2. Liga (Austria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Erste Liga)
Jump to navigation Jump to search
2. Liga
SportFootball pictogram.svg Calcio
TipoSquadre di club
FederazioneÖFB
PaeseAustria Austria
OrganizzatoreÖsterreichische Fußball-Bundesliga
Cadenzaannuale
Aperturaluglio
Chiusuramaggio
Partecipanti16 squadre
Formulaandata e ritorno
Promozione inBundesliga
Retrocessione inRegionalliga
Sito Internetbundesliga.at
Storia
Fondazione1974
Numero edizioni46
DetentoreRied
Record vittorieLASK (4)
Ultima edizione2. Liga 2020-2021

La Erste Liga (letteralmente Prima Lega) è la seconda divisione professionistica del campionato austriaco di calcio. È composta da 10 squadre, ed ha un funzionamento analogo a quello della Bundesliga. La squadra vincente del campionato vi è promossa, mentre le ultime tre classificate sono retrocesse in Regionalliga. Si tratta del più basso livello a carattere completamente professionistico, oltreché a girone unico, nel calcio austriaco.

Il campionato è conosciuto ufficialmente come Sky Go Erste Liga[1], inoltre, per accordi di sponsorizzazione, dal 2002 al 2008, era nota come Red Zac Erste Liga e nella stagione 2009-2010 come ADEG Erste Liga. Dal 2010 al 2014 ha acquisito la denominazione di "Heute für Morgen" Erste Liga.

L'attuale struttura esiste, con leggeri aggiustamenti, dalla stagione 1974-1975, in seguito alla riforma generale che coinvolse tutto il calcio austriaco in quell'occasione.

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2010-2011 è stata decisa la riduzione da 12 a 10 squadre, con l'esclusione delle formazioni Amateure, le quali non potranno più giocare nei tornei professionistici, e il ritorno alla formula utilizzata fino al 2007. L'alternativa, poi scartata, prevedeva l'espansione a 16 club senza l'esclusione delle squadre riserve dei team della Bundesliga.

Sanel Kuljić festeggia la vittoria della Erste Liga 2008-2009

Con questa riforma, il campionato di Erste Liga avrà di nuovo lo stesso meccanismo di quello di Bundesliga, con un doppio girone di andata e ritorno, per un totale di 36 giornate, al termine delle quali la società vincitrice otterrà la promozione in massima serie, e l'ultima classificata retrocederà direttamente in Regionalliga. La 9ª classificata disputerà un torneo di spareggio con le vincitrici dei tre gruppi di Regionalliga, la vincitrice di questo mini-torneo otterrà la promozione (o la permanenza) in Erste Liga.

La partecipazione al campionato, organizzato e diretto dalla Österreichische Fußball-Bundesliga, è legata alla concessione della licenza da parte della stessa: qualora qualche team venga escluso per motivi finanziari, come accaduto all'Austria Kärnten nel 2010, si effettuano ripescaggi tra le società retrocesse.

Dalla stagione 2014-2015 la formula del campionato è stata modificata. Sono infatti le ultime due squadre a retrocedere direttamente in Regionalliga, anziché una sola[2].

Dalla stagione 2018/19 le squadre diventano 16. .Ogni squadra gioca due volte contro qualsiasi altra squadra durante una stagione. Quindi in un anno si giocano 30 giornate. La prima viene promossa in Fußball-Bundesliga (Austria), mentre le ultime 3 retrocedono.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1974 la riforma del calcio austriaco introdusse un secondo livello professionistico nel campionato: fu creata la Bundesliga con 10 squadre e, al di sotto di essa, la Nationalliga, fino alla stagione precedente il massimo campionato, fu "retrocessa" a seconda serie. Era originariamente composta da 14 società, che divennero 16 nella stagione seguente, in concomitanza con il cambiamento di denominazione in 2. Division: con questa formula, la vincitrice otteneva la promozione in Bundesliga, e le ultime tre classificate retrocedevano in Regionalliga.

Nella stagione 1981-1982 furono promosse 6 squadre, e bloccate le retrocessioni, per l'allargamento della 1. Division a 16 club, così nell'anno seguente le promozioni/retrocessioni tra le due categorie professionistiche aumentarono a 2 per stagione, e nel 1983-1984 a 3, conservando le 3 retrocessioni in Regionalliga. Nel 1984-1985 però i ranghi vennero nuovamente ridotti, e in quella stagione si ebbe una sola promozione, e ben 11 retrocessioni nelle leghe regionali, per avere dal 1985-1986 una 1. Division e una 2. Division con 12 squadre ciascuna, e l'introduzione del complicato meccanismo di play-off e play-out che durerà fino al 1993.

Con la stagione 1993-1994 la Bundesliga assunse l'attuale conformazione a 10 squadre, e la 2. Division fu portata a 16 club. La vincitrice veniva promossa direttamente, sostituendo l'ultima classificata nel torneo maggiore, mentre la penultima di Bundesliga e la seconda di 2. Division spareggiavano tra di loro. Le ultime 3 classificate retrocedevano come di consueto in Regionalliga. Questa formula fu conservata sino al 1997-1998, anno in cui anche la 2. Division fu ridotta a 10 squadre e, ricalcando in pieno il regolamento della serie maggiore, fu introdotta la retrocessione diretta dell'ultima classificata, e lo spareggio tra la penultima e le vincitrici della Regionalliga, con 2 posti in palio. Sempre nel 1998 il torneo assunse la denominazione di Erste Liga che ancora conserva. Da allora l'unica modifica fu l'allargamento, nell'estate del 2006, a 12 formazioni, con una promozione e 3 retrocessioni dirette, ma la riforma del torneo stabilita nel 2009 ha di fatto ripristinato il formato precedente a partire dalla stagione 2010-2011.

Sempre nel corso della riunione decisiva, è stato deciso che le formazioni riserva (Amateure) delle squadre professionistiche non potranno giocare i campionati nazionali, ma solo quelli regionali. Le uniche formazioni Amateure ad aver preso parte alla Erste Liga sono state quelle di Austria Vienna (2005-2010) e Salisburgo (2008-2010).

Squadre partecipanti 2020-2021[modifica | modifica wikitesto]

Club Città Stadium
Amstetten Amstetten Ertl Glas Stadion
Austria Klagenfurt Klagenfurt Wörthersee Stadion
Austria Lustenau Lustenau Reichshofstadion
Austria Vienna II Vienna Generali Arena
Blau-Weiß Linz Linz Donauparkstadion
Dornbirn Dornbirn Stadion Birkenweise
Floridsdorfer Vienna FAC-Platz
Grazer AK Graz Stadion Liebenau
Horn Horn Waldviertler Volksbank Arena
Juniors OÖ Pasching Waldstadion
Kapfenberger Kapfenberg Franz Fekete Stadion
Lafnitz Lafnitz Fußballarena Lafnitz
Liefering Salzburg Untersberg Arena
Ried Ried im Innkreis Keine Sorgen Arena
Vorwärts Steyr Steyr Vorwärts Stadium
Wacker Innsbruck Innsbruck Tivoli-Neu Stadion

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Saisonstart-Pressekonferenz der Sky Go Ersten Liga in Wien[collegamento interrotto], bundesliga.at. URL consultato il 17 luglio 2014.
  2. ^ (DE) Zwei Fixabsteiger aus Erste Liga ab Saison 2014/15, transfermarkt.at. URL consultato il 27 marzo 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio