Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Priscilla Presley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Priscilla Presley a Londra nel 2014

Priscilla Beaulieu Presley, nata Priscilla Ann Wagner (New York, 24 maggio 1945), è un'attrice statunitense, nota per essere stata l'unica moglie della rock-star Elvis Presley.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elvis e Priscilla nel 1968 presentano alla folla la figlia Lisa Marie.

Il padre biologico, James Wagner, era un pilota deceduto in un incidente aereo quando aveva sei mesi. La madre, Anna Lillian Iversen (di origini norvegesi), si sposò poi con un ufficiale della United States Air Force Paul Beaulieu, che divenne quindi il padre adottivo di Priscilla, con cui andò a vivere in Germania. Fu nella città tedesca di Wiesbaden che Priscilla nel 1959 conobbe Elvis, all'epoca soldato nell'esercito statunitense.

Inizialmente i genitori di Priscilla erano contrari alla relazione fra i due, soprattutto dopo che Elvis divenne abbastanza popolare ma Presley riuscì a convincere gli estremamente riluttanti coniugi Beaulieu a permettere a Priscilla di vivere con suo padre Vernon Presley e la sua nuova moglie in una casa che Elvis aveva acquistato a Heritage Drive, a Memphis. La diciassettenne Priscilla Beaulieu "lavorò" sulla madre per avere il suo sostegno ma prima di accettare il padre, ancora riluttante e protettivo, volò con lei a Los Angeles dove Elvis stava girando L'idolo di Acapulco. Dopo aver discusso con il cantante le "regole" i due volarono a Memphis dove incontrarono Vernon Presley, presero accordi per l'iscrizione alla Immaculate Conception School e che Priscilla avrebbe dovuto vivere nella casa di Vernon Presley.

Una volta trasferitasi a Memphis nel 1962, Priscilla Beaulieu racconta che venne introdotta un poco alla volta a Graceland, passando occasionalmente delle notti con Presley all'inizio e, successivamente, trasferendovisi in pianta stabile. Nella sua autobiografia del 1985, Elvis and Me, descrive Presley come un uomo molto appassionato che non aveva un atteggiamento apertamente sessuale nei suoi confronti. Anche se egli avrebbe voluto passare più ore solo con lei nella camera da letto, Priscilla scrive che Elvis non fece mai delle avance nei suoi confronti. Secondo il suo racconto (p. 130), Elvis le disse che dovevano aspettare fino a quando fossero stati sposati prima di avere rapporti sessuali. Egli disse, "Non sto dicendo che non possiamo fare altre cose. È solo il rapporto vero e proprio. Voglio risparmiarlo". Priscilla aggiunge, "Timorosa di non piacergli - di distruggere la mia immagine come sua ragazzina - mi rassegnai ad una lunga attesa. Invece di consumare il nostro amore nella solita maniera, iniziò ad insegnarmi altri modi per sedurlo. Avevamo un forte legame, in gran parte sessuale. Insieme creammo alcuni momenti eccitanti e selvaggi."

Ella e Presley si sposarono il 1º maggio 1967, e la loro figlia Lisa Marie nacque nove mesi dopo, il 1º febbraio 1968. Priscilla ed Elvis si separarono nel febbraio del 1972 e divorziarono nell'ottobre del 1973.

Come attrice Priscilla Presley fece il suo debutto televisivo nel 1980 nella serie ABC Those Amazing Animals. Ma la fama arrivò partecipando nei panni di Jenna Wade nella soap opera Dallas dal 1983 al 1988, vecchia fiamma di Bobby, Patrick Duffy. Dopo Dallas recitò con Leslie Nielsen nella trilogia Una pallottola spuntata.

Priscilla partecipò nel 1977 ai funerali dell'ex marito, morto improvvisamente a Graceland a soli 43 anni.

Dal 1984 al 2006 ha avuto una relazione con lo scrittore e regista italo-americano Marco Garibaldi da cui ha avuto un figlio, Navarone, nato il 1º marzo 1987.

Ha anche avuto lunghe relazioni con lo stuntman Mike Stone e con l'attore Michael Edwards; dal 2013 è legata al presentatore televisivo Toby Anstis.

È nonna della modella Riley Keough.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN13104246 · LCCN: (ENn85015049 · ISNI: (EN0000 0001 2021 1532 · GND: (DE118818007 · BNF: (FRcb12711060z (data)