Paolo Martin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Martin

Paolo Martin (Torino, 7 maggio 1943) è un designer italiano.

Esercita la professione di designer concettuale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a disegnare automobili presso lo studio Giovanni Michelotti nel 1960. In seguito in Bertone dal 1966 affina esperienze alternative. In Pininfarina, dal 1967, in qualità di responsabile del design, propone nuovi concetti e interpretazioni di stile nel settore automobilistico. Di rilievo internazionale la concept car Ferrari Modulo 512.[1] Nel 1972 con il gruppo Ghia, De Tomaso disegna la produzione motociclistica Moto Guzzi e Benelli anni '70 e il prototipo Blue Car, antesignana della Ford Fiesta.[2]

Libera attività dal 1972. Si occupa di nuovi concetti nella Nautica nel design industriale sia di prodotto che d'interni con invenzioni relative a oggetti di uso comune e scientifico.

Realizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Vetture[modifica | modifica wikitesto]

Motocicli[modifica | modifica wikitesto]

Barche, opere morte[modifica | modifica wikitesto]

  • Narvalo C&B 31'
  • Heritage Otam/Cigarette 45'
  • Magnum Marine 56'
  • B-jet Piaggio 5',60"
  • Fountaine 63'
  • Millennium Otam-Cigarette 55'
  • FB. 45'rh
  • G. 50'
  • Rib FB. 40'
  • Quadrimotorica Buzzi/Otam 80' RECORD
  • GT 63'Super Hawaii (Gas Turbine)
  • Narvalo C&B 25'
  • Bestia Magnum Marine 50'
  • B-Jet RIO 5'20"
  • 4'40" idrogetto Piaggio
  • 5'50" B Jet Piaggio

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Martin “racconta” la Ferrari Modulo alla conferenza Auto(r) di Zagabria, virtualcar.it. URL consultato il 28 giugno 2014.
  2. ^ virtualcar.it disegni di automobili: paolo martin, virtualcar.it. URL consultato il 14 giugno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]