Yemenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Yemenia
Codice IATA IY
Codice ICAO IYE
Descrizione
Hub Sana'a
Programma frequent flyer Arabia Felix Club
Airport lounge Departures Lounge
Alleanza Arab Air Carrier Organization
Flotta 17 (+10 ordinazione, +4 opzioni)
Destinazioni 33
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

La Yemenia in arabo: الخطوط الجوية اليمنية , Yamaniyya ; è la principale compagnia aerea yemenita ed opera principalmente dall' Aeroporto internazionale di Sana'a.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondata nel 1961 con il nome di Yemen Airlines, iniziò ad operare l'anno seguente.
Il nome venne poi cambiato in Yemen Airways nel 1972 a seguito di una ristrutturazione che portò alla nazionalizzazione della compagnia.
Il nome Yemenia venne infine adottato nel 1978 dopo che la allora Repubblica Araba dello Yemen decise di fondare una nuova compagnia aerea in collaborazione con l'Arabia Saudita.
Successivamente alla riunificazione dello Yemen, nel 1997 Yamenia ha incorporato anche Alyemda, compagnia di bandiera della ex Repubblica Democratica Popolare dello Yemen.
Nel 2001 un disastroso incendio ha distrutto la sede amministrativa della compagnia a Sana'a.
È membro della Arab Air Carriers Organization (Organizzazione Araba dei Trasporti Aerei).

Composizione societaria[modifica | modifica sorgente]

Attualmente è controllata dal governo yemenita (51%) e dal governo saudita (49%).[senza fonte]

Flotta[modifica | modifica sorgente]

Un Airbus A310 della Yemenia a Francoforte sul Meno.

A febbraio 2011 la flotta della Yemenia risulta composta come segue:

Flotta Yemenia
Aereo Totale Note
Airbus A310-300 3 1 perso (incidente Volo 626 30/06/2009)
Airbus A330-200 4 (+ 9 ordinati)
Airbus A350 (10 ordinati) Entrata in servizio: 2014
Boeing 727-200 1 per voli di Stato
Boeing 737-800 3
Airbus A320-200 1 (+ 9 ordinati)
Boeing 747SP 1 Allestimento VIP per voli di Stato
DHC-8-100 3
Ilyushin Il-76 2 per voli Cargo

L'età media della flotta al giugno 2009 è di 12,3 anni.[senza fonte]

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

  • 21 gennaio 2001: Volo Yemenia 448. Un Boeing 727-200 venne dirottato a Djibouti, senza conseguenze per i passeggeri.
  • 1 agosto 2001. Il Boeing 727-200 7O-ACW di Yemenia uscì di pista in fase di atterraggio all'Aeroporto Internazionale dell'Asmara in Eritrea senza provocare vittime. L'aereo subì gravi danni e venne tolto dal servizio.
  • 30 giugno 2009: Volo Yemenia 626. Un Airbus A310 con 153 persone a bordo, decollato da Sana'a con destinazione Moroni nelle Comore, si è schiantato nel canale del Mozambico. Unica superstite è una bambina di 14 anni, trovata viva e cosciente anche se in stato di ipotermia e, inoltre, con una clavicola fratturata e dei tagli sul viso. Gran parte dei passeggeri erano partiti dalla Francia a bordo di un altro velivolo della medesima compagnia ed erano poi saliti sull'aereo precipitato a seguito di uno scalo in transito a Sana'a con cambio di aeromobile. Secondo il costruttore Airbus la macchina coinvolta nel disastro era stata costruita nel 1990 e volava per Yemenia dall'ottobre 1999, avendo accumulato circa 52.000 ore di volo in circa 17300 voli.[1]

Accordi commerciali[modifica | modifica sorgente]

La Yemenia è un membro della Organizzazione Araba dei Trasporti Aerei (in inglese: Arab Air Carriers Organization).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.airbus.com/crisis/index.html

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Gallerie fotografiche[modifica | modifica sorgente]