Ferrovia Cumana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferrovia Cumana
Mappa ferrovia Cumana.png
Stati attraversatiItalia Italia
InizioNapoli
FineTorregaveta
Attivazione1889-90
GestoreEAV
Precedenti gestoriSEPSA
SFN
Lunghezza19,81 km
Scartamento1435 mm
Elettrificazione3000 V DC[1]
Ferrovie

La Cumana è una linea ferroviaria che collega il centro di Napoli a Pozzuoli e alla costa flegrea, fino a giungere in località Torregaveta nel comune di Bacoli.

La linea, di proprietà della Regione Campania, è affidata all'Ente Autonomo Volturno (EAV) che vi opera in qualità sia di gestore dell'infrastruttura sia di impresa ferroviaria e fornisce un servizio ferroviario di tipo metropolitano.

Entrambi i capolinea di Montesanto e Torregaveta sono in comune con la linea della ferrovia Circumflegrea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Stazione di Montesanto, anni ’50: gran folla in uscita dal treno della Cumana composto dall’elettromotrice E.2 e da due carrozze FIAT a carrelli. Sulla destra un’altra carrozza FIAT (Archivio Fotografico Ruggieri)[2]

Il 20 agosto del 1883 si costituisce a Roma la "Società per le Ferrovie Napoletane" (SFN). Questa società chiese ed ottenne la concessione per costruire e gestire una nuova linea ferroviaria, che dal centro storico di Napoli arrivasse alla periferia flegrea passando per Pozzuoli e Cuma.[3][4][5]

I lavori sarebbero dovuti durare tre anni ma il primo tratto entrò in funzione soltanto il 1º luglio del 1889, da Montesanto a Terme Patamia.

Tratta Inaugurazione[6][3]
Montesanto (Napoli)-Terme Patamia 1 luglio 1889
Terme Patamia-Pozzuoli 15 dicembre 1889
Pozzuoli-Cuma Fusaro 16 febbraio 1890
Cuma Fusaro-Torregaveta 12 luglio 1890

La linea, pur essendo in funzione fin dal 1889, fu inaugurata ufficialmente solo il 1º giugno 1892[senza fonte].

Nata con esercizio a vapore, la Cumana fu elettrificata nel 1927 e profondamente modificata nel tracciato urbano nella zona di Fuorigrotta a seguito dei lavori per la costruzione della Mostra d'Oltremare (1936-1940). Nell'occasione si ebbe l'interramento del tratto di Fuorigrotta fino alla stazione Mostra, precedentemente chiamata Taverna delle Rose o Agnano Vecchio[7][8][4].[Fonte non autorevole e non accessibile se non si è già loggati]

Nel 1938 subentrò alla precedente società la "Società per l'Esercizio di Pubblici Servizi Anonima", la SEPSA.

Nel 1990 è stato inaugurato, nel quartiere di Fuorigrotta, il fabbricato della Direzione dell'Esercizio Ferrovie, dotato di una rimessa per operazioni di piccola manutenzione dei rotabili ferroviari.

Nel corso del 2005 si è dato inizio ai lavori di rifacimento della stazione terminale di Montesanto, capolinea delle due linee ferroviarie esercite da SEPSA e della funicolare di Montesanto, nonché vicina alla fermata della linea 2 della metropolitana. I lavori sono stati terminati ufficialmente nel maggio 2008.[9]

Il 27 dicembre 2012 la SEPSA insieme a MetroCampania NordEst e Circumvesuviana venne inglobata all'interno dell'Ente Autonomo Volturno, che assunse quindi la gestione delle linee Cumana e Circumflegrea.[10]

Tra gli anni 2010 e 2015 le ferrovie Cumana e Circumflegrea hanno presentato pesanti disservizi[11][12][13][14] anche a causa del taglio del trasferimento di fondi pubblici agli enti locali.

Dal 2017 si è assistito ad una graduale miglioramento della qualità del servizio con lo sblocco dei cantieri[15] e l'arrivo di nuovi treni[16][17].

Il raddoppio[modifica | modifica wikitesto]

Per la crescente domanda di trasporto si è reso indispensabile il raddoppio del tracciato della linea; i lavori incominciarono nel 1975 e sono parzialmente realizzati.

La parte del raddoppio attualmente realizzata riguarda le tratte Montesanto-Dazio (km 8,450) e Arco Felice-Torregaveta (km 5,900). Inoltre è in fase di avanzata realizzazione il raddoppio della tratta Dazio-Arco Felice (km 5,650).

Tra il 1998 e il 2000[quando?] entrò in funzione una nuova galleria sotto il Monte Olibano[18] che collega direttamente le stazioni Dazio e Gerolomini, dismettendo il vecchio percorso costiero che vedeva la fermata già da tempo disabilitata di Terme Patamia Petete[4][18], successivamente anche nota come La Pietra[19][20][Fonte non autorevole e non accessibile se non si è già loggati], e il vecchio Posto di Movimento Accadia[18][21]. Nella nuova galleria, nei pressi del vecchio Posto di Movimento Accadia è stato costruito un nuovo posto di movimento. Nonostante la nuova galleria sia a doppio binario fino al posto di movimento, è ancora percorsa su singolo binario, in attesa che si completi la riqualificazione della vecchia galleria tra il Posto di Movimento Accadia e la stazione di Gerolomini, in modo da completare il raddoppio tra Dazio e Gerolomini.

Vecchio tracciato della Cumana lungo via Montegrillo, subito dopo la vecchia stazione di Baia

Nel 1999 è entrata in esercizio la nuova galleria a doppio binario che collega le stazioni di Lucrino e Fusaro, rendendo necessaria la dismissione della stazione di Baia, a binario unico, sul vecchio tracciato. All'interno della nuova galleria è stata costruita la nuova stazione di Baia, leggermente dislocata rispetto alla precedente, che però non è mai entrata in funzione.[22][23][24][25][26][27][28]

Nel 1999 è stato completato il tunnel che consentirebbe il raddoppio dei binari nella tratta da Gerolomini a Cantieri, saltando l'attuale stazione di Pozzuoli e la fermata di Cappuccini. I lavori, dopo oltre un decennio di sospensione, sono ripresi nel 2017.[15][29]

Nel 2016 sono stati stanziati i fondi per il completamento e la riqualificazione della nuova stazione di Baia e della trasformazione in parco urbano del vecchio tracciato abbandonato.[30][31]

Il 2 luglio 2020 è stato abbattuto l'ultimo diaframma della nuova galleria del Monte Olibano, un tratto che ha permesso la rettifica del vecchio tunnel[32][33][34][35] e che insieme ai lavori per il suo adeguamento[36] permetteranno di completare la seconda canna tra Gerolomini e il Posto di Movimento Accadia.

Il 15 Marzo 2021 è stata abbattuta Villa Maria in via Fasano liberando il terreno per la costruzione della nuova stazione di Pozzuoli nell'ambito del raddoppio tra Gerolomini e Arco Felice e della dismissione del vecchio tracciato passante per il centro di Pozzuoli.[37]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

 Stazioni e fermate 
Unknown route-map component "tKBHFa"
Montesanto
Unknown route-map component "tCONTgq" Unknown route-map component "tABZgr"
per Torregaveta (Circumflegrea)
Unknown route-map component "tSTRe"
Stop on track
Corso Vittorio Emanuele
Enter and exit short tunnel
Non-passenger head station Enter and exit short tunnel
officina
Unknown route-map component "KRWl" Unknown route-map component "KRWg+r"
Unknown route-map component "tSTRa"
Unknown route-map component "tBHF"
Fuorigrotta
Unknown route-map component "tHST"
Mostra-Stadio Maradona
Unknown route-map component "tSTRe"
Stop on track
Zoo-Edenlandia
Unknown route-map component "exCONTgq" Unknown route-map component "eABZgr"
linea 7 (in progettazione)
Straight track Unknown route-map component "STR+l" Unknown route-map component "CONTfq"
passante ferroviario di Napoli
Unknown route-map component "KRWg+l" Unknown route-map component "KRWgr"
raccordo EAV-RFI
Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "KRZu" One way rightward
passante ferroviario di Napoli
Stop on track
Agnano
Station on track
Bagnoli-Città della Scienza
Stop on track
Dazio termine doppio binario
Unknown route-map component "bSHI2rxl"
variante
Unknown route-map component "tSTRa" Unknown route-map component "exHST"
Terme (Patamia Pepere)[4]
Unknown route-map component "tSTR" Unknown route-map component "exTUNNEL2"
Unknown route-map component "tSTR" Unknown route-map component "exTUNNEL2"
Unknown route-map component "tSTR" Unknown route-map component "exDST"
PM Accadia (vecchio)[38]
Unknown route-map component "tDST" Unknown route-map component "extSTRa"
PM Accadia (nuovo)
Unknown route-map component "tSTRe" Unknown route-map component "extSTRe"
Unknown route-map component "bSHI2+rxl"
Stop on track
Gerolomini
Unknown route-map component "bSHI2lxr"
variante in costruzione
Unknown route-map component "extSTRa" Stop on track
Cappuccini
Unknown route-map component "extSTR" Enter and exit tunnel
Unknown route-map component "extSTRe" Station on track
Pozzuoli
Unknown route-map component "bSHI2+lxr"
Unknown route-map component "eHST"
Pozzuoli (nuova, in costruzione)
Enter and exit tunnel
Unknown route-map component "tDST"
Pozzuoli Cantieri
Stop on track
Arco Felice inizio doppio binario
Stop on track
Lucrino
Unknown route-map component "bSHI2rxl"
variante
Unknown route-map component "tSTRa" Unknown route-map component "exTUNNEL2"
Unknown route-map component "etHST" Unknown route-map component "exTUNNEL2"
Baia (nuova, in costruzione)
Unknown route-map component "tSTR" Unknown route-map component "exHST"
Baia (vecchia)
Unknown route-map component "tSTRe" Unknown route-map component "exTUNNEL1"
Unknown route-map component "bSHI2+rxl"
Stop on track
Fusaro
Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "ABZg+r"
per Montesanto (Circumflegrea)
End station
Torregaveta
Legenda · Convenzioni di stile
Tunnel della stazione di Montesanto. Sotto quello di sinistra passa la Cumana, sotto quello di destra la Circumflegrea
Il locomotore ABL4 della ferrovia Cumana in transito sul raccordo di servizio in via Diocleziano che collega la suddetta ferrovia con la rete RFI presso la stazione di Napoli Campi Flegrei

La ferrovia segue un tracciato costiero di circa 20 km ed unisce il popoloso quartiere di Montecalvario, ovvero il centro urbano della città di Napoli, con la località di Torregaveta nel comune di Bacoli: la linea partendo appunto da Montesanto attraversa il tessuto urbano della città di Napoli con le stazioni di Corso Vittorio Emanuele, Fuorigrotta, Mostra, Agnano, Bagnoli ed inoltre passa per i popolosi centri di Pozzuoli, Arco Felice, Lucrino, Fusaro fino al capolinea di Torregaveta.

A Napoli, tra le stazioni di Agnano e Zoo-Edenlandia è presente un binario che connette la ferrovia Cumana con i binari del passante ferroviario di Napoli attraversando via Diocleziano.

Traffico[modifica | modifica wikitesto]

L'orario ufficiale prevede corse cadenzate ogni 20 minuti[39] e con esercizio che parte alle ore 5:00 e termina alle ore 22:35 (ma le prime e ultime partenze hanno limitazioni di percorso). Fino al 2011 la tratta Montesanto-Bagnoli era servita ogni 10 minuti, ma le corse furono poi dimezzate a seguito del progressivo peggioramento della situazione economica della SEPSA[40], poi EAV. Il servizio non è peraltro esente da ritardi, soppressioni di corse o interruzioni del servizio che causano talvolta polemiche sulla stampa locale[41][42][43].

A titolo di esempio l'orario di esercizio della Cumana del 4 luglio 1903[44] prevedeva corse con cadenza che andava dai 32 minuti ad 1:18 a seconda della fascia oraria, con frequenza ancora minore delle corse nel tratto Pozzuoli-Torregaveta per il quale erano previste solo 9 corse al giorno (più altrettante per il ritorno) di cui solo 6 effettuavano tutte le fermate. Alcuni treni all'epoca erano definiti "facoltativi" e avrebbero potuto "essere effettuati o soppressi dietro semplice avviso della Direzione dell'Esercizio per parte o per l'intero percorso". L'orario di esercizio partiva alle ore 4:46 e terminava alle ore 21:28 (22:37 nei giorni festivi).

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Anni '80: RN 301-EN 301 presso la stazione di Pozzuoli
ET.503a presso la stazione di Pozzuoli

La dotazione originaria della ferrovia Cumana era costituita da quattro locotender a tre assi di cui due accoppiati costruiti in Belgio dagli Atéliers de la Societé de Couillet, numerati da 1 a 4, cui si aggiunsero ben presto (1892) due locotender a tre assi accoppiati (11-12) realizzati dallo stesso costruttore. La dotazione fu accresciuta nel tempo da due locotender a tre assi accoppiati di costruzione Tubize (21-22) e da altrettante di costruzione Henschel (31-32). Queste ultime due locomotive furono cedute - all'atto dell'elettrificazione della linea - alla ferrovia Verbania-Omegna.

Dal 1927 ai primi anni '60 furono in servizio sulla linea nove elettromotrici (E1÷E9) costruite dalle Officine Ferroviarie Meridionali e dotate di motorizzazione TIBB, cui si aggiunsero nel 1956, provenienti dalla cessata tranvia Torino-Rivoli, due "littorine" (classificate EL1-EL2) utilizzate esclusivamente per la relazione ridotta Montesanto-Bagnoli. Nel 1937 si aggiunse un locomotore (matricola L2) costruito nel 1901 per le linee varesine a terza rotaia, trasferito negli anni Venti sulla "metropolitana" di Napoli. Ceduto dalle Ferrovie dello Stato e trasformato con presa di corrente a pantografo, prestò servizio sino al 1963.

In occasione dell'attivazione della Circumflegrea la SEPSA si dotò di tre complessi M-Rp provenienti dalla Pisa-Tirrenia-Livorno, profondamente modificati ed ammodernati dalla SACFEM di Arezzo, che entrarono in servizio come Ep201+Rp21; Ep202+Rp022; Ep203+Rp023. Ulteriori due rimorchiate (Rp024-Rp025) furono tenute di riserva. Tutto questo materiale fu ceduto nel 1978 alla ferrovia Benevento-Cancello dopo ulteriori modifiche. Dalla Pisa-Tirrenia-Livorno furono acquistati anche un locomotore elettrico e un'automotrice Diesel.

Il parco della ferrovia è costituito da due elettrotreni ET.100 del 1961 (su undici della dotazione originaria) costruiti da AERFER ed OCREN e da tredici ET.400 del 1991 realizzati dalla Firema di Caserta. Questi ultimi, assieme ai primi, sono stati tutti sottoposti a revamping negli anni 2010[45][46].

Nel 2015, dopo 38 anni di servizio, vengono dismessi i convogli EN.300 sia su Cumana che Circumflegrea.

Quanto al materiale rimorchiato, molteplici sono state le serie di carrozze e di carri in servizio sulla Cumana e svariati i loro costruttori. Fra di esse figuravano 18 carrozze a carrelli di costruzione FIAT risalenti al 1940, dismesse nel 1965 e cedute in parte alla Ferrovie del Gargano e in parte alla LFI di Arezzo.

Nel giugno 2017 è entrato in servizio il primo elettotreno Titagarh FiReMa Adler Alfa 3[47].

Al 2022 il parco rotabili della ferrovia Cumana (nonché della Circumflegrea) risulta così composto:

  • 2 ET 100 ex SEPSA. Costruiti da Aerfer/Ocren nel periodo 1958/60 e sottoposti a revamping nel 2019. Alimentazione a 3.000 V c.c. Scartamento ordinario.
  • 13 ET 400 ex SEPSA. Consegnati da Firema tra il 1991 e il 1998 su progetto Firema E 82 e sottoposti a revamping tra il 2013 e il 2022. Alimentazione a 3.000 V c.c. Scartamento ordinario.
  • 12 ET 500 EAV. Consegnati da Titagarh FiReMa Adler tra il 2017 e il 2021. Alimentazione a 3.000 V c.c. Scartamento ordinario.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carta della Mobilità SEPSA 2010
  2. ^ Andrea Cozzolino, 50 anni di elettrotreni AERFER, su clamfer.it. URL consultato il 27 gennaio 2022.
  3. ^ a b La Società Ferrovie Napoletane, su EAV srl. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  4. ^ a b c d Antonio Gamboni, Ferrovia Cumana, su clamfer.it. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  5. ^ La prima metropolitana, su ilportaledelsud.org. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  6. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926, su trenidicarta.it.
  7. ^ Amarcord Ferrovia Cumana - Orari treni Ferrovia Cumana | Facebook, su Facebook. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  8. ^ Peppe, I Campi Flegrei su ... "Pozzuoli Magazine": La città di Arco Felice, su I Campi Flegrei su ... "Pozzuoli Magazine", domenica 4 settembre 2016. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  9. ^ Montesanto si fa bella, ecco la nuova stazione tra bookstore e comfort - Corriere del Mezzogiorno Campania, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  10. ^ La storia, su EAV srl. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  11. ^ "Basta disservizi e treni ogni 50 minuti", da Cronaca flegrea (26 giugno 2013)
  12. ^ Disservizi, il sindaco Iannuzzi chiede un incontro urgente, Monte di Procida news (27 aprile 2012)
  13. ^ Disservizi e treni pericolosi, ecco la Cumana, Fanpage (4 dicembre 2012)
  14. ^ Stop Cumana, bagnanti fermi nei vagoni, intervengono i carabinieri Archiviato il 18 maggio 2015 in Internet Archive., Freebacoli (26 luglio 2013)
  15. ^ a b Riapertura immediata dei cantieri del trasporto Eav - Primo Piano - Regione Campania, su regione.campania.it. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  16. ^ Cumana, dopo 30 anni arrivano i nuovi treni: oggi la prima partenza, su Napoli Fanpage. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  17. ^ Anche Legambiente vede l’alba per EAV, su EAV srl. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  18. ^ a b c H. Rohrer, Foto storiche ferrovia Cumana/Circumflegrea di Hansjürg Rohrer
  19. ^ Amarcord Ferrovia Cumana - Contrada Montedolce e le terme La Pietra. In basso a destra il tracciato ferroviario della Cumana con un convoglio in passaggio trainato da locomotiva a vapore | Facebook, su Facebook. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  20. ^ Amarcord Ferrovia Cumana - La vecchia fermata Terme P.P. | Facebook, su Facebook. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  21. ^ Il vecchio Posto di Movimento Accadia sulla copertina di La vie du rail n.1234 del 8 marzo 1970, da un immagine di una vendita su eBay, su picclick.it. URL consultato il 27 gennaio 2022.
  22. ^ MutArt, Stazione Baia linea Cumana - Costruire S.p.A., su costruirespa.it. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  23. ^ mdpnews, Stazione di Baia della Cumana Il Sindaco:Tutto fermo dal 2012: ora andremo fino in fondo”, su Monte di Procida, 4 febbraio 2016. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  24. ^ mdpnews, LA STAZIONE FANTASMA DI BAIA da 14 anni soppressa, su Monte di Procida, 19 novembre 2014. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  25. ^ Melania Scotto, BACOLI/ Stazione di Baia, da 17 anni si attende l’apertura: SOS del sindaco, su Cronaca Flegrea, 5 febbraio 2016. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  26. ^ Stazione di Baia, lavori terminati all'80%, su Napoli ZON, 6 febbraio 2016. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  27. ^ Sopralluogo congiunto Comune, EAV, Regione, Commissario Governativo, direzione dei lavori e Soprintendenza alla Stazione di Baia della Cumana. Il Sindaco: "Tutto fermo dal 2012: ora andremo fino in fondo", su Tv Campi Flegrei, 5 febbraio 2016. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  28. ^ mdpnews, I lavori infiniti della stazione della Cumana di Baia, su Monte di Procida, 27 marzo 2014. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  29. ^ De Luca a Pozzuoli inaugura il cantiere della Cumana, su ilmattino.it, 7 giugno 2017. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  30. ^ Cumana, stanziati i fondi per la stazione di Baia, su EAV srl. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  31. ^ oda, stazione di baia, su oda.na.it, 17 gennaio 2020. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  32. ^ Cumana: completata la galleria Monte Olibano per arrivare a Pozzuoli, su ilmattino.it, 2 luglio 2020. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  33. ^ Ferrovie.it - Ferrovia Cumana: abbattuto ultimo diaframma galleria Monte Olibano, su Ferrovie.it. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  34. ^ NAPOLI | Ferrovia Cumana: abbattuto l'ultimo diaframma della galleria Monte Olibano, su Mobilita.org, 2 luglio 2020. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  35. ^ CERIMONIA DI FORATURA DELL’ULTIMO DIAFRAMMA DELLA GALLERIA MONTE OLIBANO DELLA FERROVIA CUMANA, su Astaldi, 2 luglio 2020. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  36. ^ Doppio miracolo a Pozzuoli, su gowem.it. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  37. ^ Raddoppio Ferrovia Cumana demolito ultimo ostacolo - Campania, su Agenzia ANSA, 15 marzo 2021. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  38. ^ Ricordi di Rotaie. Le vecchie schede, su t-i-m-o-n-e.it. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  39. ^ Orario della Cumana ufficiale Archiviato il 19 agosto 2014 in Internet Archive. in vigore dal 12/09/2011.
  40. ^ Protesta contro i tagli alle corse bloccato treno della Cumana La Repubblica (20 settembre 2011)
  41. ^ Napoli. Caos Cumana e Circumflegrea: treni in ritardo e vagoni affollatissimi, 5/11/2013
  42. ^ Cumana, i treni partono solo ogni 40 minuti: “Ci abituano allo sfascio” Archiviato il 20 agosto 2014 in Internet Archive., 27/11/2013
  43. ^ Caos trasporti, fermi tutti i treni della Cumana: ritardi sulla Circumflegrea, 2/6/2014
  44. ^ Ferrovia Cumana, Orario del 4 luglio 1903, Napoli, St. Civelli. Riproduzione grafica in una nota Facebook da una vendita sul sito eBay.[Fonte non autorevole e non accessibile se non si è già loggati]
  45. ^ Nuovo treno per la Cumana e ripristino della tratta completa
  46. ^ Arriva la nuova cumana, pendolari entusiasti: "È il regalo di Babbo Natale"
  47. ^ EAV, in servizio il primo Alfa 3

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Mancusi, La Ferrovia Cumana. Cento anni di storia, Napoli, Sergio Civita, 1989, ISBN 88-85842-10-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]