Mitsubishi Heavy Industries

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mitsubishi Heavy Industries, Ltd
Logo
Stato Giappone Giappone
Tipo Azienda Pubblica
Fondazione 1934, 1964
Sede principale Minato-ku Tōkyō Giappone
Persone chiave Takashi Nishioka (Chairman)
Kazuo Tsukuda(President)
Junichi Maezawa (VP)
Settore Aeroplani
Navi
Macchinari pesanti
Sito web www.mhi.co.jp/en

La Mitsubishi Heavy Industries, Ltd, spesso abbreviata in MHI, è un'azienda attiva nell'industria pesante in Giappone. È una delle società del Gruppo Mitsubishi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1870 Yataro Iwasaki, fondatore della Mitsubishi, ebbe dal governo giapponese un contratto di affitto per il cantiere navale della città di Nagasaki: con il nome di Nagasaki Shipyard & Machinery Works iniziò l'attività di costruzione navale. Questa attività di costruzione navale, evolutasi prima in Mitsubishi Shipbuilding Co., Ltd., e divenuta Mitsubishi Heavy Industries, Ltd. nel 1934, è stata la più grande impresa privata in Giappone per la produzione di navi, aeroplani, e treni.

Dopo la fine della Seconda guerra mondiale e lo scioglimento dello zaibatsu, la MHI è stata divisa in tre entità: West Japan Heavy-Industries, Ltd, Central Japan Heavy-Industries, Ltd e East Japan Heavy-Industries, Ltd. Queste vennero riunite nuovamente nel 1964, con la rinascita della Mitsubishi Heavy Industries, Ltd..

Nel 1970, la MHI automobilistica divenne indipendente, diventando Mitsubishi Motors Corporation e iniziando la produzione e la commercializzazione di automobili.

Settori di attività[modifica | modifica sorgente]

Edificio della MHI a Yokohama
  • Strutture e costruzioni in acciaio.
  • Sistemi di generazione di energia.
    Stabilimenti: Takasago, Kobe.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]