Carlo di Ferdinando de' Medici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo de' Medici
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Carlo de' Medici.jpg
Ritratto del cardinale Carlo de' Medici di Giusto Sustermans.
Villa di Careggi, salone, Lunetta 07.JPG
Nato 19 marzo 1595, Firenze
Creato cardinale 2 dicembre 1615 da papa Innocenzo X
Deceduto 17 giugno 1666, Montughi

Carlo de' Medici (Firenze, 19 marzo 1595Montughi, 17 giugno 1666) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del granduca Ferdinando I de' Medici (che a sua volta era stato cardinale prima di rinunciare alla porpora per dirigere lo stato di Toscana) e Cristina di Lorena, ebbe una carriera di successo nella gerarchia ecclesiastica. Amante delle arti e della vita agiata, abbellì Villa Medici a Roma, mentre a Firenze fece costruire il Casino di San Marco a Bernardo Buontalenti e ristrutturare, per esempio, la Villa di Careggi.

Fu nominato cardinale da papa Paolo V nel concistoro del 2 dicembre 1615, con il titolo di Santa Maria in Domnica. Fu elettore nei conclavi del 1621 e del 1623, dove furono eletti rispettivamente Gregorio XV e Urbano VIII.

Il suo titolo fu trasferito a San Nicola in Carcere nel 1623, mentre nel 1644 fu il cardinale protodiacono al conclave che elesse papa Innocenzo X. Fu brevemente titolare di Sant'Eustachio prima di essere nominato cardinale-prete nel dicembre dello stesso anno, con il titolo di San Sisto.

L'anno successivo venne nominato cardinale vescovo con la sede suburbicaria di Sabina, ma presto egli optò per quella di Frascati sette mesi dopo.

Il 29 aprile 1652 fu nominato cardinale vescovo di Porto e Santa Rufina e vice-decano del collegio cardinalizio.

Già il 23 settembre dello stesso anno divenne decano del collegio dei cardinali e cardinale-vescovo di Ostia e Velletri. Presiedette il conclave che elesse papa Alessandro VII.

Morì a Firenze nel 1666 e venne sepolto nella cripta con gli altri membri della sua famiglia in San Lorenzo.

Nel 1857, durante una prima ricognizione delle salme dei Medici, così venne ritrovato il suo corpo:

« […] ridotto in ossa. Aveva sul teschio lo zucchetto cardinalizio, ed una mitra bianca di tela, era vestito di toga rossa di seta. Gli posava sul petto una croce, prezioso lavoro di oreficeria. Sul davanti era questa composta di cinque topazi e di otto pezzi di cristallo di rocca, legati in oro elegantemente smaltato; la parte di sotto era pure ricca di graziosi smalti e aprendosi per una molla conteneva (a quanto sembra) alcune reliquie. Dalle falangi della mano destra era caduto nella cassa un grande anello d’oro, a cui faceva ornamento una pietra in tavola del colore dello smeraldo, ma falsa […][1] »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sommi Picenardi G., Esumazione e ricognizione delle Ceneri dei Principi Medicei fatta nell'anno 1857. Processo verbale e note, Archivio Storico Italiano Serie V, Tomo I-II, M. Cellini & c., Firenze 1888 in D. Lippi, Illacrimate Sepolture - Curiosità e ricerca scientifica nella storia della riesumazione dei Medici, Firenze, 2006 online.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN38009429 · GND: (DE129847658