Maria Carolina d'Asburgo-Lorena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima sorella morta durante l'infanzia, vedi Maria Carolina d'Asburgo-Lorena (1740-1741).
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Camillo Landini - Ritratto di Maria Carolina d'Austria (1787).jpg
Maria Carolina d'Austria
(ritratto, del 1787, di Camillo Landini).
Regina consorte di Napoli
Stemma
In carica 12 maggio 1768 – 23 gennaio 1799
13 giugno 1799 – 30 marzo 1806
Predecessore Maria Amalia di Sassonia
Successore Julie Clary
Regina consorte di Sicilia
In carica 12 maggio 1768 –
8 settembre 1814
Predecessore Maria Amalia di Sassonia
Successore Titolo soppresso
Nome completo Maria Karolina Luise Josepha Johanna Antonia
Altri titoli Arciduchessa d'Austria
Principessa reale di Ungheria
Principessa reale di Boemia
Principessa reale di Toscana
Principessa reale di Croazia e Slavonia
Principessa reale di Germania
Principessa imperiale del S.R.I.
Nascita Hofburg, Vienna, 13 agosto 1752
Morte Castello di Hetzendorf, Vienna, 8 settembre 1814
Luogo di sepoltura Cripta Imperiale, Vienna
Casa reale Asburgo-Lorena
Padre Francesco I di Lorena
Madre Maria Teresa d'Austria
Consorte Ferdinando I delle Due Sicilie
Figli Maria Teresa
Maria Luisa
Francesco I
Maria Cristina
Maria Amalia
Maria Antonia
Leopoldo
Firma Signature of Maria Carolina of Austria signing as Charlotte in 1790.jpg

Maria Carolina Luisa Giuseppa Giovanna Antonia d'Asburgo-Lorena, nota semplicemente come Maria Carolina d'Austria (Vienna, 13 agosto 1752Vienna, 8 settembre 1814), nata arciduchessa d'Austria, fu regina consorte di Napoli e Sicilia come moglie di Ferdinando IV di Napoli e III di Sicilia.

Era la tredicesima dei figli dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria e dell'imperatore Francesco I. Per suggellare un'alleanza con i Borbone di Spagna, nel 1768 venne data in sposa al re Ferdinando IV di Napoli, figlio di Carlo III di Spagna. Dall'unione nacquero diciotto figli e, dopo la nascita del primo erede maschio nel 1775, in base ai termini del contratto nuziale, Maria Carolina ebbe accesso al consiglio privato della corona.

Intelligente e volitiva, riuscì a imporsi come figura di comando e de facto governò il regno di Napoli. Maria Carolina promosse Napoli come centro culturale, patrocinando artisti, tra cui i pittori Jakob Philipp Hackert e Angelika Kauffmann, e accademici come Gaetano Filangieri, Domenico Cirillo e Giuseppe Maria Galanti, non restando indifferente al vivace dibattito illuminista.

La regina promosse numerose riforme, tra cui la revoca del divieto di associazione massonica e l'ampliamento della marina militare, affidata al suo favorito John Acton, e riuscì a sganciare Napoli dall'influenza del regno spagnolo.

Durante la Rivoluzione francese, Maria Carolina abbandonò la sua posizione di sostenitrice del dispotismo illuminato e si schierò invece tra i più strenui conservatori dopo l'esecuzione della regina di Francia Maria Antonietta, la prediletta tra le sue sorelle. Scandalizzata dal trattamento riservato alla sorella, la regina di Napoli sviluppò un forte sentimento antifrancese e si alleò con la Gran Bretagna e l'Austria contro la Francia durante le guerre rivoluzionarie francesi e napoleoniche.

Fuggì in Sicilia insieme al marito dopo l'invasione francese della parte continentale del regno, dove fu proclamata la Repubblica Napoletana nel gennaio del 1799. Sei mesi dopo, tornata sul trono, Maria Carolina fu tra i principali sostenitori delle sentenze di morte emesse contro i rivoluzionari, tra cui un gran numero di quegli intellettuali un tempo da lei sostenuti. Fu deposta nuovamente dalle forze napoleoniche nel 1806 e trascorse i suoi ultimi anni in esilio a Vienna, dove morì nel 1814, poco prima di poter assistere alla restaurazione dei Borbone sul trono delle Due Sicilie.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Maria Carolina da bambina. Disegno di Jean-Étienne Liotard (1762).

Nata il 13 agosto 1752 al castello di Schönbrunn, a Vienna, Maria Carolina era la tredicesima e decima dei figli sopravvissuti di Francesco I, Sacro Romano Imperatore e Maria Teresa d'Austria, sovrana dei domini asburgici. Fu battezzata con i nomi Maria Karolina Luise Josepha Johanna Antonia. I suoi padrini furono il re di Francia Luigi XV e sua moglie Maria Leszczyńska.[1][2] In famiglia, tuttavia, fu sempre chiamata con una variante francese del suo nome, Charlotte.

Crescendo l'arciduchessa sviluppò un carattere impulsivo, volitivo e dominante, che si incastrava perfettamente con la perseveranza e la capacità di applicazione che dimostrava nelle proprie azioni.[3] L'imperatrice si ritrovò più volte a riprenderla per la caparbietà e l'alterigia che dimostrava[4], anche se ammise che era la figlia che più le somigliava.[5]

Inizialmente allevata al margine della corte assieme ai fratelli più giovani, Carlotta instaurò un legame simbiotico con la sorella più giovane, Antonia, che era dipendente dal suo affetto. Nell'agosto 1767, Maria Teresa separò le due adolescenti, finora allevate insieme quasi come gemelle, a causa del loro comportamento eccessivamente goliardico nei confronti della loro insegnante: «Ti tratterò come una persona grande» affermò l'imperatrice a Carlotta.[6] La contessa Brandis, educatrice delle arciduchesse, venne sostituita dalla contessa Lerchenfeld.

Durante la giovinezza, Carlotta studiò il latino, le scienze, le lingue (anche se trovò sempre difficoltà nello scrivere correttamente in italiano), risultando gradevole anche nella danza, nella musica e nell'equitazione.[4]

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 1767, la sorella maggiore di Maria Carolina, Maria Giuseppina, destinata a sposare Ferdinando IV di Napoli come parte di un'alleanza con la Spagna, morì durante un'epidemia di vaiolo.[7] Ansioso di salvare l'alleanza austro-spagnola, Carlo III di Spagna, padre di Ferdinando IV, chiese che Maria Giuseppina fosse rimpiazzata con una delle sue sorelle. L'imperatrice propose Maria Amalia o Maria Carolina e la corte di Madrid, che trattava per conto di quella di Napoli, optò per quest'ultima.[8][9]

Maria Carolina reagì male al suo fidanzamento, piangendo, pregando e dicendo che i matrimoni napoletani erano sfortunati.[8] Le sue obiezioni, tuttavia, non tardarono la sua preparazione per il suo nuovo ruolo di regina di Napoli dalla sua governante, la contessa Lerchenfeld.[10] La stessa imperatrice dette alla figlia istruzioni sui doveri domestici e politici: «Non fare paragoni tra le nostre abitudini e le loro [...] Sii una tedesca nel tuo cuore, e nella rettitudine della mente; in tutto ciò che non ha importanza, invece, ma non in quel che è male, devi sembrare napoletana», l'avrebbe ammonita in seguito per lettera.[11]

Ferdinando IV di Napoli ventenne, probabile ritratto di Giuseppe Bonito.

Il 7 aprile 1768, Maria Carolina sposò Ferdinando IV di Napoli per procura, con il proprio fratello Ferdinando a rappresentanza dello sposo: la cerimonia avvenne nella chiesa degli Agostiniani lussuosamente addobbata.[12] Partì verso Napoli nel pomeriggio dello stesso giorno.

Il viaggio verso Napoli della regina sedicenne fu ricco di feste e banchetti, durante i quali ricevette il consenso generale.[13] A Mantova fu accolta dal duca di Parma, mentre a Bologna trovò ad accoglierla suo fratello maggiore Leopoldo, granduca di Toscana, e sua moglie Maria Luisa di Spagna, che la accompagnarono a Firenze e poi a Roma.[14][15] Nell'Urbe ricevette i complimenti da parte di Papa Clemente XIII e gli omaggi dei napoletani residenti a Roma.[16]

Entrò nel regno di Napoli il 12 maggio 1768, dove a Terracina prese congedo dai suoi nativi attendenti. Il seguito restante, compresi i granduchi di Toscana, si recarono a Portella, dove ella incontrò suo marito in un padiglione eretto per l'occasione. Il marito la scortò in una vettura da viaggio fino a Caserta dove gli sposi celebrarono le nozze in chiesa e passarono la notte. A chi gli chiese un commento sulla giovane moglie, Ferdinando rispose dopo la loro prima notte insieme: «Dorme come un'ammazzata e suda come un porco».[17]

Anche Maria Carolina si trovò estremamente a disagio con il marito: «Confesso apertamente che preferirei morire piuttosto che rivivere un'altra volta tutto ciò che mi è capitato» scrisse alla madre.[18] In una lettera alla governante definì Ferdinando «molto brutto», precisando che tuttavia si sarebbe abituata, trovando irritante il fatto che si credesse più bello e intelligente di quanto non fosse.[19][18] La nostalgia di casa la attanagliava, ma riuscì in poco tempo a guadagnarsi l'affetto del marito, convincendolo che fosse innamorata di lui.[20]

Sovrana di Napoli[modifica | modifica wikitesto]

La giovane regina Maria Carolina ritratta da Anton Raphael Mengs (1768).

La presa di potere[modifica | modifica wikitesto]

A Maria Carolina non piaceva suo marito, tuttavia non fu di ostacolo per la nascita di bambini, poiché il suo dovere più importante di moglie era quello di perpetuare la dinastia. In totale, Maria Carolina partorì a Ferdinando diciotto figli, di cui sette sopravvissero all'età adulta, compreso il suo successore Francesco I, l'ultima Imperatrice del Sacro Romano Impero, una Granduchessa di Toscana, l'ultima Regina dei Francesi e una Principessa delle Asturie.

Ferdinando, dopo aver ricevuto una formazione poco brillante dal principe di San Nicandro, mancava della capacità di governare, affidandosi completamente al consiglio di reggenza voluto da suo padre Carlo III di Spagna, trasmesso da Bernardo Tanucci[21], fino alla maggiore età nel gennaio 1767.

Conformemente alle istruzioni dell'Imperatrice Maria Teresa, la regina Maria Carolina si guadagnò la fiducia di Ferdinando fingendo di avere interesse per la sua attività preferita, la caccia.[22] Anche la nascita dei primi due figli maschi, nel 1775 e nel 1777, favorì l'intesa, e portò la regina a far parte dal 1775 del Consiglio di stato, esautorando presto il Tanucci (licenziato nel 1777), nel consigliare il re. L'ingresso della regina nel consiglio determinò un progressivo cambiamento della politica borbonica, la quale divenne progressivamente filoaustriaca.[23]

Nei primi anni di regno si mostrò favorevole alle idee illuministiche, come sua madre e suo fratello maggiore, guadagnandosi la stima di letterati e progressisti, che speravano in una politica di rinnovamento. I suoi primi vent'anni di regno furono incentrati sul rinnovamento dell'apparato politico-economico. Al suo dispotismo illuminato si deve la nascita dello Statuto di San Leucio, la prima raccolta di leggi pensata da una donna nell'interesse delle donne, voluto per normare la vita nella Real Colonia di San Leucio, nel Regno di Napoli. Qui, dal 1789 al 1799, donne e uomini vissero da uguali, ebbero pari compensi, stesse prerogative, la possibilità di studiare e alle donne erano riconosciuti gli stessi diritti degli uomini, e tra questi quello alla eredità, alla proprietà, all'educazione dei figli e alla scelta del compagno. Sostenitrice per decenni della massoneria più progressista e illuminata, si circondò di donne e uomini che avevano idee di cambiamento.

Divenne intima amica di Emma Hamilton, moglie dell'ambasciatore inglese, per ottenere l'appoggio dell'Inghilterra.

Quando scoppiò la Rivoluzione Francese, racconta Benedetto Croce, ella disse: «credo che abbiano ragione». Ma se fino ad allora si era parlato di monarchia illuminata, la rivoluzione cambiò i programmi e si chiese e rivendicò la Repubblica.

La controrivoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Maria Antonietta, regina di Francia, sorella prediletta di Maria Carolina, ritratta da Élisabeth Vigée-Le Brun. Fu in risposta al suo trattamento da parte durante la rivoluzione francese che la regina di Napoli si alleò con la Gran Bretagna durante le guerre rivoluzionarie francesi.[24]
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Controrivoluzione.

Le idee illuministe della regina crollarono definitivamente con la decapitazione di sua sorella minore, la regina Maria Antonietta. Sentendosi tradita da quelli che erano stati i suoi più cari amici, diede inizio ad una caccia ai giacobini insieme a John Acton, attuando con mano ferma una controrivoluzione.[25]

Maria Carolina fu così inorridita da quell'evento che si rifiutò di continuare a parlare francese e vietò la diffusione delle opere filosofiche di Galanti e Filangeri, che fino ad allora avevano goduto del patrocinio della regina. Nel 1794, dopo la scoperta di un complotto giacobino per rovesciare il governo, Maria Carolina ordinò la soppressione della massoneria, di cui era una volta aderente, credendo che i suoi adepti avessero partecipato al complotto assieme ai francesi.[25] L'esercito fu mantenuto perennemente mobilitato in caso di attacco improvviso, causando un enorme aumento della tassazione.[26] In un clima di terrore generale che serpeggiava per Napoli e temendo per la sicurezza della sua famiglia, Maria Carolina iniziò a far assaggiare il cibo e a cambiare quotidianamente gli appartamenti della famiglia reale.[27]

La cessazione delle ostilità franco-spagnole nell'estate del 1795 dette la possibilità all'esercito francese, guidato dal generale Napoleone Bonaparte, di concentrarsi sulla campagna italiana. I rapidi successi di Bonaparte nel Nord Italia costrinsero Maria Carolina a iniziare dei trattati di pace, secondo i quali Napoli avrebbe dovuto pagare alla Francia un'indennità di guerra di 8 milioni di franchi: ma nessun paese aveva intenzione di rispettare a lungo questa pace.[28]

Il matrimonio del figlio maggiore Francesco, duca di Calabria, con l'arciduchessa Maria Clementina d'Austria nel 1797, offrì a Maria Carolina una breve tregua di guerra, che aveva influito molto sulla sua salute.[29] Il 20 maggio 1798, Maria Carolina entrò in un'alleanza segreta difensiva con l'impero austriaco, in risposta all'occupazione francese degli Stati pontifici, che condividevano il confine con il regno di Napoli. A seguito della vittoria britannica nella battaglia del Nilo, la sovrana decise di aderire alla Seconda Coalizione contro la Francia.[30] Nella reggia di Caserta si tennero riunioni del consiglio di guerra, che comprendono la regina, il re, il generale Mack (comandante dell'esercito, nominato dagli austriaci), l'ambasciatore inglese Sir William Hamilton e l'ammiraglio Nelson, vincitore del Nilo.[30] Il consiglio prese la decisione di promuovere un intervento militare contro la Repubblica Romana, uno stato fantoccio francese.

La Repubblica Napoletana[modifica | modifica wikitesto]

Napoli nel 1799 - Festeggiamenti dei rivoluzionari
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Repubblica Napoletana (1799).

Quando il regno di Napoli e la Sicilia si unì alla Seconda Coalizione, Napoleone trovò la ragione per colpire duramente: nel gennaio del 1799 il generale francese Jean Étienne Championnet riuscì rapidamentead occupare Napoli, costringendo la famiglia reale a fuggire in Sicilia. Nell'esilio siciliano Maria Carolina continuò la sua politica controrivoluzionaria.

Il 24 gennaio 1799, le truppe francesi proclamarono a Napoli la Repubblica Napoletana, per ingraziarsi la popolazione. Durante il periodo repubblicano, il governo proclamò la libertà di stampa e furono preparate varie riforme. Tutto ciò durò poco: dopo soli sei mesi, la giovane repubblica cessò di esistere quando il Sanfedisti, l'esercito guidato dal cardinale Fabrizio Ruffo, attaccò ed invase Napoli (21 giugno 1799).

Il crollo della repubblica avvenne in gran parte grazie alla flotta inglese, che aveva fornito armi all'esercito reale. Quando tornò a Napoli, dopo la riconquista da parte del cardinale Ruffo, la Monarchia attuò una dura punizione, facendo giustiziare molti sostenitori della Repubblica, tra i quali Mario Pagano, Francesco Caracciolo e Eleonora Pimentel Fonseca, alla quale, separatasi dal marito, Maria Carolina aveva concesso un vitalizio e affidato la sua biblioteca, tra i beni a lei più cari.

Nel giugno 1800, Maria Carolina viaggiò con le sue tre figlie nubili e suo figlio più giovane Leopoldo, accompagnata da William, Emma Hamilton e Nelson verso Vienna, passando da Livorno, Firenze, Trieste, Laibach; giunse a destinazione due mesi dopo. Maria Carolina rimase due anni nella sua patria, dove organizzò matrimoni vantaggiosi per i figli. Nel circolo familiare, trascorse la maggior parte del tempo con la sua nipotina preferita, l'arciduchessa Maria Luisa, che più tardi diventerà la seconda moglie del suo nemico Napoleone.

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

La regina Maria Carolina ritratta da Costanzo Angelini.

Dopo il suo soggiorno a Vienna, Maria Carolina tornò a Napoli il 17 agosto 1802. Si dice che Napoleone abbia affermato che la regina era «l'unico uomo del Regno di Napoli».[31] Gli stati europei si preoccupavano del crescente potere di Napoleone, che raggiunse l'apice con la sua incoronazione imperiale il 18 maggio 1804. Nel 1805 l'Italia fu nuovamente al centro dell'interesse del nuovo imperatore, la cui corona recava l'iscrizione Rex totius Italiae. Da quel momento gli eventi si susseguirono rapidamente e Maria Carolina fu sorpresa dalla notizia della sconfitta dell'Austria nella battaglia di Austerlitz (2 dicembre 1805).

Napoleone non esitò a conquistare Napoli dove installò inizialmente come sovrano suo fratello Giuseppe Bonaparte e quattro anni più tardi il cognato Gioacchino Murat. La famiglia reale fu costretta a fuggire in Sicilia nel febbraio 1806. Durante il loro esilio, i rifugiati si basarono sull'aiuto della Gran Bretagna, ma dopo la morte dell'ammiraglio Nelson nella battaglia di Trafalgar (21 ottobre 1805), gli inglesi presero più potere sulla Corona borbonica scontrandosi con Maria Carolina. Nel 1813, re Ferdinando abdicò (seppur non ufficialmente), nominando il figlio Francesco reggente del regno. Questo privò la sovrana di qualsiasi influenza politica sulle sorti del regno, costringendola a lasciare la Sicilia per tornare a Vienna.

Durante il viaggio, ricevette la notizia della sconfitta di Napoleone nella battaglia di Lipsia il 19 ottobre 1813. Dopo un lungo viaggio attraverso Costantinopoli, Odessa, Lviv e Budapest, Maria Carolina giunse finalmente a Vienna nel gennaio 1814, dove avviò i negoziati per ripristinare il marito sul trono napoletano, innversendo il principe Metternich e l'imperatore Francesco I, suo genero e nipote.[32]

Maria Carolina morì senza vedere la sconfitta definitiva di Napoleone e la restaurazione del marito grazie al Congresso di Vienna: l'8 settembre 1814 fu trovata dalla sua cameriera riversa al suolo nella sua stanza nel castello di Hetzendorf, colpita mortalmente da un ictus.[33] Venne sepolta nella cripta dei Cappuccini, accanto ai resti della sua famiglia asburgica.

« Se, come ha suggerito Malraux, la grandezza di un uomo sta nella sua sfida al destino, Maria Carolina ebbe la sua parte di grandezza. Cercò almeno di raggiungere qualcosa al di fuori di se stessa, e perfino ebbe una certa malinconica magnificenza. »

(Harold Acton[34])

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Figli di Ferdinando I e Maria Carolina
Nome Nascita Morte Note
Principessa Maria Teresa Carolina Giuseppina di Napoli e Sicilia 6 giugno 1772 13 aprile 1807 Chiamata in onore della nonna materna Maria Teresa d'Austria, sposò il suo doppio cugino di primo grado Francesco II, Sacro Romano Imperatore nel 1790 ed ebbe figli;
Principessa Maria Luisa Amalia Teresa di Napoli e Sicilia Palazzo Reale di Napoli, 27 luglio 1773 Palazzo Imperiale di Hofburg, 19 settembre 1802 Sposò il suo doppio cugino di primo grado Ferdinando III di Toscana ed ebbe figli;
Principe Carlo Tito Francesco Giuseppe di Napoli e Sicilia, Duca di Calabria, Principe Ereditario di Napoli Napoli, 4 gennaio 1775 17 dicembre 1778 Morì di vaiolo;
Principessa Maria Anna Giuseppa Antonietta Francesca Gaetana Teresa di Napoli e Sicilia 23 novembre 1775 22 febbraio 1780 Morì nell'infanzia;
Principe Francesco Gennaro Giuseppe Saverio Giovanni Battista di Napoli e Sicilia Napoli, 14 agosto 1777 Napoli, 8 novembre 1830 Sposò la sua doppia prima cugina l'Arciduchessa Maria Clementina d'Austria nel 1797 ed ebbe figli; sposò un'altra cugina, l'Infanta Maria Isabella di Spagna nel 1802 ed ebbe figli; fu Re delle Due Sicilie dal 1825 al 1830.
Principessa Maria Cristina Amalia Teresa di Napoli e Sicilia Palazzo di Caserta, 17 gennaio 1779 Savona, 11 marzo 1849 Sposò Carlo Felice di Sardegna nel 1807; non ebbe figli; fu lei che ordinò gli scavi di Tusculum;
Principessa Maria Cristina Amalia di Napoli e Sicilia Palazzo di Caserta, 17 gennaio 1779 Palazzo di Caserta, 26 febbraio 1783 Gemella della precedente; morì di vaiolo
Principe Gennaro Carlo Francesco di Napoli e Sicilia Napoli 12 aprile 1780 2 gennaio 1789 Morì nell'infanzia;
Principe Giuseppe Carlo Gennaro di Napoli e Sicilia Napoli, 18 giugno 1781 19 febbraio 1783 morì di vaiolo;
Principessa Maria Amalia Teresa di Napoli e Sicilia Palazzo di Caserta, 26 aprile 1782 Claremont House, 24 marzo 1866 Sposò Luigi Filippo d'Orleans, Duca d'Orléans, nel 1809 ed ebbe figli; in seguito sovrana di Francia; morì in esilio in Inghilterra;
Principessa Maria Carolina di Napoli e Sicilia Palazzo di Caserta, 19 luglio 1783 Palazzo di Caserta, 19 luglio 1783 morì appena nata;
Principessa Maria Antonietta Teresa Amalia Giovanna Battista Francesca Gaetana Maria Anna Lucia di Napoli e Sicilia Palazzo di Caserta, 14 dicembre 1784 Palazzo reale di Aranjuez, 21 maggio 1806 sposò suo cugino, l'Infante Ferdinando, Principe delle Asturie; morì di tubercolosi; non ebbe figli;
Principessa Maria Clotilde Teresa Amalia Antonietta Giovanna Battista Anna Gaetana Pulcheria di Napoli e Sicilia Palazzo di Caserta, 18 febbraio 1786 10 settembre 1792 Morì nell'infanzia;
Principessa Maria Enrichetta Carmela di Napoli e Sicilia Napoli, 31 luglio 1787 Napoli, 20 settembre 1792 Morì nell'infanzia;
Principe Carlo Gennaro di Napoli e Sicilia Napoli, 26 agosto 1788 Palazzo di Caserta, 1º febbraio 1789 Morì nell'infanzia;
Principe Leopoldo Giovanni Giuseppe Michele di Napoli e Sicilia Napoli, 2 luglio 1790 Napoli, 10 marzo 1851 Sposò sua nipote, l'Arciduchessa Clementina d'Austria ed ebbe figli;
Principe Alberto Ludovico Maria Filippo Gaetano di Napoli e Sicilia 2 maggio 1792 Morì a bordo della HMS Vanguard il 25 dicembre 1798
Principessa Maria Isabella di Napoli e Sicilia Napoli, 2 dicembre 1793 23 aprile 1801 Morì nell'infanzia;

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Arciduchessa Maria Carolina d'Austria Padre:
Francesco I di Lorena
Nonno paterno:
Leopoldo di Lorena
Bisnonno paterno:
Carlo V di Lorena
Trisnonno paterno:
Nicola II di Lorena
Trisnonna paterna:
Claudia Francesca di Lorena
Bisnonna paterna:
Eleonora Maria Giuseppina d'Austria
Trisnonno paterno:
Ferdinando III d'Asburgo
Trisnonna paterna:
Eleonora Gonzaga-Nevers
Nonna paterna:
Elisabetta Carlotta d'Orléans
Bisnonno paterno:
Filippo I, Duca d'Orléans
Trisnonno paterno:
Luigi XIII di Francia
Trisnonna paterna:
Anna d'Austria
Bisnonna paterna:
Elisabetta Carlotta di Baviera
Trisnonno paterno:
Carlo I Luigi del Palatinato
Trisnonna paterna:
Carlotta d'Assia-Kassel
Madre:
Maria Teresa d'Austria
Nonno materno:
Carlo VI d'Asburgo
Bisnonno materno:
Leopoldo I d'Asburgo
Trisnonno materno:
Ferdinando III d'Asburgo
Trisnonna materna:
Maria Anna di Spagna
Bisnonna materna:
Eleonora del Palatinato-Neuburg
Trisnonno materno:
Filippo Guglielmo del Palatinato
Trisnonna materna:
Elisabetta Amalia d'Assia-Darmstadt
Nonna materna:
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Bisnonno materno:
Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg
Trisnonno materno:
Antonio Ulrico di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna materna:
Elisabetta Giuliana di Schleswig-Holstein-Sonderborg-Norburg
Bisnonna materna:
Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen
Trisnonno materno:
Alberto Ernesto I di Oettingen-Oettingen
Trisnonna materna:
Cristina Federica di Württemberg

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Rosa d'Oro (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Rosa d'Oro (Santa Sede)
— 1790
Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa (Spagna)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lever, p. 411
  2. ^ Fu chiamata con lo stesso nome di due sue sorelle maggiori, Maria Carolina, morta due settimane prima del proprio primo compleanno, e Maria Carolina, che morì alcune ore dopo essere stata battezzata.
  3. ^ Coletti, pp. 9-10
  4. ^ a b Coletti, p. 10
  5. ^ Bearne, p. 53
  6. ^ Fraser, pp. 33-34, p. 42
  7. ^ Crankshaw, p. 274
  8. ^ a b Bearne, p 60.
  9. ^ Prima che il vaiolo facesse una strage nella famiglia imperiale, Maria Teresa aveva ipotizzato di far sposare Maria Carolina con Luigi Augusto, delfino di Francia (Fraser, p. 40).
  10. ^ Bearne, p. 62
  11. ^ Acton, p. 143, p. 147
  12. ^ Nel periodo precedente, l'arciduchessa aveva giurato sul Vangelo di rinunciare solennemente ai diritti di successione alla Corona imperiale e alle terre possedute dai genitori (Coletti, pp. 12-13).
  13. ^ «È una reginetta molto carina – scrisse l'ambasciatore inglese, che vide Maria Carolina a Bologna, a Horace Walpole – ma si teme che la sua estrema delicatezza ed ol suo buon senso le faranno sentire ancora di più la mancanza di queste cose nel suo Real Consorte, la cui deficienza in esse è stata certe volte interpretata come deficienza organica, [ma mi] si assicura che deriva soltanto dalla mancanza di educazione» (Acton, p. 144).
  14. ^ Acton, pp. 144-145
  15. ^ Bearne, p 67.
  16. ^ Maria Carolina non ricevette gli omaggi dei porporati napoletani, vittime delle ostilità fra la casa dei Borbone e la Santa Sede e alla diatriba che si scatenò riguardo a come si sarebbero dovuti presentare al cospetto della nuova regina. Su ordine del sovrano di Napoli avrebbero dovuto indossare la porposa cardinalizia, per il pontefice invece un abito da viaggio: alla fine nessuno si presentò per non incorrere nelle ire di alcuno (Acton, p. 145).
  17. ^ Acton, p. 146
  18. ^ a b Herre, p. 323
  19. ^ Acton, pp. 146-147
  20. ^ Acton, p. 147
  21. ^ Acton, p 114.
  22. ^ Acton, p 172.
  23. ^ Dizionario Biografico Treccani
  24. ^ Jackson, pp. 260-261
  25. ^ a b Davis, p. 76
  26. ^ Davis, p. 77
  27. ^ Bearne, p. 221
  28. ^ Bearne, p. 236
  29. ^ Bearne, p. 238
  30. ^ a b Bearne, p. 246
  31. ^ Riccardo Carafa, La Floridiana in Napoli nobilissima: rivista di topografia ed arte napoletana, Volume 1, p. 65.
  32. ^ Acton, p. 703
  33. ^ Acton, p. 705
  34. ^ Acton, p. 707

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H. Acton, I Borboni di Napoli, Milano, 1974.
  • R. Ajello, I filosofi e la regina. Il governo delle due Sicilie da Tanucci a Caracciolo (1776-1786), in «Rivista storica italiana», anno CIII, fsc. II e III, 1991, rispettivam. pp. 398-454 e 657-738.
  • C. M. Bearne, A Sister of Marie Antoinette: The Life-Story of Maria Carolina, Queen of Naples, T. Fisher Unwin, London, 1907.
  • A. Bordiga Amadei, Maria Carolina, Napoli, 1934.
  • S.V. Bozzo, Maria Carolina e le pubblicazioni di documenti a lei relative, in «Archivio Storico Siciliano», a.IV, fasc. I-II.
  • P. Calà Ulloa, Maria Carolina e la conquista del Regno di Napoli, Napoli, 1968.
  • A. Capece Minutolo, In confutazione degli errori storici e politici contro Sua Maestà l'Arciduchessa Maria Carolina d'Austria, defunta Regina di Napoli, Marsiglia, 1831.
  • E. Crankshaw, Maria Theresa, Longman Publishers: London, 1969.
  • A. Coletti, La regina di Napoli, Novara, 1986.
  • J. A. Davis, Naples and Napoleon: southern Italy and the European revolutions (1780–1860), Oxford University Press, Oxford, 2006
  • C. Di Somma Circello (a cura di), Corrispondance inédite de Marie Caroline avec le marquis de Gallo, Parigi, 1911.
  • M. D'Ayala, Angelica Kaufmann a Napoli, in «Napoli Nobilissima», XV, fasc.X, 1906.
  • A. Dumas, I Borboni di Napoli, Libro I, cap.V, Napoli, 1969.
  • A. Frugoni (a cura di), Maria Teresa d'Austria. Consigli matrimoniali alle figlie sovrane, Firenze, 1947.
  • G. Galasso (a cura di), Storia di Napoli. Dal viceregno alla Repubblica del 1799, v. VII, Cava de' Tirreni, 1972.
  • F. Herre, Maria Teresa. Il destino di una sovrana, Mondadori, Milano, 2000.
  • P. Lafue, Maria Teresa imperatrice e regina, Torino, 1958.
  • B. Maresca, Un documento di Maria Carolina riguardante la questione con la Spagna, in «Archivio Storico delle Province di Napoli», a. VI, 1881.
  • Maria Carolina, Lettere di viaggio, in «Archivio Storico Italiano», s. IV, t. III, 1879.
  • R. Palumbo (a cura di), Carteggio di Maria Carolina con Lady Emma Hamilton, Napoli, 1999.
  • A. Reumont, Maria Carolina regina delle Due Sicilie e i suoi tempi, Firenze, 1878.
  • M. Schipa, Come Maria Carolina d'Austria venne a regnare a Napoli, Roma, «Rendiconti dei Lincei», 1922.
  • G. Sodano e G. Brevetti (a cura di), Io, la Regina. Maria Carolina d'Asburgo-Lorena tra politica, fede, arte e cultura, Mediterranea ricerche storiche - Quaderni - n. 33, Palermo, 2016.
  • L. Tresoldi, La biblioteca privata di Maria Carolina d'Austria regina di Napoli, Roma, 1972.
  • K. Tschuppik, Maria Teresa, Milano, 1935.
  • J.A. Von Helfert, Konigin Karolina von Neapel und Sicilien im Kample gegen die franzosische weltherrschaft, Vienna, 1878.

Maria Carolina e la Massoneria[modifica | modifica wikitesto]

  • Bramato F., Napoli massonica nel Settecento, Ravenna, 1980
  • Chiosi E., Lo spirito del secolo. Politica e cultura nell'età dell'Illuminismo, Napoli, 1992
  • Zeffiro Ciuffoletti (a cura di), La massoneria e le forme della sociabilità nell'Europa del Settecento, in «Il Viesseux», IV, 11, 1991
  • D'Ayala M., I liberi muratori di Napoli nel sec.XVIII, in «Archivio Storico per le Province Napoletane», 1897 – 98
  • Ferrone V., I profeti dell'Illuminismo. Le metamorfosi della ragione nel tardo Settecento italiano, Roma – Bari, 1989
  • Francovich C., Storia della Massoneria in Italia. Dalle origini alla Rivoluzione Francese, Firenze, 1974
  • Giarrizzo G., Massoneria e Illuminismo nell'Europa del ‘700, Venezia, 1994
  • Jacob M.C., Massoneria illuminata. Politica e religione a Napoli nell'età dell'Illuminismo, Napoli, 1992
  • Trampus A., La massoneria nell'età moderna, Bari, 2001

La colonia di San Leucio[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., San Leucio: vitalità di una tradizione, Milano, Facoltà di Architettura, 1973
  • AA.VV., San Leucio: archeologia, storia, progetto, Milano, 1977
  • Alisio G., Siti reali dei Borbone, Napoli, 1976
  • Amari E., Critica di una scienza delle legislazioni comparate, Genova, 1857
  • Battaglini M., La manifattura reale di San Leucio tra assolutismo e Illuminismo, Roma, 1983
  • Bologna L., L'architetto, il consigliere, la regina santa, Caserta, 2004
  • Bulferetti L., L'assolutismo illuminato in Italia (1700-1789), Milano, 1944
  • Cavaso P., La real colonia di San Leucio: esempio di Illuminismo borbonico, in I Borbone di Napoli e la Rivoluzione Francese, a cura di Campanile M., Atti del Convegno 5-6/10/89, Caserta, 1991; pp.151-159
  • De Cesare G., Vita della venerabile serva di Dio Maria Cristina di Savoia, Roma, 1863
  • De Fusco R. – SBANDI F., Un centro comunitario del ‘700 in Campania, in «Comunità», a.XV, n.86, 1971
  • Galdi M., Analisi ragionata del Codice ferdinandino per la popolazione di San Leucio, Napoli, 1790
  • Kruft H.W., Le città utopiche. La città ideale dal XV al XVIII secolo tra utopia e realtà, Bari, 1990
  • Libertini A., Una giornata a San Leucio nell'anno di grazia 1789, Caserta, 1980
  • Patturelli F., Caserta e San Leucio, Napoli, 1826
  • Schiavo A., Riflessi degli statuti leuciani nell'urbanistica di Ferdinandopoli, Caserta, 1986
  • Stefani S., Una colonia socialista nel Regno dei Borbone: la Colonia di San Leucio presso Caserta, Roma, 1907
  • Tescione G., San Leucio e l'arte della seta, Napoli, 1932
  • Verdile Nadia, De Uthopia, Caserta, Isa Edizioni, 2006
  • Verdile Nadia (introduzione di), "L'utopia di Carolina. Il Codice delle Leggi leuciane", Napoli, Regione CAmpania, Stamperia Digitale, 2007
  • Verdile Nadia, Tra leggi illuminate e lettere private: il 1789 di Maria Carolina d'Asburgo, in "Archivio per la Storia delle Donne", V, 2008; pp. 71–106

Storia del Regno di Carolina e Ferdinando IV[modifica | modifica wikitesto]

  • Acton H., I Borbone di Napoli, Milano, 1974
  • Arrighi G.M., Saggio storico per servire di studio alle rivoluzioni politiche e civili del Regno di Napoli, Napoli, 1808
  • Butta G., I Borbone di Napoli al cospetto di due secoli, Napoli, 1977
  • Cantù C., Storia di Cento anni, Milano, 1851
  • Carducci G., Opere, v. XVI, Del Risorgimento italiano, Bologna, 1905
  • Ciasca R., Aspetti della società e dell'economia del Regno di Napoli nel sec. XVIII, in «Rivista Internazionale di Scienze e discipline ausiliari», 1933
  • Colletta P., Storia del reame di Napoli, Capolago, 1834
  • Coniglio G., I Borbone di Napoli, Bologna, 1981
  • Croce B., Storia del Regno di Napoli, Bari, 1965
  • De Filippis F., Il Palazzo Reale di Caserta e i Borbone di Napoli, Cava de' Tirreni, 1968
  • De Majo S., Breve storia del regno di Napoli. Da Carlo di Borbone all'Unità d'Italia (1734 – 1860), Roma, 1986
  • De Ruggiero G., Il pensiero politico meridionale nei secoli XVIII e XIX, Bari, 1922
  • De Sangro M., I Borbone nel regno delle Due Sicilie, Como, 1884
  • Del Pozzo L., Cronaca civile e militare delle Due Sicilie sotto la dinastia borbonica: dall'anno 1734 in poi, Napoli, 1857
  • Dumas A., I Borboni di Napoli, Napoli, 1969
  • Galasso G., La filosofia in soccorso dei governi: la cultura napoletana del settecento, Napoli, 1989
  • Galasso G. (a cura di), Storia di Napoli. Dal viceregno alla repubblica del 1799, v.VII, Cava de' Tirreni, 1972
  • Greppi E., La caduta del Tanucci, in «Archivio Storico Italiano», t.VI, 1880
  • Jacobitti G.M., I Borbone di Napoli e la Rivoluzione francese, in Atti del convegno a cura di Campanile M., Caserta, 1991
  • Lemmi F., Le origini del Risorgimento italiano (1748 – 1815), Milano, 1924
  • Morisani O., Pittori tedeschi a Napoli nel ‘700, Napoli, 1943
  • Nuzzo G., La monarchia delle Due Sicilie tra ancien régime e rivoluzione, Napoli, 1972
  • Pugliese Carratelli G., Il settecento, Napoli, 1999
  • Schipa M., Nel regno di Ferdinando IV di Borbone, Firenze, 1938
  • Simioni A., Nell'intimità di una reggia. Lettere di Ferdinando IV a Carolo III di Spagna, in «Rassegna Storica del Risorgimento», a.XI, f.I, 1924
  • Valsecchi F., L'Italia nel Settecento (dal 1714 al 1788), Milano, 1959
  • Verdile Nadia (a cura di), Carolinopoli. L'utopia di una regina, Caserta, Saccone, 2004
  • Verdile Nadia, "Carissima compagna mia", Caserta, Garma, 2007
  • Verdile Nadia, Un anno di lettere coniugali, Caserta, Spring Edizioni, 2008
  • Villani P., Mezzogiorno tra riforme e rivoluzione, Bari, 1973
  • Wandruszka A., Il principe filosofo e il re lazzarone. Le lettere del granduca Leopoldo sul suo soggiorno a Napoli, in «Rivista Storica Italiana», a.LXXII (1960), pp. 501–510

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina consorte di Napoli Successore Greater Coat of Arms of Ferdinand IV of Naples.svg
Maria Amalia di Sassonia 17681799
17991806
Julie Clary
Predecessore Regina consorte di Sicilia Successore Coat of Arms of Ferdinand III of Sicily.svg
Maria Amalia di Sassonia 17681814 Titolo soppresso
Controllo di autoritàVIAF: (EN18022160 · ISNI: (EN0000 0000 8679 5350 · SBN: IT\ICCU\LO1V\091737 · LCCN: (ENn86095178 · GND: (DE118990209 · BNF: (FRcb14825712n (data) · ULAN: (EN500297632 · CERL: cnp00977852