Oltrepò Pavese (vino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La denominazione Oltrepò Pavese è riservata ai vini DOC la cui produzione è consentita nella zona chiamata Oltrepò Pavese compresa nella fascia collinare della provincia di Pavia a sud del Po. A partire dalla vendemmia 2007 è stata riconosciuta la DOCG al vino spumante Oltrepò Pavese metodo classico. La DOC è stata riconosciuta con DPR del 06/08/1970, e successive modifiche (l'ultima con DM 30/11/2011)[1].

L'area di produzione comprende per intero i seguenti comuni: Borgo Priolo, Borgoratto Mormorolo, Bosnasco, Calvignano, Canevino, Canneto Pavese, Castana, Cecima, Godiasco, Golferenzo, Lirio, Montalto Pavese, Montecalvo Versiggia, Montescano, Montù Beccaria, Mornico Losana, Oliva Gessi, Pietra de' Giorgi, Rocca de' Giorgi, Rocca Susella, Rovescala, Ruino, San Damiano al Colle, Santa Maria della Versa, Torrazza Coste, Volpara, Zenevredo, e in parte i seguenti: Broni, Casteggio, Cigognola, Codevilla, Corvino San Quirico, Fortunago, Montebello della Battaglia, Montesegale, Ponte Nizza, Redavalle, Retorbido, Rivanazzano, Santa Giuletta, Stradella, Torricella Verzate.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

La DOC prevede ben 36 diverse tipologie di vini. Bisogna inoltre notare che nel 2010 cinque altre tipologie hanno ottenuto lo status di DOC a sé. Le tipologie attualmente previste dal disciplinare sono:

I seguenti vini, già tipologie della DOC Oltrepò Pavese, sono divenute invece DOC a sé:

mentre dal Rosso è stata distinta la doc Casteggio.

Vitigni[modifica | modifica wikitesto]

Il Disciplinare prevede per la DOC Oltrepò Pavese i seguenti vitigni:

Per i vini monovitigno si prevede normalmente l'utilizzo del vitigno omonimo per almeno l'85%; i vini polivitigno hanno la seguente base ampelografica:

  • Il Rosso e il Rosato: Barbera: dal 25% al 65%; Croatina: dal 25% al 65%; Uva rara, Ughetta (Vespolina) e Pinot nero: fino a un massimo del 45%; altri vitigni a bacca rossa, non aromatici, idonei alla coltivazione nella Regione Lombardia:

congiuntamente o disgiuntamente, fino a un massimo del 15%.

  • Il Bianco: Riesling e/o Riesling italico: minimo 60%;Pinot nero o altri vitigni a bacca bianca, non aromatici, idonei alla coltivazione nella Regione Lombardia, fino ad un massimo del 40%.
  • Il Riesling: Riesling e/o Riesling italico: minimo 85%;Pinot nero, Pinot grigio e Pinot bianco: congiuntamente o disgiuntamente, fino a un massimo del 15%.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Disciplinare sul sito del Ministero delle politiche agricole

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici