Erste Liga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sky Go Erste Liga
Sport Football pictogram.svg Calcio
Tipo Squadre di club
Federazione ÖFB
Paese Austria Austria
Organizzatore Österreichische Fußball-Bundesliga
Cadenza annuale
Apertura luglio
Chiusura maggio
Partecipanti 10 squadre
Formula girone doppio A/R/A/R
Promozione in Bundesliga
Retrocessione in Regionalliga
Sito Internet bundesliga.at
Storia
Fondazione 1974
Numero edizioni 44
Detentore LASK Linz
Record vittorie LASK Linz (4)
Edizione in corso Erste Liga 2017-2018

La Erste Liga (letteralmente Prima Lega) è la seconda divisione professionistica del campionato austriaco di calcio. È composta da 10 squadre, ed ha un funzionamento analogo a quello della Bundesliga. La squadra vincente del campionato vi è promossa, mentre le ultime tre classificate sono retrocesse in Regionalliga. Si tratta del più basso livello a carattere completamente professionistico, oltreché a girone unico, nel calcio austriaco.

Il campionato è conosciuto ufficialmente come Sky Go Erste Liga[1], inoltre, per accordi di sponsorizzazione, dal 2002 al 2008, era nota come Red Zac Erste Liga e nella stagione 2009-2010 come ADEG Erste Liga. Dal 2010 al 2014 ha acquisito la denominazione di "Heute für Morgen" Erste Liga.

L'attuale struttura esiste, con leggeri aggiustamenti, dalla stagione 1974-1975, in seguito alla riforma generale che coinvolse tutto il calcio austriaco in quell'occasione. La squadra campione in carica è l'Altach, vincitrice del torneo 2013-2014, mentre la società più titolata è il LASK Linz con 4 successi.

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2010-2011 è stata decisa la riduzione da 12 a 10 squadre, con l'esclusione delle formazioni Amateure, le quali non potranno più giocare nei tornei professionistici, e il ritorno alla formula utilizzata fino al 2007. L'alternativa, poi scartata, prevedeva l'espansione a 16 club senza l'esclusione delle squadre riserve dei team della Bundesliga.

Sanel Kuljić festeggia la vittoria della Erste Liga 2008-2009

Con questa riforma, il campionato di Erste Liga avrà di nuovo lo stesso meccanismo di quello di Bundesliga, con un doppio girone di andata e ritorno, per un totale di 36 giornate, al termine delle quali la società vincitrice otterrà la promozione in massima serie, e l'ultima classificata retrocederà direttamente in Regionalliga. La 9ª classificata disputerà un torneo di spareggio con le vincitrici dei tre gruppi di Regionalliga, la vincitrice di questo mini-torneo otterrà la promozione (o la permanenza) in Erste Liga.

La partecipazione al campionato, organizzato e diretto dalla Österreichische Fußball-Bundesliga, è legata alla concessione della licenza da parte della stessa: qualora qualche team venga escluso per motivi finanziari, come accaduto all'Austria Kärnten nel 2010, si effettuano ripescaggi tra le società retrocesse.

Dalla stagione 2014-2015 la formula del campionato è stata modificata. Sono infatti le ultime due squadre a retrocedere direttamente in Regionalliga, anziché una sola[2].

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1974 la riforma del calcio austriaco introdusse un secondo livello professionistico nel campionato: fu creata la Bundesliga con 10 squadre e, al di sotto di essa, la Nationalliga, fino alla stagione precedente il massimo campionato, fu "retrocessa" a seconda serie. Era originariamente composta da 14 società, che divennero 16 nella stagione seguente, in concomitanza con il cambiamento di denominazione in 2. Division: con questa formula, la vincitrice otteneva la promozione in Bundesliga, e le ultime tre classificate retrocedevano in Regionalliga.

Nella stagione 1981-1982 furono promosse 6 squadre, e bloccate le retrocessioni, per l'allargamento della 1. Division a 16 club, così nell'anno seguente le promozioni/retrocessioni tra le due categorie professionistiche aumentarono a 2 per stagione, e nel 1983-1984 a 3, conservando le 3 retrocessioni in Regionalliga. Nel 1984-1985 però i ranghi vennero nuovamente ridotti, e in quella stagione si ebbe una sola promozione, e ben 11 retrocessioni nelle leghe regionali, per avere dal 1985-1986 una 1. Division e una 2. Division con 12 squadre ciascuna, e l'introduzione del complicato meccanismo di play-off e play-out che durerà fino al 1993.

Con la stagione 1993-1994 la Bundesliga assunse l'attuale conformazione a 10 squadre, e la 2. Division fu portata a 16 club. La vincitrice veniva promossa direttamente, sostituendo l'ultima classificata nel torneo maggiore, mentre la penultima di Bundesliga e la seconda di 2. Division spareggiavano tra di loro. Le ultime 3 classificate retrocedevano come di consueto in Regionalliga. Questa formula fu conservata sino al 1997-1998, anno in cui anche la 2. Division fu ridotta a 10 squadre e, ricalcando in pieno il regolamento della serie maggiore, fu introdotta la retrocessione diretta dell'ultima classificata, e lo spareggio tra la penultima e le vincitrici della Regionalliga, con 2 posti in palio. Sempre nel 1998 il torneo assunse la denominazione di Erste Liga che ancora conserva. Da allora l'unica modifica fu l'allargamento, nell'estate del 2006, a 12 formazioni, con una promozione e 3 retrocessioni dirette, ma la riforma del torneo stabilita nel 2009 ha di fatto ripristinato il formato precedente a partire dalla stagione 2010-2011.

Sempre nel corso della riunione decisiva, è stato deciso che le formazioni riserva (Amateure) delle squadre professionistiche non potranno giocare i campionati nazionali, ma solo quelli regionali. Le uniche formazioni Amateure ad aver preso parte alla Erste Liga sono state quelle di Austria Vienna (2005-2010) e Salisburgo (2008-2010).

Le squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Organico 2017-2018[modifica | modifica wikitesto]

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Saisonstart-Pressekonferenz der Sky Go Ersten Liga in Wien, bundesliga.at. URL consultato il 17 luglio 2014.
  2. ^ (DE) Zwei Fixabsteiger aus Erste Liga ab Saison 2014/15, transfermarkt.at. URL consultato il 27 marzo 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calcio