Poggio Imperiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Poggio Imperiale (disambigua).
Poggio Imperiale
comune
Poggio Imperiale – Stemma
Poggio Imperiale – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione Puglia-Stemma it.png Puglia
ProvinciaProvincia di Foggia-Stemma.png Foggia
Amministrazione
SindacoAlfonso D'Aloiso (Partito Democratico) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate41°49′N 15°22′E / 41.816667°N 15.366667°E41.816667; 15.366667 (Poggio Imperiale)Coordinate: 41°49′N 15°22′E / 41.816667°N 15.366667°E41.816667; 15.366667 (Poggio Imperiale)
Altitudine73 m s.l.m.
Superficie52,88 km²
Abitanti2 709[1] (28-2-2017)
Densità51,23 ab./km²
Comuni confinantiApricena, Lesina, San Paolo di Civitate, San Nicandro Garganico
Altre informazioni
Cod. postale71010
Prefisso0882
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT071040
Cod. catastaleG761
TargaFG
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantipoggioimperialesi, terranovesi
Patronosan Placido martire
Giorno festivo5 ottobre
SoprannomePorta della puglia
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Poggio Imperiale
Poggio Imperiale
Poggio Imperiale – Mappa
Posizione del comune di Poggio Imperiale nella provincia di Foggia
Sito istituzionale

Poggio Imperiale è un comune italiano di 2.709 abitanti della provincia di Foggia in Puglia.

Il paese è conosciuto nel dialetto locale con il nome di Tarranòve[2] (Terra nuova), a causa della sua fondazione relativamente recente. Per via del casello autostradale posto sull'A14, la cittadina è detta "Porta della Puglia e del Gargano".[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Busto marmoreo del Principe Placido Imperiale

La storia di Poggio Imperiale è legata a Placido Imperiale, Principe di Sant'Angelo dei Lombardi (AV). Nel 1753 il Principe divenne proprietario del Feudo A.G.P. (Ave Gratia Plena) che comprendeva diversi territori appartenenti all'attuale Comune di Lesina e, attratto dalla posizione strategica di una collina ricadente nel feudo, tra i centri abitati di Lesina e Apricena, decise nel 1759 di costruirvi una grande masseria con alcune case coloniche. Attorno a queste prime costruzioni nacque Poggio Imperiale.

Nel 1759 il Principe fece arrivare nel nuovo villaggio alcune famiglie provenienti da S. Marco in Lamis, Bonefro, Portocannone, Foggia, Bari e Francavilla, primi abitanti del neonato paese. Due anni più tardi, il 18 gennaio 1761, stipulò con un consistente numero di Albanesi un patto, in cui si offriva loro vitto e alloggio in cambio della cura e del lavoro dei terreni. Nel 1764, inoltre, raggiunsero il borgo anche numerose famiglie dal Principato Ultra del Regno di Napoli, che posero le basi per la costituzione di una consistente comunità amministrativa.

Il villaggio già conosciuto come Tarranòve fu all'origine dipendente da Lesina. Ottenne l'autonomia dal vicino centro lagunare il 18 gennaio 1816. In tale anno il paese contava già 794 abitanti.

Le prime abitazioni del piccolo borgo sorsero nella parte più alta della collina, concentrate lungo l'attuale via Albanesi. Da questa via, nella parte più vicina alla Chiesa di San Placido, si accedeva alla dimora del fondatore, conosciuta come Palazzina.

Nel 1886, in occasione del centenario della morte del fondatore Placido Imperiale, fu posto nella piazza a lui dedicata un busto marmoreo raffigurante il Principe stesso.

Il nome del comune è composto dalle parole "Poggio", riferimento alla collina su cui è posto, e "Imperiale", in onore del Principe fondatore.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Santuario di San Nazario Martire[modifica | modifica wikitesto]

A pochi chilometri dal centro abitato, sorge presso una sorgente di acqua termale che origina il torrente Caldoli. Si racconta che il luogo fosse sacro già agli antichi greci. La sua notorietà è legata soprattutto alla tradizione che lo vuole visitato dal martire protocristiano Nazario, il quale avrebbe lavato i suoi piedi nella sorgente appoggiandosi su un cippo marmoreo. Questo cippo è ancora oggi conservato nel Santuario e, con il passare del tempo, è stato levigato dalla mano dei fedeli che si recano ivi in pellegrinaggio devozionale.[4].

Chiesa di San Placido Martire[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa Parrocchiale di San Placido Martire, costruita nella seconda metà del '700, si affaccia sulla piazza centrale del paese, in direzione nord. A seguito di un crollo verificatosi negli anni 60, il suo interno è stato completamente rivisitato.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Si presenta con due navate: la centrale, con l'altare maggiore; la laterale, con l'altare in marmo policromo dedicato alla Madonna di Pompei (fino al 2006, anno dell'ultima ristrutturazione, questo altare aveva nella parte superiore una edicola dedicata alla Vergine del Rosario. Sempre fino a quell'anno trovava inoltre posto, nella navata laterale, l'altare dedicato a San Michele Arcangelo, protettore del comune garganico).

Degno di nota è il dipinto del Patrono, (olio su tela) risalente al XVIII secolo, donato dal Principe alla comunità terranovese e realizzato dal napoletano Francesco De Mura. Attualmente questa opera d'arte è posta nella navata laterale, al di sopra dell'altare della Madonna di Pompei. Prima dei lavori maggiori degli anni 60, la tela era invece posta sulla parete frontale, al centro dell'altare maggiore.

Al suo interno sono inoltre conservati i simulacri di san Placido, san Michele Arcangelo, sant'Antonio da Padova, Maria Immacolata, Madonna del Carmine, san Giuseppe e Gesù verso il Calvario, tutti realizzati ad Ortisei. Di particolare rilevanza artistica è il simulacro di Santa Filomena di Roma V.M., in legno policromo del XIX secolo, realizzato dall'artista napoletano Giuseppe Catello e di recente restauro.

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

Domina la facciata esterna l'imponente campanile, struttura più alta di tutto il paese. Si distinguono due ingressi: il più grande, che dà accesso alla Chiesa; il minore, un tempo utilizzato per accedere al campanile. Prima del crollo degli anni '60 era visibile il tetto spiovente; dopo i lavori di ristrutturazione invece, per dare spazio alla costruzione di un appartamento per il parroco al piano superiore, è stato realizzato un terrazzo.

Motivo ricorrente, che richiama le finestre laterali dell'edificio, è una semiluna con convessità rivolta verso l'alto. Oltre che sulla parete laterale (lato est), questa figura è ripresa sulla facciata anteriore, al di sotto della torre campanaria. Da questa semiluna si stagliano fasce orizzontali, che completano la metà sinistra della facciata stessa. Le fasce orizzontali sono riprese anche nella metà superiore del campanile, come elemento di unione con la facciata sottostante.

Attualmente, seppur non totalmente in ottimo stato, la facciata anteriore è tinteggiata di giallo, mentre le pareti laterali sono bianche. In origine, invece, l'intero edificio si presentava di colore bianco, come la maggior parte delle costruzioni dell'epoca.

Altri luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa del Sacro Cuore di Gesù.
  • Piazza Placido Imperiale, dove è sita la damiera fissa più grande d'Europa[5][6]. Nella piazza è inoltre possibile ammirare il busto marmoreo del Principe Imperiale (1886) e il monumento ai caduti di tutte le guerre. Al di sotto della superficie della piazza stessa sono ancora oggi visibili, tramite apposite aperture vetrate, le sottostanti fosse granaie, dove fino ai primi anni del secolo scorso veniva stipato il grano raccolto.
  • Corso Vittorio Veneto, conosciuto come "il viale": ricostruito nel 2010 interamente in pietra di Apricena, è sede della mostra permanente delle pietre estratte dal bacino marmifero di Apricena, Poggio Imperiale e Lesina. Nella pavimentazione sono infatti presenti otto ovali in pietra, abbracciati da blocchi di marmo convertiti a panchine; ogni ovale è realizzato con una varietà diversa di pietra qui estratta, con scolpite indicazioni riguardanti la tipologia e poesie di artisti locali.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 231 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Dialetto[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto di Poggio Imperiale, localmente denominato "tarnuésë", costituisce un caso linguistico molto interessante, ma non ancora molto ben approfondito. Si tratta di una parlata che, al pari dello stesso comune, è definibile come relativamente “nuova”, perché originatasi anch'essa a partire dal 1759, anno dei primi insediamenti nell'attuale territorio. Anche la popolazione che vi si stabilì era pertanto “nuova”, proveniente in maggioranza dall'esterno del feudo (paesi limitrofi, Campania, Basilicata, Calabria, Albania, ecc.), e fu ovviamente necessario raggiungere ben presto un'unità linguistica oltre che amministrativa.

Fondamentale al riguardo è stato l'apporto del Principe Placido Imperiale e del suo entourage napoletano, o comunque campano, e la conseguente venuta di numerose famiglie del Principato Ultra, corrispondente grosso modo alle attuali provincie di Benevento e Avellino: ne è conseguito che a prendere il sopravvento fu una parlata di tipo napoletano, o meglio “napoletaneggiante”, considerata da un lato “più pura e attuale” per l'epoca, e dall'altro un linguaggio “colto”, “forbito”, che distingueva i proprietari terrieri, i professionisti e gli amministratori dal resto della popolazione, e che nel giro di poche generazioni è divenuta il dialetto dell'intera comunità. A ciò si può aggiungere inoltre che il “napoletano” si è ulteriormente affermato a Poggio Imperiale in relazione alle frequentazioni dei suoi abitanti a Napoli per motivi di studio, ma anche per l'apprendimento delle arti e dei mestieri.

Di conseguenza, mentre tutti i linguaggi del Gargano andrebbero classificati nel gruppo pugliese settentrionale, in particolare nel sottotipo “dauno”, Poggio Imperiale è invece linguisticamente esterno al Promontorio, presentando appunto una fenomenologia tipologicamente campana: ne è la prova il fatto che i dialetti parlati nei centri viciniori, come Lesina, Apricena, San Nicandro Garganico o San Paolo di Civitate, presentano ancora oggi delle diversità rispetto al "tarnuésë", nonostante la naturale tendenza all'omogeneizzazione.

Le differenze più rilevanti attengono alla pronuncia vocalica, perché mentre nel foggiano (già a Lesina), come quasi in tutta la Puglia, nonché in parti di Abruzzo e Molise, è presente il cosiddetto “isocronismo sillabico”, che prevede la pronuncia chiusa di tutte le vocali in sillaba libera, terminante cioè con vocale, (ad es. “bé-ne”, “có-sa”), ed aperta di tutte le vocali in sillaba complicata, terminante per consonante, (ad es. “ròt-to”, “strèt-to”), a Poggio Imperiale vigono condizioni tipicamente campane, peraltro assai vicine all'italiano standard (ad es. “bène” ma “méttere”, “còsa”, ma “sótto”, ecc.), tra l'altro con molte delle difformità proprie del campano rispetto all'italiano standard ("vèro" contro italiano "véro", nonché i suffissi in -etto/-etta, pronunciati sempre aperti come "sigarètta"). Differenze si registrano, seppure in misura meno rilevante, anche nel lessico (ad es. “midollo” è reso a P.I. con mëdùllë, mentre a Lesina mëdòllë, “ossa” diventa òssërë a P.I. mentre jòssë ad Apricena), e nella cadenza, percepita spesso da chi proviene da fuori come “napoletana” o al massimo “molisana”.

La colonia albanese poco ha lasciato delle sue tradizioni e del suo folklore, per la breve permanenza che ha avuto in questo paese. È rimasto solo qualche piccolo ricordo, nelle parole come kakagljë “balbuziente”, o chjatràtë “infreddolito” e poche altre, citate qualche volta dagli anziani.

I pastori d'Abruzzo sono stati quelli che più profondamente hanno influenzato la lingua e le usanze durante il periodo della loro transumanza, perché essi si fermavano per circa tre quarti dell'anno nel territorio di Poggio Imperiale: le parole riflettono o le modeste usanze di casa: u ddaccialardë “il tagliere”, u tavelérë “la spianatoia”, rescekarà (con la s schiacciata alla napoletana sc)“risciacquare”, u fukarilë “il focolare” o “il camino”,o le attività di campagna: u necchiarekë “il prato non coltivato”, l'acchje “la bica di frumento”, i listrë “la resta del frumento". Inoltre c'è da ricordare a lòtë “il fango", a pertòsë “l'occhiello”, u kacciakarnë “il forchettone”, u zurrë “il becco”. Altri fenomeni, come la palatizzazione di si (trascì “entrare”), di s (ruscë “rosso”, ma cusì per “così”), e ancora di c (vascë, cascë vrascë per “bacio”, “cacio e “brace”), nonché l'uso della forma iévë pe pèrsë per “era perduto”, sono fatti tipicamente appenninici e pastorali.

Dal napoletano è derivata una terminologia più o meno tecnica: il teniere ricorrente nelle Prammatiche del Regno di Napoli, per indicare “il calcio del fucile”, a mórra, per indicare una gran quantità di uomini e animali, a cùnnele, per indicare “la culla” etc.

Nelle forme verbali è da notare la contrapposizione tra un napoletaneggiante àmma fa' festë (con il rafforzamento della m nella prima persona plurale), contro un appenninico magnàmë “mangiamo” (dove non avviene questo rafforzamento della m nelle stesse condizioni).

Il pugliese di tipo foggiano è pure presente con pochi fatti, ma anche questi sostanziali: c'è da notare facimë “facciamo”, nzònghë “non sono”, l'è ddittë con due d per “l'ha detto” e così via.

Note grammaticali[modifica | modifica wikitesto]

Le vocali, nel dialetto di Poggio Imperiale, probabilmente proprio per la genesi recente del dialetto, non hanno subito un'alterazione della palatizzazione e una rottura con dittongazione (esempio: chéne “cane”, mére “mare”, chése “casa”; oppure maraite per “marito”, amoiche per amico etc.), ma hanno conservato il suono della |a| ed hanno mantenuto il suono originario (esempio: cane, mare, vita, marito).

Per quanto riguarda le vocali (è/ò), il poggioimperialese mostra dei fenomeni comuni a quasi tutti i dialetti centro-meridionali. Non presenta però il dittongamento del tipo napoletano, come ad esempio: suonne per “sonno”, bbuone per “buono”, tièmpe per “tempo”, mmièze per dire “in mezzo”, tu t'adduorme per “tu t'addormenti”, ecc. Il poggioimperialese, invece, ha mméze “in mezzo”, fóke “fuoco”, sónne “sonno”, tu t'addurme per “tu t'addormenti”, bbóne per “buono”, ma bbòne per “buona e buone”.

Le vocali /é/>/i/ conservano lo stesso suono come ad esempio: acite “aceto”, mise “mesi” (ma al singolare mése “mese”); nire indifferentemente al singolare e al plurale “nero, neri”, al femminile però è diverso: nére per “nera” e “nere”; così pure avviene per parole come frisceke “fresco, freschi” e al femminile singolare e plurale frésceke “fresca” e “fresche”, sicche “secco, secchi” e al femminile singolare e plurale sécche per “secca” e “secche”. Si ricorda sempre che la /e/ senza accento finale di sillaba e di parola è muta.

I pronomi personali nel nostro dialetto sono i seguenti: ije (io), tu (tu), jisse e jésse (egli, esso, ella, essa), nuje (noi), vuje (voi), lòre (essi, esse, loro).

/ó/ >/u/, la ó si trasforma nella u come nel seguente esempio: nuje “noi”, vuje “voi”, sciure “fiori” (al singolare però resta immutato, in questo caso si dice scióre per “fiore”). Nepute resta invariato per singolare maschile e femminile al plurale “nipote, nipoti”. Al singolare femminile invece si dice nepôte “nipote.

Le consonanti assumono anch'esse una trasformazione: abbiamo ad esempio la b che nel nostro dialetto diventa v oppure u, a seconda delle parole. Allora abbiamo: vókke per “bocca”, vatte per “battere” véve per “bere”, vòske per “bosco” etc. Fanno eccezione quelle parole che nel linguaggio dialettale raddoppiano la consonante come: bbànne per indicare “i musicanti”, bballà per “ballare”.

L'articolo maschile “il” si trasforma in “lu” (pochissimo usato) o in “u”. Il femminile “la” si trasforma in “la” (pochissimo usato) o in “a”.

Gli articoli determinativi sono rappresentati dalle vocali: singolare maschile u = (il, lo), singolare femminile a = (la) e plurale maschile e femminile i = (i, gli, le).

Gli articoli indeterminativi presentano al maschile singolare nu = (un, uno) e al singolare femminile na =(una).

Gli avverbi sono diversi nei vari paesi garganici a seconda dell'influsso che hanno ricevuto durante la loro formazione, allora per gli avverbi di luogo si ha qua (vicino a chi parla), mentre (vicino a chi ascolta, ma lontano da chi parla) llò, e (lontano da chi parla e da chi ascolta) llà. Inoltre abbiamo sópe per “sopra”, abbasce per “sotto”, dinde, per “dentro”, fòre per “fuori, nnanze per “davanti”, drète per “dietro”.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

A Poggio Imperiale gli eventi sono molteplici durante tutto l'anno solare. In ordine di tempo abbiamo:

  • Carnevale Terranovese, di antica tradizione, durante il quale sfilano maschere e carri allegorici e si tengono balli in piazza.
  • i Riti della Settimana Santa: di particolare rilevanza è la Via Crucis Vivente. Molto sentite dalla popolazione sono anche le processioni del Venerdì Santo (quella delle 5,00 con Gesù verso il Calvario e l'Addolorata in cerca del figlio; quella delle 20,00 con Cristo morto e l'Addolorata)
  • Processione del Corpus Domini con preparazione lungo il percorso della processione di caratteristici altarini (i sabbùleke) per l'esposizione del Sacramento.
  • Premio Nazionale "Spiga d'Oro" (giugno)
  • Bambini al microfono (luglio): manifestazione canora riservata ai bambini e organizzato dall'Azione Cattolica; nel 2011 ha raggiunto la 43ª edizione.
  • Festa della Madonna del Carmine con sfilata della banda in mattinata, processione con il simulacro di Maria a spalla per il paese e fuochi pirotecnici a mezzanotte il (16 luglio). La festa è particolarmente sentita dai muratori; la Vergine del Monte Carmelo è infatti la loro protettrice.
  • Festa di san Nazario martire (27-28 luglio), con pellegrinaggio a piedi sino all'omonimo santuario. La mattina del 28, dopo la Santa Messa, presso il Santuario vi si tiene una breve processione, con rappresentanti delle amministrazioni comunali delle città confinanti.
  • Palio di dama vivente (agosto), con il corteo storico, i gruppi folcloristici e i rappresentanti di tutti i comuni partecipanti. L'edizione del 2008 si è arricchita anche del premio nazionale degli Sbandieratori.
  • Festival Terranovese (agosto), concorso canoro con partecipanti provenienti da tutta la Capitanata. Nel 2014 ha raggiunto la 15ª edizione.
  • Festa Patronale di san Placido martire (5 ottobre): durante la processione mattutina vengono portati a spalla i simulacri di San Placido e San Michele Arcangelo; la sera, nelle vie cittadine addobbate con le luminarie e con i nastri colorati, si tengono alcuni spettacoli, seguiti dai fuochi pirotecnici.
  • Falò dell'Immacolata: durante la processione della Immacolata Concezione, lungo le vie del paese vengono preparati numerosi falò che, simbolicamente, illuminano la via alla Vergine. Al termine della processione, tutto il quartiere si riunisce attorno al falò per passare la serata in compagnia.
  • Premio Letterario Internazionale "Emozioni in Bianco e Nero"[8] (fine Agosto/inizi Settembre), organizzato dalla casa editrice Edizioni del Poggio, giunto alla sua sesta edizione. Nella quinta edizione (2013) il premio ha visto partecipare oltre 3000 concorrenti[9], provenienti da ogni parte della penisola e dall'Europa.

Persone legate a Poggio Imperiale[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La principale risorsa economica di Poggio Imperiale è l'agricoltura. Le attività agricole preminenti sono l'orticoltura (specialmente del pomodoro), la cerealicoltura e, non in misura minore, la coltivazione dell'olivo e della vite. Sono presenti alcune imprese di trasformazione dei prodotti orticoli e olivicoli.

Importante è anche l'attività estrattiva della pietra di Apricena, che conta su circa quaranta imprese, operanti nel bacino estrattivo di Apricena e Poggio Imperiale.

Nel settore manifatturiero si rileva la produzione di materiali elettrici; vi sono inoltre attività operanti nel tessile, nel legno, nella plastica e nella carpenteria metallica.

Dal 2007 è in funzione un parco eolico di proprietà della multinazionale inglese International Power. L'impianto è costituito da 15 aerogeneratori Vestas V80 da 2 MW ciascuno.

Complessivamente, il tasso di disoccupazione è inferiore alla media provinciale, soprattutto per la presenza di manodopera stagionale per la raccolta e la trasformazione del pomodoro, pari a circa 300 unità e costituita soprattutto da extracomunitari.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
24 settembre 1988 31 maggio 1990 Giuseppe Caroppi Partito Socialista Democratico Italiano Sindaco [10]
31 maggio 1990 8 settembre 1992 Giuseppe Caroppi - Sindaco [10]
14 settembre 1992 24 aprile 1995 Giuseppe Cristino Partito Democratico della Sinistra Sindaco [10]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Onorato D'Amato lista civica Sindaco [10]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Onorato D'Amato Forza Italia Sindaco [10]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Rocco Lentinio lista civica Sindaco [10]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Rocco Lentinio lista civica Sindaco [10]
4 giugno 2014 in carica Alfonso D'Aloiso Partito Democratico Sindaco [10][11]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Albania Vora - dal 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ AA.VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 502.
  3. ^ Denominazione porta del Gargano sul sito ufficiale del comune
  4. ^ L'antico canto devozionale Lu péde de Sante Lazzare e come ce adòre e come ce préij (Il piede di San Nazario come si adora e come si prega) testimonia il radicamento della tradizione.
  5. ^ La Dama | L'inviato speciale, su www.ilgiornalino.org. URL consultato il 14 agosto 2015.
  6. ^ Amedeo Zullo, Stampasud - Il primo giornale di informazione on line di Capitanata, su www.stampasud.it. URL consultato il 14 agosto 2015.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Home page - Editore Edizioni del Poggio casa editrice degli autori emergenti
  9. ^ Concorsi letterari - Editore Edizioni del Poggio casa editrice degli autori emergenti
  10. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/
  11. ^ FoggiaToday

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN315942908
Puglia Portale Puglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Puglia