Progesterone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progesterone
2000 pixl
Nomi alternativi
4-pregnen-3,20-dione
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C21H30O2
Massa molecolare (u) 314,47 g/mol
Aspetto solido bianco
Numero CAS [57-83-0]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,17 g/cm³ (20 °C)
Solubilità in acqua (20 °C) insolubile
Temperatura di fusione 128 °C (401 K)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine

attenzione

Frasi H 351
Consigli P 281 [1]

Il progesterone (o 4-pregnen-3,20-dione) è uno steroide.

A temperatura ambiente si presenta come un solido bianco inodore.

È un ormone, il principale tra quelli noti come progestinici.

Ruolo biologico[modifica | modifica sorgente]

È un ormone sintetizzato dalle ovaie e dal surrene. Viene secreto nella donna in quantità modesta dall'ovaio nella prima metà del ciclo mestruale; dopo l'ovulazione, durante la seconda fase del ciclo, detta appunto fase luteale o progestinica, il corpo luteo ne produce quantità elevate. Da quel momento il progesterone esercita la sua azione principale, permettendo la creazione delle condizioni adatte alla fecondazione della cellula uovo e al suo annidamento nella mucosa uterina (endometrio), eventi che segnano l'inizio della gravidanza.
Il progesterone esercita anche altre funzioni di minor rilievo, sempre riguardanti l'apparato genitale femminile, quali modificazioni di struttura e di attività funzionale delle tube e della mammella. Infine, durante la gravidanza, il progesterone viene prodotto in grosse quantità dalla placenta e, durante la stessa, impedisce che avvengano altre ovulazioni. Durante la gravidanza il progesterone è di fondamentale importanza perché garantisce la secrezione endometriale, inibisce le contrazioni del miometrio (lo strato muscolare liscio al di sotto della tonaca endometriale dell'utero) e soprattutto blocca la risposta immunitaria materna che porterebbe alla fagocitosi dell'embrione riconosciuto come corpo estraneo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 12.03.2010

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]