Fistola ano-rettale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Fistola ano-rettale
Specialitàgastroenterologia

La fistola ano-rettale o, più comunemente, fistola anale è una comunicazione anormale cronica tra la superficie epitelizzata del canale anale e la pelle perianale.[1] Una fistola anale può essere descritta come un tunnel stretto con la sua apertura interna nel canale anale e la sua apertura esterna nella pelle vicino all'ano.[2] Le fistole anali si verificano comunemente nelle persone con una storia di ascessi anali. Possono formarsi quando gli ascessi anali non guariscono correttamente.[3]

Le fistole anali provengono dalle ghiandole anali, che si trovano tra lo sfintere anale interno ed esterno e che sboccano nel canale anale.[4] Se l'uscita di queste ghiandole si blocca, può formarsi un ascesso che può eventualmente estendersi alla superficie della pelle. Il tratto formato da questo processo è una fistola.[1]

Gli ascessi possono ripresentarsi se la fistola si chiude, consentendo l'accumulo di pus. Può quindi estendersi di nuovo alla superficie, ripetendo il processo.[1]

Le fistole anali di per sé in genere non provocano danni, ma possono essere molto dolorose e possono essere irritanti a causa del drenaggio del pus (è anche possibile che le feci passino attraverso la fistola). Inoltre, gli ascessi ricorrenti possono portare a una significativa morbilità a breve termine dal dolore e, soprattutto, creare un punto di partenza per un'infezione sistemica.[1]

Il trattamento, sotto forma di chirurgia, è considerato essenziale per consentire il drenaggio e prevenire l'infezione. La riparazione della fistola stessa è considerata una procedura elettiva per cui molti pazienti optano a causa del disagio e degli inconvenienti associati a una fistola attivamente drenante.[1][3]

Segni e sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Le fistole anali possono presentare i seguenti sintomi:[4]

  • macerazione cutanea
  • scarico di pus, fluido sieroso e/o (raramente) di feci - può essere sanguinante o purulento
  • prurito anale
  • a seconda della presenza e della gravità dell'infezione:
  • dolore
  • gonfiore
  • tenerezza
  • dolenzia
  • odore sgradevole
  • secrezione densa, che mantiene l'area umida

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

La diagnosi viene effettuata mediante esame, in ambulatorio o in anestesia. La fistola può essere esplorata usando una sonda per fistola (uno strumento stretto). In questo modo, potrebbe essere possibile trovare entrambe le aperture. L'esame può essere un'anoscopia. La diagnosi può essere aiutata eseguendo un fistulogramma, una proctoscopia e/o una sigmoidoscopia.

Risultati possibili:

  • Si può osservare l'apertura della fistola sulla pelle
  • L'area può essere dolorosa all'esame
  • Potrebbe esserci arrossamento
  • Si può avvertire un'area di indurimento   - ispessimento dovuto a infezione cronica
  • Può essere vista una secrezione

Classificazioni per gradi[modifica | modifica wikitesto]

  • Classificazione di Park: ideata da Parks et al. nel Regno Unito[5] nel 1976, prima che fosse disponibile la risonanza magnetica o l'ecografia endoanale. Classificava la fistola in quattro gradi.
  • Classificazione dell'ospedale della St James University: ideata da Morris et al. nel 2000.[6] Questa classificazione è stata migliorata rispetto alla classificazione Parks in quanto basata su studi di risonanza magnetica. Ha classificato la fistola in cinque gradi.
  • Classificazione Garg: ideata da da Pankaj Garg nel 2017.[7] Questa classificazione è un miglioramento sia rispetto alla classificazione di Parks sia della St James University. Si basa su studi di risonanza magnetica e risultati operativi in 440 pazienti. Ha classificato la fistola in cinque gradi. I gradi di questa classificazione si correlano abbastanza bene con la gravità della malattia. I gradi I e II sono fistole più semplici e possono essere gestite tramite fistulotomia, mentre i gradi III-V sono fistole complesse in cui la fistulotomia non dovrebbe essere eseguita. Dovrebbero essere gestiti da operatori specializzati in fistole. A differenza della classificazione dell'ospedale Park e della St James University, questa correlazione è abbastanza accurata con la classificazione di Garg. Pertanto questa nuova classificazione è utile sia per i chirurghi che per i radiologi.

Classificazione anatomica[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione anatomica delle fistole anali (in inglese)

A seconda della loro relazione con i muscoli dello sfintere interno ed esterno, le fistole sono classificate in cinque tipi:

  • Le fistole extrasfinteriche iniziano nel retto o nel colon sigmoideo e procedono verso il basso, attraverso il muscolo elevatore dell'ano e si aprono nella pelle circostante l'ano. Si noti che questo tipo non deriva dalla linea dentata (dove si trovano le ghiandole anali). Cause di questo tipo potrebbero provenire da un'origine rettale, pelvica o al di sopra dell'elevatore, di solito secondaria alla malattia di Crohn o a un processo infiammatorio come ascessi appendicolari o diverticolari.[3][8][9]
  • Le fistole sovrasfinteriche iniziano tra i muscoli dello sfintere interno ed esterno, si estendono sopra e attraversano il muscolo puborettale, procedono verso il basso tra i muscoli puborettale ed elevatore e si aprono a circa 2–3 cm o più di distanza dall'ano.
  • Le fistole transfinteriche iniziano tra i muscoli dello sfintere interno ed esterno o dietro l'ano, attraversano il muscolo dello sfintere esterno e si aprono a 2–3 cm o più di distanza dall'ano. Possono assumere una forma a "U" e formare più aperture esterne. Questa è talvolta definita una "fistola a ferro di cavallo".[2]
  • Le fistole intersfinteriche iniziano tra i muscoli dello sfintere interno ed esterno, passano attraverso il muscolo dello sfintere interno e si aprono molto vicino all'ano.
  • Le fistole sottomucose passano superficialmente sotto la sottomucosa e non attraversano nessuno dei muscoli dello sfintere.

Diagnosi differenziale[modifica | modifica wikitesto]

Altre condizioni in cui possono apparire "buchi" perianali infetti o aperture includono la cisti pilonidale.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diverse fasi per il trattamento di una fistola anale.

Il trattamento definitivo di una fistola mira a bloccare le recidive. Il tipo di trattamento dipende dalla localizzazione della fistola e quali parti degli sfinteri anali interni ed esterni sono attraversate.

Infezione[modifica | modifica wikitesto]

Alcune persone possono sviluppare un'infezione attiva quando si presentano con una fistola, e questa richiede di essere risolta prima di poter decidere il trattamento definitivo.

Gli antibiotici possono essere usati come con altre infezioni, ma il modo migliore per curare l'infezione è prevenire l'accumulo di pus nella fistola, che porta alla formazione di ascessi. Questo può essere fatto con un seton.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

"Uomo con fistola anale", tardo XII secolo.

Una revisione della letteratura pubblicata nel 2018 ha mostrato un'incidenza fino a 21 persone su 100.000. "Le fistole anali sono 2-6 volte più prevalenti nei maschi rispetto alle femmine, con la condizione che si verifica più frequentemente nei pazienti di 30 e 40 anni."[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Anorectal Fistula, su MERCK MANUAL Consumer Version. URL consultato il 27 giugno 2016.
  2. ^ a b Anorectal sinuses and fistulae, su www.meb.uni-bonn.de. URL consultato il 3 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2018).
  3. ^ a b c Colorectal Surgery - Anal Fistula, su colorectal.surgery.ucsf.edu. URL consultato il 3 luglio 2016.
  4. ^ a b (EN) H. J. Mappes e E. H. Farthmann, Anal abscess and fistula, Zuckschwerdt, 1º gennaio 2001.
  5. ^ A classification of fistula-in-ano, in Br J Surg, vol. 63, n. 1, 1976, pp. 1–12, DOI:10.1002/bjs.1800630102, PMID 1267867.
  6. ^ MR imaging classification of perianal fistulas and its implications for patient management, in Radiographics, vol. 20, n. 3, May 2000, pp. 623–35, DOI:10.1148/radiographics.20.3.g00mc15623, PMID 10835116.
  7. ^ Comparing existing classifications of fistula-in-ano in 440 operated patients: Is it time for a new classification?, in Int J Surg, vol. 42, 13 April 2017, pp. 34–40, DOI:10.1016/j.ijsu.2017.04.019, PMID 28414118.
  8. ^ A. G. Parks, P. H. Gordon e J. D. Hardcastle, A classification of fistula-in-ano, in The British Journal of Surgery, vol. 63, n. 1, 1º gennaio 1976, pp. 1–12, DOI:10.1002/bjs.1800630102, ISSN 0007-1323 (WC · ACNP), PMID 1267867.
  9. ^ Sherief Shawki e Steven D Wexner, Idiopathic fistula-in-ano, in World Journal of Gastroenterology, vol. 17, n. 28, 28 luglio 2011, pp. 3277–3285, DOI:10.3748/wjg.v17.i28.3277, ISSN 1007-9327 (WC · ACNP), PMID 21876614.
  10. ^ Tetsuo Yamana, PRACTICE GUIDELINES-Japanese Practice Guidelines for Anal Disorders II. Anal fistula, in J Anus Rectum Colon, vol. 2, n. 3, July 25, 2018, pp. 103–109, DOI:10.23922/jarc.2018-009. URL consultato il August 29, 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione
e risorse esterne (EN)
ICD-10-CM: K60.3; MeSH: D012003 e D012003;
    eMedicine: 190234;
Controllo di autoritàLCCN (ENsh85048893 · BNF (FRcb12550274f (data) · BNE (ESXX4769476 (data)
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina