Ossido di argento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ossido di argento
Silver(I)-oxide-sample.jpg
Nome IUPAC
ossido di argento
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare Ag2O
Massa molecolare (u) 231.735 g/mol
Aspetto polvere nera/marrone
Numero CAS [20667-12-3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 7.14 g/cm3
Solubilità in acqua 0.0025 g/100 ml
Temperatura di fusione 280 °C (decomposizione)
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) −31.1 kJ·mol−1
C0p,m(J·K−1mol−1) 65.9 J·mol−1·K−1
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
comburente corrosivo pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 271 - 318 - 410
Consigli P 220 - 273 - 280 - 305+351+338 - 501 [1][2]

L'ossido di argento (I) è un composto chimico con la formula Ag2O che si presenta come una polvere nera.

È spesso usato per produrre altri sali dell'argento, grazie alla sua bassa resistenza agli acidi secondo la reazione

Ag2O + 2 HX → 2 AgX + H2O

dove la X rappresenta l'elemento che conferisce il nome all'acido. Nel caso dell'HCl ad esempio la reazione sarebbe

Ag2O + 2 HCl → 2 AgCl + H2O

che dà come prodotto finale il cloruro di argento.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 25.06.2014
  2. ^ Smaltire presso un impianto di trattamento dei rifiuti autorizzato
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia