Programma protezione principesse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Programma protezione principesse
Programma protezione principesse.png
Titolo originalePrincess Protection Program
PaeseStati Uniti d'America
Anno2009
Formatofilm TV
Generecommedia
Durata90 min
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
RegiaAllison Liddi
SoggettoAnnie DeYoung, David Morgasen
SceneggiaturaAnnie DeYoung
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
FotografiaDavid A. Makin
MontaggioMark Conte
MusicheJohn Van Tongeren
ScenografiaBill Eigenbrodt
ProduttoreDanielle Weinstock
Produttore esecutivoDouglas Sloan
Casa di produzioneDisney Channel
Prima visione
Prima TV originale
Data20 maggio 2009 (in Francia)
Rete televisivaDisney Channel
Prima TV in italiano
Data8 giugno 2009
Rete televisivaDisney Channel

PPP - Programma protezione principesse (PPP - Princess Protection Program) è un film del 2009 diretto da Allison Liddi, con Demi Lovato, Selena Gomez e Robert Adamson.

È una produzione televisiva targata Disney, trasmessa negli USA il 26 giugno 2009 e in Italia l'8 giugno 2009 (Pay TV) e il 26 settembre 2009 (Free TV). Il titolo del film è un riferimento al noto programma di protezione dei testimoni dell'FBI.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In una piccola isola, si avvicina la festa per l'incoronazione della principessa Rosalinda Maria Montoya Fiore, ma durante la feste, ella viene minacciata da un malefico dittatore che vuole prendere il suo posto come regnante. Un'agenzia che veglia su tutte le principesse del mondo ha affidato la principessa ad un agente di nome Mason, che la dovrà proteggere nella sua casa. Mason ha anche una figlia, Carter, che dovrà condividere le sue abitudini con la principessa, anche se inizialmente le due faranno fatica a tollerarsi.

Rosalinda, rinominata in seguito Rosie, sarà costretta a cambiare indumenti e capigliatura per apparire meno regale, venendo presentata come la nuova cugina di Carter. Rosie dovrà affrontare tutti i problemi di una normale ragazza, dalla scuola al lavoro, fronteggiando anche le ragazze più popolari della scuola, pronte a metterla in cattiva luce. Ad aggravare la situazione c'è il ballo di fine anno: tutte le ragazze sono attratte dal titolo di reginetta, vengono nominate Carter e la ragazza più popolare della scuola, che è invidiosa di Carter e vuole vincere assolutamente.

Mentre Carter aiuta Rosie a comportarsi da ragazza normale, Rosie contraccambia aiutando Carter a comportarsi e a sentirsi come una principessa, per vincere il titolo di reginetta, così le due diventano grandi amiche. Comprano dei vestiti perfetti per il ballo, ma delle ragazze rovinano questi abiti. Rosie legge su una rivista che sua madre è stata arrestata e vuole tornare nel suo paese. Il padre di Carter cerca di avvertirla che quella era una trappola per attirarla sull'isola, ma Rosie non l'ascolta. Così Carter la convince a rimanere fino al ballo, successivamente chiama il sarto di corte di Rosie, per fargli inviare dei nuovi vestiti, e per tendere un agguato al dittatore. Il sarto riferisce il dittatore della telefonata, dicendo che durante il ballo la principessa avrebbe indossato un vestito azzurro e una maschera. Così il dittatore parte per andare anche lui al ballo, e rapisce la ragazza descritta dal sarto, che spontaneamente sale sull'elicottero insieme al malvagio. Lì si trova il padre di Carter con alcuni suoi colleghi del Programma Protezione Principesse. La ragazza si toglie la maschera, ma sotto di essa non c'è Rosie, ma Carter. Il dittatore viene arrestato e Carter viene nominata reginetta.

Qualche tempo dopo, Rosie torna sull'isola accompagnata da Carter e viene incoronata principessa.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Parte della colonna sonora del film sono il duetto tra Demi e Selena dal titolo "One And The Same", e una traccia dell'album d'esordio di Demi, Don't Forget, intitolata "Two Worlds Collide" che Demi stessa ha originariamente scritto per Selena. Il video musicale "One And The Same" è presente nel DVD del film.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]