Magnum, P.I.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Magnum PI)
Magnum, P.I.
Magnum, P.I..png
Immagine dalla sigla della serie televisiva
Titolo originale Magnum, P.I.
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1980-1988
Formato serie TV
Genere poliziesco
Stagioni 8
Episodi 162
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 4:3
Colore colore
Audio mono
Crediti
Ideatore Donald P. Bellisario, Glen A. Larson
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzione Belisarius Productions, Glen A. Larson Productions, Universal TV
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 11 dicembre 1980
Al 1º maggio 1988
Rete CBS
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 20 marzo 1982
Al 1990
Rete Canale 5
Italia 1
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 2006
Al
Rete Fox Retro

Magnum, P.I. è una serie televisiva statunitense, di genere poliziesco, creata da Donald P. Bellisario e Glen A. Larson, e prodotta dal 1980 al 1988.

La serie è stata trasmessa in prima visione negli Stati Uniti dalla CBS dall'11 dicembre 1980. Fuori dagli Stati Uniti è stata trasmessa a partire dal 1981; in particolare, in Italia la serie è stata trasmessa dal 20 marzo 1982[1] al 1990 dapprima da Canale 5 e successivamente da Italia 1.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

La serie è stata prodotta dalla CBS utilizzando la stessa location e lo stesso materiale di scena già utilizzati per la serie Hawaii Squadra Cinque Zero, terminata nel 1980 dopo 12 anni di programmazione.

Glen A. Larson venne incaricato dalla CBS di produrre un nuovo telefilm ambientato nell'arcipelago del Pacifico, il quale scrisse una prima versione della storia, che vedeva come protagonista un ex agente della CIA, Thomas Magnum, che lavorava sotto copertura ed aveva alle Hawaii la sua base operativa, ma Donald P. Bellisario nuovo socio nella produzione, anche su consiglio di Tom Selleck, decise di stravolgere radicalmente il primo copione. Non più un agente segreto, ma un veterano della guerra del Vietnam.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Thomas Sullivan Magnum IV, più semplicemente Magnum, è un ufficiale di Marina decorato nella guerra del Vietnam dove combatté prima con i Navy SEAL e poi con il servizio segreto della marina, cosa che gli sarà utile in molte delle sue indagini (vedi i rapporti con il suo grande amico Mac Reynolds), congedandosi dopo una decina d'anni di servizio. Nella vita civile ha intrapreso l'attività di investigatore privato (da cui il "P.I.", sigla del termine inglese Private Investigator), termine che lui preferisce di gran lunga a quello di detective. Magnum vive nella dépendance di una lussuosa villa in riva al mare sull'isola hawaiiana di Oahu su invito del padrone di casa, l'eccentrico scrittore di gialli Robin Masters (personaggio che non appare mai integralmente nella serie), la cui ospitalità è ricambiata con l'attività di responsabile della sicurezza che Magnum fornisce alla proprietà.

A mandare avanti la casa di Robin Masters è il maggiordomo e factotum inglese Jonathan Quayle Higgins III, ex sergente maggiore della British Army, che si avvale anche dell'aiuto dei suoi "ragazzi", due dobermann bene addestrati, Zeus e Apollo. Per il personaggio di Higgins, Donald P. Bellisario si ispirò al Richard Attenborough del film Cannoni a Batasi (1964) di John Guillermin.

Il rapporto con Higgins[modifica | modifica sorgente]

Magnum conduce spesso una vita invidiabile: vive in un posto che egli stesso definisce un "paradiso terrestre", esce e rincasa quando vuole; lavora solo quando ne ha voglia; ha il quasi illimitato uso di una Ferrari 308 GTS; nell'appartamento in cui alloggia ha un frigobar sempre fornito di birra; i suoi clienti sono frequentemente donne ricche e bellissime, il tutto a spese del ricchissimo scrittore. Gli unici "paletti" che ha sono quelli imposti da Higgins che tende a preservare quasi maniacalmente ed in modo tirannico le proprietà di Robin Masters, tanto da creare un rapporto di amore/odio tra i due personaggi nonché una sorta di contrasto tra un padre severo e ligio alle regole ed un figlio irresponsabile e giocherellone. Spesso Magnum ed Higgins scendono a compromessi come limiti di tempo per utilizzare la Ferrari, l'accesso ai campi da tennis o alla cantina, salvo poi l'infrazione di tali patti da parte dello stesso Magnum. L'ex sergente maggiore più volte rimprovera Magnum di essere rozzo e disordinato risultando provocatore e pungente, allo stesso modo reagisce l'investigatore che cerca di fare ciò che vuole trovando sempre il modo per raggirare Higgins. Le situazioni che si vengono a creare divertono il pubblico e rappresentano uno dei fulcri della comicità insita nella serie che culmina però anche nel sentimento di affetto e nella stima reciproca che si evidenzia nei momenti di difficoltà.

Il rapporto con gli amici[modifica | modifica sorgente]

Questo aspetto coinvolge poi anche gli amici di Magnum, due ex commilitoni dei Marine conosciuti durante il servizio in Vietnam e giunti, per diversi motivi, alle Hawaii. Essi sono:

  • Theodore "T.C." Calvin, pilota di elicotteri, lasciato dalla moglie Tina, torna alle Hawaii, dopo il servizio militare in Vietnam, dove fonda un'impresa di trasporto aereo. Magnum utilizza spesso, per gli spostamenti più urgenti, l'elicottero Hughes 500D, pilotato dall'amico;
  • Orville Wright Richard detto "Rick" per via della sua passione per Humphrey Bogart e Casablanca. Ex mitragliere in Vietnam sull'elicottero di T.C., dove ha conosciuto Magnum, si è ritirato alle Hawaii, insieme al "padrino" Rampino, mafioso di Chicago. Gestice un club esclusivo ed aiuta il detective mettendogli soprattutto a disposizione i suoi contatti con la mala, ma anche con la polizia.

Non di rado questi manifestano scarsa stima e fiducia nelle capacità investigative di Magnum che si evidenzia nelle prese in giro a discapito dell'amico. Nonostante questo provano però affetto per la sua persona e condividono un legame dovuto alle esperienze condivise in Vietnam, per questo motivo anche se inizialmente contrariati, alla fine aiutano sempre Magnum a trarsi fuori dagli impicci quando le sue investigazioni lo mettono in situazioni troppo rischiose per uscirne da solo, collaborando sotto copertura come autisti, factotum, ricchi compratori, ecc.

Come Magnum, sia Rick che T.C. portano all'anulare destro un anello con la Croce di Lorena, simbolo del reparto nel quale i tre hanno combattuto in Vietnam.

Caratteristica di questa serie TV, sin dai primi episodi, è il racconto in soggettiva del protagonista, in stile hard boiled: gli episodi di Magnum sono accompagnati dalla sua voce fuori campo, attraverso la quale vengono espresse le sue idee - una frase caratteristica del protagonista, ad es. è "una regola del buon investigatore che inserirò nel manuale che scriverò prima o poi..." - ragiona sui casi che gli si presentano («La mia vocina mi diceva che...») ed, alle volte, elargisce pillole di saggezza.

Alcuni episodi presentano caratteristiche decisamente drammatiche, che poco lasciano all'umorismo, e trattano di temi importanti come l'antisemitismo, la condizione dei reduci della guerra del Vietnam (tema questo ricorrente anche in altre serie dello stesso periodo), la corruzione militare, mentre altri episodi hanno una caratteristica meno seriosa, pur trattandosi sempre di un poliziesco con un caso da risolvere. Inoltre, in alcuni episodi i protagonisti recitano "in costume", come se le vicende fossero ambientate in anni differenti da quelli odierni.

In Magnum, P.I. sia il protagonista, sia i comprimari fanno utilizzo della tecnica Camera Look inventata da Oliver Hardy, che consiste nel rivolgere lo sguardo dell'attore verso la telecamera cercando la complicità del pubblico, usando espressioni facciali che indicano ad esempio perplessità o gioia per essere riusciti in un intento. Nella serie si trovano inoltre molti riferimenti alla letteratura poliziesca, da Conan Doyle a Raymond Chandler fino a Dashiell Hammett.

L'identità di Robin Masters[modifica | modifica sorgente]

Non si sa mai chi sia Robin Masters, sebbene verso la fine dell'ultima stagione Higgins si diverta a prendere in giro Magnum e gli spettatori sostenendo di essere lui Masters e successivamente, con tono ironico, sostenere di aver mentito su Masters. Agli spettatori spetta capire in che senso Higgins avesse mentito: ovvero, se avesse mentito su Robin Masters oppure sul fatto di essere Robin Masters. A tal riguardo, Donald P. Belisario si è espresso direttamente ai giornalisti dopo una cena con il cast di JAG - Avvocati in divisa: egli ha affermato infatti che Robin Masters e Higgins sono due persone distinte.[senza fonte]

Nel 17º episodio della prima stagione, intitolato J. "Digger" Doyle, è chiaramente visibile, anche se ripreso di spalle, Robin Masters, in compagnia di Higgins. Nello stesso episodio Magnum e Higgins si mettono in comunicazione con il celebre scrittore in volo sul suo jet privato, mediante il telefono rosso installato nella lussuosa villa di proprietà di Robin. Robin Masters è anche ripreso di fronte (ad esclusione del viso), nel finale del 7º episodio della quarta stagione, intitolato La scommessa. Non ha senso quindi dubitare né della sua esistenza, seppur contraddistinta da un velo di mistero, né del fatto che non sia Higgins.

La voce di Robin Masters è di Orson Welles. Nell'ultima puntata avrebbe dovuto mostrare il suo volto e l'identità del misterioso scrittore sarebbe stata rivelata, ma Welles morì per arresto cardiaco a poche settimane dalle riprese.

La Ferrari del Sig. Masters[modifica | modifica sorgente]

Tom Selleck durante le riprese della serie

Durante tutta la serie Thomas Magnum ha guidato almeno tre modelli Ferrari dei quali si conoscono anche i numeri di telaio: una 308 GTS del 1979 (29109), una 308 GTSi del 1981 (34567) e una 308 GTS Quattrovalvole del 1984 (57685).

Nel corso delle riprese furono usati 3/5 modelli della stessa vettura, facendo ricorso a esemplari differenti per diverse inquadrature e scene. Gli esemplari in condizioni migliori furono impiegati per le riprese da vicino, mentre quelli in condizioni non perfette divennero protagonisti delle scene più spettacolari e mozzafiato. Alcuni insinuano che per le scene più ardite e spericolate non vennero mai usate Ferrari, ma delle Pontiac, che per la conformazione del telaio possono esser facilmente modificate per assomigliare (ovviamente solo nell'aspetto) alle Ferrari. Le vetture furono sottoposte a modifiche per permettere a Magnum di entrarvi e uscirvi agevolmente, in ragione della sua statura e del suo fisico, il motivo per cui Magnum viaggiava sempre con il tettuccio aperto. Gli interventi più rilevanti riguardarono l’imbottitura dei sedili e il meccanismo di scorrimento degli stessi.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 18 1980-1981 1982-1983
Seconda stagione 22 1981-1982 1983-1984
Terza stagione 23 1982-1983 1984-1985
Quarta stagione 21 1983-1984 1985-1986
Quinta stagione 22 1984-1985 1986-1987
Sesta stagione 21 1985-1986 1987-1988
Settima stagione 22 1986-1987 1988-1989
Ottava stagione 13 1987-1988 1989-1990

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

La serie televisiva ha ottenuto vari premi e riconoscimenti, fra cui si ricordano:

Crossover[modifica | modifica sorgente]

Nella serie sono presenti diversi crossover con altre serie televisive della CBS in onda nello stesso periodo:

  • Agenzia Rockford.
  • Simon & Simon, dove Magnum collabora con i due detective nell'episodio Il dio del veleno (Ki's Don't Lie), seguito dell'episodio Gli smeraldi sono la mia pietra preferita (Emeralds are Not a Girl's Best Friend) di Simon & Simon[3].
  • La signora in giallo: nell'episodio Novel Connection compare Jessica Fletcher (Angela Lansbury), protagonista della serie, come ospite nella villa del collega Robin Masters: le vicende dell'episodio si concluderanno in una puntata del telefilm dedicata a quest'ultima, Magnum on Ice[4].

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 6º episodio della quinta stagione della serie televisiva Las Vegas hanno partecipato come guest star, nel ruolo di due vecchi amici del protagonista A. J. (interpretato da Tom Selleck), gli attori Larry Manetti e Roger E. Mosley. Vengono presentati rispettivamente come "il proprietario di una grande catena di night club" e "il titolare di una grossa ditta di trasporti", a citazione dei loro rispettivi lavori in Magnum, P.I.
  • La serie è citata nella storia a fumetti Paperoga e lo scrittore fantasma contenuta nell'albo n. 2538 di Topolino, dove Paperino e Paperoga nelle vesti d'ivestigatori privati vengono assunti da "Nigghis" per ritrovare il misterioso scrittore miliardario, "Paper Masters".

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fonte: "TV Sorrisi e Canzoni" n. 11 - Programmi tv dal 14 al 20 marzo 1982.
  2. ^ a b c (EN) Awards for "Magnum P.I.", IMDb.com. URL consultato il 22 dicembre 2010.
  3. ^ (EN) Crossover: "Magnum, p.i." and "Simon And Simon", Poobala.com. URL consultato il 22 dicembre 2010.
  4. ^ (EN) Crossover: "Magnum, p.i." and "Murder, She Wrote, Poobala.com. URL consultato il 22 dicembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione