Druogno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Druogno
comune
Druogno – Stemma Druogno – Bandiera
Druogno – Veduta
Veduta di Druogno con il campanile della chiesa di San Silvestro
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaCoA of Verbano-Cusio-Ossola.svg Verbano-Cusio-Ossola
Amministrazione
SindacoMarco Zanoletti (lista civica) dal 06/05/2012
Territorio
Coordinate46°08′N 8°28′E / 46.133333°N 8.466667°E46.133333; 8.466667 (Druogno)Coordinate: 46°08′N 8°28′E / 46.133333°N 8.466667°E46.133333; 8.466667 (Druogno)
Altitudine836 m s.l.m.
Superficie29,61 km²
Abitanti1 038[1] (31-7-2017)
Densità35,06 ab./km²
FrazioniAlbogno, Coimo, Gagnone, Orcesco, Sagrogno e Sasseglio
Comuni confinantiMasera, Santa Maria Maggiore, Trontano
Altre informazioni
Cod. postale28853
Prefisso0324
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT103029
Cod. catastaleD374
TargaVB
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Nome abitantidruognesi
PatronoSan Silvestro
Giorno festivo31 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Druogno
Druogno
Druogno – Mappa
Posizione di Druogno nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola
Sito istituzionale

Druogno (Dravégn in dialetto ossolano) è un comune di 1.038 abitanti in Val Vigezzo, provincia del Verbano-Cusio-Ossola.[2] Le frazioni di Albogno e Coimo, già comuni autonomi, furono uniti a Druogno a seguito del R. D. 6 maggio 1928, n° 1184.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In epoca romana Druogno era attraversata dalla via Vigezzina, strada romana consolare che metteva in comunicazione Oscella (Domodossola), che si trovava nei pressi dell'imbocco della Val Vigezzo (lat. Vallis Vigetii), con Leocarnum (Locarno), che era situato sulla sponda settentrionale del Lago Maggiore (lat. Verbanus lacus).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Albogno: paesino a 1020 m s.l.m.; oratorio di San Michele Arcangelo del 1696. Festa patronale l'ultima domenica di settembre.
  • Coimo: chiesa di Sant'Ambrogio, affrescata nel 1728 da Giuseppe Mattia Borgnis[4].
  • Sagrogno: oratorio di San Rocco con un'abside semicircolare.
  • Sasseglio: sacello del SS. Sacramento affrescato da G. M. Borgnis nel 1751 e antico oratorio di San Marco.
  • Gagnone: oratorio di San Defendente.
  • Orcesco: oratorio di San Carlo, santo di culto della famiglia Borromeo, feudataria della Valle.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
28 aprile 1997 8 ottobre 1997 Aldo Umberto Bonardi lista civica Sindaco [5]
8 ottobre 1997 25 maggio 1998 Rocco Trillo Comm. pref. [5]
25 maggio 1998 28 maggio 2002 Aldo Umberto Bonardi lista civica Sindaco [5]
28 maggio 2002 29 maggio 2007 Giovanni Francini lista civica Sindaco [5]
28 maggio 2007 7 maggio 2012 Giovanni Francini lista civica Sindaco [5]
24 maggio 2012 in carica Marco Zanoletti Sindaco [5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune di Druogno esistono tre stazioni ferroviarie sulla linea Domodossola - Locarno:

La Colonia Montana[modifica | modifica wikitesto]

A Druogno è presente una grande colonia montana estiva, intitolata a Luigi Razza inaugurata negli anni '30 e ancora attiva gestita dal Consorzio Case Vacanza dei Comuni Novaresi. Nel periodo compreso tra il 1945 e il 1951 circa è stata un preventorio antitubercolare.

L'ala est della struttura, grazie a un progetto europeo Interreg Italia-Svizzera, denominato Tramevive, è stata affidata alla Fondazione UniversiCà e interamente recuperata nel 2013. Ospita un grande allestimento museale multimediale denominato Museo UniversiCà.

Strutture culturali[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo UniversiCà: spazio di oltre duemila metri quadri, sito nell'ala est della Colonia Montana, propone un museo di concezione multimediale dedicato alle tradizioni e ai mestieri della Valle Vigezzo e un'area riservata ad allestimenti temporanei, conferenze, spettacoli. Ospita anche delle postazioni per la consultazione approfondita di un archivio virtuale sulla Valle Vigezzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2017.
  2. ^ Druogno | Valle Vigezzo, su www.vallevigezzo.eu. URL consultato il 3 settembre 2015.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Giuseppe Mattia Borgnis, su itinerarisenzafrontiere.net.
  5. ^ a b c d e f http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN242777832