Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

C-18 (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
C-18
C-18.png
C-18
UniversoDragon Ball
Nome orig.人造人間18号 (Jinzō ningen (Jū hachi)18gō)
Lingua orig.Giapponese
Alter ego
  • Mirai C-18 (controparte del futuro uccisa da Future Trunks)
AutoreAkira Toriyama
EditoreShūeisha
1ª app.
1ª app. inWeekly Shōnen Jump (1991)
  • Manga: Capitolo 349
  • Anime: Episodio 133 (Dragon Ball Z)
Voce orig.Miki Itou
Voci italiane
  • Rosalinda Galli (film Dynit)
  • Patrizia Salerno (Dragon Ball Z: La battaglia degli dei e Dragon Ball Z: La resurrezione di 'F')
  • SpecieCyborg
    SessoFemmina

    C-18 (人造人間18号, Jinzō ningen (Jū hachi)18gō) è un personaggio del manga ed anime Dragon Ball, scritto e disegnato da Akira Toriyama. Negli anime, compare a partire dalla seconda serie, Dragon Ball Z. Il suo nome è formato dalla lettera "C" che sta per cyborg mentre il restante è formato dal numero 18, poiché è il diciottesimo essere artificiale costruito dal Dr. Gelo in ordine cronologico. C-18 è la sorella gemella di C-17[1], insieme al quale è stata trasformata in Cyborg dal Dr. Gelo con lo scopo di eliminare Goku. Il nome che aveva da umana prima della conversione in cyborg era Lazuli (ラズリ) che, unito a quello del fratello C-17 (Lapis) va a formare la parola "lapis-lazzuli", una pietra preziosa nota per il suo colore blu intenso[2]. C-18 e suo fratello sono anche i due Cyborg che Cell ha bisogno di assorbire per diventare l'"essere perfetto".[3] Dopo che il Drago Shenron ha rimosso la carica esplosiva dal suo corpo si sposa con Crilin, con cui ha una figlia, Marron.

    Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

    C-18 viene raffigurata come una bellissima ragazza dai capelli biondi. Nella sua prima apparizione indossa un giubbotto di jeans, una maglia nera con le maniche a righe, minigonna sempre di jeans, calze nere e stivali. In seguito si comprerà nuovi vestiti, variando per ben cinque volte durante la serie il suo guardaroba. Oltre ad avere un'enorme potenza, come C-17, non invecchia mai: in tutta la serie il suo aspetto non è mai cambiato. Come tutte le creazioni del Dr. Gelo indossa un paio di orecchini d'oro circolari.

    Inizialmente C-18 ha l'obiettivo di distruggere Goku ma non considera ciò una missione, bensì una sorta di gioco.[4]

    Nonostante sia un cyborg, insieme a C-17, può provare dolore e vergogna, questo perché i due cyborg hanno una base umana, mentre gli altri esseri artificiali emanano versi di stupore o rabbia.

    Amante dello shopping insieme alla figlia, C-18 ama soprattutto il denaro: durante la finale con Mr. Satan, non interessata al titolo di campione quanto al denaro del premio, si fa corrompere con il doppio dell'ammontare del premio (20.000.000 di zeni) e finge di farsi sconfiggere da Mr. Satan, permettendogli di conservare il titolo mondiale.[5] Nel film L'irriducibile Bio-Combattente decide di prestare il proprio aiuto a Satan in cambio di un paio di "milioncini" oltre alla cifra del Tenkaichi. Alla fine del film questa cifra ha raggiunto il grasso compenso di 60.000.000. Quando infine Mr. Satan le chiederà nuovamente aiuto per essere tirato fuori da un fiume perché "non sa nuotare" C-18 gli chiede in cambio un totale di 100.000.000. Mr.Satan impara sul posto a nuotare e non si sa se questa cifra sia stata versata fino a questo punto. Nell'ONA uscito nel 2008 chiede al marito perché voglia andare a combattere contro Abo e Kado, visto che non c'è nessuna ricompensa in palio.

    C-18 è molto seria e apparentemente sa sorridere solo a Crilin, Marron e a suo fratello gemello, anche se nell'arco di Majin Bu la si vedrà sorridere e talvolta arrossire per la vergogna a causa di qualche complimento dei guerrieri, specialmente da quelli di suo marito Crilin e sua figlia Marron.

    C-18 può avere figli perché, come spiegato da Crilin a Goku quando questi torna sulla Terra dall'aldilà in occasione del torneo, ha solo dei circuiti integrati nel cervello, ma il suo corpo resta quello di un essere umano (come suo fratello C-17).[6]

    In Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi 3 si afferma che C-18 è la sorella maggiore di C-17.

    Storia[modifica | modifica wikitesto]

    Passato[modifica | modifica wikitesto]

    In passato C-17 e la sorella gemella C-18 erano ragazzi umani, che vennero poi trasformati in cyborg dal dottor Gelo, inoltre in Dragon Ball Super quando Marron, la figlia di C-18 e Crilin chiede a C-17 quanti anni avesse, lui le dice che ne ha 17. Questo fa capire che lui e la sorella sono stati trasformati quando avevano diciassette anni e da allora sono diventati essenzialmente immortali e non cambiano mai nel corso degli anni. Il loro nuovo obiettivo era comune ad altri androidi e cyborg della stessa serie: la morte di Son Goku, "colpevole" di aver distrutto l'organizzazione Red Ribbon presso cui il dottore compiva le sue ricerche.[7]
    A loro insaputa, però, il fine ultimo della creazione di entrambi era quello di poter essere assorbiti da Cell, in modo da permettergli di raggiungere il suo corpo perfetto.[3]

    Dragon Ball Z[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dragon Ball Z.

    Appare per la prima volta quando viene attivata dal Dr. Gelo per lo scontro con i guerrieri.[8] Insieme a C-17 libera C-16[9] e dimostra una forza fuori dal comune, riuscendo a sconfiggere Vegeta trasformato in Super Saiyan.[10] Dopo aver rubato un'auto[11], i Cyborg giungono prima alla casa di Goku[12] e poi alla Kame House[13], dove C-18 assiste allo scontro tra Piccolo e suo fratello. In seguito, con l'arrivo di Cell e l'assorbimento di C-17 da parte del mostro, viene protetta prima da C-16 e poi da Tenshinhan che, attraverso il suo Nuovo Cannone dell'Anima, riesce a far scappare i due Cyborg. Nonostante tutto, alla fine viene assorbita da Cell[14], il quale raggiunge così la sua forma perfetta. Durante lo scontro tra Gohan e Cell, quando quest'ultimo viene gravemente danneggiato, la rigurgita ritornando così al suo precedente stadio, ma solo per un breve periodo.[15] Viene protetta da Crilin, il quale la porta al palazzo di Dio dove chiede a Shenron di rimuovere l'esplosivo dentro il suo corpo.[16]

    Decide di partecipare al 25º Torneo Tenkaichi sotto invito di Gohan.[17] Arriva in finale dove sconfigge Jewel, poi affronta Goten e Trunks, che si erano travestiti per poter partecipare al torneo degli adulti.[18] Dopo averli smascherati, si ritrova a combattere contro Mr. Satan. Tuttavia C-18, non interessata al titolo di campione quanto al denaro del premio, si fa corrompere con il doppio dell'ammontare del premio (20.000.000 di zeni) e finge di farsi sconfiggere da Mr. Satan, permettendogli di conservare il titolo mondiale. In questo modo viene sconfitta da un semplice pugno del campione.[19] Prima di lasciare Mr. Satan gli rivela che se non avrà il premio entro il giorno successivo lo ucciderà.[20] Viene poi uccisa da Majin Bu quando il demone rosa elimina quasi tutti i presenti nel palazzo di Dio, trasformandola in cioccolata e assorbendola parzialmente, per poi essere riportata in vita assieme al resto dell'umanità tramite un desiderio espresso con le Sfere del Drago. Dona poi l'energia alla sfera Genkidama di Goku.

    Dragon Ball GT[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dragon Ball GT.

    In Dragon Ball GT C-18 assume una scarsa rilevanza, come suo marito Crilin, viene controllata da Baby e insiste per partire per il pianeta Plant, ma il suo posto viene preso da Majin Bu.[21] Alla fine viene liberata insieme a tutti gli abitanti della Terra.

    Viene quasi controllata da C-17 (a sua volta controllato dal suo clone)[22], ma viene fatta tornare in sé da suo marito Crilin. Quando Crilin viene ucciso da C-17, C-18 attacca il fratello, che potenziato dalla sua controparte la sconfigge pesantemente.[23] In seguito aiuta Goku nella lotta contro Super C-17 per vendicare la morte di Crilin, ucciso dal super cyborg; in sostanza C-18 scopre il punto debole di Super C-17 ed inizia a colpirlo in continuazione con dei colpi spirituali, in questo modo il malvagio cyborg è costretto ad immobilizzarsi per assorbire l'energia ricevuta, ed in quel frangente Goku ne approfitta e lo distrugge con il Pugno del Drago.[24] Poco dopo capisce che la colpa della morte di suo marito non è avvenuta per mano di C-17, ma a causa anche del Dr. Gelo che controllava suo fratello.

    Dragon Ball Super[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dragon Ball Super.

    In Dragon Ball Super, ambientato qualche tempo dopo la sconfitta di Majin Bu, C-18 viene invitata insieme alla sua famiglia alla festa di compleanno di Bulma sulla sua nave. Quando il Dio della Distruzione Beerus giunge sulla nave si arrabbia con Majin Bu e dichiara di voler distruggere la Terra. C-18 insieme a Tenshihan e Piccolo (solo nell'anime) tentano di fermare la divinità senza successo. Assiste poi allo scontro tra Goku, trasformato in Super Saiyan God, contro il Dio della Distruzione Beerus.

    Quando Freezer si reca sulla Terra per vendicarsi, Crilin chiede alla moglie di rimanere con Marron.

    Partecipa poi come spettatore al torneo indetto da Beerus e Champa, Dei della Distruzione del Settimo e Sesto universo.

    Tempo dopo, Goku chiede a Crilin e C-18 di partecipare al Torneo del Potere indetto da Zen'ō in rappresentanza del 7° Universo, una battle royal dove gli otto universi che vi partiperanno faranno scendere in campo una squadra di dieci guerrieri ciascuno, facendo credere ai due coniugi che per il vincitore ci sarà un premio in denaro, inoltre aiuterà Goku a trovare suo fratello C-17 affinché combatta anche lui. Solo in un secondo momento scopriranno che gli universi che perderanno verranno distrutti. C-18 e Crilin combatteranno al torneo insieme a Goku, Vegeta, C-17, Gohan, Tenshinhan, Muten, Piccolo e Freezer, dove la ragazza sconfiggerà numerosi avversari come Sorrel del 9° Universo[25], Tupper e Cocotte del 11° Universo[26], Brianne de Château del 2° Universo[27]. Insieme a Crilin sconfigge Shosa dell'Universo 4[28] e insieme a C-17 sconfigge Biarra del 3° Universo.[29]Viene eliminata dal torneo a causa di Aniraza, guerriero nato dalla fusione dei combattenti del 3° Universo, nel tentativo di salvare C-17.

    Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

    C-18, insieme al fratello C-17, il Cyborg più potente del Dr. Gelo, infatti è stato inteso in Dragon Ball Super che il suo potere come quello di C-17 abbia superato quello di Cell. Possiede delle capacità sovrumane che le offrono una forza e una velocità persino superiori a quella di un Super Saiyan e pari a quella di Piccolo dopo essersi unito con Dio.[30]

    C-18 riesce a scagliare enormi quantità di colpi energetici molto potenti senza sosta grazie alla sua energia illimitata, grazie a Crilin padroneggia anche ottimamente la tecnica del Kienzan. Come tutti i Cyborg oltre ad avere energia infinita e una grande potenza d'attacco riesce a creare barriere di energia per proteggersi dagli attacchi nemici. C-18, in realtà ha enormi potenzialità. Infatti in Dragon Ball Super suo fratello C-17 si è rivelato abbastanza forte da superare in potenza il Super Saiyan 2 e dato che C-18 durante il Torneo del Potere ha dato prova di stare a pari passo con lui è implicito che abbia un potere enorme al pari di guerrieri come Gohan o Piccolo.

    Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

    C-18 del futuro alternativo[modifica | modifica wikitesto]

    C-18 del futuro
    UniversoDragon Ball
    Nome orig.人造人間18号ラズリ (Mirai N. 18)
    Lingua orig.Giapponese
    Alter ego
    • C-18 (controparte del presente)
    AutoreAkira Toriyama
    1ª app.
    • Manga: Volume 33
    • Anime: Episodio 139 (cameo)
    Voce orig.Miki Itou
    Voci italiane
  • Rosalinda Galli in La storia di Trunks (1° doppiaggio)
  • SpecieUmana
    SessoFemmina

    C-18 del futuro alternativo o Future C-18 è la controparte di C-18 del futuro di Future Trunks.

    Questo è uno dei Cyborg presenti nel futuro di Trunks. Di aspetto identico alla C-18 del presente, è più debole ma molto più crudele di lei; con una personalità sadica e aggressiva. Al contrario di C-17 futuristico, non ama giocare e talvolta si arrabbia persino con il fratello (anche se non gli farebbe mai niente). Ritiene gli umani insopportabili e dei buoni a nulla, affermando come il solo guardarli la faccia innervosire. Al ritorno di Trunks dal futuro, vuole ucciderlo immediatamente (a differenza di C-17 che voleva giocarci e divertirsi con il ragazzo), ma nel manga viene distrutta in un istante da Trunks con un colpo energetico dopo un breve scontro corpo a corpo in cui Trunks si è dimostrato nettamente superiore. Nell'anime la ragazza viene malmenata da Trunks prima che egli ponga per sempre fine alla sua crudeltà omicida, distruggendo poco dopo anche C-17. Tuttavia, si dimostra molto protettiva nei confronti del gemello, lo si nota nel combattimento tra Gohan e C-17, (quest'ultimo in svantaggio) dove C-18 si precipita a soccorrerlo, mentre C-17, a differenza della sorella, non alzò un dito per prestare soccorso alla gemella (come invece lei fece), quando la ragazza venne brutalmente malmenata da Trunks. La lasciò distruggere senza alcun rimorso, rimanendo immobilizzato dalla paura e dimostrandosi il C-17 non altruista, come invece è nell'epoca di Goku.

    Marron[modifica | modifica wikitesto]

    Marron (マーロン, Māron) è la figlia di Crilin e C-18 Da bambina Marron somiglia molto al padre, come lui non ha il naso, ha gli occhi scuri ed è di bassa statura ma possiede i capelli biondi come C-18. Da ragazza Marron somiglia molto di più alla madre, ed a differenza di quando era bambina ha il naso mentre gli occhi sono azzurri. suo nome si pronuncia in modo simile a quello di Marion (マロン, Maron), la precedente fidanzata di Crilin infatti Durante l'incontro tra la famiglia di C-18 ed C-17, quest'ultimo sbaglia il nome della nipote, chiamandola con lo stesso nome dell'ex fidanzata di Crilin, facendo infuriare la sorella che lo avvisa che lo eliminerà nel caso lui sbagli di nuovo il nome della figlia. È doppiata in giapponese da Yuko Kobayashi in Dragon Ball Z,Tomo Suzuki in Dragon Ball GT, Naoko Watanabe (nei film) e da Hiroko Ushida in Dragon Ball Super mentre in italiano da Federica Valenti (da bambina), Tosawi Piovani (da adolescente), Patrizia Salerno (nei film), Valentina Pallavicino in Dragon Ball Super (1ªVoce) e da Daniela Fava in Dragon Ball Super (2ªvoce ep.53+).

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 35 pagina 138
    2. ^ Dragon Ball, Toriyama rivela finalmente i nomi di C17 e C18!, Jigoku.it, 3 maggio 2014. URL consultato il 3 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2014).
    3. ^ a b Dragon Ball Deluxe, volume 31 pagina 29
    4. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 30 pagina 78
    5. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 38 pagina 112, 113
    6. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 36 pagina 146
    7. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 28 pagina 133
    8. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 29 pagina 174
    9. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 30 pagina 17
    10. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 30 pagina 71, 72
    11. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 30 pagina 100, 103
    12. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 31 pagina 69
    13. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 31 pagina 74
    14. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 32 pagina 114, 115
    15. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 34 pagina 44, 45
    16. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 35 pagina 124, 135
    17. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 36 pagina 82
    18. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 38 pagina 102-107
    19. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 38 pagina 116, 117
    20. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 38 pagina 118
    21. ^ Anime di Dragon Ball GT, episodio 32
    22. ^ Anime di Dragon Ball GT, episodio 43
    23. ^ Anime di Dragon Ball GT, episodio 44
    24. ^ Anime di Dragon Ball GT, episodio 47
    25. ^ Anime di Dragon Ball Super, episodio 98
    26. ^ Anime di Dragon Ball Super, episodio 101
    27. ^ Anime di Dragon Ball Super, episodio 117
    28. ^ Anime di Dragon Ball Super, episodio 99
    29. ^ Anime di Dragon Ball Super, episodio 120
    30. ^ Dragon Ball Deluxe, volume 31 pagina 105
    Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga