Flavio Manzoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Flavio Manzoni Salone dell'Auto di Parigi, 2018
Flavio Manzoni Salone dell'Auto di Parigi, 2018
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2014
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2016

Flavio Manzoni (Nuoro, 7 gennaio 1965) è un designer e architetto italiano.

Ricopre il ruolo di Senior Vice President del Design Ferrari dal gennaio 2010, che ha guidato nella realizzazione di tanti modelli Ferrari tra i quali la Ferrari F12berlinetta, in collaborazione con Pininfarina[1]; dalla sua matita nasce anche la prima ibrida del cavallino quale LaFerrari e nel 2014 viene premiato con il Compasso d'oro per il progetto F12berlinetta (insieme alla Pininfarina e al Centro stile Ferrari).[2]

Ha realizzato (insieme ad Alberto Dilillo) il concept Lancia Fulvia Coupé presentato al salone dell'automobile di Francoforte nel 2003[3], per le vetture Lancia Ypsilon e Lancia Musa vincitrici dell'“European Automotive Design Award”, ed è stato il direttore creativo del gruppo Volkswagen per gli anni 2000 e 2009.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia da studente universitario ad occuparsi di automotive design, collaborando con la rivista Auto realizzando bozzetti di fantasia di vetture prossime al debutto. Dopo la laurea in architettura, con specializzazione in disegno industriale, nel 1993 entra nel Centro Stile Lancia e tre anni più tardi diventa responsabile del design degli interni. Si occupa degli interni del concept Lancia Dialogos e degli interni di Maserati 3200 GT. Tre anni più tardi, nel 1999, si trasferisce a Barcellona alla SEAT, come responsabile del design degli interni realizzando gli interni della SEAT Altea e la SEAT León), e lavorando sulle concept car Salsa emoción e Tango.

Torna alla Lancia nel 2001 in qualità di direttore del Centro Stile occupandosi di concept ed esercizi di stile della Stilnovo e della Lancia Fulvia coupé[4]. Si occupa poi del progetto della Lancia Ypsilon e Lancia Musa.

Nel 2004 diventa direttore del centro stile FIAT, Lancia e Fiat LCV occupandosi dello sviluppo della produzione della Fiat Grande Punto e partecipando alla realizzazione di altre vetture della casa: la nuova 500, Fiorino e la Qubo.

Nel 2006, insieme ad altri autori, scrive il libro “L'automobile italiana” edito da Giunti, lo stesso anno passa al gruppo Volkswagen entrando in Audi, diventando nel febbraio del 2007 direttore artistico del polo "nord" del gruppo Volkswagen, dove inizia a lavorare su una nuova immagine stilistica dei marchi Volkswagen, Skoda, Bentley e Bugatti. Disegna il concept Up![5], seguito dal modello Scirocco[6] e il restyling della Volkswagen Golf, denominata Golf VI presentando la versione "Golf Plus" al Motorshow di Bologna 2008. Sempre nel 2007 diventa membro della giuria dell'iF-Award Product Design.[7]

Dal 12 gennaio 2010 è passato in Ferrari come direttore del design, sostituendo Donato Coco e realizzando per la prima volta nella storia del marchio un Centro Stile interno, completo e autonomo. La prima vettura di serie per cui ha curato lo sviluppo è stata la Ferrari FF. Ha presentato al salone di Parigi 2010 la roadster Ferrari SA Aperta. Nel 2012 ha presentato al salone di Ginevra la Ferrari F12berlinetta erede della Ferrari 599 GTB Fiorano e prima Ferrari sviluppata dal Centro Stile Ferrari in collaborazione con Pininfarina[8]. Con la F12berlinetta vince i premi Auto Bild Design Award 2012, come automobile più bella d'Europa, e il Volante d'oro. Nel 2013 realizza l'erede della Ferrari Enzo: LaFerrari. Ha curato l'alleggerimento e la ri-progettazione aerodinamica della Ferrari 458 Speciale.[9]

Nel 2011 Flavio Manzoni è inserito nella Hall of Fame della progettazione dell'automobile presso il Museo Nazionale dell'Automobile di Torino, Italia.

Ferrari F12 Berlinetta, premiata col Compasso d'oro

Nel maggio 2014 riceve a nome Ferrari il premio Compasso d'Oro, che premia il connubio tra tecnologia e design della Ferrari F12 Berlinetta.

A dicembre 2014 sul circuito di Yas Marina ad Abu Dhabi (EAU) viene presentata la FXX K (con la quale la Ferrari vince il secondo Compasso d'Oro), la più potente Ferrari di sempre, basata sull'architettura della prima ibrida di Maranello LaFerrari, che è un veicolo inedito, anche nel design curato da Manzoni.[10]

A dicembre 2016 viene presentata a Tokyo la Ferrari J50. Ideata da Flavio Manzoni insieme al centro stile Ferrari, è una sportiva prodotta in edizione limitata per celebrare i cinquant'anni di presenza Ferrari in Giappone.[11]

Tra gli ultimi suoi lavori[non chiaro] ci sono la F12 TdF (Tour de France), la versione più estrema della F12berlinetta, la Ferrari GTC4Lusso, sofisticata quattro posti coupé 690 HP, la sportscar 488GTB e la versione scoperta 488 Spider e la California T, con importanti innovazioni tecniche[non chiaro].

A marzo 2017, al Salone di Ginevra, è presentata la Ferrari 812 Superfast, ideata dal Centro Stile Ferrari guidato da Flavio Manzoni. A Settembre, al salone di Francoforte, viene presentata la nuova Ferrari Portofino.

Cura il progetto del "Nuovo Centro Stile Ferrari" all'interno dello stabilimento produttivo di Ferrari a Maranello (Modena). Il nuovo edificio, inaugurato il 18 settembre 2018, si sviluppa su quattro livelli con luci naturali e open spaces e l'ultimo piano contiene una sala high-tech[non chiaro] per la presentazione dei progetti. Il Centro Stile ospita anche il reparto Tailor Made dell'azienda[non chiaro]. [12]

All'interno della collaborazione tra Ferrari e Hublot, storica maison di orologeria di lusso, nel 2019 firma il design dell'orologio Hublot Classic Fusion Ferrari GT, ispirato all'universo "Gran Turismo" Ferrari.[13]

L'Università di Sassari gli conferisce la laurea honoris causea in Lettere Filologia Moderna e Industria Culturale[14] il 28 giugno 2019 e Manzoni propone una Lectio Doctoralis dal titolo Ferrari Design Il metalinguaggio della forma[15]

Modelli disegnati[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 e nel 2016 vince il premio Compasso d'oro rispettivamente per la Ferrari F12 Berlinetta e Ferrari FXX K

Nel 2016 riceve il premio Red Dot Design Award "Best of the Best" nella categoria Product Design per il design della Ferrari 488 GTB[18].

Nel 2016 riceve il premio IF Gold Award nella cerimonia degli IF Design Awards 2016 a Monaco di Baviera[19]

Nel marzo 2016 presenta al Salone di Ginevra la Ferrari GTC4 Lusso, granturismo a quattro posti. Il suo nome cita la 250 GT Lusso del 1962, modello apprezzato da Enzo Ferrari.[20]

Nel febbraio 2017 la Ferrari GTC4Lusso vince il premio Most Beautiful Supercar of the Year, assegnato dalla giuria dell’International Automobile Festival a Parigi.[21]

Nel 2017 vince nuovamente il Red Dot best of the best per la Ferrari J50

Sono stati assegnati i Red Dot per la GTC4Lusso, 458MM Speciale, La Ferrari.

Nel maggio 2018 La Ferrari SP38, la one off soprannominata "Deborah", si aggiudica il Premio Design al Concorso d'eleganza Villa d'Este[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ADI Design, F12 BERLINETTA by Flavio Manzoni - Centro Stile Ferrari, Pininfarina, ADI Design, 10 agosto 2014. URL consultato il 6 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2016).
  2. ^ Vincitori XXIII Compasso d'oro, su marieclaire.it, 29 maggio 2014. URL consultato il 6 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2014).
  3. ^ (EN) The new Lancia Fulvia - yes please!, su carenthusiast.com, 10 settembre 2003. URL consultato il 6 settembre 2016.
  4. ^ Lancia Fulvia, su motorbox.com, 22 dicembre 2003. URL consultato il 6 settembre 2016.
  5. ^ Virtual Car intervista Flavio Manzoni, director creative design del gruppo Volkswagen, su virtualcar.it, 26 ottobre 2007. URL consultato il 6 settembre 2016.
  6. ^ (EN) VW Scirocco - New design sketches released by Flavio Manzoni, su germancarblog.com, 7 maggio 2008. URL consultato il 6 settembre 2016.
  7. ^ Flavio Manzoni: beve biografia, su virtualcar.it, 5 novembre 2007. URL consultato il 6 settembre 2016.
  8. ^ La Ferrari dei sogni ha un'anima nuorese, su lanuovasardegna.gelocal.it, 6 marzo 2012. URL consultato il 6 settembre 2016.
  9. ^ video intervista a Flavio Manzoni, su omniauto.it. URL consultato il 12 settembre 2013.
  10. ^ Ferrari: FXX K, roba da 2,5 mln tasse escluse test compresi - Prove e Novità, in ANSA.it, 5 dicembre 2014. URL consultato il 21 marzo 2017.
  11. ^ La nuova Ferrari J50 per super nababbi pensata da un sardo - Regione - la Nuova Sardegna, in la Nuova Sardegna, 14 dicembre 2016. URL consultato il 15 maggio 2017.
  12. ^ Ferrari, i segreti del Centro Stile, su motori.corriere.it.
  13. ^ (EN) Paige Reddinger, Hublot Has an Entirely New Watch Design and You Can Thank Ferrari, su Robb Report, 26 marzo 2019. URL consultato il 20 maggio 2019.
  14. ^ Conferimento della laurea honoris causa in Lettere Filologia Moderna e Industria culturale, su uniss.it.
  15. ^ Laurea in piazza, su turismosassari.it.
  16. ^ Da Auto alla Ferrari, Flavio Manzoni. URL consultato il 15 maggio 2017.
  17. ^ Non ti accontenti di una Ferrari “normale”? C’è il programma One Off: ecco la SP275 RW, su LaStampa.it. URL consultato il 23 giugno 2017.
  18. ^ FERRARI DESIGN: LA FERRARI 488 GTB VINCE IL “BEST OF THE BEST” AI PREMI RED DOT 2016, su virtualcar.it, 3 aprile 2016. URL consultato il 6 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2016).
  19. ^ Ferrari Design: la FXX K vince l’IF Gold Award, le 488 l’IF Design Excellence e il Best Supercar GT & Sport Cars – VirtualCar, su www.virtualcar.it. URL consultato il 23 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2017).
  20. ^ Letizia Airos, Disegnare una Ferrari. Conversazione con Flavio Manzoni, in iitaly.org - Arte e cultura, 26 marzo 2016. URL consultato il 6 settembre 2016.
  21. ^ (EN) La Ferrari GTC4Lusso vince il premio “Most Beautiful Supercar of the Year”, su Ferrari GT. URL consultato il 21 marzo 2017.
  22. ^ Concorso d'Eleganza Villa d'Este - Results for historic cars and concept cars & prototypes (PDF), su concorsodeleganzavilladeste.com.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]