Circumvesuviana (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Circumvesuviana
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariasocietà a responsabilità limitata
Fondazione2001 a Napoli
Chiusura2012 (confluita in EAV)
Sede principaleNapoli
SettoreTrasporto
Prodottitrasporto pubblico locale

La Circumvesuviana S.r.l. era l'azienda di trasporto pubblico locale che dal 2001 al 2013 gestì il servizio ferroviario urbano e suburbano nel quadrante orientale della città metropolitana di Napoli, sulla omonima rete comunemente chiamata ferrovia Circumvesuviana[1].

Nata nel 2001 dalla precedente gestione commissariale governativa, la società confluì il 27 dicembre 2012 nell'Ente Autonomo Volturno[2].

Settori di attività[modifica | modifica wikitesto]

Rete dei servizi svolti da Circumvesuviana

La società operava sulla rete circumvesuviana in qualità sia di gestore dell'infrastruttura sia di impresa ferroviaria, offrendo servizi di trasporto regionale locali e diretti strutturati sulle seguenti relazioni facenti capo alla stazione di Napoli Porta Nolana:

  • Napoli-Sarno
  • Napoli-Torre Annunziata-Poggiomarino
  • Napoli-Torre Annunziata-Sorrento
  • Napoli-Pomigliano d'Arco-Baiano/Acerra
  • Napoli-Botteghelle-San Giorgio a Cremano

Parallelamente ai normali servizi d'orario per pendolari, storicamente Circumvesuviana ha promosso altresì servizi speciali quali i treni turistici denominati "Sorrento Express"[3] effettuati nei primi anni duemila e le corse in fascia notturna in occasioni di alcune notti bianche negli anni 2005-2006.

Oltre ai servizi ferroviari, Circumvesuviana eserciva il trasporto pubblico locale su gomma nelle aree servite e curava la gestione della funivia del Faito.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 dicembre 1985 la rete circumvesuviana, fin ad allora gestita dalla società Strade Ferrate Secondarie Meridionali (SFSM) venne riscattata dallo Stato e posta in gestione commissariale governativa[4].

A seguito del decreto legge n. 422 del 19 novembre 1997 le ferrovie di interesse locale vennero gradualmente cedute alle Regioni, divenute responsabili dei servizi di trasporto pubblico locale: nell'ambito di tale riforma dal 1º gennaio 2001 cessò la gestione commissariale governativa e venne costituita la Circumvesuviana Srl, azienda di proprietà della Regione Campania. Due anni dopo, il 6 marzo 2003, la stessa passò sotto il controllo della holding Ente Autonomo Volturno (EAV)[5].

Con atto di fusione del 27 dicembre 2012 l'azienda è stata incorporata nell'Ente Autonomo Volturno Srl[2].

Dati societari[modifica | modifica wikitesto]

Circumvesuviana srl operava come società a socio unico soggetta all'attività di direzione e coordinamento della Regione Campania.

Convoglio della serie ETR 200

Parallelamente ai lavori condotti per il potenziamento della rete, il più cospicuo investimento fu attuato negli anni novanta con l'acquisto dei nuovi elettrotreni (serie 086-118), che rappresentavano un'evoluzione di quelli ereditati dalla precedente gestione.

Seguirono, negli anni duemila, le consegne dei 26 elettrotreni ETR 200.

Materiale rotabile - prospetto di sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Unità Anno di acquisizione Quantità Costruttore
ETR 001-085 1971/78 85 Sofer/Asgen
ETR 086-118 1988 33 Sofer
ETR 201-226 2008/2009 26 Ansaldobreda/Firema

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su eavcampania.it. URL consultato il 21 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2013). Azienda
  2. ^ a b Atto di Fusione (27-12-2012)[collegamento interrotto]
  3. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 137, dicembre 2000, p. 5.
  4. ^ "Notizia flash" su "I Treni" n. 57 (gennaio 1986), p. 7
  5. ^ Storia della Circumvesuviana Archiviato il 7 gennaio 2014 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eleuterio e Giorgio Vallini, Binari intorno al Vesuvio, in I treni, 20 (1999), n. 210, pp. 14-19
  • F. Bloisi, Circumvesuviana di un tempo, in Tutto Treno & Storia, n. 28, novembre 2012, pp. 14-25.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]