Faeto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Faeto (disambigua).
Faeto
comune
(IT) Faeto
(FRP) Faite
Faeto – Stemma
Faeto – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione Puglia-Stemma it.png Puglia
Provincia Provincia di Foggia-Stemma.png Foggia
Amministrazione
Sindaco Carmela Palumbo (commissario prefettizio) dal 25-5-2017
Territorio
Coordinate 41°19′30″N 15°09′39″E / 41.325°N 15.160833°E41.325; 15.160833 (Faeto)Coordinate: 41°19′30″N 15°09′39″E / 41.325°N 15.160833°E41.325; 15.160833 (Faeto)
Altitudine 856 m s.l.m.
Superficie 26,1 km²
Abitanti 621[1] (1-1-2017)
Densità 23,79 ab./km²
Comuni confinanti Castelluccio Valmaggiore, Biccari, Castelfranco in Miscano (BN), Celle di San Vito, Greci (AV), Orsara di Puglia, Roseto Valfortore
Altre informazioni
Cod. postale 71020
Prefisso 0881
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 071023
Cod. catastale D459
Targa FG
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti faetani (in francoprovenzale faítare)
Patrono San Prospero
Giorno festivo seconda domenica di agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Faeto
Faeto
Faeto – Mappa
Posizione del comune di Faeto nella provincia di Foggia
Sito istituzionale

Faeto (Faíte in francoprovenzale) è un comune italiano di 621 abitanti situato sui monti del Subappennino Dauno, all'interno della provincia di Foggia, in Puglia.

Orologio comunale

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Con un'altitudine di 856 metri sul livello del mare, Faeto è il comune più alto del Subappennino Dauno e della Regione Puglia[2][3]. Si erge a sud-ovest del Capoluogo di provincia, Foggia, da cui dista 47 km, ai confini con la Campania. In particolare Faeto confina con i comuni di Castelluccio Valmaggiore, Celle di San Vito, Roseto Valfortore, Greci, Castelfranco in Miscano (questi ultimi due in Campania, rispettivamente in Provincia di Avellino e in Provincia di Benevento). Quivi sono presenti le alture del M. Saraceno (1138 m.), monte Cornacchia (1151 m.), M. Sidone (1061 m.), M. San Vito (1015 m.), e sono visibili il promontorio del Gargano, il golfo di Manfredonia e tutta la pianura del Tavoliere delle Puglie.

Via Regina Margherita

Dialetto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Minoranza francoprovenzale in Puglia.

Insieme al contiguo centro di Celle di San Vito forma l'unica isola linguistica di lingua francoprovenzale della Regione Puglia, riconosciuta da parte dello Stato italiano mediante la Legge n. 482 del 1999[4]. C'è una bibliografia di ricerca sul suo dialetto[5] che fa parte del progetto Heritage Language Variation and Change in Toronto.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Feste religiose, civili, sagre[modifica | modifica wikitesto]

  • Prima domenica di febbraio (Sagra del Maiale - Fféte de lu Cajunne), giunta alla 38ª edizione.
  • Seconda domenica di luglio (S. Antonio di Padova)
  • Prima domenica di agosto (Sagra del Prosciutto di Faeto)
  • Seconda domenica di agosto (S. Prospero), il giorno successivo (SS. Salvatore)
  • Ferragosto (Madonna delle Spighe)
  • Seconda domenica di settembre (San Leonardo Abate)
  • Quarta domenica di settembre (San Pio da Pietrelcina)

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.[7]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
10 giugno 1985 7 giugno 1990 Savino Vincenzo Rubino Democrazia Cristiana Sindaco [8]
7 giugno 1990 24 aprile 1995 Savino Vincenzo Rubino Democrazia Cristiana Sindaco [8]
4 aprile 1995 30 dicembre 1995 Savino Vincenzo Rubino Sindaco [8]
11 gennaio 1996 10 giugno 1996 Ernesto Liguori Democrazia Cristiana Sindaco [8]
10 giugno 1996 17 aprile 2000 Vito Salvatore Carosielli Partito Popolare Italiano Sindaco [8]
17 aprile 2000 5 aprile 2005 Antonio Marella centro Sindaco [8]
5 aprile 2005 30 marzo 2010 Antonio Marella patto Sindaco [8]
30 marzo 2010 7 dicembre 2011 Giuseppe Cocco lista civica Sindaco [8]
7 dicembre 2011 7 maggio 2012 Nicolina Miscia Comm. pref. [8]
7 maggio 2012 25 maggio 2017 Antonio Melillo lista civica (Per Faeto) Sindaco [8]
25 maggio 2017 Carmela Palumbo Comm. pref. [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tuttitalia
  2. ^ Faeto, laprovinciadifoggia.it. URL consultato il 19 maggio 2016.
  3. ^ Faeto, montidaunidascoprire.it. URL consultato il 19 maggio 2016.
  4. ^ Legge 15 dicembre 1999, n. 482 "Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche"
  5. ^ Heritage Language Variation and Change in Toronto
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  7. ^ Amministrative, a Faeto nessuno vuole fare il sindaco. URL consultato il 15 maggio 2017.
  8. ^ a b c d e f g h i j http://amministratori.interno.it/
  9. ^ A Faeto arriva il Commissario: è il Viceprefetto aggiunto Carmela Palumbo. URL consultato il 13 giugno 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Paolo Lopane, Faeto di Puglia. L'eredità franco-occitana, Archivio Storico Pugliese, LXVII (2014), Società di Storia Patria per la Puglia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN244522052