Amores perros

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amores perros
AmoresPerros.png
El chivo
Titolo originale Amores perros
Lingua originale spagnolo
Paese di produzione Messico
Anno 2000
Durata 153 min
Rapporto 1,85:1
Genere drammatico
Regia Alejandro González Iñárritu
Soggetto Alejandro González Iñárritu e Guillermo Arriaga
Sceneggiatura Guillermo Arriaga
Produttore Alejandro González Iñárritu
Produttore esecutivo Francisco González Compeán, Martha Sosa Elizondo
Fotografia Rodrigo Prieto
Montaggio Luis Carballar, Alejandro González Iñárritu, Fernando Pérez Unda
Musiche Gustavo Santaolalla, Antonio Vega
Scenografia Melo Hinojosa, Julieta Álvarez
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« A Luciano, perché siamo anche ciò che abbiamo perso. »
(dedica nei titoli di coda)

Amores perros è un film messicano del 2000 scritto da Guillermo Arriaga per la regia di esordio di Alejandro González Iñárritu. È il primo capitolo della Trilogia sulla morte, seguito da 21 grammi e Babel. Il film ha ricevuto una canditura ai Premi Oscar 2001 come miglior film straniero ed è detentore di oltre 50 premi cinematografici.

Il racconto è composto da tre storie ambientate a Città del Messico che a partire da un incidente automobilistico si intrecciano e determinano il destino dei suoi personaggi. La doppia natura dell'uomo è presente nella metafora suggerita dalla costante presenza dei cani, alter ego dei personaggi. Lo stesso concetto viene ribadito nel titolo: Perros, che in spagnolo significa cani, accostato ad Amores si traduce con "L'amore è una cagna", cioè una rogna.[1]

Questo film è diventato oggetto di studio sia da un punto di vista tecnico sia storico, in quanto si ritiene che abbia segnato l'inizio del nuovo cinema messicano, inteso come cinema capace di attirare l'attenzione del pubblico fuori dalle sue frontiere.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nei tre distinti episodi i protagonisti sono persone di diverse estrazioni sociali che in alcuni brevi momenti interagiscono tra loro.

Octavio e Susana

La prima storia ha come protagonista Octavio, che vive con la madre, il fratello Ramiro, la consorte di quest'ultimo e il loro neonato. Tra Octavio e la moglie del fratello nasce una storia, aiutata dai modi bruschi con i quali il violento Ramiro tratta la compagna. Octavio vorrebbe scappare con lei ma la mancanza di denaro non lo aiuta: a tal proposito decide di sfruttare il proprio cane nei numerosi combattimenti clandestini che si svolgono in città. La bestia è molto forte fisicamente e frutta all'uomo un bel gruzzolo, che gli permetterebbe di andarsene di casa. Tuttavia all'ultimo combattimento il cane viene gravemente ferito da un colpo di pistola e Octavio, per vendicarsi, accoltella il padrone dell'altro cane, che aveva premuto il grilletto. Ne consegue uno spettacolare inseguimento nel quale Octavio causa un incidente con un'altra automobile.

Daniel e Valeria

Il secondo intreccio ci illustra la patinata vita di una modella di nome Valeria che, portandosi dietro il suo inseparabile cane, va a vivere assieme al suo compagno, appena separato dalla moglie. La vita della bella donna tuttavia prende una brusca sterzata quando viene coinvolta nello scontro con l'auto in fuga di Octavio. Valeria subisce gravi danni alla gamba destra, che la costringeranno ad una lunga riabilitazione. Inoltre, complici gli avvenimenti capitati allo stesso cane, il rapporto tra i due sembra incrinarsi: i litigi diventano sempre più frequenti. La situazione precipita quando Valeria viene colpita da trombosi, e i medici sono costretti ad amputarle la gamba: per la donna, che delle proprie gambe aveva fatto il punto forte della sua carriera, è un colpo psicologicamente molto duro da assorbire, ma che probabilmente le consentirà di riappacificarsi con il suo compagno.

El Chivo e Maru

La terza storia tratta di un sicario (si fa chiamare El chivo) che uccide per guadagnarsi da vivere, e che trascorre la sua esistenza circondato dai suoi numerosi cani, in una squallida abitazione in un quartiere malfamato della città. Prima di essere stato in prigione El chivo era un guerrigliero che anni fa aveva abbandonato la moglie e la figlia per cercare di cambiare la società. Nonostante il suo personaggio venga approfondito nell'ultima parte del film, egli appare anche durante la prima metà, e si trova nel luogo dell'incidente tra Octavio e Valeria. In questa occasione raccoglie il moribondo cane del ragazzo e lo porta a casa per curarlo. Il suo prossimo incarico consiste nell'uccidere un uomo, su commissione del fratellastro. Decide però di cambiare vita: per terminare il suo compito rapisce la vittima, la imprigiona in casa propria e la fa incontrare con il fratellastro, il quale era venuto per pagarlo. Decide dunque di lasciarli lì entrambi, con una pistola in mezzo alla stanza. Successivamente si rade e va a casa della figlia, assente, lasciandole dei soldi, delle foto ed un messaggio di affetto e di riconciliazione nella segreteria telefonica. Fatto questo, accompagnato dal cane che fu di Octavio, parte verso destinazioni ignote.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto cinematografico originale comprendeva undici cortometraggi ambientati nella metropoli di Città del Messico. Successivamente solo tre di queste storie vennero espanse e sviluppate in un unico film. L'ideolgia di partenza era denunciare le contraddizioni di Città del Messico.[2]

La fase di pre-produzione durò 3 anni; prima di ultimare la sceneggiatura furono scritte 36 versioni del film. Il regista si servì di 52 attori provenienti da diversi contesti sociali; molti di loro erano alla prima esperienza cinematografica, come ad esempio Gael García Bernal. Il metodo di selezione degli attori si basò sulle caratteristiche che condividevano con i loro ruoli. Per fare in modo che empatizzassero al meglio, il regista li fece vivere per un po' di tempo nelle stesse condizioni dei personaggi che avrebbero interpretato.[2] Il film è stato realizzato con un budget molto basso di circa 2,4 milioni di dollari.[3] Ha guadagnato oltre 20 milioni di dollari.[4]

Stile e temi[modifica | modifica wikitesto]

Nel film le vicende dei protagonisti si intersecano a causa di un incidente d'auto, evento che svolge la funzione di connettore fra i tre episodi che altrimenti non avrebbero apparentemente alcun punto in comune. Mettendo in scena tre "tranci di vita" che si risolvono tutti con un tragico finale, il film ritrae un'umanità senza speranza e mostra come il confine fra umanità e animalità sia talvolta impercettibile.[5]

Caratteristica peculiare del film è la strategia enunciativa della narrazione che gioca su scarti temporali, flashback, anticipazioni e continui rimandi. Le tematiche che ricorrono in ciascun capitolo (l'amore, la morte, il rapporto con i cani e la famiglia) fanno sì che venga mantenuta la coerenza narrativa permettendo di riconoscere le tre storie come parte di un unico racconto. Un'altra cifra stilistica è l'ossimoro cinematografico, ossia il voluto accostamento di due elementi semantici antitetici: le scene d'amore si accostano a quelle di violenza, la bestialità degli esseri umani segue scene di humanitas, e alle atmosfere squallide di povertà si contrappongono momenti di agiatezza delle classi altoborghesi.[5]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Disco 1[modifica | modifica wikitesto]

  1. Tema Amores Perros (Gustavo Santaolalla) – 0:55
  2. Sí señor (Control Machete) – 3:39
  3. Lucha de gigantes (Nacha Pop) – 3:59
  4. El afiche (Gustavo Santaolalla) – 0:34
  5. La vida es un carnaval (Celia Cruz) – 4:36
  6. Memorias (Gustavo Santaolalla) – 0:50
  7. Corazón (Titán) – 4:37
  8. Quiebre fuego y revelación (Gustavo Santaolalla) – 1:58
  9. Coolo (Illya Kuryaki and the Valderramas) – 4:06
  10. Un amor encontrado (Gustavo Santaolalla) – 0:50
  11. Long cool woman (The Hollies) – 3:17
  12. La cumbia del garrote (Los Del Garrote) – 3:17
  13. Chivo Groove (Gustavo Santaolalla) – 3:15
  14. Dame El Poder (Banda espuela de oro) – 3:21
  15. El Apartamento (Gustavo Santaolalla) – 0:33
  16. Pesada (Con Maigaz) (Control Machete) – 4:28
  17. Tema Amores Perros + Atacama (Gustavo Santaolalla) – 3:31
  18. Lucha De Gigantes (Fiebre) – 3:52[6]

Disco 2[modifica | modifica wikitesto]

  1. Me van a matar (Julieta Venegas) – 3:55
  2. Aviéntame (Café Tacvba) – 3:00
  3. Dog:God (Café Tacvba) – 3:04
  4. Stop, Muerte (Illya Kuryaki and The Valderramas) – 4:27
  5. Una vez más (Zurdok) – 3:15
  6. De Perros Amores (Control Machete) – 3:50
  7. Love is a bitch (Dover) – 3:21
  8. Perro amor explota (Bersuit Vergarabat) – 3:54
  9. Dime cuándo (Ely Guerra) – 4:40
  10. Tienen el odio enjaulado (Fiebre) – 3:20
  11. Lado animal (Moenia) – 4:42
  12. Que arañan las entrañas (Banda Espuela De Oro) – 3:48[6]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Associazione Giuseppe Acerbi, Letteratura del Messico, Milano, Gabrielli Editori, 2004.
  2. ^ a b Alejandro González Iñárritu Amores Perros (Love's a Bitch), su bbc.co.uk, BBC, 3 maggio 2001. URL consultato il 6 marzo 2017.
  3. ^ Paul Julian Smith, Amores perros, British Film Institute, 2003, p. 12, ISBN 0-85170-973-7.
  4. ^ Amores Perros Worldwide Gross, su boxofficemojo.com. URL consultato il 6 marzo 2017.
  5. ^ a b Alessandra Selene De Marchi, Amores Perros, analisi del ritmo e della tensione narrativa, Firenze, ISIA, 2007.
  6. ^ a b Various ‎– Amores Perros (Música Original De La Película), su discogs.com. URL consultato il 6 marzo 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN316751947 · GND: (DE4769157-8
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema