Ascesso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

1leftarrow.pngVoce principale: Infiammazione purulenta.

Ascesso
Abszess.jpg
Un ascesso
Specialità dermatologia, chirurgia generale e Infettivologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 682.9 e 324.1
ICD-10 L02
MeSH D000038
MedlinePlus 001353
Sinonimi
Apostema

Un ascesso (dal latino: abscessus) o apostema, è una raccolta di essudato purulento che si forma all'interno di un tessuto del corpo.[1] I segni e i sintomi includono arrossamento, dolore, calore e gonfiore.[1] Il gonfiore può apparire, alla palpazione, come pieno di liquido.[1] L'area di arrossamento spesso si estende oltre il gonfiore.[2] Le pustole e i foruncoli sono tipi di ascesso che spesso coinvolgono i follicoli piliferi.[3] L'ascesso si differenzia dall'empiema perché l'empiema è una raccolta purulenta che si crea all'interno di una cavità già presente.

Essi sono solitamente causati da una infezione batterica.[4] Spesso molti diversi tipi di batteri sono coinvolti in una singola infezione.[2] Negli Stati Uniti e in molte altre aree del mondo il batterio più comune è lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina.[1] Raramente i parassiti possono causare ascessi e ciò avviene più frequentemente nei paesi in via di sviluppo.[5] La diagnosi di un ascesso sulla cute viene fatta a seguito della semplice osservazione ed è confermata dall'apertura mediante taglio.[1] L'ecografia può essere utile nei casi in cui la diagnosi non è chiara.[1] Negli ascessi formatisi intorno all'ano, la tomografia computerizzata (TC) può essere importante per cercare l'infezione più in profondità.[5]

Il trattamento standard per la maggior parte degli ascessi della pelle o dei tessuti molli è il taglio e il drenaggio.[6] Non sembra che ci sia alcun beneficio con l'uso di antibiotici per questo tipo di ascesso nella maggior parte delle persone che godono di un buono stato di salute.[1][7] La chiusura del taglio, dopo aver drenato il liquido, anziché tenerlo aperto può accelerare la guarigione senza aumentare il rischio di recidiva.[8] L'aspirazione del pus con un ago spesso non è sufficiente.[1]

Gli ascessi cutanei sono comuni e sono diventati più frequenti negli ultimi anni.[1] I fattori di rischio includono l'uso di droghe per via endovenosa con i tassi del 65%.[9] Nel 2005, negli Stati Uniti 3,2 milioni di persone hanno dovuto far ricorso al pronto soccorso per un ascesso.[10] In Australia circa 13.000 persone sono state ricoverate nel 2008 per questa condizione.[11]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La suppurazione è causata da infezione ad opera di microrganismi detti piogeni (streptococchi o stafilococchi). L'ascesso è caratterizzato da un decorso rapido e doloroso, con tutte le caratteristiche dell'infiammazione: dolore, calore, arrossamento, tumefazione e limitazione funzionale della parte colpita.

È caratterizzato da una regione centrale necrotica ricca di leucociti neutrofili e cellule necrotiche del tessuto, intorno alla quale vi è una zona di neutrofili vitali. All'esterno, la proliferazione di fibroblasti e di cellule parenchimali, unitamente a una vasodilatazione periferica, indicano l'inizio dei processi riparativi. I fibroblasti infatti creano con il tempo una parete di tessuto connettivo che limiterà la diffusione del processo infettivo. Si tratta della membrana piogenica, costituita da fibre di collagene prodotte dai fibroblasti.

Evoluzione dell'ascesso[modifica | modifica wikitesto]

La progressiva necrosi del tessuto determina l'aumento di volume dell'ascesso, che così facendo preme sui tessuti circostanti. Lo svuotamento può essere naturale o artificiale (indotto chirurgicamente).

Gli esiti possono essere:

  • maturazione: ovvero lo svuotamento dell'ascesso verso l'esterno o verso una cavità;
  • flemmone: il pus si diffonde nei tessuti circostanti seguendo le linee di minor forza, ad esempio in cavità preformate o guaine;
  • fistola: soluzione di continuo a forma di canale che mette in comunicazione l'ascesso con l'esterno o altra cavità;
  • piemia: pus che penetra nel torrente sanguigno portando con sé residui di materiale necrotico e particelle di microrganismi patogeni.

Nel caso di mancato svuotamento dell'ascesso questo può, se di modesta entità, essere riassorbito con formazione di una cicatrice; se di entità maggiore non si può avere riassorbimento e si avrà la formazione di una cisti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Adam J. Singer e David A. Talan, Management of skin abscesses in the era of methicillin-resistant Staphylococcus aureus (PDF), in The New England Journal of Medicine, vol. 370, nº 11, 13 marzo 2014, pp. 1039–47, DOI:10.1056/NEJMra1212788, PMID 24620867.
  2. ^ a b Dirk M. Elston, Infectious Diseases of the Skin., London, Manson Pub., 2009, p. 12, ISBN 978-1-84076-514-4.
  3. ^ John A. Marx Marx, Dermatologic Presentations, in Rosen's emergency medicine : concepts and clinical practice, 8th, Philadelphia, PA, Elsevier/Saunders, 2014, pp. Chapter 120, ISBN 1-4557-0605-1.
  4. ^ Carol Turkington, Jeffrey S. Dover ; medical illustrations, Birck Cox, The encyclopedia of skin and skin disorders, 3rd, New York, NY, Facts on File, 2007, p. 1, ISBN 978-0-8160-7509-6.
  5. ^ a b John A. Marx Marx, Skin and Soft Tissue Infections, in Rosen's emergency medicine : concepts and clinical practice, 8th, Philadelphia, PA, Elsevier/Saunders, 2014, pp. Chapter 137, ISBN 1-4557-0605-1.
  6. ^ American College of Emergency Physicians, Five Things Physicians and Patients Should Question, in Choosing Wisely: an initiative of the ABIM Foundation, American College of Emergency Physicians. URL consultato il 24 gennaio 2014.
  7. ^ J Fahimi, A Singh e BW Frazee, The role of adjunctive antibiotics in the treatment of skin and soft tissue abscesses: a systematic review and meta-analysis., in CJEM, vol. 17, nº 4, July 2015, pp. 420–32, DOI:10.1017/cem.2014.52, PMID 26013989.
  8. ^ Adam J. Singer, Henry C., Jr Thode, Stuart Chale, Breena R. Taira e Christopher Lee, Primary closure of cutaneous abscesses: a systematic review (PDF), in The American Journal of Emergency Medicine, vol. 29, nº 4, May 2011, pp. 361–6, DOI:10.1016/j.ajem.2009.10.004, PMID 20825801.
  9. ^ Pedro Ruiz, Eric C. Strain, John G. Langrod, The substance abuse handbook, Philadelphia, Wolters Kluwer Health/Lippincott Williams & Wilkins, 2007, p. 373, ISBN 978-0-7817-6045-4.
  10. ^ BR Taira e Singer, AJ; Thode HC, Jr; Lee, CC, National epidemiology of cutaneous abscesses: 1996 to 2005., in The American journal of emergency medicine, vol. 27, nº 3, Mar 2009, pp. 289–92, DOI:10.1016/j.ajem.2008.02.027, PMID 19328372.
  11. ^ Churchill Livingstone medical dictionary., 16th, Edinburgh, Churchill Livingstone, 2008, ISBN 978-0-08-098245-8.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guido Majno, Isabelle Joris, Cellule, tessuti e malattie. Principi di patologia generale, CEA, 2009, ISBN 978-88-08-18076-6.
  • Robbins, Cotran, Le basi Patologiche delle malattie, 8ª edizione, Elsevier, 2010, ISBN 978-88-214-3175-3.
  • Conti, Grassi, Fisiologia medica - Fisiologia degli organi e dei sistemi, Edi-ermes, 2010, ISBN 88-7051-347-5.
  • Fradà, Fradà, Semeiotica medica nell'adulto e nell'anziano, 5ª edizione, Piccin, 2014, ISBN 978-88-299-2346-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina