggio 2016 Toronto Air Canada Centre 13,448 / 13,448 $941,528
26 maggio 2016 Montréal Bell Centre N.D.
28 maggio 2016 Boston Stati Uniti Stati Uniti TD Garden
29 maggio 2016 Uncasville Mohegan Sun Arena 7,139 / 7,139 $465,290
1º giugno 2016 Brooklyn Barclays Center 12,582 / 12,970 $901,432
2 giugno 2016 Newark Prudential Center N.D.
4 giugno 2016 Washington Verizon Center 11,121 / 12,822 $706,939
5 giugno 2016 Cincinnati U.S. Bank Arena N.D.
7 giugno 2016 Charlotte Time Warner Cable Arena
9 giugno 2016 Atlanta Philips Arena 8,850 / 9,106 $508,645
10 giugno 2016 Orlando Amway Center 9,389 / 9,600
11 giugno 2016 Miami American Airlines Arena N.D. N.D.
14 giugno 2016 New Orleans Smoothie King Center 9,062 / 9,062 $612,718
15 giugno 2016 Houston Toyota Center N.D. N.D.
17 giugno 2016 Austin Frank Erwin Center DNCE
Bahari
11,707 / 12,293 $599,609
18 giugno 2016 Dallas American Airlines Center 14,006 / 14,203 $1,006,170
19 giugno 2016 Tulsa BOK Center 7,687 / 8,000 $568,235
21 giugno 2016 Nashville Bridgestone Arena 15,017 / 15,763 $812,266
22 giugno 2016 Louisville KFC Yum! Center
24 giugno 2016 Auburn Hills The Palace of Auburn Hills
25 giugno 2016 Chicago United Center
26 giugno 2016 St. Louis Scottrade Center 7,681 / 8,000 $451,923
28 giugno 2016 St. Paul Xcel Energy Center
29 giugno 2016 Milwaukee Marcus Amphitheater
1º luglio 2016 Kansas City Sprint Center
2 luglio 2016 Denver Pepsi Center
5 luglio 2016 Phoenix Talking Stick Resort Arena 11,077 / 11,452 $532,030
6 luglio 2016 San Diego Valley View Casino Center N.D. N.D.
8 luglio 2016 Los Angeles Staples Center 13,942 / 13,942 $1,008,804
9 luglio 2016 Anaheim Honda Center Bea Miller
Charlie Puth
11,176 / 11,435 $809,533
11 luglio 2016 Quebec City Canada Canada Plains of Abraham N.D. N.D. N.D.
Asia
23 luglio 2016 Jakarta Indonesia Indonesia Indonesia Convention Exhibition N.D. N.D. N.D.
25 luglio 2016 Shah Alam Malaysia Malaysia Malawati Indoor Stadium
27 luglio 2016 Singapore Singapore Singapore Singapore Indoor Stadium
29 luglio 2016 Bangkok Thailandia Thailandia IMPACT Arena Jai Waetford
31 luglio 2016 Manila Filippine Filippine Mall of Asia Arena Darren Espanto
2 agosto 2016 Tokyo Giappone Giappone Tokyo International Forum DNCE
3 agosto 2016
Oceania
6 agosto 2016 Melbourne Australia Australia Margaret Court Arena DNCE 10,285 / 10,822 $709,848
7 agosto 2016
9 agosto 2016 Sydney Hordern Pavilion 9,493 / 9,493 $643,068
11 agosto 2016 Brisbane Brisbane Entertainment Centre 5,026 / 5,026 $371,792
13 agosto 2016 Auckland Nuova Zelanda Nuova Zelanda Vector Arena N.D. N.D.
Totale 209,187 / 222,535 (91.1%) $34,233,298

Esibizioni cancellate[modifica | modifica wikitesto]

Data Città Paese Luogo Ragioni
6 agosto 2016 Guangzhou Cina Cina Guangzhou Sports Arena Non sono state annunciate le ragioni ufficiali:
è possibile che gli show siano stati bloccati per il supporto offerto a Dalai Lama.[12]
8 agosto 2016 Shanghai Mercedes-Benz Arena
Nord America
3 settembre 2016 Paradise Canada Canada Paradise Park Amphitheater Malattia
4 settembre 2016 Moncton Moncton Stadium
Europa
10 ottobre 2016 Helsinki Finlandia Finlandia Hartwall-areena Malattia
12 ottobre 2016 Stoccolma Svezia Svezia Ericsson Globe
13 ottobre 2016 Oslo Norvegia Norvegia Oslo Spektrum
15 ottobre 2016 Copenaghen Danimarca Danimarca Forum Copenhagen
17 ottobre 2016 Colonia Germania Germania Lanxess Arena
18 ottobre 2016 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi Ziggo Dome
19 ottobre 2016 Parigi Francia Francia AccorHotels Arena
22 ottobre 2016 Esch-sur-Alzette Lussemburgo Lussemburgo Rockhal
24 ottobre 2016 Praga Rep. Ceca Repubblica Ceca O2
26 ottobre 2016 Milano Italia Italia Mediolanum Forum
28 ottobre 2016 Monaco di Baviera Germania Germania Olympiahalle
29 ottobre 2016 Zurigo Svizzera Svizzera Hallenstadion
31 ottobre 2016 Francoforte Germania Germania Festhalle
1º novembre 2016 Anversa Belgio Belgio Sportpaleis
3 novembre 2016 Manchester Regno Unito Regno Unito Manchester Arena
4 novembre 2016 Londra The O2 Arena
6 novembre 2016 Birmingham Genting Arena
8 novembre 2016 Dublino Irlanda Irlanda 3Arena
10 novembre 2016 Glasgow Regno Unito Regno Unito The SSE Hydro
14 novembre 2016 Madrid Spagna Spagna Barclaycard Center
16 novembre 2016 Lisbona Portogallo Portogallo MEO Arena
Nord America
14 dicembre 2016 Città del Messico Messico Messico Mexico City Arena Malattia
16 dicembre 2016 Monterrey Monterrey Arena
18 dicembre 2016 Guadalajara Telmex Auditorium

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Revival Tour Dates, su selenagomez.com. URL consultato il 12 dicembre 2015.
  2. ^ (EN) Selena Gomez Announces Revival Tour Dates, Billboard, 5 ottobre 2015.
  3. ^ Selena Gomez announces Revival tour, su Entertainment Weekly, 5 ottobre 2015.
  4. ^ Selena Gomez's Revival Tour Just Turned Into an Even Bigger Party With the Addition of DNCE, su E! Online, 23 febbraio 2016.
  5. ^ Selena Gomez to perform in Singapore in July, su channelnewsasia.com, 4 aprile 2016.
  6. ^ Selena Gomez coming to Manila in July, su cnnphilippines.com, 5 aprile 2016.
  7. ^ Selena Gomez ofrecerá conciertos en México, su eluniversal.com.mx, 21 aprile 2016.
  8. ^ Selena Gomez announces European tour dates for 2016, su m.themalaymailonline.com, 25 aprile 2016.
  9. ^ BAHARI JOINING SELENA GOMEZ’ “REVIVAL TOUR”, su headlineplanet.com, 13 aprile 2016.
  10. ^ Bea Miller Nabs Opening Slot on Selena Gomez Revival Tour, su Billboard, 20 aprile 2016.
  11. ^ Selena Gomez is bringing her Revival Tour to Australia!, su nova100.com.au, 25 maggio 2016.
  12. ^ Selena Gomez banned from performing in China, su cw39.com, 26 aprile 2016.
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica