Phil Anselmo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Phil Anselmo
Phil Anselmo in concerto con i Down all'Hellfest 2013
Phil Anselmo in concerto con i Down all'Hellfest 2013
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Heavy metal[1][2]
Hair metal[3][4]
Thrash metal[1]
Groove metal[1][3]
Black metal[5][6]
Sludge metal[7][8][9]
Stoner metal[7][9]
Punk metal[8]
Alternative metal[8][9]
Periodo di attività 1985 – in attività
Gruppo attuale Down
Arson Anthem
Gruppi precedenti Pantera
Necrophagia
Viking Crown
Southern Isolation
Superjoint Ritual
Christ Inversion
Tapeworm
Album pubblicati 23
Studio 20
Live 1
Raccolte 2

Philip Hansen Anselmo (New Orleans, 30 giugno 1968) è un cantante statunitense di origine italiana, famoso soprattutto per aver militato nella band groove metal Pantera dal 1987 fino all'anno dello scioglimento avvenuto nel 2003.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

L'infanzia[modifica | modifica sorgente]

L'infanzia di Phil Anselmo non fu delle più felici, in gran parte a causa del padre, gestore di diversi bar nella città, che era solito ubriacarsi. In un'intervista concessa nel 2002 durante l'Ozzfest, Anselmo ha affermato di aver dato fuoco alla casa dei propri genitori quando aveva quattordici anni, per spaventare la sorella. L'incendio risultò piuttosto grave e Anselmo scappò di casa. La sua adolescenza si sviluppò quindi sulle strade di New Orleans, senza una vera casa o una vera occupazione. In questa situazione, Anselmo decise di dedicare la sua vita all'unica passione che aveva maturato: la musica.

Gli esordi[modifica | modifica sorgente]

Oltre ad essere un appassionato di gruppi heavy metal, come Black Sabbath, Judas Priest, Venom e Slayer, Phil ascoltava molto hardcore punk e gruppi come Black Flag, Dirty Rotten Imbeciles ed Exploited. Nel 1985 riuscì ad entrare a far parte dei Razor White, una band che si ispirava ai Judas Priest e ne proponeva diverse cover, esibendosi in diversi concerti nei locali di New Orleans. Finalmente, nel 1987, Anselmo ottenne il meritato riconoscimento e venne chiamato da Dimebag Darrell e Vinnie Paul per sostituire Terry Glaze nei Pantera. Esordì con il gruppo nel disco Power Metal del 1988. Il genere prodotto era un glam metal molto massiccio nel quale Phil diede grande prova delle sue enormi doti vocali, molto vicine a quelle di Rob Halford dei Judas Priest.

Successo internazionale[modifica | modifica sorgente]

Con Cowboys from Hell (1990) iniziò la trasformazione dei Pantera che estremizzarono ancora di più il loro sound (abbandonando il look glam ottantiano) e la voce di Philip divenne ancora più potente, ma allo stesso tempo melodica (ottime le sue prestazioni in Cemetery Gates e nella stessa Cowboys from Hell). Il sound, che già era parzialmente evidenziato nei precedenti album, venne portato ai propri estremi grazie al produttore Terry Date, che spinse sulle chitarre estremamente compresse e sulla batteria triggerata. L'importante svolta, sia a livello musicale che di look, venne completata con l'uscita di Vulgar Display of Power (1992), che fu il disco più venduto del quartetto. Il CD è violento, grezzo, un manifesto di una rivoluzione. A New Level mostra un Anselmo molto aggressivo, in Walk il cantante usa un tono di voce rauco tipico del blues e in Hollow dimostra di possedere anche un'ottima timbrica pulita. Nel 1994 uscì Far Beyond Driven, album che segnò una pesante virata verso il lato più estremo dei Pantera. Anselmo canta ormai quasi solo urlando e sempre più rari sono gli episodi con voce pulita. Le foto del disco, i testi che spesso parlano di droghe e distruzione, la pubblicazione dei primi Vulgar Videos fecero sì che la figura di Anselmo diventasse sempre più mitizzata e imponente.

I primi problemi[modifica | modifica sorgente]

A metà degli anni novanta si concentrò nuovamente su un vecchio progetto, i Down, in cui militavano membri di Corrosion of Conformity e Crowbar. Il gruppo era nato anni prima, ma era stato temporaneamente accantonato perché ogni componente potesse occuparsi della propria band principale; in questo periodo iniziarono a circolare alcuni demo e nel 1995 venne finalmente pubblicato il disco d'esordio, NOLA. Dopo una breve serie di soli tredici concerti, Anselmo tornò però ad occuparsi dei Pantera con cui, nel 1996, pubblicò l'album The Great Southern Trendkill, forse il disco più estremo del gruppo; la voce di Phil subì un notevole cambiamento (come già si era avvertito, in parte, in Vulgar Display Of Power), diventando un rantolo cupo e velenoso, conservando però sempre la sua musicalità canora. Da un lato le urla coprirono al meglio le parti più estreme e tirate come War Nerve e Suicide Note Pt 2, dall'altro il timbro devastato e quasi soul va ad aumentare ancor di più l'atmosfera di brani come Suicide Note Pt 1, 10s e Floods. Il 13 luglio 1996, durante un concerto del tour in Texas, Anselmo perse i sensi nel backstage a causa di un'overdose di eroina e venne ricoverato immediatamente in una clinica. Nonostante fosse rimasto per qualche minuto tra la vita e la morte, Phil si salvò senza riportare gravi danni all'organismo (in base a questa esperienza, il cantante scriverà il testo di I Can't Hide, singolo pubblicato nel disco dal vivo Official Live: 101 Proof). Tornato in forma, Anselmo continuò a seguire una serie di progetti paralleli ai Pantera entrando, in veste di chitarrista, in gruppi come Necrophagia, Viking Crown e Southern Isolation (a fianco della sua allora moglie Stephanie Opal) e formò, in veste di cantante, i Superjoint Ritual.

La fine dei Pantera[modifica | modifica sorgente]

Anselmo con i Down al Gods of Metal.

Reinventing the Steel (2000) è l'ultimo lavoro in studio dei Pantera. La band tentò di rifare proprio il ruolo di leader della scena, ma il risultato fu molto al di sotto delle aspettative. Nel 2001 la band si sciolse dopo l'ultimo concerto a Tokyo, anche se venne dichiarato ufficialmente solo nel 2003.

Il primo progetto che vide Phil emergere furono i Superjoint Ritual, con i quali Anselmo pubblicò due album, Use Once and Destroy (2002) e A Lethal Dose of American Hatred (2003). Lo stile della band era molto vicino all'hardcore, sebbene la componente metal fosse piuttosto evidente. Le parti di voce sono fondamentalmente urlate e costruite su versi molto veloci. Nel 2002 vide la luce anche il secondo album dei Down, Down II - A Bustle In Your Hedgerow, composto e registrato in due settimane in uno studio approntato in un granaio di proprietà proprio di Anselmo. Lo studio fu battezzato Nodferatu's Lair e, dai quindici giorni di droghe, emerse un disco in cui per la prima volta da anni la voce di Anselmo si dimostrò in forma. Furono infatti presenti le parti urlate tipiche dello stile del cantante ma presentate qui in modo molto più melodico di quanto non siano mai state nei Pantera; sono soprattutto le parti pulite che, grazie al timbro profondo e sofferto di Anselmo, colpiscono in maniera positiva.

Dopo la morte di Dimebag Darrell (ucciso da uno squilibrato fan dei Pantera l'8 dicembre 2004 a Columbus, Ohio, mentre stava suonando in un locale con la sua nuova band, i Damageplan) Phil si dichiarò devastato dalla scomparsa del suo ex compagno di gruppo e si sentì in parte responsabile del suo assassinio: dichiarò in un'intervista, poche settimane prima della tragedia, che Dimebag meritava di essere picchiato a sangue, imputandogli di essere la causa dello scioglimento dei Pantera. La stampa affermò che fu lo stesso Anselmo a decidere di non presentarsi al funerale per rispettare la volontà dei parenti di Dimebag e, in particolare, della sua fidanzata, che gli impedirono di partecipare alla funzione; il cantante dichiarò anche: "Non ho potuto salutarlo come avrei voluto e questo mi uccide. Speravo di poter partecipare al suo funerale, ma ho voluto rispettare le volontà della sua famiglia che non mi voleva lì. Dovevo essere lì, ma capisco perfettamente".

La rinascita[modifica | modifica sorgente]

Phil Anselmo con i Superjoint Ritual nel 2004

Poco dopo i funerali del suo ex-compagno, Anselmo pubblicò sulla rete un filmato in cui parlava di Darrell, scoppiando in lacrime e affermando che si sarebbe preso una lunga pausa dal mondo della musica. Nel periodo successivo, la vita del cantante divenne particolarmente riservata; ciò che si sa è che riuscì a tagliare definitivamente ogni rapporto con le droghe pesanti e che si sottopose, nel novembre 2005, ad un intervento chirurgico per ricostruire la parte lombare della sua schiena, le cui vertebre erano gravemente danneggiate da anni di vita sul palco. Questa notizia fu fornita direttamente da Anselmo in un'intervista con Revolver Magazine, la prima dalla morte di Dimebag. Nell'intervista Phil rivelò per la prima volta al mondo tutti i problemi che ebbe a causa della sua schiena e che avrebbe dovuto sottoporsi a un intervento fin dal 1996; il dolore, che provava ogni sera sul palco, venne anche indicato come uno dei principali motivi delle sue dipendenze.

Sempre nel 2005 Anselmo è stato una delle migliaia di persone danneggiate dall'uragano Katrina, abbattutosi sull'area di New Orleans. Sebbene non abbia subito alcun lutto, il cantante ha perso la propria casa ed è stato costretto a spostarsi per alcune settimane a Houston. Una volta tornato in città, ha recuperato i propri averi e pagato la cauzione di Mike Williams (cantante degli Eyehategod) che era stato arrestato durante i disordini succeduti all'uragano per possesso di droghe.

Phil Anselmo nel marzo 2011

Nel marzo del 2006 Phil si unì agli Alice in Chains, orfani di Layne Staley, durante lo speciale televisivo organizzato dal canale VH1 Decades Rock Live! in onore degli Heart e con loro canta due brani: Them Bones e Would?.

Sempre nel 2006 Phil Anselmo è stato in tour con i Down in Europa per la prima volta; tornati in patria, i Down hanno partecipato come supporto al tour degli Heaven & Hell e hanno pubblicato nel 2007 un nuovo album, intitolato Over the Under. Hank Williams III, nipote di Hank Williams e bassista dei Superjoint Ritual, ha confermato invece che questo progetto è al momento da considerarsi concluso. Ha da poco aperto una propria etichetta discografica, scegliendo il nome Housecore Records, tramite la quale verrà pubblicato il disco d'esordio degli Arson Anthem, in cui Anselmo suona la chitarra.

Phil Anselmo al concerto dei Down, a Bologna il 22 luglio 2008, in veste di supporter dei Metallica.

Il 2 aprile 2013, Anselmo annunciò la pubblicazione di Walk Through Exits Only,[10] realizzato con il gruppo spalla The Illegals e pubblicato il 16 luglio.[11] Il 12 giugno è stato reso disponibile per l'ascolto il brano Bedridden.[11]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Con i Pantera[modifica | modifica sorgente]

Con i Down[modifica | modifica sorgente]

Con i Viking Crown[modifica | modifica sorgente]

Con i Superjoint Ritual[modifica | modifica sorgente]

Con i Christ Inversion[modifica | modifica sorgente]

Con gli Arson Anthem[modifica | modifica sorgente]

Con i Philip H. Anselmo & The Illegals[modifica | modifica sorgente]

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Jason Birchmeier, Pantera, Allmusic.com. URL consultato il 22 giugno 2010.
  2. ^ (EN) Greatest heavy metal bands, MTV.com. URL consultato il 22 giugno 2010.
  3. ^ a b (EN) Pantera, Metal-archives.com. URL consultato il 22 giugno 2010.
  4. ^ (EN) TOP 100 glam/hair metal albums - Pantera "Power Metal", Rateyourmusic.com. URL consultato il 22 giugno 2010.
  5. ^ (EN) Viking Crown, Allmusic.com. URL consultato il 24 settembre 2010.
  6. ^ (EN) Christ Inversion, Allmusic.com. URL consultato il 24 settembre 2010.
  7. ^ a b (EN) Superjoint Ritual, Allmusic.com. URL consultato il 24 settembre 2010.
  8. ^ a b c (EN) Arson Anthem, Allmusic.com. URL consultato il 24 settembre 2010.
  9. ^ a b c (EN) Down, Allmusic.com. URL consultato il 24 settembre 2010.
  10. ^ (EN) Martin Kielty, Phil Anselmo Details Solo Album, MetalHammer.co.uk, 22 aprile 2013. URL consultato il 22 aprile 2013.
  11. ^ a b (EN) PHILIP H. ANSELMO & THE ILLEGALS - New 'Bedridden' Song Streaming At BraveWords, BraveWords.com, 12 giugno 2013. URL consultato il 13 giugno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]