Carlo d'Asburgo-Teschen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo d'Asburgo-Teschen
Georg Decker Archduke Charles - Duke of Teschen.jpg
L'arciduca Carlo d'Austria-Teschen,
in un ritratto postumo di Georg Decker.
5 settembre 1771 – 30 aprile 1847
SoprannomeArciduca Carlo
Nato aFirenze, Granducato di Toscana
Morto aVienna, Austria, Sacro Romano Impero
Cause della mortenaturali
Luogo di sepolturaCripta Imperiale, Vienna
Dati militari
Paese servitoBanner of the Holy Roman Emperor (after 1400).svg Sacro Romano Impero
Flag of the Habsburg Monarchy.svg Impero austriaco
Forza armataBanner of the Holy Roman Emperor (after 1400).svg Esercito del Sacro Romano Impero
Flag of the Habsburg Monarchy.svg Esercito imperiale austriaco
Anni di servizio1793-1809
Gradofeldmaresciallo
GuerreGuerre rivoluzionarie francesi
Guerre napoleoniche
BattaglieBattaglia di Jemappes
Azione di Aldenhoven
Battaglia di Neerwinden
Battaglia di Wattignies
Battaglia di Ettlingen
Battaglia di Rastatt
Battaglia di Fleurus
Battaglia di Altenkirken
Battaglia di Emmendingen
Battaglia di Ostrach
Battaglia di Stockach
Prima battaglia di Zurigo
Battaglia di Hohenlinden
Battaglia di Eckmühl
Battaglia di Aspern-Essling
Battaglia di Wagram
Decorazionicavaliere dell'Ordine del Toson d'oro
cfr. la bibliografia
voci di militari presenti su Wikipedia

Carlo d'Asburgo-Teschen, nato Carlo d'Asburgo-Lorena, arciduca d'Austria e duca di Teschen, noto anche semplicemente col nome di Arciduca Carlo (Firenze, 5 settembre 1771Vienna, 30 aprile 1847), è stato un feldmaresciallo, scrittore e teorico militare austriaco.

Rinomato comandante militare nel periodo compreso tra la Rivoluzione Francese e le Guerre Napoleoniche, fu uno dei principali generali austriaci che si opposero ai francesi di Napoleone nel corso di quattro guerre. Divenne particolarmente noto anche per aver condotto una capillare opera di riforma dell'esercito austriaco dopo il crollo del Sacro Romano Impero.

Fine e competente stratega, alcuni storici l'hanno definito "il duca di Wellington austriaco" per il suo conservatorismo, per le precauzioni sul campo di battaglia e per la sua competenza militare. Carlo fu però in questo una continua contraddizione: a livello pratico fu in netto contrasto coi propri scritti, dirigendo spesso manovre rischiose ed ottenendo la vittoria di fronte ad una sconfitta data ormai quasi per certa. Da teorico, la sua devozione al campo della cautela gli procurò delle critiche anche dal contemporaneo Carl von Clausewitz che ne contestò la rigidità dei movimenti e l'estrema aderenza ad una strategia meramente geografica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto giovanile dell'arciduca Carlo

Nato a Firenze nel 1771 come terzogenito, il padre di Carlo era il granduca Pietro Leopoldo di Toscana della dinastia degli Asburgo-Lorena (futuro imperatore), mentre sua madre era l'Infanta di Spagna Maria Ludovica di Borbone-Spagna (1745-1792), figlia del re Carlo III di Spagna. Suo zio paterno era l'imperatore Giuseppe II, mentre sua nonna paterna era la celebre imperatrice Maria Teresa d'Austria. Suo fratello maggiore fu l'imperatore Francesco II del Sacro Romano Impero.

Inizialmente destinato alla carriera ecclesiastica a causa delle salute malferma, minata da frequenti crisi epilettiche, manifestò ben presto uno spiccato interesse per la vita militare e i fatti d'arme.

Nel 1792, dopo la morte prematura dei suoi genitori, fu adottato da sua zia l'arciduchessa Maria Cristina e dal di lei marito Alberto di Sassonia-Teschen, coppia priva di figli, che favorirono le sue inclinazioni e lo resero erede del loro immenso patrimonio, fra cui il celebre palazzo di Vienna. Assunse pertanto da allora il cognome di Asburgo-Teschen che ebbe poi il privilegio di trasmettere ai suoi eredi.

La prima coalizione[modifica | modifica wikitesto]

Carlo d'Asburgo-Teschen
Duca di Teschen
In carica 10 febbraio 1822 –
30 aprile 1847
Predecessore Alberto di Sassonia-Teschen
Successore Alberto d'Asburgo-Teschen
Nome completo Carl Ludwig Johann Joseph Laurentius von Habsburg-Teschen
Trattamento Sua altezza imperiale e reale
Altri titoli Arciduca d'Austria
Principe reale di Ungheria
Principe reale di Boemia
Principe reale di Toscana
Principe reale di Germania
Principe imperiale del S.R.I.
Nascita Firenze, 5 settembre 1771
Morte Vienna, 30 aprile 1847
Luogo di sepoltura Cripta Imperiale, Vienna
Padre Leopoldo II d'Asburgo-Lorena
Madre Maria Ludovica di Borbone-Spagna
Consorte Enrichetta di Nassau-Weilburg
Figli Maria Teresa Isabella
Alberto Federico Rodolfo
Carlo Ferdinando
Federico Ferdinando
Rodolfo Francesco
Maria Carolina
Guglielmo
Religione cattolicesimo
Ritratto dell'arciduca Carlo nelle vesti di comandante militare nel 1800

Carlo trascorse la sua giovinezza tra la Toscana, Vienna ed i Paesi Bassi austriaci da dove effettivamente iniziò il proprio servizio militare a favore dell'Impero. Con lo scoppio della Rivoluzione Francese, infatti, egli ottenne da subito il comando di una brigata di fanteria con cui prese parte alla Battaglia di Jemappes (1792) e l'anno successivo ebbe modo di distinguersi dapprima nell'azione di Aldenhoven ed il 18 marzo 1793 partecipò alla Battaglia di Neerwinden (1793). Il 10 maggio dello stesso anno venne sconfitto dal generale francese Moreau a Ettlingen e il 14 luglio a Rastatt.

Nel periodo 1793/1794 fu governatore generale per l'Austria dei Paesi Bassi, perdendo l'incarico quando i francesi occuparono tale territorio. In quell'anno ottenne anche il rango di Feldmaresciallo Luogotenente e poco dopo divenne Feldzeugmeister, grado con cui prese partre alla Battaglia di Fleurus del 1794.

Dal 1796 al 1800 fu comandante in capo delle armate dell'esercito austriaco in Germania, in Svizzera e nel Nord Italia. Il 19 settembre 1796 sconfisse ad Altenkirken il generale francese Jourdan, costringendolo a riattraversare il Reno. Sconfisse anche il generale Moreau nella Battaglia di Emmendingen nell'ottobre di quello stesso anno, distinguendosi così come uno dei migliori ufficiali sul campo dell'epoca in tutta Europa. Nel 1797 venne inviato ad arrestare la vittoriosa marcia del generale Napoleone Bonaparte in Italia ma venne costretto a limitarsi ad organizzare la ritirata degli austriaci, operazione che ad ogni modo condusse con estrema professionalità grazie alle proprie doti.

La seconda coalizione[modifica | modifica wikitesto]

Nella campagna militare del 1799, l'arciduca si trovò ancora una volta contrapposto al generale Jourdan che era entrato in Germania al comando dell'Armata del Danubio. Carlo sconfisse i francesi nelle battaglie di Ostrach e Stockach, dopo il suo successo nell'invasione Svizzera, e sconfisse anche il generale Massena nella prima battaglia di Zurigo. Dopo questi fatti rientrò in Germania e respinse le truppe francesi ancora una volta sul Reno[1].

La terza coalizione[modifica | modifica wikitesto]

Apoteosi dell'arciduca Carlo come "Salvatore della Patria". Dipinto di Heinrich Friedrich Füger.
L'arciduca Carlo ritratto da Sir Thomas Lawrence

Le sue precarie condizioni di salute, ad ogni modo, lo costrinsero a ritirarsi in Boemia ma solo per breve tempo: erano i suoi stessi soldati ad acclamarlo nuovamente sul campo di battaglia e pertanto egli venne richiamato in servizio per intercettare l'avanzata del generale Moreau su Vienna. Il risultato fu la Battaglia di Hohenlinden che comunque non riuscì a fermare i francesi e costrinse l'arciduca all'armistizio che venne firmato a Steyr. La sua popolarità, ad ogni modo, era al proprio apogeo tanto che la Dieta imperiale, riunitasi a Ratisbona nel 1802, votò per erigergli una statua e concedergli il titolo di "Salvatore della Patria", onori che Carlo rifiutò entrambi.

Dal 1801 al 1809 presiedette il Consiglio Aulico e, supportato dalla propria figura militare, si dedicò alla riorganizzazione dell'esercito imperiale, provvedendo a svecchiare una serie di consuetudini ormai considerate obsolete e consentendo l'abolizione del servizio militare inteso come mestiere vero e proprio e provvedendo al suo posto all'istituzione del servizio di leva, della difesa territoriale (1808) e dei corpi d'armata: provvedette inoltre al miglioramento dell'artiglieria, dal punto di vista sia della dotazione di mezzi sia dell'addestramento. Nel 1801 divenne anche Gran Maestro dell'Ordine Teutonico.

Subito dopo la battaglia di Austerliz (1805) fu nominato Generalissimo dal fratello imperatore.

La quinta coalizione[modifica | modifica wikitesto]

L'arciduca Carlo nella Battaglia di Aspern-Essling, ritratto di Johann Peter Krafft.

Contrario all'entrata in guerra dell'Austria, che non riteneva ancora preparata militarmente ad affrontare Napoleone, fu chiamato "capo del partito della pace", ma non riuscì a dissuadere il fratello dall'entrare in guerra con la coalizione. Così si trovò a capo dell'offensiva contro i francesi il 9 aprile 1809.

Nella prima fase della guerra, l'arciduca passò all'offensiva in Baviera ma in pochi giorni Napoleone assunse il comando delle truppe francesi e con una serie di abili manovre disgregò e sconfisse ripetutamente l'esercito austriaco. L'arciduca non fu in grado di contrastare il nemico, si trovò in grave difficoltà e alla battaglia di Eckmühl in aprile rischiò di essere accerchiato. Egli riuscì tuttavia a ripiegare in due gruppi verso est, abbandonando Vienna.

In maggio l'arciduca riuscì a respingere un primo tentativo di Napoleone di superare il Danubio nella battaglia di Aspern-Essling, ma venne poi definitivamente sconfitto dall'imperatore nella battaglia di Wagram (5-6 luglio 1809); il 12 luglio riuscì a concludere l'armistizio a Znaim. L'imperatore Francesco gli tolse avventatamente il comando il 18 luglio.

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Quando l'Austria si unì ai suoi alleati nel corso della Sesta Coalizione, Carlo non ottenne alcun comando e l'incarico di comandante in capo delle forze austriache passò al principe di Schwarzenberg. Carlo decise così di ritirarsi a vita privata nel castello di Weilburg nel Baden, ad eccezione dell'anno 1815 quando venne nominato governatore della fortezza di Magonza. Durante questo periodo di ritiro, si dedicò alla scrittura in ambito militare e per questo ancora oggi è considerato uno dei migliori autori di letteratura militare del XIX secolo.

Nel 1822 succedette al padre adottivo nella reggenza del Ducato di Teschen.

Carlo morì a Vienna il 30 aprile 1847. È sepolto nella tomba n. 122 della Cripta Imperiale di Vienna.[2] Una statua equestre in suo onore è stata eretta nella Heldenplatz di Vienna nel 1860.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Carlo d'Austria-Teschen e la sua famiglia, ritratto di Johann Ender, 1832.

Dopo il Congresso di Vienna sposò la principessa di religione protestante Enrichetta di Nassau-Weilburg (17 settembre 1815). Fu un matrimonio felice nonostante la differente fede e ne nacquero sette figli. La moglie morì il 29 dicembre 1829 di scarlattina all'età di soli 32 anni. Dalla propria moglie, Carlo d'Austria-Teschen ebbe i seguenti eredi:

Il giudizio storico e militare[modifica | modifica wikitesto]

Statua dell'arciduca Carlo nella Heldenplatz di Vienna

La cautela con cui l'arciduca condusse la sua riforma dell'esercito austriaco durante gli anni della sua presidenza del Consiglio Aulico di stato, unitamente alle sue indiscusse capacità militari che furono chiaramente visibili sul campo ed alla sua popolarità in patria come all'estero, contribuirono a fare di Carlo d'Asburgo-Teschen una delle figure più importanti della storia militare austriaca d'inizio Ottocento e del periodo delle Guerre Napoleoniche.[3]

Secondo l'Encyclopedia Britannica (11ª edizione) la sua campagna militare condotta nel 1796 è considerata essere quella migliore sotto l'aspetto militare per la sua figura. Con la medesima forza fu in grado di sostenere le sconfitte del 1809 in parte per l'evidente superiorità numerica dei francesi e dei loro alleati, ed in parte per le condizioni delle truppe austriache da lui da poco riorganizzate.

Come scrittore militare, la sua posizione nell'evoluzione dell'arte della guerra è considerata particolarmente rilevante. Nei suoi scritti, in più punti, viene ripetuto il consiglio militare di non commettere azzardi e di mantenere la propria armata completamente al sicuro per quanto possibile, strategia che egli stesso applicò con straordinari risultati nella campagna del 1796. Egli evidenziò come il punto strategico fondamentale di una battaglia non sia da considerarsi la sconfitta dell'esercito avversario, ma il concepire che la vittoria dell'avversario possa rappresentare in un modo o nell'altro una minaccia alla sicurezza del proprio paese e pertanto questa massima deve essere sempre presente nella tesa del generale in comando di una operazione.

L'efficienza delle nuove strategie introdotte dall'arciduca si vide chiaramente anche molti anni dopo la morte dell'arciduca stesso, nella Battaglia di Königgrätz del 1866 come pure nella Battaglia di Montebello del 1859.

Sul campo di battaglia, l'arciduca Carlo ebbe competenze militari comparabili a quelle del duca di Wellington per gli inglesi. Il fatto che Wellington abbia ottenuto maggiore popolarità, va probabilmente ricercato nel fatto che egli si scontrò nel celebre faccia a faccia con Napoleone a Waterloo, la battaglia "che salvò l'Europa" e che per di più fu a capo di un'intera coalizione alleata. Al contrario, l'arciduca Carlo si scontrò più volte con Napoleone ma la sua pur utile tattica e la fervida immaginazione sul campo si dimostrarono insufficienti a battere decisivamente Napoleone. Con tutto ciò, Carlo può essere compreso a giusto merito nel pantheon dei personaggi famosi dell'epoca napoleonica assieme a Napoleone, al generale Louis Nicolas Davout, al principe Karl Philipp Schwarzenberg, al generale russo Aleksandr Suvorov, al generale prussiano Gebhard Leberecht von Blücher ed al già menzionato duca di Wellington.

La creazione dello staff dell'esercito[modifica | modifica wikitesto]

Quando Karl Mack von Leiberich divenne capo dello staff dell'esercito sotto il comando del principe Giosia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld nei Paesi Bassi, egli distribuì le Instruktionspunkte fur die gesamte Herren Generals, un documento dove, in 19 punti, veniva descritto il ruolo degli ufficiali dello staff. Nel 1796, l'arciduca Carlo approfondì questa tematica pubblicando le Observationspunkte scritte di suo pugno al punto che il suo capo dello staff scrisse: “Sua Eccellenza si concentra nel considerare tutte le possibilità correlate alle operazioni e non semplicemente allo svolgimento delle operazioni”.[4]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Carlo d'Asburgo-Teschen fu, come si è detto, anche importante teorico e scrittore militare, pubblicando nella sua carriera alcune opere sul tema:

  • Principi di strategia, Vienna, 1814
  • La campagna di Germania e di Svizzera nel 1799, Vienna, 1819

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Carlo d'Asburgo-Teschen Padre:
Leopoldo II d'Asburgo-Lorena
Nonno paterno:
Francesco I di Lorena
Bisnonno paterno:
Leopoldo di Lorena
Trisnonno paterno:
Carlo V di Lorena
Trisnonna paterna:
Eleonora Maria Giuseppina d'Austria
Bisnonna paterna:
Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans
Trisnonno paterno:
Filippo I di Borbone-Orléans
Trisnonna paterna:
Elisabetta Carlotta di Baviera
Nonna paterna:
Maria Teresa d'Austria
Bisnonno paterno:
Carlo VI d'Asburgo
Trisnonno paterno:
Leopoldo I d'Asburgo
Trisnonna paterna:
Eleonora del Palatinato-Neuburg
Bisnonna paterna:
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Trisnonno paterno:
Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna paterna:
Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen
Madre:
Maria Ludovica di Borbone-Spagna
Nonno materno:
Carlo III di Spagna
Bisnonno materno:
Filippo V di Spagna
Trisnonno materno:
Luigi, il Gran Delfino
Trisnonna materna:
Maria Anna di Baviera
Bisnonna materna:
Elisabetta Farnese
Trisnonno materno:
Odoardo II Farnese
Trisnonna materna:
Dorotea Sofia di Neuburg
Nonna materna:
Maria Amalia di Sassonia
Bisnonno materno:
Augusto III di Polonia
Trisnonno materno:
Augusto II di Polonia
Trisnonna materna:
Cristiana Eberardina di Brandeburgo-Bayreuth
Bisnonna materna:
Maria Giuseppa d'Austria
Trisnonno materno:
Giuseppe I d'Asburgo
Trisnonna materna:
Guglielmina Amalia di Brunswick-Lüneburg

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze austriache[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Teutonico - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Teutonico
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Maria Teresa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Maria Teresa

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore
«Almanacco Imperiale dell'anno 1811»
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea
Cavaliere dell'Ordine Imperiale di Sant'Alexander Nevsky - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Imperiale di Sant'Alexander Nevsky
Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Sant'Anna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Sant'Anna
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Rossa
Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro
Cavaliere di Gran Croce del Reale ordine di San Ferdinando e del merito - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del Reale ordine di San Ferdinando e del merito
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Giuseppe

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gunther E. Rothenberg, Napoleon’s great adversaries: Archduke Charles and the Austrian Army 1792–1814, Stroud (Gloucestershire), Spellmount, 2007, p. 74, ISBN 978-1-86227-383-2.
  2. ^ Archduke Charles' short biography in Napoleon & Empire website, displaying a photograph of his tomb in Vienna
  3. ^ G. E. Rothenberg, Napoleon's Great Adversary: Archduke Charles and the Austrian Army, 1792-1814. Staplehurst: Spellmount, 1995. ISBN 1873376405
  4. ^ Osterreichische Militärische Zeitschrift (Streffleur, Vienna) 1860 III, 229-233

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David G. Chandler, Le Campagne di Napoleone, Milano, R.C.S. Libri S.p.A., 1998, ISBN 88-17-11577-0
  • G. E. Rothenberg, Napoleon's Great Adversary: Archduke Charles and the Austrian Army, 1792-1814. Staplehurst: Spellmount, 1995. ISBN 1873376405
  • O. Criste, Erzherzog Carl (3 volumi), Vienna 1912
  • L. Eysturlid, The Formative Influences, Theories, and Campaigns of the Archduke Carl of Austria, 2000
  • H. Hertenberger e F. Wiltschek, Erzherzog Karl: der Sieger von Aspern, 1983

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN69724369 · ISNI (EN0000 0001 1827 6054 · LCCN (ENn82033059 · GND (DE118723049 · BNF (FRcb13516994r (data) · CERL cnp00398911