Cowboys from Hell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cowboys from Hell
Artista Pantera
Tipo album Studio
Pubblicazione 24 luglio 1990
Durata 57 min : 31 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Thrash metal
Speed metal
Groove metal
Etichetta Atlantic Records
Produttore Terry Date
Registrazione a Pantego, Texas, 1989-1990
Certificazioni
Dischi d'oro 1
Dischi di platino 1
Pantera - cronologia
Album precedente
(1988)
Album successivo
(1992)
Singoli
  1. Cowboys from Hell
    Pubblicato: 1990
  2. Cemetery Gates
    Pubblicato: 1990
  3. Psycho Holiday
    Pubblicato: 1990

Cowboys from Hell è il quinto album studio del gruppo musicale statunitense Pantera, pubblicato il 24 luglio 1990 per la Atlantic Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

È considerato l'album della svolta per la maturazione stilistica della band, precedentemente legata al heavy metal classico. Il genere di questo disco è oggetto di continui dibattiti, dovuti alla sua difficile catalogazione. Molto avvertibile è l'heavy metal in stile Judas Priest (brani come Domination, Shattered e The Art of Shredding sono un esempio) e la voce potente ed acuta di Philip Anselmo rieccheggia lo stile canoro di Rob Halford. Non mancano comunque sonorità ispirate allo speed/thrash metal anni ottanta stile Metallica e Slayer (Heresy ne è un esempio), che si possono ascoltare nei riff chitarristici di Diamond Darrell. A parte le influenze, l'album presenta un stile molto originale, che contribuì a rendere i Pantera un gruppo molto affermato. Dal successivo Vulgar Display of Power, la band sarà conosciuta in tutto il mondo come groove metal. Nel 2010, dopo quasi vent'anni, l'album ha debuttato nella Billboard Top 200, precisamente alla 117ª posizione.

Le canzoni[modifica | modifica wikitesto]

Il brano Domination, pur non essendo mai stato prodotto come singolo, riscosse subito un notevole successo, restando negli annali come una delle hit del disco di appartenenza e della band in generale.[senza fonte]

La canzone mostra tutte le peculiarità del gruppo, partendo dalla capacità alla chitarra di Dimebag Darrell, che ha inserito i soliti potenti riffs e assoli nella traccia, fino a giungere alla potenza vocale di Phil Anselmo. Da notare anche l'estrema velocità della batteria, suonata da Vinnie Paul, e l'abilità al basso di Rex Brown.[1]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Cowboys from Hell – 4:06
  2. Primal Concrete Sledge – 2:13
  3. Psycho Holiday – 5:19
  4. Heresy – 4:45
  5. Cemetery Gates – 7:03
  6. Domination – 5:02
  7. Shattered – 3:21
  8. Clash with Reality – 5:15
  9. Medicine Man – 5:15
  10. Message in Blood – 5:09
  11. The Sleep – 5:47
  12. The Art of Shredding – 4:16

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cowboys From Hell Truemetal.it
metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal