Nowhere Boy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nowhere Boy
Nowhere Boy.jpg
Aaron Johnson in una scena del film.
Titolo originale Nowhere Boy
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito, Canada
Anno 2009
Durata 98 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere drammatico, biografico
Regia Sam Taylor-Wood
Soggetto Julia Baird
Sceneggiatura Matt Greenhalgh
Casa di produzione Aver Media, Ecosse Films, Film4, Lipsync Productions, North West Vision, UK Film Council
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Seamus McGarvey
Montaggio Lisa Gunning
Musiche Alison Goldfrapp, Will Gregory
Scenografia Alice Normington
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Nowhere Boy è un film biografico del 2009, debutto alla regia dell'artista concettuale Sam Taylor-Wood, incentrato sull'adolescenza di John Lennon.

Il film si basa sul libro Imagine: Growing Up with My Brother John Lennon (traducibile in Imagine: crescendo al fianco di mio fratello John Lennon) scritto da Julia Baird, sorellastra di Lennon. Il film racconta l'adolescenza di Lennon e i suoi primi approcci alla musica, l'amicizia con Paul McCartney pre-Beatles e il rapporto con due figure femminili importanti, la zia, Mimi Smith, e la madre, Julia Lennon.

John Lennon è interpretato da Aaron Johnson, Thomas Sangster interpreta Paul McCartney, mentre Kristin Scott Thomas e Anne-Marie Duff sono rispettivamente zia e la madre di Lennon.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Liverpool, fine anni '50. John è uno studente svogliato che vive con gli zii Mimi e George. Non sa nemmeno dove siano i suoi genitori, fin quando, dopo la morte dello zio, non incontra la mamma Julia. Questa abita a pochissima distanza da lui e vive con un compagno e le sue due piccole figlie. Tra Julia e John nasce una grande complicità tanto che quando lui viene sospeso dalla scuola dopo l'ennesima bravata, di nascosto da Mimi, lei lo ospita in casa insegnandogli a suonare il banjo e introducendolo all'ascolto della musica rock.

John si appassiona al rock e, comprata la prima chitarra, forma un gruppo, The Quarrymen, con alcuni compagni di scuola. Di esibizione in esibizione il gruppo cresce di popolarità e presto vi si aggiunge un nuovo elemento esterno alla scuola, il giovane Paul, talentuoso chitarrista. Al compimento dei diciassette anni, John vuole che gli si sveli la fine del padre. Questo scaturisce un doloroso ma inevitabile confronto, nel quale Mimi svela finalmente al ragazzo la verità sulla sua infanzia e sul comportamento sconsiderato della madre. Julia, con John piccolissimo, lasciò il marito Alf per mettersi con un altro uomo col quale ebbe un'altra figlia, data poi in adozione. Alf, di ritorno da uno dei suoi lunghi viaggi per mare, decise di portare il bambino con sé in Nuova Zelanda ma Julia si oppose e allora fu chiesto di scegliere al piccolo John, di soli cinque anni. Lui scelse il padre ma qui intervenne Mimi che forzò le cose per tenere il bambino con sé.

John, scombussolato dalle rivelazioni sul suo passato, decide di andare via di casa. Nei giorni seguenti Julia e Mimi tornano a frequentarsi affettuosamente per la gioia di John, passato a studiare in una scuola d'arte, e tornato anche lui in buoni rapporti con la madre. Questa però muore improvvisamente, investita da un auto.

John segue ormai la sua strada ma tempo dopo dovrà chiedere alla zia il permesso per ottenere il passaporto per andare all'estero con il suo nuovo gruppo. Da un messaggio sulla scena finale del film, in cui il ragazzo lascia sua zia e la sua casa di Liverpool, apprendiamo che John chiamò Mimi appena arrivato ad Amburgo e così continuò ogni settimana, fino alla fine della sua vita.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese sono iniziate a Liverpool ed agli Ealing Studios l'8 marzo 2009. Per il film è stato stanziato un budget che ammonta a più di un milione di sterline dal UK Film Council Premier Fund,[1] inoltre ha ricevuto una sovvenzione da Film4, la divisione del cinema di Channel 4.[2]

Thomas Sangster, già capace di suonare la chitarra con la destra, ha dovuto imparare ad utilizzare la sinistra per interpretare il mancino McCartney, nelle scene in cui Lennon e McCartney stanno formando la band dei The Quarrymen, poi rinominata in The Beatles. I produttori del film hanno negoziato con Yoko Ono per utilizzare i brani di Lennon nel film,[3] che si vanno ad aggiungere alla colonna sonora curata dal duo elettronico Goldfrapp.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Icon Film Distribution ha distribuito il film in Gran Bretagna il 26 dicembre 2009, la Mars Distribution ha ottenuto i diritti per la distribuzione in Francia mentre la The Weinstein Company si è occupata della distribuzione della pellicola negli Stati Uniti, Germania e America Latina.

L'anteprima mondiale del film è avvenuta il 29 ottobre 2009 durante la serata conclusiva del London Film Festival.[4] Il 13 novembre 2009 il film ha aperto la 27ª edizione del Torino Film Festival.[5] La 01 Distribution ha distribuito la pellicola in Italia il 3 dicembre 2010.

Il 14 maggio 2011, gli Abbey Road[6], nota tribute band italiana dei Beatles, in collaborazione con 01 Distribution e Rai Cinema, ne ha ufficializzato l'uscita in DVD e Blu-Ray a Milano, con un concerto dedicato interamente all'adolescenza di John.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La scena iniziale del film è una citazione della scena iniziale di A Hard Day's Night, film in cui recitarono i Beatles, dove si vedono i quattro scappare dai loro fan, accompagnati dalla canzone che ha dato il nome al film (di cui può essere sentito il primo celeberrimo accordo) e inciampare come il giovane Lennon (a inciampare nel vero film è Harrison).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Lennon childhood film gets grant, news.bbc.co.uk. URL consultato l'8-11-2009.
  2. ^ (EN) Kristin Scott Thomas joins 'Nowhere', variety.com. URL consultato l'8-11-2009.
  3. ^ (EN) When it comes to the young Beatles, all you need is Thomas, dailymail.co.uk. URL consultato l'8-11-2009.
  4. ^ (EN) Sam Taylor-Wood's Nowhere Boy to close London Film Festival, screendaily.com. URL consultato l'8-11-2009.
  5. ^ Nowhere Boy inaugurerà Torino 2009, filmisnow.it. URL consultato l'8-11-2009.
  6. ^ Gli "Abbey Road" per l'uscita in DVD di "Nowhere Boy", newspettacolo.com. URL consultato il 12-05-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema