Inibina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Inibina, subunità beta-A
Struttura chimica
Dimero di Inibitina beta-A, che prende il nome di Activina A
Gene
Locus Chr. 7 [1]
Proteina

L'inibina è un ormone proteico eterodimerico secreto dalle cellule del Sertoli nei testicoli che inibisce la produzione dell'ormone follicolo-stimolante (o FSH) che agisce indirettamente sullo sviluppo dei gameti maschili. E nelle cellule granulose delle ovaie, partecipa alla regolazione del ciclo mestruale.

L'Inibina-A consiste di una subunità alfa e di una subunità beta-A mentre l’Inibina-B consta di una subunità alfa e di una subunità beta-B.

In circolo è possibile riscontrare sia molecole dimeriche di Inibina A e B sia le loro subunità libere ma soltanto le prime sono biologicamente attive.

L'inibina A, riscontrabile solamente nella donna con l'arrivo del menarca, è secreta dal corpo luteo, ed ha azione di feedback negativo sulla produzione ipofisaria di FSH: l'inibina A è dunque dosabile nella fase luteale tardiva del ciclo mestruale; L'inibina B, secreta sia nell'uomo che nella donna, ha azione maturativa sulla gonade, prodotta dalle cellule del Sertoli (uomo) e dalle cellule della granulosa (donna): nell'uomo controlla la spermatogenesi con un feedback negativo sull'FSH, mentre nella donna la capacità di maturazione di un follicolo nell'ovaio. In entrambi i casi, l'inibina B è considerata come marker di riserva follicolare (nella donna) e nella funzionalità spermatogenica nell'uomo: difatti, se l'inibina B non svolgesse azione feedback-negativa sulla produzione ipofisaria di FSH, né la maturazione dei follicoli, né la spermatogenesi sarebbero correttamente controllate poiché l'FSH ha di per sé un feedback-positivo.

Rappresentazione schematica della struttura delle possibili forme di inibitina e activina. La linea nera tra le subunità monomeriche rappresenta un ponte disolfuro

La produzione di inibina B avviene a partire dai 18-24 mesi di età, successivamente alla "mini pubertà", evento caratteristico dei primi mesi di vita in cui si hanno picchi di ormoni sessuali simili alla pubertà tali da garantire la maturazione dei gameti fetali in gameti post-natali, con maturazione e selezione dei gameti femminili ed amplificazione di quelli maschili.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Laura Gandola. Sistema riproduttore, in Invito alla biologia. 5a ed. Bologna, Zanichelli, 2004. p. 493. ISBN 8808055450.