Peter e Wendy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peter e Wendy
Titolo originale Peter and Wendy
Altri titoli Peter Pan - Il ragazzo che non voleva crescere, Peter Pan
Peter Pan 1915 cover.jpg
frontespizio di un'edizione del 1915
Autore J. M. Barrie
1ª ed. originale 1911
Genere avventura, fantasy
Lingua originale inglese
Ambientazione Londra (XIX secolo), Isola che non c'è
Protagonisti Peter Pan
Antagonisti Capitan Uncino
Altri personaggi Wendy, Gianni e Michele Darling, Bimbi Sperduti, Giglio Tigrato, Spugna, il Coccodrillo

Peter Pan, o il ragazzo che non voleva crescere o Peter e Wendy è l'opera più celebre di J. M. Barrie, uscita in forma di piece teatrale nel 1904 e poi di romanzo nel 1911. Entrambe le versioni raccontano la storia di Peter Pan, un ragazzino fatato con l'abilità di volare e le sue avventure sull'isola che non c'è (Neverland), assieme alla sua amica Wendy e ai suoi fratellini, i Lost Boys e la fata Campanellino, la principessa indiana Tiger Lily ed infine il pirata Capitan Uncino (James Hook).

Sia l'opera teatrale che il romanzo si sono ispirati dall'amicizia tra l'autore con i ragazzi Llewelyn Davies; Barrie ha continuato a rivedere la trama della storia per anni, dopo il suo debutto avvenuto in teatro, ed il romanzo riflette una delle sue versioni successive.

La piece ha debuttato a Londra il 27 dicembre 1904 con Nina Boucicault, figlia del drammaturgo Dion Boucicault, nel ruolo di protagonista. Una produzione di Broadway fu realizzata l'anno successivo con protagonista Maude Adams, poi ripreso con altre attrici tra cui Marilyn Miller ed Eva Le Gallienne. L'opera ha vissuto da allora in poi adattamenti come pantomima, musical, special televisivo ed infine diversi film, tra cui uno muto del 1924; il lungometraggio animato della Disney è del 1953, mentre il live action è datato 2003.

Il romanzo è stato pubblicato per la prima volta nel 1911; il libro originale contiene un frontespizio e 11 illustrazioni dell'artista Francis Donkin Bedford. La sceneggiatura dell'opera teatrale, che Barrie aveva continuato a rivedere fin dalla sua prima esecuzione, è stata pubblicata nel 1928.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Anche se il personaggio era già apparso in precedenza nel racconto del 1902 The Little White Bird, la storia e la mitologia più completa riguardante Peter Pan sono contenute nelle successive versioni teatrale e romanzesca. Peter ascolta di nascosto, attraverso la finestra aperta, le fiabe che la signora Mary racconta ai figli per farli addormentare; una notte però Peter, nel tentativo di fuggire senza esser scorto, perde la sua ombra.

Tornato a casa Bloomsbury per recuperarla, non riesce ad impedire il risveglio della figlia più grande, Wendy; la ragazzina aiuta così Peter a riattaccargli l'ombra: venuto a sapere che Wendy conosce un sacco di "storie della buona notte" la invita a Neverland per far da madre adottiva ai ragazzi della sua banda, i Lost Boys (bambini che sono stati perduti dai rispettivi genitori a Kensington Gardens).

Wendy acconsente e così, assieme ai fratellini John e Michael, parte assieme a Peter alla volta dell'Isola: il volo magico in direzione di Neverland è seguito da molte avventure, come quando i bambini vengono lanciati in aria da un cannone. Subito Peter e la sua banda iniziano a costruire una casetta dove Wendy possa a suo agio abitare, mentre i suoi due fratellini divengono presto parte dei Lost Boys.

Nella laguna dell'isola Peter e i suoi amici salvano la principessa Tiger Lily e vengono coinvolti in una battaglia con i pirati, fra cui vi è il malvagio Capitan Uncino; Peter viene gravemente ferito sopra ad una roccia mentre la marea sta salendo, ma per fortuna un uccello gli permette di usare il proprio nido come fosse una barca e così si salva.

Mentre ci si prepara ad un prossimo imminente attacco dei pirati Wendy chiede a Peter che tipo di sentimenti egli provi nei suoi confronti, e questi gli assicura ch'egli è come un suo figlio affezionato. Un giorno, mentre sta raccontando ai bambini delle storie, a Wendy tornano a mente i genitori e decide così di portar indietro i fratellini e tornare in Inghilterra ma, all'insaputa di Peter, Wendy e i fratelli vengono catturati da Uncino.

Il perfido pirata cerca anche di far avvelenare Peter, mentre il ragazzo è addormentato; quando si risveglia apprende dalla fata Campanellino (Tink/Trilly) che Wendy è stata rapita. Per salvare l'amico la fata beve al suo posto il veleno rischiando così di morire per sempre: solo grazie alla fede dei bambini nelle fate riesce a salvarsi.

Peter si dirige veloce verso la nave pirata e lungo il cammino incontra il coccodrillo che s'è mangiato la mano di uncino e una sveglia; salito sulla nave Peter finge di ticchettare come il coccodrillo, terrorizzando così Uncino. Mentre i pirati si lanciamo alla vana ricerca dell'animale Peter riesce ad intrufolarsi nella cabina in cui sono tenuti priglionieri i suoi amici e li libera.

La battaglia finale contro Uncino è presto vinta ed il pirata cattivo finisce tutto intero nelle fauci del coccodrillo; allora Peter prende il controllo della nave e solca i mari in direzione di Londra. Alla fine Wendy decide che il suo posto è a casa assieme alla propria famiglia; Peter, nel tentativo vano di fermarla, la precede e cerca di chiuder la finestra della sua cameretta così da far credere che la madre l'abbia dimenticata. Ma dopo esser venuto a sapere della grande tristezza che grava sulla signora, lascia amaramente la finestra aperta e vola via.

Peter successivamente torna per breve tempo ed incontra la madre di Wendy, che ha accettato di adottare i Lost Boys; si offre di prender con sé anche Peter ma questi rifiuta nel timore, nel qual caso, di dover diventar adulto: prima d'andarsene però Peter promette a Wendy di tornare ogni primavera a trovarla. La conclusione vede Wendy che guarda fuori dalla finestra e prega rivolta verso il cielo: "Non dimenticare di venire per me, Peter. Per favore, non dimenticare".

Un ripensamento[modifica | modifica sorgente]

Quattro anni dopo la prima rappresentazione dell'opera originale, Barrie scrisse una scena aggiuntiva intitolandola "un ripensamento", poi incluso nel capitolo finale di Peter e Wendy. In questo episodio Peter torna da Wendy anni più tardi, trovandola oramai cresciuta e con una figlia, Jane; viene anche rivelato ch'ella ha sposato uno dei Lost Boys. Quando scopre che Wendy l'ha così irrimediabilmente tradito, crescendo, Peter rimane affranto: invita così Jane a venire con sé a Neverland.

Nelle ultime frasi del romanzo Barrie menziona il fatto che oramai anche Jane è cresciuta e che ora Peter viene a prendere con sé la figlia di lei Margherita: questo ciclo andrà avanti per sempre, fino a quando i bambini avranno un cuore innocente.