Filippo de' Medici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri omonimi, vedi Filippo de' Medici (disambigua).
Filippo de' Medici
Filippino di Francesco I de Medici.jpg
Ritratto di don Filippino de' Medici, dipinto a olio di autore sconosciuto di scuola fiorentina, 1600
Gran principe di Toscana
Stemma
In carica 20 maggio 1577 – 29 marzo 1582
Predecessore Francesco de' Medici
Successore Cosimo de' Medici
Nome completo Filippo Cosimo de' Medici
Nascita Firenze, Granducato di Toscana (oggi Italia), 20 maggio 1577
Morte Firenze, Granducato di Toscana (oggi Italia), 29 marzo 1582
Luogo di sepoltura Basilica di San Lorenzo, Cappelle medicee, Firenze
Dinastia Medici
Padre Francesco I de' Medici
Madre Giovanna d'Asburgo

Filippo Cosimo de' Medici, meglio noto come don Filippino (Firenze, 20 maggio 1577Firenze, 29 marzo 1582), fu il figlio ultimogenito ed unico maschio legittimo del granduca di Toscana Francesco I de' Medici e di Giovanna d'Asburgo. Erede del Granducato di Toscana, fu gran principe di Toscana dalla nascita alla morte prematura, avvenuta poco prima dal compimento del quinto anno d'età.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il fanciullo era il primo figlio maschio che Giovanna d'Austria dava a Francesco, dopo una serie di ben sei figlie femmine (alcune delle quali morte infanti) e dopo che l'amante di Francesco, l'agguerrita Bianca Cappello era riuscita a dare un erede maschio al Granduca, Antonio de' Medici (anche se i dubbi sull'effettiva paternità e maternità di Antonio furono sin dall'epoca nutritissimi).

Nella grande gioia della corte medicea, che salutava il legittimo erede al trono, venne scelto il nome di battesimo in onore di Filippo II di Spagna, suo padrino. Già solo un anno dopo, nel 1578, Giovanna d'Austria morì dando alla luce un bambino nato morto.

A corte fu sempre noto col diminutivo di don Filippino. Cagionevole di salute fin dalla nascita, morì a soli quattro anni nel 1582. L'autopsia operata sui suoi resti nel 2004 ha rivelato che don Filippino soffriva di rachitismo e una forma di idrocefalia, non gravissima ma visibile a occhio nudo.

Nella Galleria degli Uffizi si trova un ritratto del 1586, celebrativo e anacronistico, che lo raffigura bambinetto accanto alla madre Giovanna, benché questa fosse morta quando don Filippino era ancora in fasce.

Nel 1857, durante una prima ricognizione delle salme dei Medici, così venne ritrovato il suo corpo:

«In una cassa monumentale […] corpicciuolo di un fanciullo di circa sei anni ridotto ad ossa […] le vesti discretamente conservate appariscono esser di seta rossa, secondo il costume del cinquecento, i calzoni interi di maglia di seta dello stesso colore.[1]»

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Albero genealogico di tre generazioni di Filippo de' Medici
Filippo de' Medici Padre:
Francesco I de' Medici
Nonno paterno:
Cosimo I de' Medici
Bisnonno paterno:
Giovanni dalle Bande Nere
Trisnonno paterno:
Giovanni il Popolano
Trisnonna paterna:
Caterina Sforza
Bisnonna paterna:
Maria Salviati
Trisnonno paterno:
Jacopo Salviati
Trisnonna paterna:
Lucrezia di Lorenzo de' Medici
Nonna paterna:
Eleonora di Toledo
Bisnonno paterno:
Pedro Álvarez de Toledo y Zúñiga
Trisnonno paterno:
Fadrique Álvarez de Toledo y Enríquez
Trisnonna paterna:
Isabel de Zúñiga y Pimentel
Bisnonna paterna:
María Osorio y Pimentel
Trisnonno paterno:
Luis Pimentel y Pacheco
Trisnonna paterna:
Juana Osorio y Bazán
Madre:
Giovanna d'Austria
Nonno materno:
Ferdinando I d'Asburgo
Bisnonno materno:
Filippo I di Castiglia
Trisnonno materno:
Massimiliano I d'Asburgo
Trisnonna materna:
Maria di Borgogna
Bisnonna materna:
Giovanna di Aragona e Castiglia
Trisnonno materno:
Ferdinando II d'Aragona
Trisnonna materna:
Isabella di Castiglia
Nonna materna:
Anna Jagellone
Bisnonno materno:
Ladislao II di Boemia
Trisnonno materno:
Casimiro IV di Polonia
Trisnonna materna:
Elisabetta d'Asburgo
Bisnonna materna:
Anna di Foix-Candale
Trisnonno materno:
Gastone II di Foix-Candale
Trisnonna materna:
Caterina di Navarra

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sommi Picenardi G., Esumazione e ricognizione delle Ceneri dei Principi Medicei fatta nell'anno 1857. Processo verbale e note, Archivio Storico Italiano Serie V, Tomo I-II, M. Cellini & c., Firenze 1888 in D. Lippi, Illacrimate Sepolture - Curiosità e ricerca scientifica nella storia della riesumazione dei Medici, Firenze, 2006 online.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Vannucci, Le donne di casa Medici, Newton Compton Editori, Roma 1999, ristampato nel 2006 ISBN 88-541-0526-0

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]