Merk & Kremont

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Merk & Kremont
Merk & Kremont, Beats for Love 2019 03.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenereProgressive house
Musica house
Electro house
Periodo di attività musicale2011 – in attività
EtichettaProtocol Recordings, Spinnin' Records, Doorn Records, Size Records, Flamingo Recordings, Revealed Recordings, Armada Music, Future House Music
Sito ufficiale

Merk & Kremont sono un duo di disc jockey milanesi composto da Federico Mercuri e Giordano Cremona.

Nel 2014 sono stati inclusi nella top 100 dei DJ del mondo compilati da DJ Magazine posizionandosi al 94º posto.[1]

Storia del duo[modifica | modifica wikitesto]

Il duo, formato da Federico Mercuri (Merk) e Giordano Cremona (Kremont), sin dall'inizio della sua carriera ha attirato l'attenzione di artisti importanti, come Avicii, Steve Angello, Hardwell e Nicky Romero, i quali li hanno portati a firmare con l'etichetta discografica Spinnin' Records, una delle maggiori nel campo di musica elettronica.[2] La loro prima collaborazione si vede nel 2016 con Bob Sinclair, nel remix di Someone who needs me.[3]

In Italia hanno prodotto alcuni brani di Rovazzi, Il Pagante e Gianluca Vacchi, tra i quali Andiamo A Comandare, Tutto Molto Interessante, Senza pensieri e DAM.

Il 6 aprile 2018 hanno pubblicato il singolo Hands Up in collaborazione con i DNCE.[4] Il singolo ha ricevuto la cerficazione di disco di platino dalla FIMI.[5]

Oltre alle diverse date in Europa, il duo si è esibito anche in Arabia Saudita, Indonesia, Cina, Giappone, Birmania, Hong Kong, Florida e Tunisia.[6][7]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 – Underground
  • 2013 – Tundra (con Paris & Simo)
  • 2013 – Gear
  • 2013 – Zunami
  • 2014 – Charger (vs. Amersy)
  • 2014 – Amen
  • 2014 – Anubi (vs. Dannic)
  • 2014 – Strike (vs. Toby Green)
  • 2014 – Now or Never (con Bongom)
  • 2015 – Black & White (vs. Volt & State)
  • 2015 – Get Get Down
  • 2015 – Up'N'Down (vs. Gianluca Motta)
  • 2016 – 41 Days
  • 2016 – Give Me Some (con Fedde Le Grand)
  • 2016 – Eyes (vs. Sunstars)
  • 2016 – Don't Need No Money (con Steffen Morrison)
  • 2016 – Heart Of Mine (vs. SISSA)
  • 2016 – CIAO
  • 2016 – Music (vs. Dannic) (con Duane Harden)
  • 2017 – Invisible
  • 2017 – GANG (con Kris Kiss)
  • 2017 – Sad Story (Out Of Luck) (disco di platino FIMI)[5]
  • 2017 – Turn It Around
  • 2018 – Fire
  • 2018 – Hands Up (con DNCE) (disco d'oro FIMI)[5]
  • 2018 – Sushi
  • 2019 – Gucci Fendi Prada
  • 2019 – Kids

Remix[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 – Andry J - My Beat (Merk & Kremont Remix)
  • 2014 – Promise Land, Alicia Madison - Sun Shine Down (Merk & Kremont Remix)
  • 2014 – Chris Lake, Jareth - Helium (Merk & Kremont Remix)
  • 2014 – Syn Cole - Miami 82 (Merk & Kremont Remix)
  • 2014 – Pink Is Punk - Pinball (Merk & Kremont Edit)
  • 2014 – Shawnee Taylor, Helena - Levity (Merk & Kremont Remix)
  • 2014 – Nicky Romero, Anouk - Feet On The Ground (Merk & Kremont Remix)
  • 2015 – Steve Aoki, Walk off the Earth - Home We'll Go (Take My Hand) (Merk & Kremont Remix)
  • 2016 – Bob Sinclar - Someone Who Needs Me (Merk & Kremont vs Sunstars Remix)
  • 2017 – Sage the Gemini - Now & Later (Merk & Kremont Remix)
  • 2017 – Avicii, Sandro Cavazza - Without You (Merk & Kremont Mix)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Merk & Kremont, su djmag.com. URL consultato il 2 novembre 2018.
  2. ^ Lorenza Castagneri, Merk e Kremont: «Da Rovazzi a Il Pagante, contano più le idee che saper cantare», su La Stampa. URL consultato il 2 novembre 2018.
  3. ^ Biografia di Merk & Kremont, su rockol.it. URL consultato il 2 novembre 2018.
  4. ^ Merk & Kremont: «Hands up» per il duo italiano alla conquista del mondo con la musica dance, su TV Sorrisi e Canzoni, 9 apprile 2018. URL consultato il 2 novembre 2018.
  5. ^ a b c Certificazioni, su fimi.it.
  6. ^ Shows, su merkandkremont.com. URL consultato il 2 novembre 2018.
  7. ^ Concerti, Merk & Kremont: quattro date in Asia a febbraio, su rockol.it. URL consultato il 2 novembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]