Dragon Ball Z: Kakarot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dragon Ball Z: Kakarot
videogioco
PiattaformaPlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows
Data di pubblicazionePlayStation 4, Xbox One e Microsoft Windows:
Giappone 16 gennaio 2020

PlayStation 4, Xbox One e Microsoft Windows:
Mondo/non specificato 17 gennaio 2020[1]

GenereAzione, avventura
TemaDragon Ball
OrigineGiappone
SviluppoCyberConnect2
PubblicazioneBandai Namco Entertainment
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputDualShock 4, gamepad, tastiera
Motore graficoUnreal Engine 4
SupportoBlu-ray Disc, DVD
Distribuzione digitalePlayStation Network, Xbox Live, Steam
Fascia di etàCEROB · ESRBT · OFLC (AU): PG · PEGI: 12 · USK: 12

Dragon Ball Z: Kakarot (ドラゴンボールZ カカロット Doragon Bōru Zetto Kakarotto?) è un videogioco action RPG semi open-world, basato sul franchise di Dragon Ball sviluppato da CyberConnect2 e pubblicato da Bandai Namco Entertainment il 16 gennaio 2020 in Giappone, e il giorno seguente nel resto del mondo, per PlayStation 4, Xbox One e Microsoft Windows.[2][3][4][5][6]

Il gioco ricopre l'intera storia dell'anime Dragon Ball Z (seconda parte del manga Dragon Ball),[7] oltre a mostrare scenari inediti della serie.

Akira Toriyama, creatore della serie, ha disegnato un nuovo personaggio originale apposta per il gioco, Bonyu (ボニュー Bonyū?), un ex-membro donna della Squadra Ginew che farà la sua comparsa in una missione secondaria.[8]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La trama di Dragon Ball Z: Kakarot riprende esattamente quella di Dragon Ball Z, riproponendo in maniera molto fedele gli scenari, i personaggi e le battute. Partendo dalla "Saga dei Saiyan" e proseguendo fino alla "Saga di Majin Bu", il gioco offre anche nuovi retroscena sui personaggi e sulla storia, attraverso i quali è possibile scoprire dettagli non approfonditi nella serie.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Giocabili
Di supporto
Boss

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Adventure Begins! - 4:19
  2. TENKA WAKEMENO CHOUKESSEN! - 5:32
  3. A Moment of Peace - 5:32
  4. Prologue I - 5:32
  5. CHA-LA HEAD-CHA-LA (Variation) - 4:27
  6. Country Living - 3:02
  7. Clash of Warriors - 4:01
  8. Battle at the Edge of the Galaxy - 4:11
  9. Fast and Furious Flight - 3:47
  10. Contest of Rivals - 5:11
  11. It's a Big World - 5:20
  12. King Kai at the Edge of the Other World - 6:00
  13. Eat Up! - 5:00
  14. Stifled Tears - 4:16
  15. Shrouded in Darkness - 4:27
  16. Impending Dread - 4:05
  17. Feeling the Pressure - 5:14
  18. Scour the Earth - 3:30
  19. Everyday Misadventures - 4:04
  20. On the Hunt - 4:15
  21. It's Gonna Be All Right - 4:14
  22. Hold Your Breath - 3:24
  23. SON GOHAN TO PICCOLO DAIMAOU - 3:54
  24. Dragon Ball Know-It-All - 4:59
  25. Subtitle I - 0:09
  26. Campfire Cookout - 0:05
  27. CHA-LA HEAD-CHA-LA (Orchestral) - 5:05
  28. City Living - 4:42
  29. Bulma the Brilliant - 4:04
  30. Frieza Force on the Move - 4:21
  31. Battle against a Fierce Foe Theme - 5:06
  32. KYOUFU NO GINYU TOKUSENTAI Theme - 4:30
  33. SHI O YOBU CELL GAME - 3:31
  34. Prologue II - 3:06
  35. Home to a Hero, Satan City - 5:09
  36. In the Hall of the Gods - 5:28
  37. The Sacred Land of the Kais - 4:28
  38. Return of the Red Ribbon Army - 5:52
  39. Super Warrior Skirmish Theme - 4:33
  40. Against All Odds - 4:38
  41. Fight to the Death - 5:34
  42. Namek's Final Moments - 4:51
  43. Contending with Perfection - 3:23
  44. The Ultimate Android - 3:48
  45. Galactic Showdown with Majin Buu - 4:11
  46. Struggle to Defend the Universe - 5:54
  47. To the Edge of the Universe - 2:32
  48. Need for Speed - 2:58
  49. NEW HERO TOUJOU - 4:17
  50. MOETSUKIRO!! NESSEN • RESSEN • CHOU GEKISEN - 3:44
  51. Subtitle II - 0:11
  52. WE GOTTA POWER (Instrumental) - 2:50

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore americano
Goku Masako Nozawa Sean Schemmel
Gohan (bambino) Colleen Clinkenbeard
Gohan (adulto) Kyle Hebert
Goten Kara Edwards
Vegeta Ryo Horikawa Christopher Sabat
Piccolo Toshio Furukawa
Trunks (adulto) Takeshi Kusao Eric Vale
Trunks (bambino) Alexis Tipton
Upa J. Michael Tatum
Crilin Mayumi Tanaka Sonny Strait
Yajirobei Mike McFarland
Baba Linda Young
Suno Felicia Angelle
Yamcha Toru Furuya Christopher Sabat
Tenshinhan Hikaru Midorikawa John Burgmeier
Androide Nº 16 Jeremy Hinman
Jiaozi Hiroko Emori Brina Palencia
Androide Nº 18 Miki Ito Meredith McCoy
Radish Shigeru Chiba Justin Cook
Pilaf Chuck Huber
Nappa Tetsu Inada Phil Parsons
Bulma Aya Hisakawa Monica Rial
Trunks (neonato) Alexis Tipton
Chi Chi Naoko Watanabe Cyntia Cranz
Pual Brina Palencia
Maestro Muten Masaharu Sato Mike McFarland
Re Kaioh Naoki Tatsuta Sean Schemmel
Narratore Doc Morgan
Olong Bryan Massey
Dio Bin Shimada Christopher Sabat
Babidy Duncan Brannan
Mr. Popo Yasuhiko Kawazu Chris Cason
Servitore Daman Mills
Karin Uoken Christopher Sabat
Shenron Ryuzaburou Ohtomo
Stregone del toro Kyle Hebert
Re Enma Chris Rager
Polunga Christopher Sabat
Re Cold Jason Douglas
Darbula Rick Robertson
Saibaiman Yusuke Numata John Burgmeier
Uomo col fucile Mark Orvik
Freezer Ryusei Nakao Daman Mills
Dodoria Takashi Nagasako John Swasey
Zarbon Hiroaki Miura Christopher Sabat
Ginew Katsuyuki Konishi R. Bruce Elliot
Guldo Yasuhiro Takato Greg Ayers
Yamu John Burgmeier
Rekoom Seiji Sasaki Christopher Sabat
Burter Masaya Onosaka
Jeeth Daisuke Kishio
Dende (bambino) Aya Hirano Maxey Whitehead
Dende (adulto) Justin Cook
Anziano Saggio Yasunori Masutami Bill Jenkins
Nail Taiten Kusunoki Sean Schemmel
Cui Eiji Takemoto Bill Townsley
Nam Jerry Jewel
Appule Takahiro Yoshimizu Brandon Potter
Cell Norio Wakamoto Dameon Clark
Cell Jr. Takahiro Fujimoto Justin Cook
Tartaruga Chris Cason
Bubbles Christopher Sabat
Androide Nº 17 Shigeru Nakahara Chuck Huber
Androide Nº 19 Yukitoshi Hori Todd Haberkorn
Androide Nº 20 Ikuya Sawaki Kent Williams
Mr. Satan Masashi Ebara Chris Rager
Majin Bu Kozo Shioya Josh Martin
Kaiohshin Shinichiro Ota Kent Williams
Kibitoshin
Kibith Shin Aomori Chuck Huber
Vecchio Kaioh Ryoichi Tanaka Kent Williams
Dr. Briefs Mark Stoddart
Moori Kazuhiro Yamaji Barry Yandel
Videl Yuko Minaguchi Kara Edwards
Sharpner Mitsuaki Madono Duncan Brannan
Iresa Megumi Urawa Alexis Tipton
Marron Hiroko Ushida Tia Ballard
Presentatori Tamotsu Nishiwaki Eric Vale
Justin Briner
Kyle Phillips
Spopovitch Hisao Egawa A.T. Chandler
Bora J. Michael Tatum
Pui Pui Tomohiso Aso Josh Martin
Yakon Yoshiyuki Kono Cris George
Biro Masami Suzuki Christopher Bevins
Maestro Shen Hiroshi Iwasaki Chuck Huber
Taobaibai Yukimasa Kishino Kent Williams
Shu Tessho Genda Chris Cason
Mai Eiko Yamada Colleen Clinkenbeard
Ottone Shozo Iizuka Mike McFarland
Contadino Keiichi Sonobe John Swasey
Lunch Mami Koyama Meredith McCoy
Arale Norimaki Brina Palencia
Gatchan Kumiko Nishihara Jeannie Tirado
Senbei Norimaki Yusaku Yara R. Bruce Elliott
Mira Hiroki Takahashi J. Michael Tatum
Towa Masako Katsuki Stephanie Young
Bonyu Yu Kobayashi Rachel Robinson
Ricercatrice Houko Kuwashima Jeannie Tirado
Gotenks Masako Nozawa
Takeshi Kusao
Kara Edwards
Alexis Tipton
Vegeth Masako Nozawa
Ryo Horikawa
Sean Schemmel
Christopher Sabat

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Standard Edition[modifica | modifica wikitesto]

Deluxe Edition[modifica | modifica wikitesto]

  • Il gioco
  • Un oggetto da cucina che dona bonus permanenti a PS e ATT aura.
  • Il Season Pass (2 episodi originali e una nuova storia)

Ultimate Edition[modifica | modifica wikitesto]

  • Il gioco
  • Il Season Pass (2 episodi originali e una nuova storia)
  • DRAGON BALL Z: KAKAROT - MUSIC COMPILATION PACK (11 brani tratti dall'anime primavera 2020)
  • Colonna di Taobaibai (primavera 2020)

Collector's Edition[modifica | modifica wikitesto]

Contiene la versione standard del gioco con il Season Pass (2 missioni originali e una nuova storia), il diorama esclusivo di 20x20x20 cm, lo Steelbook, il Game artbook di 25x30 cm e la Mappa del mondo di gioco di 48x31 cm[9].

Bonus pre-ordine[9]

Contiene un oggetto da cucina che fornisce un bonus permanente a PS e ATT mischia, la missione secondaria esclusiva "Un'esplosiva festa fra amici" e la possibilità di sbloccare anticipatamente l'allenamento con Bonyu, un personaggio inedito creato dal maestro Akira Toriyama.

Contenuti aggiuntivi[modifica | modifica wikitesto]

Nome Data di uscita Descrizione Stagione
DRAGON BALL Z: KAKAROT Bonus Items Pack
17 gennaio 2020
Contiene un oggetto da cucina che fornisce un bonus permanente a PS e ATT mischia, la missione secondaria esclusiva "Un'esplosiva festa fra amici" e la possibilità di sbloccare anticipatamente l'allenamento con Bonyu, un personaggio inedito creato dal maestro Akira Toriyama.
-
DRAGON BALL Z: KAKAROT - MUSIC COMPILATION PACK
28 aprile 2020
Include 11 brani (MAKAFUSHIGI ADVENTURE!, ROMANTIC AGERUYO, WE GOTTA POWER, DETEKOI TOBIKIRI ZENKAI POWER, BOKUTACHI WA TENSHI DATTA, DRAGON SOUL, UNMEI NO HI ~TAMASHII VS TAMASHII~, 'DRAGON BALL Z' BGM (TV) , KAIBUTSU FRIEZA VS DENSETSU NO SUPER SAIYAJIN, YAPPARI SAIKYO SON GOKU!! (WE GOTTA POWER) e SOLID STATE SCOUTER.
-
DRAGON BALL Z: KAKAROT - A NEW POWER AWAKENS Part 1
Include il nuovo episodio Battaglia boss che include nuova trasformazione, nuovi Attacchi speciali, nuovo livello combo, nuovi emblemi anima, nuovi oggetti per incrementare ESP e molto altro.
DRAGON BALL Z: KAKAROT Season Pass
DRAGON BALL Z: KAKAROT - Tao Pai Pai Pillar
19 giugno 2020
Include la Colonna di Taobaibai per attraversare il mondo.
DRAGON BALL Z: KAKAROT - A NEW POWER AWAKENS Part 2
17 novembre 2020
Include una nuova trasformazione per Goku e Vegeta, un nuovo Attacco speciale, rimozione del limite di livello e altro.

Il 27 ottobre 2020 è stato aggiunto un FreeLC chiamato Dragon Ball Card Warriors, un gioco di carte online che permette di sfidarsi in partite di carte in tutto il mondo in eventi mensili.

È stato inoltre annunciato una nuova storia, basata su Dragon Ball Z - La storia di Trunks, che uscirà in estate 2021.[10]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Valutazioni professionali
Testata Versione Giudizio
Metacritic (media al 30-01-2020) PC 71/100[11]
PS4 73/100[12]
XONE 74/100[13]
IGN Tutte 7/10[14]
Multiplayer.it PS4 7.8/10[15]
Everyeye.it Tutte 7.5/10
Destructoid PS4 7/10[16]
Famitsu Tutte 34/40[17]
Game Informer PS4 8/10[18]
Game Revolution Tutte 4/5 stelle[19]
GameSpot Tutte 7/10[20]
GamesRadar+ Tutte 3/5 stelle[21]
PC Gamer Tutte 76%[22]
Hardcore Gamer Tutte 3/5 stelle[23]

Il gioco ha ricevuto un'accoglienza positiva. Il sito web Metacritic gli ha assegnato un punteggio di 71/100 per la versione PC, 73/100 per la versione Playstation 4 e 74/100 per la versione Xbox One.[11][12][13] Michael Saltzman di IGN ha dato al gioco un punteggio di 7/10, lodandone combattimenti e presentazione della storia, ma criticandone i suoi elementi di gioco di ruolo scadenti.[14] Il sito web Multiplayer.it lo ha votato con un 7.8/10, e, oltre alle ragioni già espresse da IGN, ne ha anche criticato i pochi personaggi giocabili, la telecamera spesso impazzita e gli obiettivi della campagna e delle storie secondarie spesso ripetitivi.[15]

Il gioco è stato il secondo gioco più venduto durante la sua prima settimana di uscita in Giappone con 89.537 copie vendute, secondo solo a Yakuza: Like a Dragon. Nel Regno Unito, Kakarot ha debuttato al numero uno della classifica delle vendite.[24]

In una conferenza, Bandai Namco ha rivelato che il gioco ha venduto in una settimana un milione e mezzo di copie in tutto il mondo, rivelandosi un grande successo commerciale.[25]

Dragon Ball Z: Kakarot è stato il gioco più venduto del mese di gennaio 2020 negli Stati Uniti, e tramite il suo milione e mezzo di copie vendute[26], è diventato il terzo gioco di Dragon Ball più venduto nella storia, preceduto da Dragon Ball FighterZ e Dragon Ball Xenoverse.[27][28]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filmato audio Dragon Ball Z: Kakarot - PS4/XB1/PC - E3 2019 Trailer (Italiano), su YouTube, BANDAI NAMCO Entertainment Europe, 9 giugno 2019. URL consultato il 17 settembre 2019.
  2. ^ (EN) BANDAI NAMCO Entertainment America – More fun for everyone!, Bandai. URL consultato il 20 agosto 2019.
  3. ^ (EN) Dragon Ball Z: Kakarot launches January 17, 2020 in the west, su Gematsu. URL consultato l'11 settembre 2019.
  4. ^ (EN) Dragon Ball Project Z Game Revealed, Check Out The First Trailer, su GameSpot. URL consultato il 20 agosto 2019.
  5. ^ (EN) Dragon Ball Z: Kakarot Will Cover The Cell Saga And Filler Material, Including The Fan-Favourite Driving Test Episode, su GameSpot. URL consultato il 20 agosto 2019.
  6. ^ (EN) Joseph Luster, It's Cell Saga Time in the Latest Dragon Ball Z: Kakarot Trailer, su Crunchyroll. URL consultato il 20 agosto 2019.
  7. ^ Roberto Strignano, Dragon Ball Z – Kakarot: prime immagini di Goku Super Saiyan 3, in MangaForever, 26 ottobre 2019. URL consultato il 27 ottobre 2019.
  8. ^ (EN) Chris Moyse, All-new character Bonyu will debut in Dragon Ball Z: Kakarot, su Destructoid. URL consultato il 9 settembre 2019.
  9. ^ a b c Antonio Armento, Dragon Ball Z: Kakarot: data d’uscita ed edizioni da collezione, in GameSoul.it, 12 settembre 2019. URL consultato il 27 ottobre 2019.
  10. ^ (EN) Dragon Ball Z: Kakarot – Next DLC Features Brand New Story Arc, su gamingbolt.com. URL consultato il 23 novembre 2020.
  11. ^ a b (EN) Dragon Ball Z: Kakarot for PC Reviews, su Metacritic, CBS Interactive. URL consultato il 24 gennaio 2020.
  12. ^ a b (EN) Dragon Ball Z: Kakarot for PlayStation 4 Reviews, su Metacritic, CBS Interactive. URL consultato il 24 gennaio 2020.
  13. ^ a b (EN) Dragon Ball Z: Kakarot for Xbox One Reviews, su Metacritic, CBS Interactive. URL consultato il 24 gennaio 2020.
  14. ^ a b (EN) Mitchell Saltzman, Dragon Ball Z: Kakarot Review, su IGN, 21 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  15. ^ a b Christian Colli, Dragon Ball Z: Kakarot, la recensione, su multiplayer.it, 17 gennaio 2020. URL consultato il 28 gennaio 2020.
  16. ^ (EN) Chris Carter, Review: Dragon Ball Z: Kakarot, su Destructoid, 21 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  17. ^ (EN) Sal Romano, Famitsu Review Scores: Issue 1623, Gematsu, 7 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  18. ^ (EN) Andrew Reiner, Dragon Ball Z: Kakarot Review – Flawed But Still Enthralling, in Game Informer, 24 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  19. ^ (EN) Jason Faulkner, Dragon Ball Z: Kakarot Review, Game Revolution, 24 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  20. ^ (EN) Heidi Kemps, Dragon Ball Z: Kakarot Review - Mondo Cool, su GameSpot, 24 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  21. ^ (EN) Jason Coles, DRAGON BALL Z: KAKAROT REVIEW: "NOSTALGIA'S NOT ENOUGH", su GamesRadar, 21 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  22. ^ (EN) Liz Henges, DRAGON BALL Z: KAKAROT REVIEW, in PC Gamer, 22 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  23. ^ (EN) Soto Fran, Review: Dragon Ball Z: Kakarot, Hardcore Gamer, 21 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  24. ^ (EN) UK Sales Charts: Dragon Ball Z: Kakarot Goes Super Saiyan with Number One Debut, in Push Square, Gamer Network, 20 gennaio 2020. URL consultato il 24 gennaio 2020.
  25. ^ (EN) Dragon Ball Z Kakarot Sales Surpass 1.5 Million in Its First Week, Bandai Namco Announces, su wccftech.com, 10 febbraio 2020.
  26. ^ (EN) Dragon Ball Z: Kakarot Sells Over 1.5 Million in First Week, su SCREENRANT, 10 febbraio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  27. ^ (EN) Jeff Grubb, January 2020 NPD: Even Goku can’t rescue game spending, su venturebeat.com, 14 febbraio 2020. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  28. ^ (EN) John F. Trent, Dragon Ball Z: Kakarot Tops Best Selling Video Game For January 2020, su boundingintocomics.com, 14 febbraio 2020. URL consultato il 15 febbraio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi