Revenant - Redivivo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Revenant" rimanda qui. Se stai cercando le creature immaginarie, vedi Morto vivente.
Revenant - Redivivo
The Revenant.png
Hugh Glass (Leonardo DiCaprio) in una scena del film
Titolo originale The Revenant
Lingua originale inglese, francese, pawnee
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2015
Durata 156 min
Rapporto 2,35 : 1
Genere thriller, biografico, drammatico, western, avventura
Regia Alejandro González Iñárritu
Soggetto Revenant di Michael Punke
Sceneggiatura Alejandro González Iñárritu, Mark L. Smith
Produttore Steve Golin, Keith Redmon, David Kanter, Alejandro González Iñárritu, Arnon Milchan, James Skotchdopole
Produttore esecutivo Paul Green, James Packer, Brett Ratner
Casa di produzione 20th Century Fox, Regency Enterprises, RatPac-Dune Entertainment, Anonymous Content, M Productions, Appain Way Productions
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Emmanuel Lubezki
Montaggio Stephen Mirrione
Effetti speciali Richard McBride, Matt Shumway, Jason Smith e Cameron Waldbauer
Musiche Ryūichi Sakamoto, Carsten Nicolai, Bryce Dessner
Scenografia Jack Fisk
Costumi Jacqueline West
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Revenant - Redivivo (The Revenant) è un film del 2015, diretto, co-scritto e co-prodotto da Alejandro González Iñárritu.[1]

Scritto dallo stesso Iñárritu e da Mark Lee Smith e distribuito dalla 20th Century Fox, è in parte basato sul romanzo Revenant - La storia vera di Hugh Glass e della sua vendetta (2002, edito in Italia da Einaudi nel 2014) di Michael Punke ed è parzialmente ispirato alla vita del cacciatore di pelli Hugh Glass,[2] vissuto a cavallo tra il Settecento e l'Ottocento e che, nel 1823, durante una spedizione commerciale lungo il Missouri, fu abbandonato in fin di vita dai suoi compagni, riuscendo a sopravvivere. Il soggetto è già stato usato da un'altra pellicola, Uomo bianco, va' col tuo dio! (Man in the Wilderness) del 1971, così da poter considerare Revenant un remake dello stesso. La pellicola vede come protagonista Leonardo DiCaprio, affiancato da Tom Hardy, Will Poulter e Domhnall Gleeson.

Il film ha vinto molti premi: 3 Golden Globes su 4 nomination,[3] 5 premi BAFTA su 9 nomination e 3 Premi Oscar su 12 candidature ottenute, incluso il premio come "Miglior attore protagonista" a Leonardo DiCaprio, che con questo film ottiene la sua prima vittoria agli Oscar.[4]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Io non ho più paura di morire ormai. Sono già morto. »
(Hugh Glass al capitano Henry)

Nord Dakota, 1823: il trapper Hugh Glass, assunto come guida per una battuta di caccia alla ricerca di pelli e pellicce, sfugge a un attacco di indiani Arikara, durante il quale comunque vengono uccisi 33 uomini della spedizione. Con lui si salvano una dozzina di uomini, tra cui anche il figlio adolescente Hawk, avuto dalla moglie, una donna Pawnee, uccisa anni prima durante un attacco di soldati statunitensi al loro villaggio indiano. Preoccupati dal fatto che gli indiani siano sulle loro tracce, gli uomini (su consiglio di Glass stesso) abbandonano la barca su cui stanno ridiscendendo il fiume, nascondono le pelli salvate dall'attacco degli indiani e decidono di tornare al loro villaggio a piedi, preferendo la prospettiva di settimane di cammino al freddo alla possibilità di venire accerchiati e attaccati lungo il corso del fiume.

Sulla via del ritorno Glass viene attaccato e gravemente ferito da una femmina di orso grizzly, particolarmente aggressiva in difesa dei cuccioli. Glass, nonostante la grande quantità di ferite subite, riesce ad abbattere l'animale, colpendolo dapprima con una fucilata e successivamente alla giugulare con il suo coltello. Il comandante della missione, Capitano Henry, pur soccorrendolo, medicandolo e cercando in tutti i modi di curarlo, lo crede in punto di morte, e anche i compagni di viaggio credono che lo sventurato possa sopravvivere solo per alcuni giorni. Non essendo trasportabile, gli uomini della spedizione lo lasciano in compagnia del figlio Hawk, del giovane e premuroso Bridger e del cacciatore Fitzgerald, ordinando ai tre di vegliarlo sino all'ultimo momento, per poi dargli una degna sepoltura.

Fitzgerald, che è rimasto unicamente per la ricompensa in denaro promessa dal capitano, si dimostra spietato e insofferente. Approfittando dell'assenza dei due ragazzi, il cacciatore, dopo aver istigato al suicidio Glass, facendo leva sul fatto che la sua morte avrebbe comportato maggiori possibilità di sopravvivenza per il figlio, cerca di soffocarlo per poter tornare all'accampamento il prima possibile e poter ritirare il lauto compenso di 300 dollari pattuito per la loro sorveglianza; viene tuttavia scoperto da Hawk, che tenta di fermarlo, venendo a sua volta accoltellato a morte dal cacciatore. Tutto questo sotto gli occhi del moribondo Glass che, debilitato dalle ferite, non ha potuto fare niente per il giovane figlio. Fitzgerald nasconde quindi il cadavere del ragazzo e inganna Bridger, dicendogli di aver perso di vista Hawk e di aver scorto una ventina di Arikara a poca distanza, convincendolo ad abbandonare l'indifeso Glass in una fossa improvvisata.

L'uomo, però, dopo essere uscito a fatica dalla fossa dove stava per essere sepolto vivo e aver giurato vendetta sul corpo del figlio, comincia a trascinarsi per i boschi, cercando di sopravvivere con ogni mezzo. Incrocia più volte gli Arikara a cavallo, sfuggendo alla cattura anche grazie alla propria fortuna. Dopo giorni trascorsi tra stenti e gelide tormente, Glass viene sfamato e curato da un solitario indiano Pawnee - che ha perso anch'egli la sua famiglia e vuole ricongiungersi con la sua tribù - con il quale stringe amicizia. I due proseguono insieme il loro viaggio verso sud, finché non vengono sorpresi da una tormenta di neve. Glass, debilitato dalle ferite in suppurazione, viene curato dall'indiano con una terapia larvale e lasciato al riparo sotto una capanna improvvisata, dove l'uomo può riposare, riscaldarsi e proseguire il processo di guarigione.

Al risveglio Glass, rimasto solo, prosegue nel suo cammino, finché si imbatte in un gruppo di cacciatori francesi che avevano appena impiccato il suo compagno indiano. Scopre inoltre che il gruppo di uomini aveva rapito la figlia di un capo arikara. L'uomo cerca di rubar loro un cavallo per riprendere il suo solitario cammino, ma viene scoperto; durante la sua precipitosa fuga uccide tre cacciatori francesi, riuscendo anche a far fuggire la donna, che prima di scappare evira il capo-spedizione francese che, in precedenza, l'aveva violentata. Poco dopo Glass, nel tentativo di sfuggire a un nuovo agguato da parte di indiani Arikara, precipita in sella al suo cavallo in un burrone, venendo fortunosamente salvato da un albero e dalla neve fresca, che ne attutiscono la caduta. Glass, una volta ripresosi, sopravvive al gelo notturno utilizzando come riparo il ventre del suo cavallo morto.

Nel frattempo uno dei francesi sopravvissuti all'attacco raggiunge in cerca di riparo il forte dove stazionano i compagni di Glass. Bridger nota per caso la borraccia di Glass, caduta all'uomo misterioso autore dell'agguato al loro campo. Il capitano Henry suppone che la borraccia appartenga a Hawk, che crede sopravvissuto alle intemperie, e decide di mandare un gruppo di uomini alla sua ricerca. A tarda notte il gruppo di cacciatori si imbatte invece in Glass, che, affamato ed esausto, viene condotto al forte. Dopo avere scagionato Bridger dalle accuse di tradimento e abbandono, Glass parte insieme al capitano Henry alla ricerca di Fitzgerald, che nel frattempo aveva svaligiato la cassaforte del capitano Henry ed era fuggito nei boschi. Separatisi alla ricerca di tracce del fuggiasco, Henry viene ucciso da Fitzgerald con una fucilata al petto, e scotennato. Glass, rinvenuto il cadavere del compagno, ne carica il corpo sul secondo cavallo e continua l'inseguimento.

Grazie a un astuto stratagemma, Glass riesce a ingannare il cacciatore, facendolo avvicinare e costringendolo a ingaggiare una feroce lotta corpo a corpo. Seppur gravemente ferito nello scontro, Glass riesce a prevalere, rinunciando poi alla propria vendetta e affidando l'incombenza a un gruppo di indiani Arikara sopraggiunti, fra i quali vi è anche la figlia liberata del capo. Fitzgerald viene scalpato e sgozzato secondo le usanze indiane, prima di essere lasciato in balia delle correnti del fiume. Ottenuta comunque giustizia, Glass, a cui gli indiani risparmiano la vita, sembra finalmente abbandonato dalle forze straordinarie dategli dalla rabbia e dalla sete di vendetta. Il film si chiude così con il protagonista spossato e sofferente disteso sulla neve, confortato dalla visione e dalle parole della moglie, non si sa se in attesa della propria morte o sulla via di un possibile ritorno.[5]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Leonardo DiCaprio al Le Grand Rex di Parigi per la première francese di Revenant - Redivivo nel gennaio 2016.

Lo sviluppo del progetto cominciò nell'agosto 2001, quando il produttore Akiva Goldsman acquistò i diritti del libro inedito The Revenant di Michael Punke.[6] Dave Rabe scrisse la sceneggiatura,[7] e la regia venne affidata a Park Chan-wook, che pensò subito a Samuel L. Jackson come protagonista. Park in seguito lasciò il film.[8]

Il progetto entrò in pausa fino al 2010, quando Mark L. Smith scrisse una nuova sceneggiatura del film per l'Anonymous Content di Steve Golin. Nel maggio 2010 Smith rivelò che John Hillcoat era in trattative per dirigere il film e Christian Bale per interpretare il protagonista.[9] Nell'ottobre 2010 Hillcoat lasciò il progetto.[10] Jean-François Richet venne considerato come possibile sostituto,[10] ma nell'agosto 2011 Alejandro González Iñárritu firmò per la regia.[11] A novembre la New Regency Productions si unì alla produzione con Anonymous Content, e la 20th Century Fox fu confermata come distributrice del film.[12][13] Nei giorni seguenti Iñárritu disse di volere Leonardo DiCaprio e Sean Penn in due ruoli principali.[14]

Una volta che Alejandro González Iñárritu venne confermato come regista del film, ha iniziato a lavorare sulla sceneggiatura del film e sulla scrittura del copione.[15] In un'intervista su Creative Screenwriting, Smith dichiarò che nel corso di questo processo creativo gli sorsero vari dubbi, che lo portarono alla conclusione che Iñárritu non sarebbe stato in grado di filmare alcune delle sequenze che aveva scritto.[16] Mark ricordò inoltre: «Avevamo buttato giù qualche idea, ma non eravamo ancora soddisfatti, e io continuavo a dire "Alejandro, non ne possiamo tirare fuori niente. Non sta andando bene" e lui invece mi disse: "Mark, credimi, siamo in grado di farlo". Alla fine, aveva ragione.»[17]

Il film fu nuovamente messo in pausa nel marzo 2012, poiché la New Regency assunse Iñárritu per dirigere un adattamento di Film-Flam Man di Jennifer Vogel.[18] A dicembre dello stesso anno Iñárritu rivelò che il suo prossimo progetto sarebbe stato Birdman,[19] film grazie al quale vincerà l'Oscar per la miglior regia, indicando però anche che dopo Birdman avrebbe girato The Revenant.[20]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2014 la rivista The Hollywood Reporter ha annunciato che l'attore Leonardo DiCaprio aveva firmato per il ruolo di protagonista nel film, con le riprese che avrebbero dovuto aver inizio il successivo settembre.[7] L'attore, in un primo momento, era stato scritturato da Danny Boyle per interpretare il fondatore della Apple Inc. Steve Jobs nel film Steve Jobs del 2015,[21] ma in seguito DiCaprio decise di partecipare alle riprese di The Revenant e rifiutò la parte, che andò invece a Michael Fassbender. Lo stesso successe per il co-protagonista Tom Hardy,[22] che declinò l'invito da parte di David Ayer di vestire i panni di Rick Flagg in Suicide Squad, ruolo poi assegnato a Joel Kinnaman.[23]

Nel giugno del 2015 Will Poulter è entrato a far parte del cast del film,[24] e nei mesi successivi sono stati confermati come personaggi della pellicola anche Domhnall Gleeson nei panni del capitano Andrew Henry,[25] Brad Carter[26] e Kristoffer Joner, che ha rifiutato il ruolo di protagonista nell'adattamento cinematografico di Doctor Proctor's Fart Powder per apparire nel film per interpretare Murphy.[27]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato principalmente nella Columbia Britannica, a Calgary e nei Mammoth Studios di Burnaby, sempre nella Columbia Britannica.[28] Le riprese del film sono iniziate ufficialmente il 22 settembre 2014,[29] e in origine avrebbero dovuto concludersi entro marzo 2015;[30] tuttavia González Iñárritu dichiarò che la lavorazione sarebbe durata fino ad aprile-maggio, "perché giriamo davvero per poche ore al giorno. Ma è stato chiaro fin dall'inizio che avremmo avuto piccoli momenti preziosi un po' alla volta: era tutto programmato. Questo non solo per creare più intensità, ma anche per le condizioni climatiche. Stiamo girando in paesaggi così remoti che per raggiungerli impieghiamo il 40% della giornata. Quei posti, però, sono così meravigliosi e potenti che sembrano immacolati, mai toccati dall'uomo, ed è ciò che ho sempre voluto".[31]

Il Perito Moreno, in Argentina, luogo di riprese del film

González Iñárritu ha rivelato che il film è stato girato interamente con luce naturale, indicando inizialmente che avrebbe voluto girare il film in ordine cronologico, dalla prima all'ultima scena,[31] scelta che però avrebbe portato a un aumento del budget del film di circa 7 milioni di dollari.[32] Hardy ha indicato che il film non è stato girato in ordine cronologico a causa delle condizioni meteorologiche.[33] Nell'ottobre 2015 Gonzáles Iñárritu ha tuttavia affermato che il film è stato girato in ordine cronologico.[34] Il direttore della fotografia Emmanuel Lubezki, vincitore dell'Oscar per la "Miglior fotografia", parlando dello svolgimento delle riprese, ha spiegato che le condizioni ambientali sono state uno dei problemi principali: "Stiamo lavorando molto in esterno con la luce naturale" e "la temperatura è scesa fino a -30°, e abbiamo avuto delle difficoltà con le attrezzature. A un certo punto è diventato così freddo che i nostri schermi si sono bloccati".[35]

Nonostante la produzione avesse pianificato di girare l'intero film in Canada, l'arrivo della primavera e del caldo ha costretto la troupe a spostarsi nella Terra del Fuoco, in Argentina (a Ushuaia, precisamente), per girare le ultime sequenze.[36]

Nell'ottobre 2015 viene riportato che il budget del film era stato aumentato dagli iniziali $60 milioni a $95 milioni, e per la fine delle riprese aveva raggiunto i $135 milioni.[37] Iñárritu ha affermato che alcuni membri della troupe hanno lasciato il film a causa delle troppe difficoltà incontrate durante le riprese, spiegando che "come regista, se noto un violino che non è accordato, è mio compito portarlo via dall'orchestra".[38] Brad Weston, presidente e CEO della New Regency, ha spiegato che le riprese sono state difficili a causa dell'ambiziosa natura del film.[38] Iñárritu ha insistito molto sul fatto di non volere utilizzare la CGI, affermando: "Se usassimo il green screen saremmo tutti a divertirci con il caffè in mano, sarebbero tutti felici, ma molto probabilmente il film sarebbe una merda". Le riprese del film sono terminate nell'agosto 2015.[39]

Leonardo DiCaprio ha rivelato in più interviste alcuni dettagli sulle difficoltà che ha dovuto affrontare per interpretare il ruolo di Hugh Glass. Nell'ottobre 2015 ha spiegato a Wired che durante le riprese ha dovuto indossare una pelliccia d'alce e una di orso pesanti 45 chili, e che ha rischiato più volte di cedere all'ipotermia,[40] mentre un mese dopo dichiarò di aver lavorato anche quando aveva la febbre alta, in modo da sfruttare ogni malanno per rendere ancora più autentica la sua interpretazione;[41] la tosse continua che si sente nel film non è infatti simulata, bensì la bronchite che DiCaprio si è procurato a -40 °C.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora di The Revenant è stata curata dal musicista giapponese Ryūichi Sakamoto[42], in collaborazione con il chitarrista e frontman dei The National, Bryce Dessner, e con il compositore tedesco Carsten Nicolai, meglio conosciuto come Alva Noto.[43]

La gran parte dei brani contenuti al suo interno sono stati incisi e registrati ai Seattlemusic Scoring Stage, a Seattle, nello Stato di Washington,[44] e vantarono la partecipazione dei Northwest Sinfonia, un'orchestra sinfonica locale. Le sedute sono state dirette dallo stesso Sakamoto. Il maestro André de Ridder si è invece occupato della direzione degli Stargaze, un'altra orchestra di Berlino formata da 25 elementi.[45] Alcune delle tracce dell'album, che sono ben 23, sono state oggetto di revisione da parte di Ludovic Morlot, che diresse la Seattle Symphony Orchestra, per l'incisione del brano Become Ocean, mentre la compositrice francese Eliane Radigue curò la realizzazione di Jetsun Mila.[46]

The Revenant Soundtrack è stata pubblicata per il download il 25 dicembre 2015, stesso giorno dell'uscita della pellicola negli Stati Uniti, mentre l'8 gennaio è stata messa in commercio anche sotto forma di CD. La Milan Records pubblicherà anche il formato vinile della raccolta, la cui uscita è prevista per l'aprile 2016.[45]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

« La vendetta è nelle mani di Dio »
(Tagline del film)

Il 21 gennaio 2015 sono state rese pubbliche le prime immagini del film che raffigurano l'attore Leonardo DiCaprio insieme al regista Alejandro González Iñárritu.[47] Il successivo 23 aprile è stato quindi mostrato al CinemaCon 2015 un breve frammento del film in cui figurano DiCaprio, Tom Hardy e Will Poulter.[48] Il 17 luglio 2015 viene pubblicato il primo trailer del film.[49] La versione italiana viene pubblicata il 23 luglio seguente.[50]

Il 15 gennaio 2016 Leonardo DiCaprio, Alejandro Gonzalez Iñárritu e gran parte del cast sono sbarcati in Italia per la première europea del film, che si è tenuta alla Casa del cinema di Roma.[51][52]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne proiettato in anteprima al TCL Chinese Theatre, ad Hollywood, il 16 dicembre 2015, ed è stato distribuito in maniera limitata nelle sale cinematografiche statunitensi il 25 dicembre 2015, esattamente due anni dopo l'uscita di The Wolf of Wall Street, seguito poi dal rilascio in tutti gli Stati Uniti d'America l'8 gennaio 2016.[53]

The Revenant è stato distribuito in tutto il mondo tra dicembre 2015 ed inizio 2016 nelle seguenti date:

In Italia l'uscita cinematografica era originariamente prevista per il 14 gennaio 2016. È stata in seguito posticipata di due giorni per un ritardo nella programmazione dell'anteprima stampa del film, tenutasi poi a Roma il 15 gennaio 2016.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio della versione italiana è stato interamente curato, scritto e diretto dalla Int. Production. Time Out srl sotto la guida di Massimo Giuliani, assistito da Eleonora Erin,[54] mentre la sonorizzazione della pellicola è stata affidata alla CDC Sefit Group e alla 20th Century Fox, la quale è stata responsabile anche della sua distribuzione nei cinema italiani in 500 copie.[16]

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito per il mercato home video in due formati, DVD, Blu-Ray Disc e Blu-Ray UHD 4K, disponibili negli Stati Uniti d'America a partire dal 19 aprile 2016, mentre la in Italia dal 5 maggio 2016.[55]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Revenant - Redivivo, costato oltre 135 milioni di dollari, al 20 marzo 2016 ha registrato un incasso totale pari a oltre $532 950 503 in tutto il mondo,[56] superando i €16 601 220 in Italia.[57]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto responsi positivi dalla critica internazionale, con particolari lodi alle performance di Leonardo DiCaprio e Tom Hardy, la fotografia di Emmanuel Lubezki e la direzione di Iñárritu con i suoi lunghi piani sequenza.[58][59][60] Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes, il film ha raccolto un indice di gradimento dell'82% calcolato sulla base di 302 recensioni e con un voto medio di 7,9/10. Il commento sul sito recita: "Per quanto crudo possa essere il film in alcune scene, The Revenant utilizza al meglio il talento di DiCaprio come un combustibile per creare un dramma coinvolgente che offre una suspense senza fine".[61] Secondo Metacritic il film ha un voto medio di 76 su 100, sulla base di 50 recensioni, punteggio indicante "recensioni generalmente favorevoli".[62]

Peter Travers del Rolling Stone ha definito la recitazione di DiCaprio «uno spettacolo virtuoso, emozionante nella sua forza bruta e nella sua eloquenza silenziosa».[63] David Edelstein, scrivendo per il New York Magazine, ha descritto il film come «un tour fra brutalità e sfiorante l'inferno, ma molto più bello»,[64] mentre Stephanie Zacharek del TIME, nella sua recensione, ha scritto che «Iñárritu potrebbe essere uno dei più grandi registi in futuro. Non c'è dubbio che The Revenant possa essere una svolta nella sua carriera». Richard Brody del The New Yorker è stato critico del film, non risparmiandosi però in complimenti riguardo alle «pittoresche immagini di Lubezki, quasi teatrali, perfette come cornice per un film freddo e affascinante al punto giusto».[65]

Il film staziona al 207º posto della classifica Top 250 di Internet Movie Database.[66]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Differenze con la storia vera[modifica | modifica wikitesto]

Illustrazione di Hugh Glass aggredito da un orso grizzly nel 1823

Revenant - Redivivo è parzialmente ispirato alla vita del cacciatore di pelli Hugh Glass[68], che era già stato fonte d'ispirazione per un'altra pellicola, Uomo bianco, va' col tuo dio! (Man in the Wilderness) del 1971. Non sempre sono certe e verificabili le notizie sulla sua vita in quanto si sospetta che molto sia frutto di leggenda o esagerazioni.

Il personaggio di Hawk, ovvero il figlio di Glass che ha un ruolo importante nella storia, è di pura fantasia: probabilmente Glass sposò davvero una nativa Pawnee, ma non ci sono prove che ebbe un figlio, e anche se è possibile, di certo non era con lui nella spedizione del 1823. Non ci sono neanche testimonianze sul fatto che Glass avesse ucciso un ufficiale dell’esercito americano, come invece viene detto nel film[7]. Altri personaggi importanti, come Jim Bridger, il capitano Henry, e l'antagonista John Fitzgerald, invece sono esistiti realmente.

Nonostante tutto il film si svolga in inverno nel Nord Dakota, nella realtà l'avventura di Glass iniziò in estate e nel Sud Dakota, il che porta una differenza significativa all'ambientazione. Il trapper fu attaccato da un orso grizzly nei pressi del Grand River nell'agosto 1823; non è noto precisamente come si concluse il noto attacco: la maggior parte delle fonti dice che l'orso fu ucciso dai compari di Glass attirati dalle grida (alcune nominano tra di essi unicamente Fitzgerald e Bridger), mentre egli tentava di difendersi con un coltello[7]; altre invece attribuiscono l'uccisione dell'animale a Glass stesso, ed è così che viene mostrato nel film.[69]

Il capitano Henry decise di lasciare Fitzgerald e Bridger con l'intrasportabile Glass per assisterlo fino alla morte, seppellirlo e dopo raggiungere gli altri a Fort Henry, e in cambio avrebbero ricevuto una somma di 40 dollari a testa (equivalente a due o tre mesi di paga, mentre nel film sono addirittura 100). Dopo cinque giorni, Glass era ancora vivo; Fitzgerald e Bridger, sapendo di essere in pericolo per via degli indiani presenti in quella zona, lo abbandonarono, considerando che sarebbe comunque morto in poco tempo. Glass riuscì però a sopravvivere, e cominciò lentamente a spostarsi, deciso a vendicarsi degli uomini che lo avevano abbandonato. Nel film invece vuole vendicarsi unicamente di Fitzgerald per aver ucciso il figlio[7].

Mentre nel film Glass viene condotto al forte dopo essere stato trovato dai compagni, nella realtà venne soccorso da un gruppo di indiani Lakota, che lo rifornirono di cibo, armi e una barca per solcare le acque del Cheyenne River. Navigando verso sud, dopo aver percorso circa 400 chilometri, raggiunse Fort Kiowa a metà ottobre. Da qui, si diresse verso Fort Henry alla ricerca di Fitzgerald e Bridger. Una volta raggiunto il forte trovò Bridger, ma decise di perdonarlo per la sua giovane età, convinto che il vero responsabile del suo abbandono fosse Fitzgerald, trasferitosi a Fort Atkinson. Venne riassunto nella compagnia e raggiunse Fort Atkinson solo due mesi dopo, nel giugno del 1824. Fitzgerald si era però arruolato nell'esercito e il suo "status" di soldato ne garantiva l'immunità. Glass, per non subire la condanna a morte per aver ucciso un militare, dovette pertanto desistere dai propositi di vendetta, ma in compenso ricevette 300 dollari e riottenne indietro il suo fucile, sottrattogli da Fitzgerald durante l'abbandono[7].

Un'altra differenza riguarda la morte del capitano Henry: nel film viene ucciso da Fitzgerald, mentre nella realtà morì di polmonite nel 1838.[70]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stasera cinema?, su ilpost.it, 16 gennaio 2016. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  2. ^ “Revenant – Redivivo”, la storia vera, su ilpost.it, 17 gennaio 2016. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  3. ^ La lista dei vincitori dei Golden Globes 2016, su ilpost.it, 11 gennaio 2016. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  4. ^ Di Caprio finalmente vince l'Oscar, dopo cinque nomination trionfa con The Revenant, rainews.it.
  5. ^ Filippo Magnifico, Leonardo DiCaprio punta il bersaglio nella prima immagine di The Revenant, su screenweek.it, 21 gennaio 2015. URL consultato il 16 marzo 2015.
  6. ^ (EN) Akiva Goldsman Mauled by Grizzly!, su ign.com, 9 agosto 2001. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  7. ^ a b c d e f (EN) Borys Kit, Leonardo DiCaprio, Alejandro Gonzalez Inarritu Team Up for 'Revenant', su hollywoodreporter.com, 15 aprile 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  8. ^ (EN) Tom Hardy in Talks for Alejandro González Iñárritu’s ‘The Revenant’, su slashfilm.com, 4 giugno 2014. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  9. ^ (EN) 'Vacancy' Writer Pens 'Martyrs', Latest John Hillcoat Thriller!, su bloody-disgusting.com. URL consultato il 16 gennaio luglio 2016.
  10. ^ a b (EN) "Revenant," "Orphanage" Dropouts, su darkhorizons.com, 19 ottobre 2010. URL consultato il 17 luglio 2015.
  11. ^ (EN) Alejandro Gonzalez Inarritu Attached to Direct Warner's 'The Revenant' (Exclusive), su thewrap.com, 17 agosto 2011. URL consultato il 16 gennaio 2015.
  12. ^ (EN) Leonardo DiCaprio's Survival Drama 'The Revenant' Attracts Megan Ellison's Annapurna, su variety.com, 11 luglio 2014. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  13. ^ (EN) New Regency boarding 'The Revenant', su variety.com, 1º novembre 2011. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  14. ^ (EN) Leonardo DiCaprio, Sean Penn Wanted Men For New Regency's 'The Revenant', su deadline.com, 4 novembre 2011. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  15. ^ How Leonardo DiCaprio Flirted With a Bear But Committed to a Wolf, su Vulture. URL consultato il 23 marzo 2016.
  16. ^ a b Di Caprio a Roma presenta Revenant: "Felice per la nomination, ma non ho fatto questo film per vincere l'Oscar", su L'Huffington Post. URL consultato il 23 marzo 2016.
  17. ^ “I think he wanted to toss me off the cliff.” Mark L. Smith on The Revenant and Martyrs, su Creative Screenwriting Magazine. URL consultato il 23 marzo 2016.
  18. ^ (EN) New Regency backing Inarritu pic, su variety.com, 8 marzo 2012. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  19. ^ (EN) A Departure For Alejandro Gonzalez Inarritu: He'll Next Direct A Comedy, su deadline.com, 7 dicembre 2012. URL consultato il 17 luglio 2015.
  20. ^ (EN) Leonardo DiCaprio to star in Alejandro González Iñárritu's The Revenant, su screendaily.com, 15 aprile 2014. URL consultato il 17 luglio 2015.
  21. ^ Steve Jobs' widow begged DiCaprio and Christian Bale not to take role, su Mail Online. URL consultato il 23 marzo 2016.
  22. ^ (EN) Justin Kroll, Tom Hardy Confirmed to Join Leonardo DiCaprio in ‘The Revenant’, su Variety. URL consultato il 23 marzo 2016.
  23. ^ Suicide Squad - Tom Hardy spiega perché ha dovuto lasciare il film - ScreenWEEK.it Blog, su ScreenWEEK.it Blog. URL consultato il 23 marzo 2016.
  24. ^ Will Poulter reciterà con Leonardo in The Revenant, su www.leodicaprio.it. URL consultato il 23 marzo 2016.
  25. ^ (EN) Justin Kroll, ‘Star Wars’ Actor Joins Leonardo DiCaprio in ‘The Revenant’, su variety.com, 30 luglio 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  26. ^ (EN) Jen Yamato, ‘Zeroville’ Adds Seth Rogen, Megan Fox & More; Brad Carter Lands ‘The Revenant;’ Noah Segan Enlists In ‘War Pigs’, su deadline.com, 24 ottobre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  27. ^ (NO) DiCaprio gjorde som Joner, su msn.com, 3 ottobre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  28. ^ (EN) David Humphreys, Leonardo DiCaprio To Film 'The Revenant' In British Columbia, su etcanada.com, 5 agosto 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  29. ^ (EN) Jess Denham, Tom Hardy joins Leonardo DiCaprio for Oscars hope thriller The Revenant, in The Independent, 1º luglio 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  30. ^ (EN) First Look at Leonardo DiCaprio in The Revenant, su comingsoon.net, 21 gennaio 2015. URL consultato il 28 novembre 2015.
  31. ^ a b (EN) Lorenzo Pedrazzi, The Revenant – Iñárritu spiega perché sono necessari nove mesi per completare le riprese, su screenweek.it, 4 febbraio 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  32. ^ (EN) Adam Chitwood, The Revenant, Starring Leonardo DiCaprio and Tom Hardy, Gets Christmas 2015 Release Date; Iñárritu Hoping to Shoot in Sequence, su collider.com, 14 luglio 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  33. ^ (EN) Tom Hardy Talks MAD MAX: FURY ROAD, THE REVENANT and SPLINTER CELL, su collider.com, 30 aprile 2015. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  34. ^ (EN) 'The Revenant' Producers, Alejandro G. Inarritu Defend Budget, Sequential Shoot at Produced By: NY 2015, su hollywoodreporter.com, 24 ottobre 2015. URL consultato il 28 novembre 2015.
  35. ^ (EN) Marlen Vazzoler, Il direttore della fotografia di Birdman, Emmanuel Lubezki parla della riprese di The Revenant a -30°, su screenweek.it, 27 febbraio 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  36. ^ Andrea Francesco Berni, Il finale di The Revenant deve essere ancora girato, DiCaprio sarà quasi muto, su badtaste.it, 22 luglio 2015. URL consultato il 22 luglio 2015.
  37. ^ (EN) 'The Revenant' Budget Soars to $135 Million As New Regency Foots the Bill, su thewrap.com, 16 ottobre 2015. URL consultato il 28 novembre 2015.
  38. ^ a b (EN) How Leonardo DiCaprio's 'The Revenant' Shoot Became "A Living Hell", su hollywoodreporter.com, 22 luglio 2015. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  39. ^ (EN) Rumors Leo DiCaprio has fleas in his beard are 'not true,' studio says, su dailymail.co.uk, 16 agosto 2015. URL consultato il 28 novembre 2015.
  40. ^ Otto cose difficili che DiCaprio ha dovuto fare per girare “The Revenant”, su ilpost.it, 25 dicembre 2015. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  41. ^ The Revenant: 10 cose estreme che Leonardo DiCaprio ha fatto per vincere l'Oscar, su deejay.it, 15 gennaio 2016. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  42. ^ "The National's Bryce Dessner and Alva Noto Joined Ryuichi Sakamoto on The Revenant Score", pitchfork.com.
  43. ^ "The National’s Bryce Dessner composing soundtrack for Leonardo DiCaprio’s The Revenant", consequenceofsound.net.
  44. ^ "The Revenant (2015) - Soundtrack.Net", soundtrack.net.
  45. ^ a b "The National's Bryce Dessner Shares "Imagining Buffalo" From The Revenant Soundtrack", pitchfork.com.
  46. ^ "Ryuichi Sakamoto, Alva Noto with Bryce Dessner – The Revenant OST", web.archive.org.
  47. ^ Marita Toniolo, DiCaprio nelle prime immagini di The Revenant, su bestmovie.it, 21 gennaio 2105. URL consultato il 17 marzo 2015.
  48. ^ (EN) Leonardo DiCaprio’s ‘The Revenant’ Dazzles Exhibitors at CinemaCon, su variety.com, 23 aprile 2015. URL consultato il 24 aprile 2015.
  49. ^ Filmato audio(EN) The Revenant - Official Teaser Trailer, 20th Century Fox, 17 luglio 2015. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  50. ^ Andrea Bedeschi, Leonardo DiCaprio e Tom Hardy nel trailer italiano di The Revenant, su badtaste.it, 23 luglio 2015. URL consultato il 23 luglio 2015.
  51. ^ Leonardo Di Caprio a Roma per “The Revenant”, ed è subito febbre Di Caprio, su ilprofumodelladolcevita.com, 16 gennaio 2016. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  52. ^ Leonardo DiCaprio, a Roma per presentare “Redivivo”, commenta la candidatura agli Oscar!, su badtaste.it, 16 gennaio 2016. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  53. ^ (EN) First look at Leonardo DiCaprio in ‘The Revenant’, su theslanted.com, 24 gennaio 2015. URL consultato il 16 marzo 2015.
  54. ^ AntonioGenna.net presenta: IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Revenant - Redivivo", su www.antoniogenna.net. URL consultato il 23 marzo 2016.
  55. ^ The Revenant (2015) Release Dates, su www.movieinsider.com. URL consultato il 23 marzo 2016.
  56. ^ (EN) The Revenant (2015), su Box Office Mojo. URL consultato il 20 marzo 2016.
  57. ^ Classifica dei film al cinema, su Coming Soon. URL consultato il 13 marzo 2016.
  58. ^ ""The Revenant" Reviews: What Critics Are Saying About Leonardo DiCaprio's Latest Film", cbsnews.com.
  59. ^ "Film Review: How good is The Revenant?", bbc.com.
  60. ^ "Wilder West "The Hateful Eight" and "The Revenant."", newyorker.com.
  61. ^ "The Revenant", su Rotten Tomatoes.
  62. ^ "The Revenant", su Metacritic.
  63. ^ "Page 2 of 'The Revenant' Movie Review - Rolling Stone", rollingstone.com.
  64. ^ ""The Revenant" Reviews: What Critics Are Saying About Leonardo DiCaprio's Latest Film", cbsnews.com.
  65. ^ "Oscar's 2016 Winner Predictions Cinematography", slantmagazine.com.
  66. ^ IMDb Users, IMDb Top 250, su IMDb. URL consultato il 23 marzo 2016.
  67. ^ Marita Toniolo, Mtv Movie Awards: Star Wars e Deadpool guidano le nomination, Best Movie, 8 marzo 2016. URL consultato l'8 marzo 2016.
  68. ^ “Revenant – Redivivo”, la storia vera, ilpost.it, 17 gennaio 2016. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  69. ^ Legend of Hugh Glass rosyinn.com, 4 maggio 2014
  70. ^ How Missouri Counties, Towns and Streams Were Named

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema