Druogno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Druogno
comune
Druogno – Stemma
Druogno – Veduta
Veduta di Druogno con il campanile della chiesa di San Silvestro
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia del Verbano-Cusio-Ossola-Stemma.png Verbano-Cusio-Ossola
Amministrazione
Sindaco Marco Zanoletti (lista civica) dal 06/05/2012
Territorio
Coordinate 46°08′N 8°28′E / 46.133333°N 8.466667°E46.133333; 8.466667 (Druogno)Coordinate: 46°08′N 8°28′E / 46.133333°N 8.466667°E46.133333; 8.466667 (Druogno)
Altitudine 836 m s.l.m.
Superficie 29,61 km²
Abitanti 1 050[1] (30-11-2016)
Densità 35,46 ab./km²
Frazioni Albogno, Coimo, Gagnone, Orcesco, Sagrogno e Sasseglio
Comuni confinanti Masera, Santa Maria Maggiore, Trontano
Altre informazioni
Cod. postale 28853
Prefisso 0324
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 103029
Cod. catastale D374
Targa VB
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti druognesi
Patrono San Silvestro
Giorno festivo 31 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Druogno
Druogno
Sito istituzionale

Druogno (Dravégn in piemontese) è un comune di 1050 abitanti in Val Vigezzo, provincia del Verbano-Cusio-Ossola.[2]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Albogno: ridente paesino a 1020 m s.l.m., da visitare l'oratorio di San Michele Arcangelo del 1696. Festa patronale l'ultima Domenica di settembre.
  • Coimo: vanta la chiesa di Sant'Ambrogio, affrescata nel 1728 da Giuseppe Mattia Borgnis[4].
  • Sagrogno: Oratorio di San Rocco con un'abside semicircolare.
  • Sasseglio: Sacello del SS. Sacramento affrescato da G. M. Borgnis nel 1751 e antico Oratorio di San Marco.
  • Gagnone: Oratorio di San Defendente.
  • Orcesco: Oratorio di San Carlo, santo di grande culto della famiglia Borromeo feudataria della Valle.
Veduta dell'abitato di Albogno

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
28 aprile 1997 8 ottobre 1997 Aldo Umberto Bonardi lista civica Sindaco [5]
8 ottobre 1997 25 maggio 1998 Rocco Trillo Comm. pref. [5]
25 maggio 1998 28 maggio 2002 Aldo Umberto Bonardi lista civica Sindaco [5]
28 maggio 2002 29 maggio 2007 Giovanni Francini lista civica Sindaco [5]
28 maggio 2007 7 maggio 2012 Giovanni Francini lista civica Sindaco [5]
24 maggio 2012 in carica Marco Zanoletti Sindaco [5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune di Druogno esistono tre stazioni ferroviarie sulla linea Domodossola - Locarno:

La Colonia Montana[modifica | modifica wikitesto]

A Druogno è presente una grande colonia montana estiva, intitolata a Luigi Razza inaugurata negli anni '30 e ancora attiva gestita dal Consorzio Case Vacanza dei Comuni Novaresi.Nel periodo compreso tra il 1945 e il 1951 circa è stata un preventorio antitubercolare.

L'ala est della struttura, grazie a un progetto europeo Interreg Italia-Svizzera, denominato Tramevive, è stata affidata alla Fondazione UniversiCà e interamente recuperata nel 2013. Ospita un grande allestimento museale multimediale denominato Museo UniversiCà.

Strutture culturali[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo UniversiCà: spazio di oltre duemila metri quadri, sito nell'ala est della Colonia Montana, propone un museo di concezione multimediale dedicato alle tradizioni e ai mestieri della Valle Vigezzo e un'area riservata ad allestimenti temporanei, conferenze, spettacoli. Ospita anche delle postazioni per la consultazione approfondita di un archivio virtuale sulla Valle Vigezzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2016.
  2. ^ Druogno | Valle Vigezzo, su www.vallevigezzo.eu. URL consultato il 03 settembre 2015.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Giuseppe Mattia Borgnis
  5. ^ a b c d e f http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN242777832